“La Cina ha nascosto l’entità dell’epidemia di coronavirus nel suo paese, sottovalutando sia i casi totali sia i decessi che ha subito a causa della malattia, la comunità dei servizi segreti statunitensi ha concluso in un dossier riservato per la Casa Bianca, secondo tre funzionari statunitensi”, dicono i giornalisti Nick Wadhams e Jennifer Jacobs nel loro servizio pubblicato sull’importante testata americana Bloomberg.

 

 

 

di Sabino Paciolla

 

Riporta Bloomberg: “La Cina ha nascosto l’entità dell’epidemia di coronavirus nel suo paese, sottovalutando sia i casi totali sia i decessi che ha subito a causa della malattia, la comunità dei servizi segreti statunitensi ha concluso in un dossier riservato per la Casa Bianca, secondo tre funzionari statunitensi.

I funzionari hanno chiesto di non essere identificati perché il rapporto è segreto e si sono rifiutati di descriverne il contenuto. Ma il succo, hanno detto, è che il rapporto pubblico della Cina sui casi e i decessi è intenzionalmente incompleto. Due dei funzionari hanno detto che il rapporto conclude che i numeri della Cina sono falsi.

Il rapporto è stato ricevuto dalla Casa Bianca la settimana scorsa, ha detto uno dei funzionari.”

L’epidemia è iniziata nella provincia cinese di Hubei alla fine del 2019, ma la Cina ha riportato pubblicamente solo circa 82.000 casi e 3.300 morti, secondo i dati raccolti dalla Johns Hopkins University. Questo a fronte di oltre 110.000 casi e più di 13.000 decessi nella sola Italia, che ha solo 60 milioni di persone contro i quasi 1,4 miliardi della Cina. La Cina  ha quindi una popolazione 23 volte quella italiana. Eppure i dati cinesi sono notevolmente più bassi di quelli italiani,

Bloomberg riporta che il personale addetto alle comunicazioni della Casa Bianca e dell’ambasciata cinese a Washington non ha risposto immediatamente alle richieste di commento.

“La realtà è che saremmo potuti stare meglio se la Cina fosse stata più disponibile”, ha detto mercoledì il vicepresidente Mike Pence alla CNN. “Ciò che appare evidente ora è che molto prima che il mondo venisse a conoscenza, a dicembre, che la Cina si stava occupando di questo, e forse anche un mese prima, che l’epidemia fosse reale in Cina”.

Mentre la Cina alla fine ha imposto un rigido blocco al di là di quelli delle nazioni meno autocratiche, c’è stato un notevole scetticismo verso i numeri riportati dalla Cina, sia all’esterno che all’interno del Paese. 

In un articolo riportato da Lifesitenews, l’esperto di questioni cinesi, Steve Mosher, aveva detto: “Chiedetevi: qual è la probabilità che la Cina abbia effettivamente ridotto a zero il numero di nuovi casi, come sostiene?”.  “Che in 1,3 miliardi di persone in Cina non ci sia un solo nuovo caso [di contagio da coronavirus]? Direi che la probabilità che questo accada è più o meno la stessa che il PCC scopra una cura per il cancro, stabilisca una base su Marte e inventi viaggi interstellari più veloci della luce, il tutto nello stesso giorno”, ha detto.

Riporta il Corriere della Sera che “la rivista Caixin, nota per il suo giornalismo investigativo, ha pubblicato foto di file troppo lunghe davanti alle grandi agenzie di pompe funebri di Wuhan e di cumuli di casse che sembrerebbero in notevole eccesso rispetto all’esigenza di raccogliere le polveri dei 2.535 morti dichiarati dalle autorità”. Facendo le somme delle urne in consegna, alcuni sono arrivati a calcolare che i morti potrebbero essere stati 42.000. Dello stesso parere Il Sole 24 ore il quale dice: “Che la Cina abbia mentito sui numeri di questa pandemia sembrano esserci ormai pochi dubbi”. “I morti a Wuhan potrebbero essere stati 10mila, ma anche 100mila. In questo momento nessuno è in grado di dirlo. Di certo, nelle settimane dell’inferno, a Wuhan si moriva a casa o per strada, come testimoniano molti video caricati sui social media e sfuggiti alla censura di Pechino”. Dello stesso avviso altre fonti

Ritornando a Bloomberg, questa riporta che Deborah Birx, l’immunologa del Dipartimento di Stato, che è consulente della Casa Bianca sulla sua risposta all’epidemia, ha detto martedì che i resoconti pubblici della Cina hanno influenzato le ipotesi di altre parti del mondo sulla natura del virus.

“La comunità medica  ha interpretato i dati cinesi come: E’ stata una cosa seria, ma più piccola di quanto ci si aspettasse”, ha detto in una conferenza stampa di martedì. “Perché penso che probabilmente ci mancava una quantità significativa di dati, ora che vediamo quello che  è successo all’Italia e vediamo cosa è successo alla Spagna”.

La Cina non è l’unico paese con segnalazioni pubbliche sospette. I funzionari occidentali hanno indicato l’Iran, la Russia, l’Indonesia e soprattutto la Corea del Nord, che non ha segnalato un solo caso della malattia. Altri, tra cui l’Arabia Saudita e l’Egitto, potrebbero non segnalare correttamente i dati, sotto.

Il segretario di Stato americano Michael Pompeo ha pubblicamente esortato la Cina e le altre nazioni ad essere trasparenti sulle loro epidemie. Ha ripetutamente accusato la Cina di coprire la portata del problema e di essere stata lenta a condividere le informazioni, soprattutto nelle settimane successive alla comparsa del virus, e di bloccare le offerte di aiuto degli esperti americani.

“Questa serie di dati è importante”, ha detto martedì in una conferenza stampa a Washington. Lo sviluppo di terapie mediche e di misure di sanità pubblica per combattere il virus “in modo da poter salvare vite umane dipende dalla capacità di avere fiducia e informazioni su ciò che è effettivamente emerso”, ha detto.

“Esorterei ogni nazione: Fate del vostro meglio per raccogliere i dati. Fate del vostro meglio per condividere queste informazioni”, ha detto. “Lo stiamo facendo”.

 

 

Facebook Comments