Vi propongo nella mia traduzione l’opinione di Patrick Buchanan, un politico statunitense. Egli è stato consigliere dei presidenti statunitensi Richard Nixon, Gerald Ford e Ronald Reagan. L’articolo è ripreso dal suo blog

 

Finland's Prime Minister Sanna Marin, Primo Ministro della Finlandia  22 ottobre 2021. (Photo by JOHANNA GERON / POOL / AFP) (Photo by JOHANNA GERON/POOL/AFP via Getty Images)
Finland’s Prime Minister Sanna Marin, Primo Ministro della Finlandia 22 ottobre 2021. (Photo by JOHANNA GERON / POOL / AFP) (Photo by JOHANNA GERON/POOL/AFP via Getty Images)

 

Vedendo la Russia invadere l’Ucraina, la Finlandia, storicamente neutrale, ha subito una conversione tardiva e ha deciso di aderire immediatamente alla NATO.

Perché? Perché l’adesione alla NATO significa che la potenza più forte del mondo, gli Stati Uniti, in base all’articolo 5 della NATO, entrerebbero in guerra contro la Russia, qualora questa attraversasse il confine finlandese.

Nervosa per le intenzioni del Presidente russo Vladimir Putin, la Finlandia vuole che l’America sia legalmente e moralmente vincolata a combattere la Russia per suo conto, se Putin dovesse invadere la Finlandia come ha invaso l’Ucraina.

Dal punto di vista finlandese, ciò è perfettamente comprensibile.

Ma perché gli Stati Uniti dovrebbero accettare di entrare in guerra con la Russia, la più grande potenza nucleare del pianeta, per aver violato i confini della Finlandia?

La Finlandia non è l’Alaska, non è il Canada, è a 5.000 miglia di distanza. E nessuno ha mai affermato durante la Guerra Fredda, o nei decenni successivi, che la Finlandia fosse un interesse vitale degli Stati Uniti.

Perché, allora, dovremmo acconsentire, in anticipo, a entrare in guerra con la Russia per la Finlandia?

La settimana scorsa il Presidente Joe Biden ha dichiarato che la NATO ha una politica di “porte aperte” e che la Finlandia e la Svezia sono le benvenute, e che non vede l’ora che entrino a farne parte.

Considerate ciò che Biden sta effettivamente dicendo e facendo.

Sta cedendo alla Finlandia, un Paese di 5,5 milioni di persone con un confine di 830 miglia con la Russia di Putin, il diritto di obbligare gli Stati Uniti d’America a entrare in guerra con la Russia, se quest’ultima attaccasse la Finlandia.

Quale patriota impegnerebbe il proprio Paese, in perpetuo, a entrare in guerra per conto di un altro Paese non suo?

Perché l’America dovrebbe cedere ai finlandesi la nostra libertà d’azione nel decidere se combattere o meno una Russia dotata di armi nucleari?

La NATO non è un country club; è un’alleanza militare che Putin considera un nemico. Ogni membro dell’alleanza è obbligato a considerare un attacco a uno dei suoi 30 membri come un attacco a tutti, e tutti sono obbligati a venire in difesa della nazione attaccata.

Accogliendo la Finlandia nella NATO, Biden offre a Helsinki il tipo di garanzia di guerra che il Primo Ministro Neville Chamberlain diede alla Polonia nella primavera del 1939 e che portò la Gran Bretagna a dichiarare guerra il 3 settembre 1939, due giorni dopo l’invasione della Polonia da parte della Germania.

Come andò a finire per la Gran Bretagna e l’impero?

Nel suo discorso di addio, il presidente George Washington mise in guardia i suoi concittadini dalle “alleanze permanenti”. In un’eco consapevole del nostro primo presidente, Thomas Jefferson mise in guardia contro le “alleanze invischianti”.

La NATO è un’alleanza militare che esiste dal 1949. Se all’inizio era composta da Stati Uniti, Canada e 10 nazioni europee, alla fine della Guerra Fredda era composta da 16 nazioni. Da allora se ne sono aggiunte altre 14.

Sei delle nazioni che la NATO ha aggiunto dopo la guerra fredda – Polonia, Repubblica Ceca, Ungheria, Slovacchia, Bulgaria e Romania – erano membri del Patto di Varsavia dell’URSS. Tre dei nuovi membri della NATO – Estonia, Lettonia, Lituania – sono ex repubbliche dell’Unione Sovietica.

L’ultimo quarto di secolo di invasione della NATO nello spazio russo e nella porta di casa della Russia è stata la causa principale del peggioramento delle relazioni tra le due grandi potenze nucleari del mondo.

Il ripetuto rifiuto di Biden e del Presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy di escludere l’adesione dell’Ucraina alla NATO è stata una causa primaria dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia.

Questo non assolve Putin dalla responsabilità di aver lanciato la guerra contro l’Ucraina, ma dovrebbe dirci che qualsiasi nuovo membro della NATO, nel “vicino estero” della Russia, specialmente un nuovo membro della NATO con un confine di 830 miglia con la Russia dal Baltico all’Artico, corre un rischio reale e aumenta la possibilità di una guerra.

In effetti, con la guerra russa in Ucraina in una situazione di stallo, non avendo raggiunto i suoi obiettivi a Kiev, Kharkov e Odessa, i funzionari russi hanno ripetutamente sollevato la prospettiva di un ricorso disperato alle armi nucleari tattiche per fermare l’emorragia. Lo slogan è “Escalation per de-escalation”.

L’ingresso di Svezia e Finlandia nella NATO, che ha già suscitato la rabbia di Mosca e minacce inquietanti, è improbabile che riduca l’attuale pressione per un’escalation verso la guerra nucleare.

Occorre rispondere a una domanda fondamentale: Perché, 30 anni dopo la fine della Guerra Fredda, stiamo ancora espandendo la NATO?

La Russia non minaccia gli Stati Uniti. Per quanto riguarda la minaccia che rappresenta per i suoi vicini europei, lasciamo che se ne occupino loro. Insieme, l’Europa della NATO è molto più popolosa ed economicamente potente della Russia, e militarmente in grado di provvedere alla propria difesa.

Perché questo dovrebbe essere un nostro obbligo a più di 30 anni dalla fine della Guerra Fredda?

Con forze militari piccole ma modernizzate, la Finlandia, se attaccata, può resistere alla Russia. Perché, allora, obbligarci a entrare in guerra per conto della Finlandia, una guerra che potrebbe sfociare in un’escalation verso la guerra nucleare, la cui prevenzione è stata l’obiettivo di ogni presidente, da Harry Truman a Ronald Reagan?

La Turchia ora avverte che potrebbe esercitare i suoi diritti di membro della NATO per porre il veto all’adesione di Svezia e Finlandia. Qualcuno pensa che il presidente turco Recep Erdogan dichiarerebbe guerra alla Russia, se questa invadesse la Finlandia?

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments