Di seguito vi propongo un ottimo articolo scritto da Mike Whitney, pubblicato sul The Unz Review. Ve lo propongo nella mia traduzione. 

 

Guerra in Ucraina
Guerra in Ucraina

 

La distruzione del gasdotto Nord Stream è stata un’azione da gangster che rivela il cancro al cuore dell'”ordine basato sulle regole”. Come possono esistere pace e sicurezza quando la nazione più potente del mondo può distruggere l’infrastruttura critica di altri Paesi senza alcuna deliberazione o procedimento giudiziario? Se il rapporto di Hersh può essere attendibile – e io credo che lo sia – allora dobbiamo supporre che i consiglieri di alto livello dell’amministrazione Biden e il Presidente stesso abbiano deliberatamente perpetrato un atto di terrorismo industriale contro un amico e alleato di lunga data, la Germania. Il coinvolgimento di Biden in questo atto implica che gli Stati Uniti si arrogano il diritto di decidere arbitrariamente quali Paesi possono commerciare con quali altri. E se, per qualche motivo, la compravendita di forniture energetiche è in conflitto con i più ampi obiettivi geopolitici di Washington, gli Stati Uniti ritengono di avere il diritto di distruggere le infrastrutture che rendono possibile tale commercio. Non è forse questa la logica che è stata usata per giustificare l’esplosione del Nord Stream?

Sy Hersh ha reso un servizio al mondo smascherando gli autori del sabotaggio del Nord Stream. La sua denuncia non solo identifica le persone coinvolte, ma suggerisce anche che dovrebbero essere ritenute responsabili delle loro azioni. Sebbene non ci aspettiamo un’indagine approfondita nel prossimo futuro, riteniamo che la portata dell’attacco sia stata un campanello d’allarme per coloro che si aggrappano alla convinzione che il modello unipolare possa produrre risultati moralmente accettabili. L’incidente dimostra che l’azione unilaterale porta inevitabilmente alla violenza criminale contro i deboli e gli indifesi. L’operazione segreta di Biden ha danneggiato ogni uomo, donna e bambino in Europa. È una vera tragedia. Ecco una citazione da una recente intervista con Hersh:

“Penso che questa storia abbia lo stesso potenziale di distruggere la capacità del nostro presidente di radunare il popolo americano a sostegno della guerra, perché mostra qualcosa di così oscuro e così poco americano. Non si tratta di noi. Non stiamo parlando di noi. Si tratta di un gruppo di ufficiali dei servizi segreti e di persone della CIA….”. Seymour Hersh 2:29 min.

Ha ragione, non è vero? L’amministrazione Biden ha calcolato molto male l’impatto che queste rivelazioni avranno sull’opinione pubblica. Il danno reputazionale, da solo, sarà immenso, ma saranno anche usate come prisma attraverso il quale molti critici vedranno la guerra. In realtà, ci sono segnali che indicano che ciò potrebbe già accadere. Domenica, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha confermato che il vero obiettivo della guerra di Washington non è semplicemente quello di “indebolire” la Russia e alla fine dividerla in pezzi più piccoli, ma di forzare una divisione tra Germania e Russia. Ecco cosa ha detto sabato:

Secondo Lavrov, gli Stati Uniti hanno deciso che la Russia e la Germania hanno cooperato “troppo bene” negli ultimi 20-30 anni, stabilendo una potente alleanza basata sulle risorse russe e sulla tecnologia tedesca.

“Questo ha iniziato a minacciare la posizione di monopolio di molte società americane. Pertanto, era necessario rovinarla in qualche modo, e farlo letteralmente”, ha detto il ministro.

“C’è un aspetto qui che è legato al fatto che l’amicizia tra i Paesi, la riconciliazione nazionale tra di loro, come è accaduto tra russi e tedeschi, è diventata un pugno nell’occhio per coloro che non vogliono che appaia qualcuno da qualche parte su questo pianeta, che competa con il principale egemone, che gli Stati Uniti hanno dichiarato di essere”, ha aggiunto Lavrov. (Lavrov says US officials essentially acknowledge Nord Stream blasts were US handiwork”, Tass)

I commenti di Lavrov rafforzano la nostra opinione che il conflitto sia stato architettato dagli esperti di politica estera di Washington, che si sono resi conto che l’integrazione economica tra Germania e Russia rappresentava una seria minaccia al ruolo dominante dell’America nell’ordine globale. Ecco perché Nord Stream è diventato l’obiettivo principale dell’aggressione statunitense, perché il gasdotto era l’arteria vitale che collegava i due continenti e li avvicinava in un’area economica comune che sarebbe diventata la più grande zona di libero scambio del mondo. Questo è ciò che Washington temeva di più ed è il motivo per cui Biden e Co. hanno preso misure così disperate per impedire il rafforzamento delle relazioni economiche tra Germania e Russia. In breve, Nord Stream doveva essere distrutto perché segnava la fine dell’ordine mondiale unipolare.

Invece di ampliare questa teoria ormai logora, prendiamoci un minuto per vedere se riusciamo a capire qualcosa sull’oscura “fonte” di informazioni di Hersh. Permettetemi di formulare una domanda:

Perché la fonte di Sy Hersh gli ha fornito informazioni dettagliate e top secret sul sabotaggio del gasdotto Nord Stream da parte dell’amministrazione Biden?

a. La fonte è un tirapiedi del Cremlino che voleva sovvertire lo sforzo bellico e infliggere gravi danni agli Stati Uniti
b. La fonte è un “comunista” che odia l’America e detesta la democrazia e la libertà
c. La fonte è un drogato di adrenalina che si diverte a mettere a rischio se stesso, la sua famiglia, la sua carriera e la sua libertà.
d. La fonte è un americano preoccupato che pensava che rivelare le informazioni sulla distruzione di Nord Stream avrebbe impedito ai neocons di condurre il Paese in una guerra catastrofica con la Russia.

Se avete scelto la “d”, datevi una pacca sulla spalla, perché è la risposta giusta. Nessuno sano di mente correrebbe i rischi che ha corso la fonte di Hersh se non sentisse che il Paese è in grave pericolo. E, si tenga presente, potremmo non sapere ancora quale sia questo pericolo, dal momento che non conosciamo le future escalation che i neoconservatori stanno pianificando. Ad esempio, potrebbe essere che gli Stati Uniti stiano già pianificando la consegna di F-16 e di sistemi missilistici a lungo raggio che verranno utilizzati per colpire più a fondo il territorio russo. Potrebbe essere che i neocon vogliano far esplodere un ordigno nucleare in Ucraina come parte di un’operazione “false flag”. Oppure Biden intende organizzare una “coalizione dei volenterosi” (Ucraina, Polonia, Romania) che combatterà a fianco delle forze speciali statunitensi in operazioni di combattimento nell’Ucraina orientale. Ognuno di questi sviluppi rappresenta una grave escalation delle ostilità che aumenterebbe la probabilità di uno scontro diretto con la Russia, dotata di armi nucleari. Per dirla con le parole di Joe Biden, “questa è la terza guerra mondiale”.

Ha ragione, sarebbe la terza guerra mondiale, il che potrebbe spiegare perché la fonte di Hersh ha trovato il coraggio di fornire all’autore le informazioni dannose su Nord Stream. Forse credeva che il mondo fosse sulla via dell’annientamento nucleare e ha rischiato la sua vita per la nostra. “Nessun uomo ha un amore più grande…”.

E la fonte non è l’unica persona che si è messa in pericolo. Anche Hersh potrebbe essere accusato. Anzi, direi che se Hersh non fosse così rispettato come è, probabilmente ora starebbe condividendo la cella con Julian Assange. Dopo tutto, qual è la differenza tra ciò che ha fatto Assange e ciò che ha fatto Hersh?

Non molta, a parte il fatto che la reputazione stellare di Hersh lo rende “intoccabile”. (Speriamo.)

 

 

In ogni caso, se il motivo alla base dell’articolo era quello di prevenire l’Armageddon nucleare, siamo molto grati per il loro coraggio e altruismo.

Tuttavia, potrebbero esserci stati altri motivi alla base dell’articolo che meritano di essere presi in considerazione. Immaginiamo, per un attimo, che la fonte di Hersh abbia informazioni sui piani dei neoconservatori per il prossimo futuro. In altre parole, è molto probabile che il sabotaggio del Nord Stream non sia stato l’impulso principale del rapporto di Hersh, ma che ci sia un altro sinistro piano all’orizzonte, ovvero un’escalation militare che potrebbe scatenare una catastrofe di gravità senza precedenti.

Come abbiamo detto in precedenza, tale piano potrebbe coinvolgere F-16 e sistemi missilistici a lungo raggio, o un’operazione nucleare “false flag”, oppure potrebbe essere che Biden organizzerà una “coalizione dei volenterosi” che combatterà a fianco delle forze speciali statunitensi in operazioni di combattimento nell’Ucraina orientale. La presenza di truppe da combattimento statunitensi in Ucraina renderebbe di fatto inevitabile uno scontro diretto con la Russia. Ciò porterebbe gli Stati Uniti sulla strada di un’altra guerra mondiale, che è ciò che vogliono i neoconservatori. Sfortunatamente, sospetto che questo sia lo scenario più probabile a breve termine: la formazione di una coalizione sostenuta dagli Stati Uniti organizzata per impegnare direttamente la Russia in Ucraina. Ecco la “Dichiarazione dell’addetto stampa Karine Jean-Pierre sul viaggio del Presidente Biden in Polonia”:

Dal 20 al 22 febbraio, il Presidente Joseph R. Biden Jr. si recherà in Polonia. Incontrerà il Presidente polacco Andrzej Duda per discutere della nostra cooperazione bilaterale e dei nostri sforzi collettivi per sostenere l’Ucraina e rafforzare la deterrenza della NATO. Incontrerà anche i leader dei Nove di Bucarest (B9), un gruppo di alleati NATO del fianco orientale, per riaffermare l’incrollabile sostegno degli Stati Uniti alla sicurezza dell’Alleanza. Inoltre, il Presidente Biden pronuncerà un discorso in vista dell’anniversario della brutale e immotivata invasione dell’Ucraina da parte della Russia, sottolineando come gli Stati Uniti abbiano mobilitato il mondo per sostenere il popolo ucraino nella difesa della libertà e della democrazia e come continueremo a stare al fianco del popolo ucraino per tutto il tempo necessario”. (The White HouseWashington DC)

Come si legge nel comunicato ufficiale, Biden non si limiterà a parlare con il presidente polacco degli “sforzi collettivi per sostenere l’Ucraina”, ma discuterà anche della “cooperazione bilaterale” tra Stati Uniti e Polonia. Ma che tipo di cooperazione bilaterale vuole Biden oltre a più armi? Truppe da combattimento? È questo che Biden sta cercando: soldati della coalizione sul campo per compensare le pesanti perdite dell’Ucraina? Ecco un articolo di un sito web chiamato Notes From Poland che annuncia un forte aumento degli obiettivi di reclutamento polacchi. Non sorprende che l’articolo non spieghi il motivo per cui la Polonia intende più che raddoppiare le dimensioni del suo esercito entro un anno.

Fino a 200.000 persone potranno essere convocate per le esercitazioni militari in Polonia l’anno prossimo, comprese quelle che non si sono mai proposte per il servizio, ma che sono ritenute in possesso di “abilità utili”…. Le esercitazioni possono durare fino a 90 giorni e la mancata partecipazione è punita con il carcere o una multa….

Le persone che possono essere richiamate sono quelle di età non superiore ai 55 anni che hanno superato la cosiddetta qualifica militare, obbligatoria per tutti gli uomini che compiono 19 anni, durante la quale vengono determinate la categoria di salute e l’idoneità al servizio militare del candidato….

L’anno prossimo la Polonia aumenterà la spesa per la difesa al 3% del PIL, uno dei livelli più alti della NATO, per proteggersi dalla “vorace Russia imperiale”.

La nuova legge sulla difesa nazionale raddoppierà inoltre il numero di soldati in servizio nelle forze armate https://t.co/KlEA1cHOo – Notes from Poland (@notesfrompoland) March 19, 2022

Fino al 2009, la Polonia aveva il servizio militare obbligatorio per gli uomini, ma questo è stato eliminato a favore di un esercito completamente professionale. Tuttavia, negli ultimi anni la crescente minaccia della Russia ha spinto il governo a cercare di aumentare le dimensioni e la forza delle forze armate.

Nel 2017 è stata istituita una nuova Forza di Difesa Territoriale. La legge sulla difesa nazionale di quest’anno prevede un raddoppio delle dimensioni delle forze armate, dagli attuali 143.500 uomini…” (“Fino a 200.000 polacchi saranno chiamati per l’addestramento militare il prossimo anno“, Note dalla Polonia).

Dobbiamo considerare questa improvvisa espansione dell’esercito polacco come una mera coincidenza o è più probabile che sia già stato fatto un accordo con Washington riguardo al futuro dispiegamento di truppe in Ucraina?

Secondo la dichiarazione della Casa Bianca, Biden “incontrerà anche i leader dei Nove di Bucarest (B9)”, un gruppo di nove Paesi NATO dell’Europa orientale che sono entrati a far parte dell’alleanza militare guidata dagli Stati Uniti dopo la fine della Guerra Fredda… e che comprende Romania, Polonia, Ungheria, Bulgaria, Repubblica Ceca, Slovacchia e le tre repubbliche baltiche di Estonia, Lettonia e Lituania. Tutti e nove i Paesi erano un tempo strettamente legati all’ormai dissolta Unione Sovietica, ma hanno poi scelto la strada della democrazia. Romania, Polonia, Ungheria e Bulgaria sono ex firmatari dell’ormai dissolta alleanza militare del Patto di Varsavia, guidata dall’Unione Sovietica… Guarda qui:

Tutti i membri del B9 fanno parte dell’Alleanza… La NATO (e tutti) hanno criticato l’aggressione del Presidente Vladimir Putin contro l’Ucraina fin dal 2014… L’anno scorso la NATO ha adottato il suo nuovo Concetto Strategico, in cui tutti gli alleati hanno concordato che “la Federazione Russa è la minaccia più significativa e diretta alla sicurezza degli alleati e alla pace e alla stabilità nell’area euro-atlantica”. Ora, in vista del Vertice di Vilnius, dobbiamo assicurarci che l’Alleanza sia pienamente preparata ad affrontare questa minaccia”. (“Chi sono i Nove di Bucarest, Paesi sul fianco orientale della NATO?“, Indian Express)

Un esercito di russofobi: è questo che vogliono creare?

Sembra proprio di sì.

 

 

Forse stiamo facendo “ingigantendo oltremodo”; questa è certamente una possibilità. Ma ora che l’esercito russo sta avanzando su tutti i fronti lungo la Linea di Contatto, pensiamo che i neocon disperati siano destinati a fare qualcosa di colossale. Anzi, ne siamo certi. Guardate questo spezzone di un articolo del sito web di Larry Johnson, “Il figlio di una nuova rivoluzione americana”:

Ora le cattive notizie. L’amministrazione Biden e i nostri alleati europei si stanno preparando per un’importante azione militare nella guerra in Ucraina oppure sanno che presto accadrà qualcosa di brutto, probabilmente in Bielorussia, perché sono appena stati emessi avvisi ai cittadini stranieri di lasciare la Bielorussia e la Russia:

Il Ministero degli Esteri francese ha esortato i suoi cittadini a lasciare la Bielorussia senza indugio.

Il Canada esorta i suoi cittadini a lasciare immediatamente la Bielorussia a causa del rischio di applicazione arbitraria delle leggi locali e delle ostilità in Ucraina – Ministero degli Esteri canadese.

Lunedì gli Stati Uniti hanno emesso un avviso di alto livello in cui si dice ai cittadini americani di lasciare immediatamente la Russia e di interrompere i viaggi nel Paese mentre continua la guerra della Russia contro la vicina Ucraina, citando i rischi di maltrattamenti e di detenzione illegale per gli americani in particolare.

“Non recatevi in Russia a causa delle conseguenze imprevedibili dell’invasione immotivata e su larga scala dell’Ucraina da parte delle forze militari russe, del potenziale di aggressione e di detenzione di cittadini statunitensi da parte di funzionari di sicurezza del governo russo, dell’applicazione arbitraria della legge locale, dei voli limitati in entrata e in uscita dalla Russia, della limitata capacità dell’Ambasciata di assistere i cittadini statunitensi in Russia e della possibilità di terrorismo”, si legge nell’avviso.

Non credo alle coincidenze. Si tratta di un’azione coordinata e segnala che la situazione in Russia e Bielorussia diventerà pericolosa nel prossimo futuro. Forse ha a che fare con gli Stati Uniti che addestrano i radicali islamici a compiere attacchi terroristici in Russia e Bielorussia”. (“Sy Hersh parla e la NATO avverte di un’escalation nella guerra in Ucraina?“, Figlio di una Nuova Rivoluzione Americana)

C’è qualcosa in ballo, anche se non possiamo essere certi che si concretizzi o meno. Ma – ricordate – non ci sarebbe bisogno di attacchi terroristici, false flag o truppe da combattimento aggiuntive se la narrazione ufficiale fosse effettivamente vera e l’esercito ucraino stesse vincendo la guerra. Ma non è quello che sta accadendo. Le forze armate ucraine stanno perdendo e stanno perdendo male. Di fatto, non hanno nemmeno scorte di munizioni sufficienti per sostenere combattimenti a lungo termine. Ecco la notizia riportata da Reuters:

“Il ritmo delle consegne all’Ucraina, dove le truppe di Kiev sparano fino a 10.000 proiettili d’artiglieria al giorno, ha prosciugato le scorte occidentali e messo a nudo le falle nell’efficienza, nella velocità e nella manodopera delle catene di approvvigionamento.

“Se l’Europa dovesse combattere contro la Russia, alcuni Paesi resterebbero senza munizioni in pochi giorni”, ha dichiarato a Reuters un diplomatico europeo… le scorte sono ancora più scarse a causa del conflitto in Ucraina…. La guerra ha anche gettato un riflettore sulla mancanza di capacità industriale necessaria per aumentare rapidamente la produzione, dopo che per decenni la diminuzione degli ordini governativi ha visto scomparire molte linee di produzione….

“Non credo necessariamente che entro il prossimo anno i livelli delle nostre scorte aumenteranno in modo massiccio”, ha detto il funzionario della NATO. “Tutte le scorte aggiuntive che avremo saranno dirette in Ucraina”. (NATO expected to raise munitions stockpile targets as war depletes reserves, Reuters)

 

Come si fa a portare un paese in guerra con la Russia senza avere abbastanza munizioni per combattere il nemico?

L’incompetenza è sconcertante e non è nemmeno un problema a breve termine. Le nazioni occidentali non hanno più la base industriale per fornire le forniture e le attrezzature necessarie per una “guerra su larga scala e ad alta intensità”. Per ricostruire la capacità ci vorranno anni. Nel frattempo, la guerra sarà risolta dalle truppe da combattimento russe, ben equipaggiate, che continueranno a massacrare i demoralizzati ucraini, che si trovano sempre più spesso in inferiorità numerica e di armamento. Questo è tratto da un articolo del Telegraph britannico:

“Con la Russia di nuovo all’offensiva dopo i significativi successi ucraini nei combattimenti intorno a Kharkiv e Kherson nella seconda metà del 2022, le ultime settimane sono state le più sanguinose finora di una guerra già sanguinosa, con entrambe le parti che hanno subito perdite straordinariamente pesanti. Ci si aspetta che la situazione peggiori.

Il ministro della Difesa ucraino Oleksii Reznikov ha dichiarato che la Russia ha mobilitato “molto più” di 300.000 truppe, forse fino a mezzo milione, che si stanno riversando in Ucraina in preparazione di quella che si prevede sarà una grande offensiva nei prossimi giorni e settimane. Sebbene anche Kiev abbia rafforzato le proprie forze e le abbia rifornite di attrezzature moderne donate dall’Occidente, Putin ha un vantaggio in termini di numero di truppe molto maggiore di quello che aveva quando ha invaso l’Ucraina un anno fa. Nonostante le ripetute notizie ottimistiche secondo cui la Russia sarebbe a corto di proiettili d’artiglieria – un elemento vincente in questo conflitto – le scorte belliche di Putin sono vaste e le sue fabbriche hanno lavorato 24 ore su 24 per sfornarne ancora di più.

Sotto pressione verso la fine dell’anno scorso, la Russia ha ritirato le sue forze in posizioni di forza, scambiando il terreno con il tempo, ammassando risorse per un colpo di maglio pianificato e riducendo gli ucraini a est, ammorbidendoli per l’assalto a venire.

Finora, in Occidente si è detto che l’Ucraina sta vincendo comodamente questa guerra… La realtà è più complessa….: la verità è che le recenti promesse di nuovi equipaggiamenti da combattimento per l’Ucraina – in particolare missili a più lunga gittata, carri armati e altri veicoli corazzati – difficilmente saranno mantenute in tempo per avere un impatto in questa battaglia se Putin lancerà la sua offensiva nei tempi previsti da Kiev….

Dobbiamo quindi essere preparati a significativi guadagni russi nelle prossime settimane. Dobbiamo essere realistici su quanto potrebbero andare male le cose, altrimenti lo shock rischia di smuovere la determinazione dell’Occidente. L’estate e l’autunno scorsi si è verificato il contrario, quando il sostegno in calo in alcune parti dell’Europa e degli Stati Uniti è stato galvanizzato dal successo ucraino”. (Vladimir Putin is about to make shock gains“, UK Telegraph)

E questo è un articolo del New York Times:

Le esauste truppe ucraine lamentano di essere già in inferiorità numerica e di armi, anche prima che la Russia abbia impegnato la maggior parte dei suoi circa 200.000 soldati recentemente mobilitati. I medici degli ospedali parlano di perdite crescenti mentre lottano per curare i combattenti con ferite raccapriccianti.

Le prime fasi dell’offensiva russa sono già iniziate. Le truppe ucraine dicono che Bakhmut, una città dell’Ucraina orientale che le forze russe stanno cercando di conquistare dall’estate, probabilmente cadrà presto. Altrove, le forze russe stanno avanzando in piccoli gruppi e sondando le linee del fronte alla ricerca di punti deboli ucraini.

Gli sforzi stanno già mettendo a dura prova l’esercito ucraino, logorato da quasi 12 mesi di pesanti combattimenti.

Le perdite tra le forze ucraine sono state gravi. Le truppe di un contingente di volontari chiamato Carpathian Sich, posizionato vicino a Nevske, hanno detto che circa 30 combattenti del loro gruppo sono morti nelle ultime settimane, e i soldati hanno detto, solo in parte per scherzo, che quasi tutti hanno una commozione cerebrale.

In un ospedale di prima linea nel Donbas, l’obitorio era pieno di corpi di soldati ucraini in sacchi di plastica bianchi. In un altro ospedale, le barelle con i feriti coperti da coperte termiche in lamina d’oro affollavano i corridoi e un flusso costante di ambulanze è arrivato dal fronte quasi tutto il giorno”. (“Outnumbered and Worn Out, Ukrainians in East Brace for Russian Assault”, New York Times) Note: Lifted from Moon of Alabama

E un altro estratto dal Paper of Record:

Il problema è che l’Ucraina sta perdendo la guerra. Non perché i suoi soldati combattano male o il suo popolo si sia perso d’animo, ma perché la guerra si è trasformata in una battaglia di logoramento in stile Prima Guerra Mondiale, con trincee accuratamente scavate e fronti relativamente stabili.

Queste guerre tendono a essere vinte – come del resto lo è stata la Prima Guerra Mondiale – da chi ha le risorse demografiche e industriali per resistere più a lungo. La Russia ha più di tre volte la popolazione dell’Ucraina, un’economia intatta e una tecnologia militare superiore. Allo stesso tempo, la Russia ha i suoi problemi; fino a poco tempo fa, la carenza di soldati e la vulnerabilità dei suoi depositi di armi agli attacchi missilistici hanno rallentato i suoi progressi verso ovest. Entrambe le parti hanno incentivi per venire al tavolo dei negoziati”. (Russia and Ukraine Have Incentives to Negotiate. The U.S. Has Other Plans, New York Times)

Capito il quadro? La guerra si trascinerà senza dubbio per qualche tempo, ma l’esito è ormai certo. E mentre il cappio si stringe a est e le prospettive di successo diventano sempre più remote, pensiamo che i neoconservatori siano destinati a fare qualcosa di ancora più disperato, avventato e violento. Prevediamo che la prossima mossa sarà il tentativo di costruire una coalizione di volenterosi (Regno Unito, Romania, Polonia e Stati Uniti) che spinga i riluttanti alleati della NATO al punto di rottura, contrapponendo un esercito improvvisato guidato dagli Stati Uniti alle forze russe sui campi di sterminio dell’Ucraina. Con ogni azione sconsiderata, lo Zio Sam aumenta la probabilità di una spaccatura critica all’interno della NATO che porrà fine alla morsa di Washington sull’Europa e getterà le basi per un nuovo ordine.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments