Il National Catholic Register ha appreso che le organizzazioni appartenenti al REPAM, che ha avuto il ruolo primario nell’organizzazione dei lavori sinodali, hanno ricevuto milioni di dollari in sovvenzioni dalla americana Ford Foundation.

Di seguito l’articolo di Edward Pentin, pubblicato sul National Catholic Register, nella mia traduzione. 

 

Arcivescovo Roque Paloschi di Porto Velho, Brasile, (foto Edward Pentin)

Arcivescovo Roque Paloschi di Porto Velho, Brasile, (foto Edward Pentin)

 

Un giornalista brasiliano ha rivelato che un consiglio missionario per le popolazioni indigene gestito dalla Conferenza episcopale brasiliana ha ricevuto dal 2006 quasi 2 milioni di dollari dalla Fondazione Ford che è a favore dell’aborto .

Bernardo Küster, che pubblica in gran parte su YouTube e sul sito web OsLeigos.com, ha detto che anche altre due organizzazioni che partecipano al Sinodo hanno ricevuto finanziamenti dalla fondazione, che ha attivamente esercitato pressioni per i diritti all’aborto e l’ideologia di genere.

Tutti sono membri del Pan-Amazon Ecclesial Network (REPAM), un’organizzazione creata dalla Conferenza Episcopale dell’America Latina (CELAM) e dalla Caritas, che ha svolto un ruolo di primo piano nell’organizzazione del Sinodo amazzonico che dura fino al 27 ottobre.     

L’arcivescovo Roque Paloschi di Porto Velho, Brasile, capo del consiglio missionario – chiamato Consiglio Missionario per i Popoli Indigeni (CIMI) – non ha negato che il consiglio ha ricevuto tali finanziamenti quando il National Catholic Register (da ora Register, ndr) glielo ha chiesto alla conferenza stampa di giovedì in Vaticano e gli ha presentato le prove.

La Ford Foundation è una fondazione privata negli Stati Uniti, creata nel 1936 dall’imprenditore automobilistico Henry Ford e da suo figlio Edsel, con la missione di promuovere il benessere umano. Si tratta di una delle organizzazioni caritative più ricche del mondo con un patrimonio di 12,5 miliardi di dollari (2014) e i suoi programmi si sono concentrati principalmente sull’istruzione, la scienza e la politica per le minoranze e per coloro che soffrono di povertà.

Ma è anche ben noto per il suo esplicito sostegno ai diritti all’aborto e all’ideologia del genere. Nel 2016, ad esempio, ha sostenuto una manifestazione al di fuori della Corte Suprema contro la legislazione texana che richiedeva che le strutture per l’aborto rispondessero a specifici standard medici, il che avrebbe portato alla chiusura delle strutture statali per l’aborto se la Corte Suprema non avesse successivamente abrogato la legge. La fondazione è anche un chiaro sostenitore dell’ideologia gender e dell’attivismo LGBT.

La Ford Foundation non ha risposto ad una richiesta di commenti da parte della stampa.Ford Foundation grants

I dettagli dei fondi ricevuti dal CIMI, scoperti per la prima volta dal giornalista brasiliano Küster, sono chiaramente visibili nel database delle sovvenzioni della Ford Foundation. Ciò dimostra che dal 2010 il CIMI ha ricevuto 739.269 dollari dalla Ford Foundation, ma non è chiaro dove siano stati spesi i fondi.

Nel 2016, la fondazione dice che i fondi sono stati spesi per “Risorse naturali e cambiamenti climatici”, ma per gli altri quattro anni nei quali ha ricevuto sovvenzioni, gli scopi non sono chiariti. Solo “Oltre l’attuale struttura del programma” e nell’ambito dei temi “Gestione del territorio urbano e rurale” e “Diritti civili e umani”.

Dal 2006 al 2018, il Consiglio Indigeno di Roraima, una filiale locale del CIMI, ha ricevuto 1.164.906 dollari dalla Fondazione Ford. Roraima è una delle regioni più grandi del Brasile e, sebbene non sia essa stessa ricca, è la regione amazzonica più ricca in termini di risorse. Non è inoltre chiaro dove siano stati spesi questi fondi.

 

Fondatori di CIMI

 

Il CIMI è stato fondato dal vescovo Erwin Kräutler, emerito di Xingu, Brasile, che è un sostenitore dell’ordinazione femminile e dell’ordinazione di uomini sposati in Amazzonia a causa della carenza di sacerdoti. È una figura chiave dietro il Sinodo e membro del REPAM.

Co-fondatore del REPAM, secondo il suo vice presidente, il cardinale Pedro Barreto Jimeno, è Cristiane Murray, il nuovo vice direttore della Sala Stampa della Santa Sede. Murray sarebbe un vecchio amico del cardinale Claudio Hummes, relatore generale del Sinodo e presidente della REPAM.

Durante la conferenza stampa di oggi (ieri, ndr), il Registro ha mostrato le prove dei fondi ricevuti dalla Fondazione Ford e ha chiesto all’Arcivescovo Paloschi se poteva dire perché il CIMI sta accettando finanziamenti da una tale organizzazione. Il Register ha anche chiesto se qualcuno di questi fondi sia stato utilizzato per finanziare il REPAM e, di conseguenza, anche questo sinodo.

