Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Zachary Stieben e pubblicato su The Epoch Times. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

johnson_johnson_vaccino

 

Negli Stati Uniti sono disponibili solo tre vaccini COVID-19, dopo che il 1° giugno la Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha revocato l’autorizzazione per il vaccino di Johnson & Johnson.

La decisione è stata presa su richiesta di Janssen, la filiale di Johnson & Johnson che produce il vaccino.

“Janssen ha informato la FDA che gli ultimi lotti del vaccino Janssen COVID-19 acquistati dal governo degli Stati Uniti sono scaduti, che non vi è alcuna richiesta di nuovi lotti del vaccino Janssen COVID-19 negli Stati Uniti e che Janssen Biotech, Inc. non intende aggiornare la composizione del ceppo di questo vaccino per affrontare le varianti emergenti”, ha scritto il dott. Peter Marks, direttore del Center for Biologics Evaluation and Research della FDA, in una lettera a Ruta Walawalkar, dirigente di Janssen.

La FDA ha concesso l’autorizzazione di emergenza per i vaccini di quattro aziende durante la pandemia COVID-19: Moderna, Pfizer, Johnson & Johnson e Novavax. Johnson & Johnson è stata autorizzata nel febbraio 2021, offrendo agli americani un’alternativa ai vaccini a RNA messaggero di Moderna e Pfizer.

Poiché è stato dimostrato che questi vaccini non sono in grado di proteggere dalle infezioni e dalle malattie gravi, le aziende hanno aggiornato la composizione per cercare di recuperare parte dell’efficacia. Ma Janssen ha scelto di non farlo, forse perché i funzionari statunitensi hanno limitato la disponibilità del vaccino nel 2022 dopo aver stabilito che provoca una combinazione pericolosa per la vita di coagulazione del sangue e bassi livelli di piastrine, una condizione chiamata sindrome da trombosi con trombocitopenia (TTS).

Janssen non ha risposto entro l’ora di stampa a una richiesta di commento da parte di The Epoch Times.

In aprile, nel corso di una telefonata dedicata agli utili, i dirigenti hanno dichiarato di non aspettarsi più vendite del vaccino COVID-19.

“Non prevediamo vendite significative oltre a quelle registrate nel primo trimestre, poiché i nostri impegni contrattuali sono terminati”, ha dichiarato Joseph Wolk, direttore finanziario dell’azienda, durante la telefonata.

Il vaccino di Janssen era un vaccino adenovirus, il che significa che utilizzava un tipo modificato di virus comune al posto dell’RNA messaggero. La serie primaria era costituita da una singola dose, rispetto alle due dosi degli altri vaccini. Il vaccino non è più disponibile negli Stati Uniti da maggio.

 

Autorizzazioni di emergenza

Le autorizzazioni di emergenza sono state concesse dall’allora Segretario alla Sanità Alex Azar, nominato da Trump, che ha invocato il Public Readiness and Emergency Preparedness Act a causa della pandemia di COVID-19 all’inizio del 2020. La dichiarazione significava che i produttori di vaccini erano ampiamente protetti dalla responsabilità e che le autorità di regolamentazione potevano autorizzare i vaccini se, sulla base delle prove scientifiche, era “ragionevole credere” che il vaccino “potesse essere efficace” nel prevenire o trattare la COVID-19.

Mentre i vaccini Moderna e Pfizer sono stati successivamente approvati o autorizzati dalla FDA, i vaccini Johnson & Johnson e Novavax sono rimasti disponibili con autorizzazione di emergenza.

Al 10 maggio, su circa 665 milioni di dosi di vaccino COVID-19 somministrate negli Stati Uniti, solo 19 milioni erano di Johnson & Johnson, secondo i dati riportati dai Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie.

Altri 12 milioni di vaccini Johnson & Johnson erano stati consegnati alle giurisdizioni e non somministrati, costringendo gli operatori sanitari a buttarli via.

Nel 2020 il governo degli Stati Uniti ha accettato di acquistare 100 milioni di dosi di vaccino Johnson & Johnson per oltre 1 miliardo di dollari attraverso il programma Operation Warp Speed dell’amministrazione Trump. A causa di ritardi nella produzione e, successivamente, di preoccupazioni per la TTS, sono state consegnate meno dosi.

Il Segretario alla Sanità Xavier Becerra, nominato da Biden, ha aggiornato il Public Readiness and Emergency Preparedness Act l’11 maggio scorso, estendendo le protezioni di responsabilità per coloro che producono, distribuiscono e somministrano i vaccini disponibili sotto autorizzazione di emergenza. L’estensione è stata fatta fino al 31 dicembre 2024.

Becerra ha dichiarato che, sebbene l’emergenza sanitaria COVID-19 sia terminata, “ha stabilito che esiste un rischio credibile che il COVID-19 possa costituire in futuro un’emergenza di questo tipo” e quindi sta “modificando questa dichiarazione per prepararsi e mitigare tale rischio”.

Zachary Stieben

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments