Come sempre molto chiaro il parere di Patrick Buchanan sulla probabile evoluzione della guerra tra Russia e Ucraina. Patrick Buchanan è un politico statunitense che è stato consigliere dei presidenti statunitensi Richard Nixon, Gerald Ford e Ronald Reagan. Credo che le sue “impressioni” siano molto interessanti. L’articolo è apparso sul suo blog e ve lo propongo nella mia traduzione.

 

 

“È tempo di incontrarsi, tempo di parlare … tempo di ripristinare l’integrità territoriale … per l’Ucraina”, ha detto il presidente Volodymyr Zelenskyy sabato.

Zelenskyy ha aggiunto che la necessità di negoziare è ancora maggiore per Mosca. “Altrimenti, le perdite della Russia saranno così enormi che diverse generazioni non saranno sufficienti per riprendersi”.

Secondo il Pentagono, la Russia ha perso 7.000 soldati; Kyiv pone la cifra a 14.000 morti.

Eppure, il presidente russo Vladimir Putin sembra meno pressato a incontrare e parlare. Cosa ci dice questo?

Zelenskyy non crede che ulteriori combattimenti beneficeranno l’Ucraina tanto quanto costeranno al suo paese. E vuole che la guerra finisca.

Per quanto riguarda Putin, come ha detto domenica il segretario alla Difesa Lloyd Austin, “non è stato in grado di raggiungere gli obiettivi che vuole raggiungere così rapidamente come li vuole raggiungere”. Putin vuole più tempo.

Il presidente russo ha iniziato l’invasione dell’Ucraina con la Crimea già annessa e le enclavi di Luhansk e Donetsk che avevano già dichiarato la loro indipendenza da Kiev.

Dall’inizio dell’invasione, tuttavia, le forze di Putin hanno assediato ma non preso la capitale dell’Ucraina, Kiev, o la seconda città più grande, Kharkiv.

Eppure, le truppe russe sono ora a Mariupol sul Mar d’Azov, avendo completato un ponte di terra dalla Russia attraverso il Donbas alla Crimea e, da lì, a metà strada verso Odessa, l’ultimo grande porto ucraino sul Mar Nero.

Mentre l’esercito e i cittadini ucraini hanno opposto una resistenza più feroce di quanto previsto a Mosca, la Russia non sta perdendo questa guerra.

Misurata dai guadagni territoriali, Putin sta vincendo.

Non ha catturato Kiev o Charkiv, ma ha ampliato i territori controllati dalla Russia di Donetsk, Luhansk e Crimea che aveva all’inizio della sua invasione.

Mentre i costi e le perdite della Russia sono stati molto più grandi del previsto, Putin ha aggiunto alle terre ucraine che deteneva all’inizio della guerra. E la madre Russia non ha perso un centimetro di terra in questa guerra.

“Come finisce questa cosa?”. Chiese notoriamente il gen. David Petraeus sulla strada per Baghdad.

Nessuna soluzione politica sembra più probabile di una nuova spartizione dell’Ucraina, con le terre ad est del fiume Dnieper e lungo le coste del Mar d’Azov e del Mar Nero cedute a Mosca, e l’ovest dell’Ucraina dichiarato nazione neutrale come l’Austria o la Finlandia nella Guerra Fredda.

Il problema con questo probabile risultato è che Zelenskyy ha escluso qualsiasi concessione territoriale o trasferimento di terra dall’Ucraina alla Russia. E cerca di “ripristinare”, non di rendere permanenti, le amputazioni del 2014 della Crimea e del Donbas.

Il dilemma: Zelenskyy probabilmente non può sopravvivere cedendo il controllo di qualsiasi territorio ucraino alla Russia. E Putin probabilmente non può sopravvivere a un fallimento nei colloqui di pace per espandere i possedimenti ucraini con cui ha iniziato la guerra.

L'”integrità territoriale” dell’Ucraina è la questione cruciale per porre fine a questa guerra.

Ed è proprio qui che sembra impossibile per entrambe le parti venire a patti.

L’unica questione su cui entrambe le parti saranno probabilmente d’accordo in qualsiasi accordo di pace è la questione che avrebbe dovuto essere concordata – per prevenire la guerra: una dichiarazione formale di Kiev che non si unirà mai all’alleanza NATO creata per contenere la Russia e, se necessario, sconfiggerla in una guerra.

Un presidente frustrato e infuriato, Joe Biden, ha iniziato a chiamare Putin un “assassino”, un “dittatore assassino” e un “criminale di guerra” che ha lanciato una “guerra immorale” – commenti che il Cremlino chiama “imperdonabili”.

Tale retorica sembrerebbe escludere qualsiasi ruolo della diplomazia statunitense nel negoziare la fine di questa guerra. Altre nazioni – Israele, Turchia, Francia, Germania – hanno mantenuto relazioni regolari e contatti costanti con Putin, che siede e cova in cima al più grande arsenale nucleare del mondo.

Considerate il dilemma morale in cui si sono messi gli Stati Uniti.

Il nostro presidente dice che la Russia è guidata da “un criminale di guerra”, che conduce una guerra “immorale” in cui vengono commesse atrocità deliberate in ospedali, scuole, asili e teatri d’arte.

Eppure, gli Stati Uniti e la NATO non forniranno armi all’Ucraina, compresi i MiG di seconda mano, che potrebbero indurre la Russia a rivalersi contro di noi o la NATO o rischiare la terza guerra mondiale o l’uso da parte della Russia di armi atomiche tattiche.

Perché, per quanto saccheggiata e perseguitata, l’Ucraina non è un membro della NATO.

Se la Lettonia, tuttavia, con il 5% della popolazione dell’Ucraina, viene invasa, ci impegneremo militarmente con la Russia, e al diavolo il rischio della terza guerra mondiale o la possibile rappresaglia della Russia con armi atomiche.

In guerra, la morale sta al materiale come il tre sta all’uno, diceva Napoleone. Purtroppo, sembra essere vero anche quello che diceva cinicamente George Bernard Shaw: in guerra, Dio è dalla parte dei grandi battaglioni.

Zelenskyy probabilmente non può sopravvivere al fatto di aver ceduto il titolo a qualsiasi terra ucraina, che sia la Crimea o il Donbas. E Putin probabilmente non può sopravvivere senza portare a casa nuovi territori da una “vittoria” russa.

Ancora, forse l’unica questione su cui quasi tutti ora sono d’accordo è che l’Ucraina rinunci al suo diritto di unirsi all’alleanza NATO.

 

 

 

Facebook Comments