Riprendo il giudizio sul regime cinese di Chen Guangcheng, attivista cinese per i diritti umani, che ha vissuto sulla sua pelle la brutalità del regime cinese, anche attraverso il carcere. Fuggito dalla Cina in maniera rocambolesca, vive ora negli USA. E’ utile la sua esperienza per noi occidentali perché della Cina vediamo solo il volto sfolgorante della ricchezza e del potere economico, e non anche il pugno di ferro nei confronti dei fedeli cattolici, protestanti, musulmani, ecc. Chen Guangcheng dà il suo giudizio anche sul recente accordo Cina-Vaticano.

Ecco il suo articolo nella mia traduzione.

Foto: Chen Guangcheng

Foto: Chen Guangcheng

 

Sotto il controllo del Partito Comunista Cinese (PCC), la Cina ha dimostrato di essere una nazione straordinariamente dittatoriale e autoritaria. Tutti i tipi di libertà che sono date per scontate nell’Occidente – libertà di espressione, dei media, della religione – non solo sono negate dal PCC, ma anche regolarmente e spesso violentemente represse. Gli attivisti per i diritti umani e gli avvocati scompaiono e vengono torturati, mentre i partiti politici alternativi vengono schiacciati. Le richieste di giustizia sono accolte con la mano di ferro dello Stato. I musulmani sono stati radunati in centinaia di migliaia di persone e costretti nei campi di rieducazione nella provincia cinese dello Xinjiang. Questo è un regime che utilizzerà ogni mezzo per mantenere il monopolio del potere. E’ anche un regime che sa presentarsi all’Occidente, dicendo e facendo le cose giuste per ottenere il sostegno dei leader all’estero. La sua apparenza di civiltà è un tentativo di coprire la realtà della sua immoralità.

Sono cresciuto in questo sistema Partito-Stato e ho vissuto personalmente la violenza e la brutalità del Partito comunista, e ho conosciuto e lavorato con innumerevoli individui in Cina che sono stati perseguitati per le loro convinzioni. E’ stato quindi con grande shock e sgomento che ho visto prendere forma il riavvicinamento del Vaticano alla Cina.

La visione cinese della religione

Quello che attualmente sappiamo dell’accordo è che il Vaticano cederà al Partito comunista la selezione dei vescovi in Cina (sembra che il Partito Comunista Cinese – il Governo – proporrà dei nomi dei candidati vescovi al Papa, tra i quali quest’ultimo dovrà sceglierne uno, ndr). In cambio, il PCC riconoscerà il papa come capo ufficiale della Chiesa cattolica, e saranno rinnovati i rapporti regolari tra i due Stati.

Il fatto che il Vaticano consideri questi termini come una base accettabile per la riconciliazione con un brutale regime dittatoriale è uno schiaffo in faccia a milioni di cattolici e altri fedeli religiosi in Cina che hanno subito vere e proprie persecuzioni sotto il PCC. Infatti, è un affronto a persone ragionevoli e amanti della libertà ovunque. In quanto regime ateo autodescritto, il PCC non può semplicemente rivendicare l’autorità su questioni religiose, come la scelta dei vescovi. E il riconoscimento del Papa è una concessione così misera come l’ammissione che il cielo è blu.

In Cina, il PCC cerca di guidare e controllare tutto. La religione, tuttavia, incoraggia la bontà, il rispetto per il sacro, la lealtà verso gli altri e la venerazione di un potere spirituale onnipotente. Il suo insieme di valori raffinati è in contrasto con l’ateismo egoistico e l’estrema lealtà dei partiti che il PCC ha cercato a lungo di inculcare nella popolazione. La religione chiede fiducia in un potere superiore – ancora più alto di quanto possa pretendere il Partito Comunista – e fiducia in idee che sono al di fuori della portata delle grinfie del regime.

Il popolo cinese si è rivolto alla religione – tra cui il cattolicesimo, il protestantesimo, il buddismo e il taoismo – in gran numero negli ultimi decenni, mentre emerge dagli orrori di politiche socialiste sbagliate. Questa tendenza ha fatto sì che il PCC si senta minacciato e ansioso. Vede questi gruppi disparati come concorrenti, il che lo porta ad intensificare la repressione con crescente portata e vigore. Nell’ultimo decennio, il PCC ha attaccato in modo aggressivo le chiese cattoliche e protestanti sotterranee, dando la caccia prima di tutto ai simboli religiosi e smantellato le croci. Più recentemente, hanno distrutto apertamente le chiese. Da Zhejiang e Fujian alle province di Shaanxi, Henan e Jiangxi, questi attacchi si sono estesi in tutto il paese. Secondo i rapporti, solo nella provincia dello Zhejiang, negli ultimi anni sono state distrutte più di 1.300 croci e chiese. La città di Zhenzhou, la provincia di Henan e le zone di Xinyang e Nanyang hanno visto innumerevoli chiese e croci abbattute. Il PCC ha arrestato sacerdoti, minacciando i membri delle congregazioni, cercando chiese e luoghi di culto. Molti sono scomparsi e sono stati torturati sotto il controllo del regime, perché hanno rifiutato di cedere il loro credo a un partito politico degradato e intollerante e dimostrando il potere della loro fede.

Per costruire una facciata di libertà religiosa per soddisfare l’Occidente, il PCC permette alcune pratiche religiose e chiese, ma solo all’interno di ambienti ufficialmente sanzionati. Infatti, i credenti, soprattutto di fede cattolica, protestante e musulmana, sono spesso costretti ad unirsi a questi istituti religiosi dove le attività dei membri possono essere monitorate da vicino. I membri delle congregazioni sono tenuti a cantare canzoni comuniste e ad alzare la bandiera nazionale. Il PCC sta persino preparando la propria edizione della Bibbia, intitolata “La Bibbia cristiana cinese”. Il suo scopo è quello di imporre nel testo i suoi valori socialisti e laici, presentando all’esterno una finzione di tolleranza religiosa. In teoria, la costituzione cinese garantisce “il diritto del popolo alla libertà di religione e di credo”. In pratica, le chiese ufficiali del PCC sono una deturpazione di base di questi ideali.

La triste realtà è che qualsiasi sistema alternativo di organizzazione – non solo la religione – che può unire, mettere a fuoco e riunire le persone sarà visto come il nemico del PCC e dovrà affrontare persecuzioni assurde. Per anni, il PCC ha emesso pesanti condanne a partiti politici indipendenti e ha controllato strettamente lo sviluppo dei media e di Internet. Attraverso l’isolamento, le minacce, la detenzione e la tortura, il PCC infonde un senso di instabilità e insicurezza, per stroncare sul nascere qualsiasi movimento incipiente che potrebbe rivelarsi una minaccia al suo potere.

La cessione della selezione dei vescovi è un grave errore

Nonostante un tale ambiente, il Vaticano sta cedendo la selezione dei vescovi cattolici al PCC. I membri delle congregazioni non lo accetteranno, e anche i non cattolici trovano estremamente difficile da capire. E’ semplicemente assurdo – insensato come il PCC che scegliesse un nuovo Panchen Lama tibetano – che il PCC si impegni nella selezione dei vescovi. Chiaramente, l’accordo è una mossa palesemente politica pensata solo per servire gli interessi del PCC. (…) Il Vaticano non sa che il Partito comunista controlla tutto in Cina? Il Vaticano ha chiuso i rapporti con la Cina nel 1951 dopo che il Partito comunista aveva preso il potere perché il Partito voleva guidare tutto, compreso il regno spirituale. (…)

Un tempo la Cina era chiamata “la terra del cielo”, un luogo dove la cultura spirituale era apprezzata e venerata. Un senso di moralità basato su questa cultura spirituale è stato tramandato attraverso i secoli. Rimane nelle ossa del popolo, nonostante gli sconvolgimenti degli imperi e i settant’anni di dominio del Partito Comunista.

Il popolo cinese si sta risvegliando ai propri diritti, vedendo chiaramente che il PCC è la radice delle iniquità sociali, e sta combattendo. Molti paesi occidentali stanno gradualmente aprendo gli occhi sulla verità del male del PCC e sulla possibilità incombente di una trasformazione politica e sociale in Cina. (…)

 

fonte: Thepublicdiscourse

 

Chen Guangcheng (12 novembre 1971) è un attivista per i diritti civili nella Repubblica popolare cinese, che ha attirato l’attenzione internazionale sul rispetto dei diritti umani nel suo Paese.

Avvocato autodidatta, Chen si è distinto per due battaglie legali intraprese nello Shandong, la sua provincia natale. Nella seconda, quella che gli aveva dato più notorietà, aveva denunciato i metodi violenti dello Stato nel costringere ad aborti forzati le donne che violavano la legge del figlio unico (chiamata ufficialmente “politica di pianificazione familiare”).

Arrestato più volte, è stato condannato al carcere per oltre 4 anni. Nell’aprile 2012 Cheng era ancora agli arresti domiciliari. In coincidenza con l’arrivo a Pechino del Segretario di Stato USA, Hillary Clinton, in visita ufficiale, Chen è riuscito a fuggire e a raggiungere Pechino, dove si è rifugiato nell’Ambasciata statunitense. Dopo un mese di trattative, Chen ha ottenuto un visto di studi e il governo cinese ha autorizzato la sua partenza per gli Stati Uniti. Ha poi iniziato a collaborare con l’Università Cattolica d’America.

Chen Guangcheng è non vedente a causa di una malattia congenita.

Fonte: Wikipedia

Facebook Comments