Donald Trump e Joe Biden
Donald Trump e Joe Biden

Pubblichiamo la traduzione di un articolo di Newsweek, scritto da Fatma Khaled. La Corte Suprema ha rigettato il ricorso di Brunson tre giorni fa. Ciò nonostante, l fatto che la notizia sia data da una testata come Newsweek attesta che l’ipotesi ha una certa consistenza, anche tenuto conto del fatto che Brunson ha presentato il ricorso senza assistenza legale.

Il dato di fatto è che i sospetti che le elezioni americane del 2020 siano state fortemente manipolate non sono mai stati fugati in modo pienamente convincente. Gran parte dell’aggressività americana (prima col Covid, poi con la Russia, con pressioni enormi sul sistema informativo e culturale, almeno in Occidente) è forse un sintomo di una grave debolezza, che discende dal “peccato originale” di aver tradito e stravolto la volontà popolare? Forse non lo sapremo mai in tempo utile, ma certo molti rischiano di pagarne le conseguenze.

La Corte Suprema degli Stati Uniti sta valutando se istruire o meno una causa che cerca di rimuovere il presidente Joe Biden dalla Casa Bianca e reintegrare l’ex presidente Donald Trump in carica.

La causa Brunson contro Adams afferma che i legislatori hanno violato i loro giuramenti presumibilmente omettendo di indagare un intervento straniero nella corsa presidenziale del 2020 che avrebbe truccato le elezioni contro Trump.

Il caso si basa sull’affermazione secondo cui gli imputati – che includono membri del Congresso , Biden, il vicepresidente Kamala Harris e l’ex vicepresidente Mike Pence – hanno votato per certificare le elezioni presidenziali del 2020 dopo aver ricevuto una richiesta valida da 154 membri del Congresso per indagare su affermazioni su presunti brogli elettorali in sei stati.

La Corte Suprema ha rifiutato di prendere in considerazione la causa il 9 gennaio, ma il querelante, Raland Brunson, ha presentato ricorso il 23 gennaio. Ora, la corte deve riconsiderare se ascoltare o meno il caso, secondo un aggiornamento sul sito web di SCOTUS che diceva che la causa è stata “distribuita per conferenza” venerdì.

“La petizione è stata respinta. Ora faremo la nostra prossima mossa”, ha scritto Brunson su Facebook dopo che il tribunale ha rifiutato il caso il 9 gennaio, ha riferito Zach Schonfeld di The Hill il mese scorso. “Una petizione per il riesame. Contro tutti”, ha scritto Brunson su Facebook dopo la decisione.

La causa intentata da Brunson afferma che la frode elettorale ha reso invalido il suo voto per Trump nel 2020 quando ha votato nello Utah. Ha portato la causa in tribunali di grado inferiore che l’hanno respinta per difetto di giurisdizione.

La causa ha nominato tutti i 387 membri del Congresso che hanno votato per certificare i voti elettorali di Biden e ha chiesto che tutti fossero rimossi dai loro ruoli – insieme a Biden e Harris – e che gli fosse proibito di candidarsi di nuovo. Brunson ha anche chiesto oltre 2 miliardi di dollari di danni esentasse, secondo The Hill.

Nell’appello depositato il 23 gennaio, Brunson ha sostenuto che il tribunale dovrebbe concedere una nuova udienza perché il caso “rappresenta un’operazione segreta interna molto forte, che è così benigna che non può essere vista come una semplice violazione della nostra sicurezza nazionale, e come sta incidendo sulla sicurezza nazionale sia del Canada che del Messico, e come ha fatto circolare il timore che potremmo presto assistere alla distruzione di proprietà insieme a un grande spargimento di sangue nelle nostre  strade”.

Nel frattempo Jenna Ellis, ex consulente legale senior dell’ex presidente Donald Trump , ha sostenuto la decisione della Corte Suprema del 9 gennaio di rigettare il caso.

“Questa è la scelta giusta e prevista. La Corte Suprema non è l’arbitro di come un parlamentare svolge il proprio lavoro. Questa è una questione non giudicabile. Immaginate se un futuro Dem chiedesse la rimozione dei membri per ‘non aver indagato’ su Trump. Questo spalancherebbe la porta a ulteriori l’un contro l’altro armati”, scrisse su Twitter all’epoca.

Newsweek ha contattato l’ufficio informazioni al pubblico presso la Corte Suprema degli Stati Uniti per un commento.

Facebook Comments