Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Igor Chudov e pubblicato sul suo Substack. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella nostra traduzione.

 

New York

 

Ricordate la folle teoria cospirativa della destra secondo cui i nostri acquisti di cibo saranno tracciati per ridurre il nostro consumo di CO2?

Questa si sta rivelando vera!

Ieri, la città di New York ha annunciato il suo piano per tracciare le “scelte alimentari” dei newyorkesi utilizzando i dati della carta di credito provenienti dagli acquisti dei singoli negozi. Secondo il sindaco, il monitoraggio delle scelte alimentari individuali è un passo avanti verso la “riduzione della produzione di CO2” dei newyorkesi.

L’amministrazione Adams ha annunciato un piano per iniziare a tracciare l’impronta di carbonio creata dal consumo di cibo delle famiglie, nonché un nuovo obiettivo per le agenzie della città di New York di ridurre le proprie emissioni alimentari del 33% entro il 2023. [Volevano dire 2032?]

La città di New York, in collaborazione con la società di carte di credito American Express, terrà traccia degli acquisti per calcolare l’impronta di carbonio dei newyorkesi:

Il nuovo piano mette la città al pari di Londra e di altre 13 città per incorporare il consumo di cibo nelle sue metriche sulle emissioni di gas serra. Lo sforzo di esaminare gli effetti ambientali del consumo di alimenti come carne e latticini è stato annunciato per la prima volta circa un anno fa come parte di una collaborazione tra le principali città del mondo.

Si potrebbe pensare che un piano del genere sia stato elaborato solo dopo una conversazione con i newyorkesi, giusto? Dopo tutto, il sindaco di New York dovrebbe servire i newyorkesi, non il contrario.

Tuttavia, la realtà è che non c’è stata nessuna consultazione e nessuna “discussione”, perché il sindaco di New York Eric Adams è sicuro che la gente non voglia nemmeno avere una “discussione” sull’interrogazione delle proprie scelte alimentari.

Lunedì Adams ha riconosciuto che interrogare le scelte alimentari dei cittadini sarebbe difficile. “Non so se la gente sia davvero pronta per questa discussione”, ha detto.

Il piano di quote “My Carbon” del WEF

Eric Adams, ovviamente, non è al servizio dei cittadini di New York, che non ha nemmeno consultato. È al servizio dei suoi sponsor, che chiedono di tracciare le spese alimentari e altre spese personali per promuovere gli obiettivi climatici. Il World Economic Forum ha proposto di tracciare il consumo personale di CO2 e le quote di CO2 nel suo famigerato articolo sull’agenda “My Carbon“.

 

 

Il WEF spiega che il monitoraggio delle scelte individuali ha sempre incontrato delle resistenze. Fortunatamente per il WEF, la pandemia di Covid, causata da un misterioso agente patogeno creato in laboratorio, ha cambiato questo calcolo e, secondo il WEF, ci ha permesso di estendere le “misure pandemiche” al monitoraggio dei consumi, grazie a una maggiore accettazione sociale dell’intrusione governativa nelle nostre vite personali:

 

 

Poche città hanno mostrato un’adesione più pecorona di New York alle misure contro la pandemia, quindi non deve sorprendere che in quella particolare località si stia sperimentando la “tracciabilità degli acquisti alimentari”, secondo le istruzioni del WEF.


Il monitoraggio degli acquisti non si limiterà ovviamente ai prodotti alimentari.

Carne, salute e libertà

Questo articolo è volutamente neutrale su carne e salute. Alcuni dei miei abbonati sono vegani, altri mangiatori accaniti di carne. Rispetto tutti. Sono stato vegetariano per un anno intero, molto tempo fa. Oggi cerco di mangiare meno carne, il che equivale ancora a mangiarne troppa, ma ci sto provando. (Per anni ho mangiato pochi carboidrati, ma ora voglio fare qualcosa di diverso).

Piuttosto che inquadrare questo problema come una questione di salute, vi invito a considerarlo una questione di equità di base: i padroni del mondo, non eletti, sovranazionali e autoproclamati, stanno cercando di tracciare e influenzare il nostro comportamento senza nemmeno chiedere il permesso o informarsi sulla nostra opinione.

Ci viene assicurato che ciò avviene per il nostro bene. Tuttavia, queste stesse persone beneficiano di investimenti ben piazzati in aziende che producono carne finta composta da cellule tumorali (leggi qui).

In genere ci viene insegnato che i conflitti di interesse dovrebbero farci dubitare delle intenzioni di chi promuove idee legate a tali conflitti.

Nel caso della Covid-19 o del cambiamento climatico, ci viene chiesto di gettare via queste precauzioni e di riporre cieca fiducia nei mega miliardari che traggono grandi benefici dalla pandemia o dai loro investimenti nel cambiamento climatico.
Come scettici e pensatori critici, dovremmo rifiutarci di credere ai promotori che si ergono per trarre benefici finanziari dalle loro idee folli. Dovremmo invece esigere uno sguardo attento e scettico su ciò che accade dietro le quinte.

Sono sicuro, tuttavia, che invece dello scetticismo, otterremo più controlli falsi dei fatti, smentite e manipolazioni.


Cosa ne pensate?

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments