Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Will Jones e pubblicato su The Daily Sceptic. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Wuhan_Institute_of_Virology_main_entrance
Wuhan_Institute_of_Virology_main_entrance

 

I ricercatori cinesi potrebbero aver iniziato a sviluppare due vaccini Covid nel novembre 2019, prima dell’inizio ufficiale dell’epidemia, secondo un rapporto del Senato degli Stati Uniti. Il Telegraph ne parla.

Le affermazioni sono contenute in un documento di 300 pagine, in cui si conclude che la pandemia molto probabilmente è stata causata da una fuoriuscita dal laboratorio ed è stata il risultato di un “incidente legato alla ricerca” a Wuhan.

Il documento afferma che la teoria secondo cui il COVID-19 sarebbe passato dagli animali agli esseri umani in un mercato non meritava più la “presunzione di accuratezza”.

Il rapporto sostiene che i ricercatori cinesi sembrano aver iniziato lo sviluppo di almeno due vaccini Covid presso l’Istituto di virologia di Wuhan (WIV) nel novembre 2019, il che significa che “il SARS-CoV-2 sarebbe stato presente al WIV prima dello scoppio della pandemia”.

Le affermazioni danno ulteriore credito alla teoria della “fuga” dai laboratori e supportano le accuse che la Cina abbia coperto i primi casi di epidemia.

Il rapporto di 300 pagine, reso noto ad Axios, è la versione completa di un riassunto di 35 pagine pubblicato a ottobre dalla Commissione del Senato per la salute, l’istruzione, il lavoro e le pensioni.

In esso si legge che: “La pandemia COVID-19 è stata, molto probabilmente, il risultato di un incidente legato alla ricerca”.

Nuove informazioni, rese pubbliche e verificabili in modo indipendente, potrebbero cambiare questa valutazione”.

“Tuttavia, l’ipotesi di un’origine zoonotica naturale non merita più il beneficio del dubbio o la presunzione di accuratezza”.

Il rapporto suggerisce che i sostenitori della teoria della trasmissione naturale “devono fornire prove chiare e convincenti” a sostegno della loro tesi.

Concludeva: “La preponderanza delle informazioni afferma la plausibilità di un incidente legato alla ricerca, probabilmente non intenzionale, dovuto a carenze nel contenimento della biosicurezza durante la ricerca sui vaccini”.

Gli scienziati e i servizi segreti statunitensi sono stati divisi sul fatto che la pandemia abbia avuto origine presso l’Istituto di virologia di Wuhan [WIV], che aveva raccolto e manipolato i virus dei pipistrelli, o da una propagazione naturale in un mercato di Wuhan che vendeva animali vivi.

Il rapporto affermava che esistevano “anomalie” tra la Covid-19 e altre malattie che si sono trasmesse naturalmente dagli animali all’uomo.

Inoltre, a distanza di tre anni, non è stata trovata alcuna prova critica che dimostri l’esistenza di una propagazione naturale.

Ha aggiunto che non si sono verificate diffusioni del virus in molti luoghi e in molti momenti, come ci si potrebbe aspettare se questa fosse la causa.

Il rapporto rilevava inoltre che il tipo di pipistrello portatore del virus più simile al COVID-19 viveva a oltre 1.000 miglia di distanza da Wuhan.

Tuttavia, il laboratorio aveva raccolto più di 200 coronavirus e i dipendenti erano stati fotografati mentre maneggiavano i pipistrelli con protezioni inadeguate.

Gli scienziati del laboratorio erano stati coinvolti in ricerche volte a prevenire future pandemie e avevano cercato finanziamenti per ingegnerizzare i coronavirus.

Il rapporto afferma che: “Un incidente legato alla ricerca è coerente con l’epidemiologia iniziale [del Covid-19] che mostra una rapida diffusione del virus a Wuhan, con le prime chiamate di assistenza localizzate vicino al campus originale del WIV nel centro di Wuhan”.

Vale la pena di leggerlo per intero.

Personalmente rimango scettico su questo rapporto. L’autore principale è il dottor Robert Kadlec, un pezzo grosso della biodifesa statunitense di lunga data e architetto del “Progetto Manhattan” sui vaccini e la biodifesa, descritto in dettaglio da Paula Jardine qui. Il coinvolgimento del Dr. Kadlec inficia il rapporto, che è molto simile a quello che gli esponenti dell’establishment della biodifesa statunitense vogliono che si legga, vale a dire che è tutto incentrato su ciò che stava (presumibilmente) accadendo in Cina e nulla su ciò che stava accadendo negli Stati Uniti, i cui scienziati sono stati anche l’opposto della cooperazione con le indagini sulle origini.

Il virus è stato quasi certamente creato in un laboratorio, ma le prove che si tratti dell’Istituto di virologia di Wuhan e che il virus sia stato diffuso accidentalmente sono molto più deboli e alcune delle prove riassunte nel nuovo rapporto sono internamente incoerenti (per esempio, non si riesce a stabilire se l’epidemia di Covid abbia prodotto un forte picco di casi ospedalieri di tipo influenzale all’inizio di ottobre o solo diverse settimane dopo). Ho esplorato a lungo questi aspetti (vedi qui), ma resta il fatto che l’intelligence statunitense non è riuscita a produrre prove documentali chiare che la SARS-CoV-2 fosse presente nel WIV prima del dicembre 2019 o che si stessero sviluppando vaccini specifici prima che l’epidemia fosse nota. Inoltre, le prove documentali in nostro possesso suggeriscono che i primi campioni provenienti dagli ospedali di Wuhan sono stati inviati ai laboratori per l’analisi e l’identificazione solo nell’ultima settimana di dicembre e che quando il virus è stato rilevato per la prima volta le autorità cinesi non erano ancora sicure che si stesse diffondendo tra gli esseri umani. Le loro azioni all’epoca erano coerenti con questa incertezza, dato che le contromisure sono state adottate solo a fine gennaio, dopo che un team di esperti governativi aveva visitato Wuhan e concluso che il virus si stesse diffondendo.

Il WIV ha pubblicato a metà gennaio 2020 la sequenza del nuovo virus accanto a quella del RaTG13, che già deteneva, e ha ammesso che non sembrava che il nuovo virus fosse emerso naturalmente dal RaTG13. Queste non sono le azioni di un’istituzione che cerca di nascondere il fatto di aver creato il SARS-CoV-2 dal RaTG13 o da un virus simile. Il rapporto del Senato ripete l’affermazione che il database del virus WIV era “pubblico” prima di essere messo offline nel settembre 2019, ma se era pubblico perché l’intelligence statunitense non ha una copia di qualcosa di così evidentemente rilevante per la sicurezza nazionale? Non è chiaro se il database sia mai stato pubblico, ed è anche tornato online (dietro un muro di sicurezza) a intermittenza dopo quella data. Non ho alcun interesse a difendere la Cina, voglio solo sapere la verità. Ma non sono convinto che Robert Kadlec sia l’uomo adatto a fornirmela.

Ecco la tabella riassuntiva del rapporto.

 

 

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments