“La città di Somerville, Massachusetts, ha ampliato la sua definizione di convivenza domestica per dare alle relazioni poliamorose gli stessi diritti di una coppia sposata”. E’ quello che riporta Christine Rousselle nel suo articolo pubblicato su Catholic News Agency (CNA) dopo aver letto la notizia sul New York Times. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Poliamore

 

La città di Somerville, Massachusetts, ha ampliato la sua definizione di convivenza domestica per dare alle relazioni poliamorose gli stessi diritti di una coppia sposata. 

Chi è poliamoroso ha una relazione con più di un partner domestico. 

Il consigliere comunale J.T. Scott, citato dal New York Times, ha dichiarato di ritenere che questa sia la prima ordinanza del genere negli Stati Uniti. Scott è favorevole al riconoscimento delle relazioni poliamorose. 

“La gente vive da sempre in famiglie che comprendono più di due adulti”, ha detto Scott, aggiungendo che “Qui a Somerville, le famiglie a volte sembrano [formate da] un uomo e una donna, ma a volte sembrano [formate da] due persone che tutti nel quartiere pensano siano sorelle perché vivono insieme da sempre, o a volte sono una zia e uno zio, o una zia e due zii, che crescono due figli”.

Scott è stato citato mentre dice che la nuova ordinanza riconoscerebbe legalmente qualcuno come avente più di un partner domestico, indipendentemente dalla natura di quel rapporto.  

“Ha una rilevanza legale”, ha detto Scott, “così quando uno di loro è malato, possono entrambi andare in ospedale”.

Il consigliere comunale ha detto di conoscere almeno due dozzine di persone a Somerville che sono impegnate in relazioni poliamorose, anche se non ha specificato quanti nuclei familiari comprendessero. La città di Somerville ha una popolazione di circa 80.000 abitanti e, fino a giugno, non ha avuto alcun tipo di ordinanza sulla convivenza domestica. La bozza originale dell’ordinanza specificava che la convivenza domestica era tra due persone, il che è stato modificato per consentire le relazioni poliamorose. 

“Non credo che sia compito del governo dire alla gente cosa è o non è una famiglia“, ha detto il consigliere comunale Lance Davis, che ha redatto l’ordinanza sulla convivenza domestica. 

“Definire le famiglie è qualcosa che come società abbiamo storicamente sbagliato, e non dovremmo continuare a cercare e impegnarci a farlo”, ha detto Davis. 

Secondo il New York Times, l’ordinanza significa che i dipendenti della città potranno estendere le prestazioni dell’assicurazione sanitaria a più di un partner. Non è chiaro se le aziende private permetteranno anche ai dipendenti in relazioni domestiche poliamorose di condividere i piani di assicurazione sanitaria con i loro molteplici partner.

Davis ha detto che gli elettori gli hanno detto di essere contenti che la città “riconoscerà e convaliderà legalmente” l’esistenza di relazioni poliamorose. 

“E’ la prima volta che succede”, ha detto Davis. 

Ryan Anderson, un ricercatore senior della Heritage Foundation, ha detto alla CNA che non è stato sorpreso dagli ultimi sforzi per ridefinire il matrimonio per includere più persone. 

“Naturalmente la cosa non si sarebbe mai fermata alle coppie dello stesso sesso”, ha detto Anderson alla CNA. 

“Una volta ridefinito il matrimonio per eliminare la componente maschile e femminile, quale principio richiede la monogamia”

La precedente norma culturale del matrimonio tra un uomo e una donna, ha detto Anderon, “era che solo un uomo e una donna potevano unirsi come una sola carne come marito e moglie nello stesso atto che poteva produrre nuova vita, e poi collegare quella nuova vita con la propria madre e il proprio padre”.

“Una volta che la legge e la cultura dicono che l’aspetto maschile-femminile del matrimonio viola la giustizia e l’uguaglianza, non abbiamo ‘espanso’ il matrimonio, abbiamo fondamentalmente ridefinito quello che è. E queste ridefinizioni non hanno in linea di principio un punto fermo”, ha detto.

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print