vaccino-chiesa Sicilia

 

 

di Miguel Cuarteo Samperi

 

È sempre più difficile la posizione di coloro che mantengono qualche dubbio sulla possibilità di sottomettersi al vaccino Covid19 e sulla campagna politica e mediatica relativa all’obbligo vaccinale. Un’obbligatorietà non ancora sancita dalla legge (per ovvi motivi di opportunistica prudenza) ma de facto resa tale dai proclami giornalieri delle autorità politiche nonché dalle numerose limitazioni imposte a chi non si è munito della tessera verde.

Per coloro che prudentemente ritengono non ancora necessario sottoporsi, e sottoporre i propri figli, agli attuali vaccini immessi sul mercato difendere la propria posizione è ormai impossibile di fronte alla schiacciante pressione mediatica in corso e alle misure politiche messe in atto dal governo, assolutamente convinto della essenzialità del vaccino.

Eppure le notizie di decessi e di problemi di salute legati alla somministrazione del vaccino Covid19 sono sempre più numerose benché censurate dai media ufficiali che preferiscono – se inevitabile – parlare di “nessuna correlazione” o di “malattie pregresse” del malcapitato. In un modo tutto italiano (di rimpalli e di rimandi di responsabilità) di (non) fornire informazioni precise, l’AIFA ha recentemente eluso le domande dei giornalisti riguardanti un dato allarmante secondo cui in 211 giorni di somministrazione dei vaccini ci sarebbero stati “84.322 segnalazioni di evento avverso successivo alla vaccinazione”. 506 casi di morte, 2,4 al giorno. Dalla Agenzia del Farmaco nessuna risposta (fonte)

Eppure è nota la posizione del premier Mario Draghi secondo cui chi non si vaccina è destinato alla morte. Appellarsi alla propria libertà di scelta e di pensiero è stato recentemente stimmatizzato ed escluso dal Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella, che ha parlato del vaccino come un dovere etico e civico. Il presidente Mattarella capovolge così la questione: sarebbero i non-vacinati a mettere in pericolo la libertà dei vaccinati, non le limitazioni senza logica imposte dal governo (lì Covid c’è, lì non c’è; a tale ora sì, a tale ora no; qui entri, qui non entri; qui siedi, qui stai in piedi; questo si tocca, questo non si tocca…).

Al di là delle posizioni personali, più o meno ragionate, negare il proprio assenso alla campagna vaccinale è diventato dunque sinonimo di cattivi cittadini. Mentre la tensione sociale sale di giorno in giorno, i media di stato contribuiscono a ripetere il mantra vaccinale e a diffondere un’immagine distorta e caricaturale di coloro che non si adeguano alla narrazione ufficiale, dipingendo i dubbiosi (così come i meno dubbiosi, risoluti a non adeguarsi al verbo vaccinista) come dei retrogradi terrapiattisti, negazionisti, complottisti e segnati dal marchio “no vax” (nonostante nella maggior parte dei casi i dubbi si concentrino su questi specifici vaccini e non sull’intera gamma di vaccini attualmente in uso). Le manifestazioni di dissenso, che si moltiplicano su tutto il suolo nazionale, vengono ignorate da TV e giornali o, nel migliore dei casi, descritte come “flop”, “violente” o “pericolose”. Anche medici, intellettuali e giornalisti, fino a ieri considerati competenti e seri professionisti (basti pensare al filosofo Massimo Cacciari o allo storico Alessandro Barbero) vengono ora insultati e ridicolizzati se espongono dubbi o perplessità sulla gestione politica della pandemia. I dati scientifici (quelli buoni, quelli ufficiali, quelli veri) vengono utilizzati per silenziare l’uditorio ignorante dei contestatori mentre i ricoveri e le morti per Covid dei non vaccinati vengono spudoratamente sbandierate sui social e giornali per corroborare la propria tesi. Un terrorismo mediatico che, assieme alle proibizioni e limitazioni delle libertà di movimento, contribuisce a sensibilizzare sempre più cittadini italiani a cedere alla vaccinazione, anche senza esserne del tutto convinti. Ragazzi che si vaccinano per avere il green pass, bambini che lo fanno per poter continuare a fare sport e uomini e donne (sanitari, docenti e altri professionisti…) che si sottopongono alla vaccinazione per non perdere il lavoro. Un obbligo de facto, dunque che porta la percentuale dei vaccinati in Italia a livelli altissimi (“L’Italia è ai primi posti nella classifica europea della popolazione completamente vaccinata, mentre prosegue l’obiettivo di arrivare all’80% entro il mese di settembre e ci si prepara anche a un’eventuale terza dose”. SkyTg24).

Ma la questione politica sfocia ora sul campo religioso, in modo speciale da quando Papa Francesco è intervenuto con fermezza definendo il vaccino come “un atto d’amore”, contribuendo così alla campagna vaccinale e indicando ai cattolici il vaccino come una via per realizzare l’amore cristiano. Dopo gli appelli del capo dello stato e del Sommo Pontefice il non vaccinato dovrà sentirsi allo stesso tempo un cattivo cittadino e un pessimo cristiano. (accomunato alla sorte dei mafiosi)

L’appello del Papa ha contribuito alla polarizzazione del mondo cattolico sempre più diviso tra una (per lo più minoritaria) percentuale di non vaccinati (che a questi livelli significa ormai non intenzionati a farlo) e vaccinati/vaccinisti. Forti di questo appello alcuni giornalisti cattolici, ritenuti fino a qualche mese fa voci indipendenti, si sono uniformati alla narrazione vaccinista deludendo la maggioranza dei propri lettori. Si tratta infatti di giornalisti considerati da sempre liberi da legami con il potere, sempre pronti a difendere la fede cattolica anche contro alcune storture manifeste all’interno della Chiesa, che negli anni sono diventati un riferimento per i cattolici perplessi e privi di punti di riferimento istituzionali. Antonio Socci, Assuntina Morresi e Renzo Puccetti diffondono sui social la loro preoccupazione per i non vaccinati mentre rispondono a tono a coloro che affermano di “non riconoscerli più”.