L’arcivescovo ha risposto: “Conosciamo già i numeri che appaiono su internet, sono lài”. Ha detto che i resoconti finanziari del CIMI “sono pubblici e sono sottoposti a revisione contabile interna ed esterna da parte del governo brasiliano”. Ha riconosciuto che il CIMI è “collegato ai vescovi brasiliani” e che essi “non hanno alcun disaccordo sul lavorare insieme ma non ci scambiamo risorse”.

Continua l’arcivescovo Paloschi: “Le risorse del REPAM appartengono al REPAM e le risorse del CIMI appartengono al CIMI”.

“È facile per lui buttare fuori numeri come questi”, ha detto l’arcivescovo Paloschi. “Il mio conto bancario personale è già stato sottoposto a una Commissione parlamentare d’inchiesta (PCI) [quando i parlamentari brasiliani indagano ufficialmente su uno specifico problema di pubblico interesse si deve passare attraverso il PCI], condotta dall’assemblea legislativa dello Stato del Mato Grosso do Sul.

“Questo è accaduto anche a tutti i conti bancari dei consigli regionali del CIMI”, ha aggiunto. “Fino ad oggi ci sono stati due PCI, uno in ambito regionale e uno nazionale. Il CIMI non è stato accusato di nulla. E come il REPAM, i dati sono pubblici. Ma non c’è alcuna accusa formale da parte della Procura e della Polizia federale; dovunque essa sia”.

Küster ha detto al Register di essere “stupito” dalla risposta dell’arcivescovo “ma in qualche modo non sono sorpreso”. Ha detto che si aspettava che evitasse di rispondere alla questione dell’aborto e alla Ford Foundation, a cui il Register fa riferimento nella sua domanda, “così ha detto solo che tutti i conti sono stati liquidati dal governo”.

“Ma questo non significa nulla perché il problema è che ciò sarebbe disapprovato dalla dottrina della Chiesa, dal Signore, dalla Vergine Maria, dalla Madonna di Fatima”, ha aggiunto.

Küster ha detto che questo dimostra che non solo ci sono “problemi teologici” con il Sinodo, ma “attraverso la Ford Foundation, c’è del denaro sporco di sangue all’interno del Vaticano” che a suo avviso ha “influenzato” i documenti cattolici, come il controverso documento di lavoro per il Sinodo.

 

Altri finanziamenti della Fondazione Ford

 

Anche altre due organizzazioni non legate alla Conferenza episcopale, ma che lavorano a stretto contatto con essa e con il REPAM, hanno ricevuto finanziamenti dalla Fondazione Ford. L’Organismo di Coordinamento delle Organizzazioni Popolari Indigene del Bacino Amazzonico (COICA) ha ricevuto 4.097.535 dollari dal 2007 al 2018.

Il suo coordinatore generale, José Gregorio Díaz Mirabal, è presente al Sinodo ed è apparso a una conferenza stampa la scorsa settimana. Il Register gli ha chiesto mercoledì via e-mail perché la sua organizzazione ha accettato i fondi della fondazione e per quali obiettivi i fondi sono stati spesi, ma lui non ha risposto.

Una seconda organizzazione che lavora a stretto contatto con i vescovi brasiliani e il REPAM, l’organo di coordinamento delle organizzazioni indigene dell’Amazzonia brasiliana (COIAB), ha ricevuto 1.623.443 dollari dal 2010 al 2018. Non è chiaro come siano stati spesi i fondi della Fondazione Ford, ma Küster dice che i vescovi sono coinvolti attraverso il coordinamento pastorale e il Forum Sociale Mondiale. Fa parte anche del Forum sociale pan-amazzonico.

“Il finanziamento non è trasparente”, ha detto Küster. “I conti del CIMI non vengono pubblicati, non pubblica i suoi resoconti finanziari”. Crede che questo avvenga perché il CIMI non vuole che noi sappiamo “dove e con chi spende i loro soldi e cosa finanzia”.

Lo stesso vale per REPAM, che allo stesso modo non pubblica i suoi resoconti finanziari. “Perché? Cosa stanno facendo con i loro soldi?”. si è chiesto Küster. “La Chiesa deve essere più trasparente”. 

Il giornalista brasiliano ha detto che la Ford Foundation non è l’unico donatore dubbio di queste organizzazioni, e ha citato la Rainforest Foundation e il governo norvegese come altri grandi finanziatori. “Questo deve essere reso pubblico al mondo”, ha detto Küster.

 

(traduzione del tweet di Diane Montagna: “Dal 2010, Cecile Richards, ex presidente di Planned Parenthood, la più grande multinazionale dell’aborto, fa parte del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Ford, che ha dato milioni di dollari alle organizzazioni che gestiscono il #AmazonSynod: https://fordfoundation.org/about/people/cecile-richards/”)

Ford Foundation Open House New York - credit Wikimedia common

Ford Foundation Open House New York – credit Wikimedia common

 

_________________________

[wpedon id=”15469″ align=”center”]

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1