Di seguito vi propongo un articolo di Thorsteinn Siglaugsson, pubblicato su The Brownstone Institute, che parla della disonestà che sembra normalizzata nella scienza medica. Tale articolo fa da contraltare alla famosa frase “Fidatevi della scienza!”. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

Maschera-shutterstock_1494047510-800x469-

 

Mi iscrivo a una pubblicazione chiamata  MedpageToday, che è un ottimo modo per seguire ciò che sta accadendo nella discussione medica tradizionale e non ultimo per capire meglio cosa c’è che non va.

Questa settimana hanno pubblicato un articolo sui benefici per i bambini dalla vaccinazione materna, riportati in uno  studio  pubblicato sul New England Journal of M edicine il 22 giugno. Nell’introduzione, gli autori dello studio fanno la seguente affermazione: “I bambini di età inferiore ai 6 mesi sono ad alto rischio di complicanze della malattia da coronavirus 2019 (Covid-19)” 

Questa è stata una sorpresa, quindi ho controllato la  fonte  che citano a sostegno di questa affermazione. Insomma, la fonte non ci dice nulla sul rischio di ricovero. Tutto ciò che ci dice è il numero di bambini ricoverati in ospedale nel tempo ogni 100.000 abitanti, il che mostra che all’inizio di gennaio di quest’anno, durante un’impennata di infezioni da Omicron, c’è stato ovviamente anche un aumento dei ricoveri; se osserviamo le tendenze generali, lo vediamo in  tutte le fasce d’età

Questo non ha nulla a che fare con il rischio di ricovero.

“… [Alto] rischio di complicazioni…”? Nella popolazione generale, la probabilità di ricovero a seguito di infezione da Covid secondo i  CDC  nell’ottobre 2021 era di circa il 5%; questo significa che una persona infettata su 20 è stata ricoverata in ospedale. 

Dopo l’acquisizione di Omicron, questo numero è  sceso del 50-70%, a un valore compreso tra l’1,5 e il 2,5%. E se osserviamo l’ultima  stima del CDC  sul rischio relativo tra i gruppi di età, i bambini fino a 17 anni hanno il rischio più basso di ricovero, compresi i neonati. Ciò significa che per i neonati il ​​rischio di ricovero è circa 1/10 del rischio per la fascia di età più anziana. Si potrebbe aggiungere che il loro rischio di morte è inferiore a 1/330 della fascia di età più anziana. Questo è a basso rischio, non ad alto rischio.

Tuttavia, secondo gli autori di questo studio, i bambini sono “ad alto rischio di complicanze della malattia da coronavirus 2019”, contrariamente a tutte le prove, riferendosi a una fonte che non affronta la questione.

Chiaramente, non possiamo preoccuparci del rischio di Covid-19 per i neonati, perché come ci dicono i numeri, non è affatto preoccupante; i bambini sono molto poco in pericolo da Covid-19. In effetti, dovremmo essere più preoccupati per l’iniezione di future mamme con sostanze che le autorità sanitarie scandinave non hanno raccomandato per i bambini sotto i 12 anni, con l’eccezione della sola Danimarca, decisione di cui ora si  rammaricano. Si aggiunge a queste preoccupazioni vedere i picchi di  complicazioni  durante la gravidanza, la mortalità infantile e i  nati morti che abbiamo visto quest’anno.

Non possiamo essere molto preoccupati per un rischio così basso. Ma dovremmo essere profondamente preoccupati quando vediamo uno studio, scritto da circa 40 medici e dottorandi, e sottoposto a revisione paritaria da non so quanti, che presenta un’affermazione ovviamente falsa e la supporta con una fonte che non lo supporta.

Quale potrebbe essere il motivo? Tutte quelle persone sono diventate così accecate da una conclusione preconcetta, così prevenute verso ciò che pensano di dover credere, da non essere ora in grado di capire la semplice distinzione tra rischio di ricovero e trasmissione? 

O hanno fatto un ulteriore passo avanti? Capiscono infatti, ma scelgono di ignorare o distorcere i fatti per compiacere i loro pari e superiori, confidando nella sicurezza dei numeri? La disonestà si è normalizzata ora nella scienza medica?

 

Thorsteinn Siglaugsson è un consulente, imprenditore e scrittore islandese e contribuisce regolarmente a The Daily Sceptic e a varie pubblicazioni islandesi. Ha conseguito una laurea in filosofia e un MBA presso l’INSEAD. Thorsteinn è un esperto certificato di Teoria dei Vincoli e autore di From Symptoms to Causes – Applying the Logical Thinking Process to an Everyday Problem.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email