Nei giorni scorsi la Prof.ssa Morresi, chimica e bioeticista nota per le sue posizioni scomode pubblicate sull’Occidentale e le sue battaglie pro-life (ha pubblicato un libro sul caso del piccolo Charlie Gard intitolato “Eutanasia di stato”), ha ingaggiato un “duello” a distanza col sacerdote missionario don Antonello Iapicca, molto seguito su Facebook. Partendo da un articolo pubblicato dalla Morresi sulle aperture dell’OMS riguardo alla manipolazione genetica (“che consente di intervenire sul Dna con una precisione senza precedenti”) la discussione è presto scivolata sul tema dei vaccini dando l’occasione alla prof.ssa di stimmatizzare i cattolici dubbiosi come una “setta irrilevante persa dietro al delirio no-vax, che si oppone a tre papi per seguire Belpietro”. La durezza delle affermazioni aumenta di messaggio in messaggio per ridicolizzare e canzonare i cattolici non allineati che, afferma, “si affidano ai rosari” e che “finiranno male”. La delusione dei lettori che emerge nei commenti al post (qui) è la stessa dei lettori di Socci. Un pensatore libero che ha più volte assunto posizioni scomode per difendere la vita e il cristianesimo e condannare la cultura di morte e il relativismo del mondo contemporaneo. Il suo libro sull’aborto “Il genocidio censurato” fu un caso editoriale e il suo “Non è francesco” sull’elezione di Papa Bergoglio aprì una voragine tra l’opinione pubblica facendogli guadagnare l’accusa di pazzia (ma non il rogo). Ora Socci pubblica appelli ai cattolici affinché si vaccinino. Lo fa citando la Nota della Congregazione per la Dottrina della Fede sulla liceità dei vaccini anti-covid19 (del 21 dicembre 2020) che, sottolinea, è stata “approvata dal Papa” (Francesco ndr) e portando come esempio il fatto che anche Benedetto XVI (94 anni e mezzo, ndr) si è vaccinato. Inoltre riporta sulla sua pagina i post del dott. Burioni, il virologo televisivo che recentemente ha sfilato sul red carpet del festival cinematografico di Venezia con un insolito smoking. Quello, per intenderci, che ha auspicato che i “no vax” venissero rinchiusi in casa “come Sorci”. Comprensibile la delusione di chi vedeva nello scrittore toscano un punto di riferimento per la sua fede e le sue posizioni politiche spesso ragionevoli e dettate dal buon senso.

Dall’inizio della pandemia il dottor Renzo Puccetti ha dismesso l’abito dell’apologeta prolife per vestire o ri-vestire il camice bianco. Dati alla mano e fornendo complesse letture delle statistiche da mesi la sua pagina Facebook è diventata un canale di informazioni che offre il bollettino completo di morti, feriti, infetti sintomatici e asintomatici divisi per fasce di età e sui benefici del vaccino. Oggi, riferendosi ai non vaccinati parla di posizioni “anarcoidi” e chiede alle autorità politiche l’obbligo vaccinale come unica soluzione alla pandemia da Covid19.

A rendere ancora più difficile la vita dei cattolici non vaccinati è la svolta delle parrocchie che ora, in osservanza delle indicazioni ministeriali, chiedono il green pass per ogni riunione che non sia la Celebrazione Eucaristica. Obbligando molti gruppi a esibire i certificati o a dirottare verso altre sale del quartiere da affittare al miglior prezzo.

Finalmente, mentre scriviamo, la presidenza della CEI ha preso posizione a favore del vaccino come “atto d’amore” da fare “come atto di risposta al mandato del Signore di servirci gli uni gli altri“, chiedendo a tutti i sacerdoti e agli operatori pastorali di vaccinarsi per poter continuare a lavorare nelle parrocchie. Nessuna parola riguardo all’accoglienza di quei fedeli che in coscienza hanno al momento rifiutato l’ipotesi di sottoporsi al siero vaccinale. Il documento dei Vescovi vede, di fatto, in costoro dei disobbedienti non solo delle norme politiche relative al green pass (i vescovi citano il Presidente Mattarella e delegano alle autorità sanitarie ogni decisione in materia negli ambienti parrocchiali) ma anche del mandato di Nostro Signore di amarci gli uni agli altri, facendo così del vaccino maestra una via per vivere fedelmente il Vangelo. Un nuovo articolo di fede? Eppure non è passato molto tempo da quando la Chiesa ha ricordato il suo ruolo di fronte alla coscienza dei fedeli: la Chiesa è chiamata «a formare le coscienze, non a pretendere di sostituirle» si diceva a riguardo della morale sessuale e familiare. Ora, il vento sembra essere nuovamente cambiato e si chiede di obbedire ad una norma politica in osservanza al mandato del Signore. Ai cattolici non vaccinati non resta che recitare il “Mea culpa”.

 

AGGIORNAMENTO: L’articolo è stato aggiornato il 16 settembre 2021. L’autore si scusa col giornalista Antonio Socci per l’uso improprio delle virgolette nel paragrafo a lui dedicato. Un errore non voluto, dettato più dalla disattenzione e dall’esigenza di sintesi che al tentativo di “inventare” una citazione.

 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email