“Abbiamo bisogno di equilibrio quando si tratta di disforia di genere nei bambini. Io ne so qualcosa”. La testimonianza di Scott Newgent (http://www.trevoices.com/ ), un transgender che ha pagato sulla sua pelle il prezzo dell’ideologia: sette interventi chirurgici, un’embolia polmonare, un attacco cardiaco da stress indotto, sepsi, un’infezione ricorrente di 17 mesi, 16 cicli di antibiotici, tre settimane di antibiotici giornalieri per via endovenosa, chirurgia ricostruttiva del braccio, danni ai polmoni, al cuore e alla vescica, insonnia, allucinazioni, disturbo da stress post-traumatico, un milione di dollari di spese mediche, e perdita di casa, auto, carriera e matrimonio.

Articolo di Scott Newagent, pubblicato il 9 febbraio su Newsweek, nella trduzione di Wanda Massa

 

scott-newgent
scott newgent

 

Sono un uomo transgender di 48 anni. Ero entusiasta quando la comunità medica mi ha detto sei anni fa che potevo passare da donna a uomo. Sono stato informato di tutte le cose meravigliose che sarebbero accadute grazie alla transizione medica, ma tutti gli aspetti negativi sono stati sorvolati. Da allora, ho sofferto tremendamente, compresi sette interventi chirurgici, un’embolia polmonare, un attacco cardiaco da stress indotto, sepsi, un’infezione ricorrente di 17 mesi, 16 cicli di antibiotici, tre settimane di antibiotici giornalieri per via endovenosa, chirurgia ricostruttiva del braccio, danni ai polmoni, al cuore e alla vescica, insonnia, allucinazioni, PTSD (disturbo da stress post-traumatico, ndt), un milione di dollari (https://www.trevoices.com/drcurtiscranecranets ) di spese mediche, e perdita di casa, auto, carriera e matrimonio. Nonostante tutto questo, non posso fare causa al chirurgo responsabile – in parte perché non esiste una linea di base strutturata, testata o ampiamente accettata per l’assistenza sanitaria ai transgender.

Ripeto: Non c’è una linea di base strutturata, testata o ampiamente accettata per l’assistenza sanitaria ai transgender. Non per i 42enni, e non per i molti minori che intraprendono la transizione medica in numero da record. Non è transfobico o discriminatorio discutere di questo – noi come società abbiamo bisogno di comprendere appieno ciò che stiamo incoraggiando i nostri figli a fare ai loro corpi.

Durante la transizione, ho messo in dubbio le mie decisioni, ma ogni sessione di consulenza e appuntamento dal medico equivaleva a una spinta in più per convincermi che potevo essere curato per essere nato nel corpo sbagliato. La verità era che non mi adattavo come lesbica dominante, aggressiva e assertiva. Il sogno di inserirmi finalmente pendeva come una carota: L’idea di potermi adattare mi ha catapultato in un periodo molto simile all’adolescenza, con la sua spinta all’accettazione, i coetanei inclusivi e la fantasia di essere normale.

Durante i miei 17 mesi post-operazione di pura sopravvivenza, ho scoperto che l’assistenza sanitaria per i transgender è sperimentale e che ampie fasce dell’industria medica incoraggiano i minori alla transizione, almeno in parte, per i grossi margini di profitto (qui). Ero sbalordito. Ogni giorno ho fatto più ricerche e sono rimasto sempre più sconvolto. Mentre saltavo da un pronto soccorso all’altro alla disperata ricerca di aiuto, mi resi conto che nessuno sapeva cosa fare. Ogni medico mi diceva di tornare dal chirurgo originario. Ero intrappolato come un bambino con un genitore violento.

La mia infezione ricorrente alla vescica non solo ha demolito il mio corpo, ma ha iniziato a devastare anche la mia mente. Ho smesso di essere in grado di risolvere i problemi, e poi ho perso la mia assicurazione sanitaria quando non ho potuto lavorare. Ho passato molte notti in bagno con troppo dolore per arrivare al water, costretto a urinare sul pavimento, urlando mentre quelle che sembravano lame di rasoio attraversavano il mio corpo. Il riposo arrivava solo dopo 45 minuti, indotto con quattro shot di vodka, sei pillole di Benadryl e una manciata di melatonina – con solo allucinazioni da sonno per il mio disturbo.

Una notte semplicemente non potevo sopportarlo. Volevo morire. Sono strisciato a letto e ho avuto un’altra allucinazione. La vita dei miei figli mi è passata davanti agli occhi e ho visto la devastazione che la mia morte avrebbe causato loro. In quel momento, ho fatto un patto con Dio, l’universo, come lo chiamate voi, che se la mia vita fosse stata risparmiata, se mi fosse stato permesso di essere qui per i miei figli, avrei aiutato altri bambini assicurandomi che la gente sapesse cosa comporta realmente la sperimentazione dell’assistenza sanitaria transgender. Ricordo i miei piagnistei: “Dio, occhio per occhio, al contrario. Combatterò con la passione di una madre per gli altri se posso essere qui per i miei figli“.

Così eccomi qui, un uomo trans, a passare al setaccio le mie decisioni buone e cattive, e per la prima volta ad abbracciare chi sono – ciò che ho creato, e la vita che ora conduco. Mi ci sono voluti 48 anni per realizzare la mia transizione perché non ho mai accettato con tutto il cuore di essere lesbica. I nostri figli non hanno una preghiera per abbracciare la realtà di qualcosa che ci vuole una vita intera per capire. Questo è il nostro lavoro, come genitori: proteggerli da sciocchi errori che durano tutta la vita.

Ecco ciò che non potevo comprendere prima della transizione e che onestamente credo che nessun bambino sia in grado di acconsentire:

  1. Diminuzione dell’aspettativa di vita (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4822482/ )
  2. Aumento del rischio di morte prematura per attacchi cardiaci ed embolie polmonari (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6616494/ )
  3. Danni alle ossa (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6616494/ )
  4. Possibili danni al fegato (https://vinepair.com/articles/does-hormone-therapy-make-transgender-people-metabolize-alcohol-differently/ )
  5. Aumento delle complicazioni per la salute mentale (https://link.springer.com/article/10.1007%2Fs10508-020-01743-6 )
  6. Maggiori possibilità di sintomi della sindrome dell’umore (https://www.thepublicdiscourse.com/2020/09/71296/ )
  7. Tassi di suicidio più alti rispetto alla popolazione non trans (https://segm.org/ajp_correction_2020 )
  8. 12% di probabilità in più rispetto alla popolazione non trans di sviluppare sintomi di psicosi (https://medicine.yale.edu/news-article/26859/ )
  9. Possibilità di sviluppo cerebrale ridotto (https://www.statnews.com/2017/02/02/lupron-puberty-children-health-problems/ )
  10. Possibilità molto ridotta di piacere sessuale per tutta la vita (https://www.tandfonline.com/doi/full/10.1080/0092623X.2017.1405303 )
  11. Maggiori possibilità di sterilità e infertilità (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2725306/ )
  12. Nessun miglioramento della salute mentale (https://www.thepublicdiscourse.com/2020/09/71296/ )
  13. Non completamente reversibile (https://www.theguardian.com/society/2020/dec/03/puberty-blockers-ruling-curbing-trans-rights-or-a-victory-for-common-sense )

Gli attivisti trans vantano studi che dicono che la transizione medica di bambini che si interrogano sul genere migliora la salute mentale. Ma questi studi sono stati spesso ritrattati (e queste ritrattazioni non sono state riportate dai media).

Inoltre, non sono stati condotti studi a lungo termine su bambini che crescono senza il beneficio della pubertà naturale. Nessuno studio è stato fatto sui de-transitioners (persone che tornano a identificarsi con il loro sesso natale). Quali sono gli effetti psicologici? Nessuno ne ha idea, e i ricercatori sono troppo spesso censurati dalla cultura dell’annullamento (cancel culture, è una forma moderna di ostracismo, ndt) (qui) anche solo per aver sollevato la questione.

Gli studi rivisti da esperti (peer-reviewed, ndr) mostrano una scioccante correlazione tra disforia di genere e autismo (qui), depressione, ansia, disturbi alimentari e altre co-morbilità (https://www.nature.com/articles/s41467-020-17794-1 ). Inoltre, sembra che molti di questi bambini siano semplicemente gay (https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/22390530/ ). Potrebbe lo spingere persone su un percorso a senso unico verso la transizione medica essere una forma diversa di “terapia di conversione?”

Abbiamo bisogno di porre e studiare queste domande difficili, per il bene di tutti i bambini. Ma non lo stiamo facendo – non nei media mainstream, e certamente non nella nuova amministrazione del presidente Joe Biden (https://www.newsweek.com/topic/joe-biden ).

L’America sta procedendo lungo il suo percorso di affermazione totale proprio mentre altri paesi stanno ripristinando un maggiore equilibrio. Lo scorso dicembre, l’Alta Corte di Giustizia del Regno Unito (qui) ha stabilito che i bloccanti della pubertà per i minori sono sia sperimentali che un biglietto di sola andata per la transizione permanente. La Finlandia (qui) nel 2020 ha completamente rivisto il suo approccio al trattamento dei minori con disforia di genere, dando priorità agli interventi psicoterapeutici non invasivi e riconoscendo l’adolescenza come un periodo di grande esplorazione dell’identità. La Svezia (https://www.sbu.se/307e ) sta conducendo una revisione sistematica della letteratura sulla base scientifica degli effetti a lungo termine sulla salute fisica e mentale dei bloccanti della pubertà e degli ormoni. Il ricercatore che ha sostenuto il “protocollo olandese” ha recentemente chiesto un ripensamento, mentre altre ricerche stanno cominciando a dimostrare che l’attuale status quo a taglia unica è troppo limitato. (In controtendenza, purtroppo, l’Italia, dove dal primo ottobre 2020 i farmaci ormonali per la transizione di genere sono a carico del SSN, ndt).

Quindi, se ora ci stiamo svegliando sul fatto che la disforia di genere è troppo semplicisticamente confusa con il transgenderismo, che i trattamenti medici hanno conseguenze a lungo termine poco studiate, che alcuni si stanno arricchendo con la medicina transgender e che i de-transitioner stanno parlando alle stelle, perché stiamo solo rendendo più facile la transizione per i bambini?

Ora abbiamo l’obbligo di lavorare insieme per rallentare la trans medicalizzazione dei minori fino a quando non saranno adulti e avranno la capacità di capire veramente le conseguenze della transizione per tutta la vita. Come ex lesbica e attuale uomo trans, sostengo che questo non è transfobico. In realtà è sensibile e premuroso riconoscere che non un solo trattamento o percorso è giusto per tutti i bambini.

Perciò, attualmente sto costruendo un esercito bipartisan per proteggere i nostri bambini, ritenere l’industria medica responsabile ed educare il nostro presidente e il resto della società sui pericoli dell’estremismo transgender. Dobbiamo mettere da parte le nostre differenze per un momento; vi prometto che quando i bambini saranno al sicuro, potremo riprendere a combattere. Ma finché i bambini non sono al sicuro, nient’altro conta.

Quindi, endocrinologi e pediatri, democratici moderati e repubblicani moderati, femministe radicali ed evangelici, avvocati e psicologi, genitori e insegnanti: La mia mano è fuori. Io prenderò la vostra e non rifiuterò nessuno. Insieme, possiamo costruire un cerchio intorno alla nostra risorsa più preziosa: i nostri bambini. Aiutatemi a mantenere la promessa che ho fatto la notte in cui ho quasi rinunciato, di essere qui per i miei figli e ora per i vostri. Chi è con me?

 

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1