Di Päivi Räsänen, ministro degli interni finlandese dal 2011 al 2015. ci siamo già occupati (leggi qui, qui qui). La causa in tribunale finalmente l’ha giudicata non colpevole. Ma i guai non sembrano essere finiti. Vi proponiamo l’articolo pubblicato su Lifenews nella nostra traduzione. 

 

Paivi Rasanen, ex ministro finlandese
Paivi Rasanen, ex ministro finlandese

 


In una grande vittoria per i cristiani pro-vita e la libertà di parola, un tribunale ha stabilito che Päivi Räsänen, un membro del parlamento in Finlandia, non è colpevole di discorso d’odio per aver citato la Bibbia per difendere le sue opinioni.

Räsänen avrebbe potuto essere mandata in prigione per sei anni per aver espresso pubblicamente il suo credo cristiano dopo essere stata accusata di usare “discorsi d’odio”. Lei è ampiamente conosciuta per difendere le opinioni cristiane conservatrici e per parlare contro l’aborto e l’eutanasia.

Räsänen ha dovuto affrontare tre accuse penali per presunti “discorsi d’odio” per commenti che ha fatto durante interviste e online.

ADF International, che la rappresenta, ha detto che le autorità l’hanno accusata di “discorsi d’odio” per aver espresso pubblicamente la sua opinione sul matrimonio e la sessualità umana in un opuscolo del 2004, i suoi commenti in un programma televisivo del 2018 e un tweet del 2019 che criticava la decisione dei suoi leader della chiesa di sostenere una celebrazione “Pride”. È membro della Chiesa Evangelica Luterana di Finlandia.

“Nonostante la polizia avesse precedentemente concluso che non era stato commesso alcun crimine, il procuratore generale ha riaperto il caso”, ha risposto ADF International.

I suoi avvocati hanno detto che ha partecipato a diversi lunghi interrogatori con la polizia sulle sue opinioni nel 2019, e poi ha aspettato più di un anno prima che il procuratore generale decidesse di continuare l’azione penale.

Il 5 marzo 2020, ha saputo che il procuratore generale aveva avviato altre due indagini contro di lei, hanno detto i suoi avvocati. Una riguarda i suoi commenti che discutono la sua fede e le questioni religiose in un programma televisivo del 2018 chiamato “Yökylässä Maria Veitola”. L’altra riguarda un’intervista radiofonica del dicembre 2019 a cui ha partecipato; l’argomento era “Cosa penserebbe Gesù degli omosessuali?”.

Ma oggi, le notizie indicano che la corte inferiore ha deciso all’unanimità in suo favore:

Un tribunale in Finlandia oggi ha respinto tutte le accuse di odio contro un membro cristiano del Parlamento e un pastore finlandese, dopo che hanno condiviso ciò che la Bibbia insegna sull’omosessualità. Ma sembra che il suo caso non sia ancora finito.

Sotto processo erano il legislatore finlandese ed ex ministro degli interni Päivi Räsänen e il vescovo Juhana Pohjola della Missione Evangelica Luterana Finlandese.

Anche la Bibbia stessa era sotto processo, e se citare la Bibbia può essere considerato un crimine d’odio.

Räsänen ha detto a CBN News prima del verdetto che se fosse stata giudicata colpevole, avrebbe fatto appello.

“Combatterò per quanto è possibile, e non ritratterò quello che ho detto, non rinuncerò alle mie convinzioni e alla mia fede, e incoraggerò tutti i cristiani ad essere aperti sulla loro fede e aperti sulla Bibbia”.

I procuratori hanno intenzione di appellarsi alla decisione.

Sfortunatamente per Räsänen, il caso non sembra essere finito, anche dopo una schiacciante sentenza unanime a suo favore.

“Avevo sperato che il procuratore si accontentasse di questa sentenza, ma oggi pomeriggio ho sentito che i procuratori faranno molto probabilmente appello alla Corte d’appello. Sono pronta a difendere la libertà di parola e di religione in tutti i tribunali necessari, anche alla Corte europea dei diritti dell’uomo. Voglio incoraggiare anche gli altri ad usare questi diritti fondamentali”, ha detto.

La legislatrice pro-vita ha detto che non si tirerà indietro né si farà intimidire, e spera che la sua battaglia legale aiuterà a garantire che nessuno sia privato della sua libertà di parola.

“Non posso accettare che dare voce alle mie convinzioni religiose possa significare il carcere”, ha detto in una dichiarazione. “Non mi considero colpevole di aver minacciato, calunniato o insultato nessuno. Le mie dichiarazioni erano tutte basate sugli insegnamenti della Bibbia sul matrimonio e la sessualità”.

Negli Stati Uniti, il deputato pro-vita Chip Roy ha applaudito il verdetto di oggi.

“Oggi, mi unisco a migliaia di americani e persone in tutto il mondo unite nella nostra gioia e gratitudine per il fatto che il deputato finlandese Päivi Räsänen e il vescovo Juhana Pohjola sono stati giustamente e unanimemente dichiarati ‘non colpevoli’. Questa decisione è una vittoria per i diritti dati da Dio della libertà di parola e di espressione religiosa sia in Finlandia che in tutto il mondo”, ha detto il rappresentante Roy.

“Ma il fatto che ci sia stato un processo è inaccettabile e ci ricorda che dobbiamo rimanere vigili in difesa della nostra fede, dei nostri valori e degli stessi diritti inalienabili che costituiscono il fondamento della civiltà occidentale. Dio benedica M.P. Räsänen, il vescovo Pohjola, gli avvocati di Alliance Defending Freedom International, e altre organizzazioni come Family Research Council che hanno sposato la loro causa. Avanti”.

Paul Coleman, direttore esecutivo di ADF International, ha detto che casi come quello di Räsänen stanno diventando troppo comuni in tutta Europa.

“Se funzionari pubblici impegnati come Päivi Räsänen sono accusati penalmente per aver espresso le loro convinzioni profondamente radicate, si crea un effetto raggelante per il diritto di tutti a parlare liberamente”, ha detto Coleman.

Räsänen ha detto che non rimarrà in silenzio o permetterà al governo di censurarla.

“Non mi farò intimidire per nascondere la mia fede”, ha detto. “Più i cristiani tacciono su temi controversi, più lo spazio per la libertà di parola si restringe”.

 

 

 

Facebook Comments