Lo stato comunista della Cina ha chiesto all’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) di permettere al paese di fare da guida nello sviluppo di un passaporto globale per i vaccini, che controllerebbe la libertà di movimento della popolazione mondiale, in modo molto simile all’attuale sistema cinese di credito sociale.

Se ne parla in questo articolo scritto da Michael Haynes e pubblicato su Lifesitenews, che propongo nella mia traduzione all’attenzione dei lettori di questo blog. 

 

passaporto sanitario immunità cinese
Shutterstock via Lifesitenews

 

Lo stato comunista della Cina ha chiesto all’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) di permettere al paese di fare da guida nello sviluppo di un passaporto globale per i vaccini, che controllerebbe la libertà di movimento della popolazione mondiale, in modo molto simile all’attuale sistema cinese di credito sociale.

Il network di notizie cinese sponsorizzata dallo stato, Global Times, ha scritto il 9 marzo che la Cina avrebbe “sostenuto [l’] OMS nella creazione di [una] piattaforma di riconoscimento reciproco delle vaccinazioni”.

Il Global Times ha riferito che gli “esperti” cinesi sarebbero felici di condividere la loro “esperienza” e “supporto tecnico” con l’OMS, “poiché la Cina è il paese più esperto al mondo nell’uso di un sistema di codici sanitari”, essendo l’OMS “l’organizzatore più appropriato per la questione per garantire l’indipendenza, l’equità e la sicurezza dei dati”.

Tuttavia, il testo completo dell’articolo ha rivelato la reticenza, almeno pubblicamente, dell’OMS sul progetto. Si riferiva a una conferenza stampa tenuta dal Dr. Michael Ryan, direttore del Programma Emergenze Sanitarie dell’OMS, in cui ha menzionato le “reali considerazioni pratiche ed etiche” sull’uso dei passaporti dei vaccini.

Nonostante la preoccupazione pubblica di Ryan sull’uso di tali passaporti, il Times ha pubblicizzato la capacità della Cina nel settore, dicendo che potrebbe essere messo in uso a livello internazionale “entro 2-3 mesi e, ottimisticamente, può essere utilizzato per i Giochi Olimpici di Tokyo in programma tra il 23 luglio e l’8 agosto”. La Cina stessa potrebbe costruire una “piattaforma internazionale in una sola settimana”, ha aggiunto Xiang Ligang, il direttore generale della Information Consumption Alliance con sede a Pechino.

Ma Xiang ha notato come sarebbe “meglio che l’OMS, piuttosto che qualsiasi paese o organizzazione regionale, sia l’organizzatore per garantire l’indipendenza, l’equità e la sicurezza dei dati della piattaforma”.

Mentre l’OMS potrebbe “redigere le regole, le procedure e il formato dei dati”, la Cina è ben attrezzata e pronta a costruire efficacemente la piattaforma, a lanciarla e a farla rispettare, ha continuato Xiang. “La Cina è molto disposta a fornire supporto nella condivisione di esperienze e tecniche nella creazione di tale piattaforma, poiché il paese ha una ricca esperienza in questo e ha realizzato la condivisione dei dati tra le piattaforme dei codici sanitari di diverse province e regioni cinesi”.

Ha dichiarato che una partnership cinese con l’OMS sposerebbe la promozione globale con una “tecnologia matura”, credendo che assicurerebbe anche la fiducia del pubblico.

I commenti sono stati fatti mentre la Cina ha lanciato il proprio passaporto dei vaccini attraverso la piattaforma di social media WeChat. Oltre a registrare le informazioni sulla salute dell’utente, lo stato di vaccinazione e i risultati del test COVID, l’app passaporto traccia anche la posizione dell’utente.

Eppure, nonostante la Cina abbia lanciato il proprio passaporto per i vaccini e chieda passaporti globali, gli “esperti di salute” del paese hanno ridicolizzato il piano dell’Unione europea (UE) per i passaporti per i vaccini. Hanno sostenuto che il piano fallirebbe a causa della comparsa di nuove varianti di COVID, i vaccini non sarebbero abbastanza efficaci, e quindi i passaporti dei vaccini non avrebbero senso.

L’attacco al piano dell’UE sembra interamente politico e rivela il desiderio della Cina di una sempre maggiore influenza globale, in quanto cerca di essere l’orchestratore e il progettista dei passaporti dei vaccini per l’intero pianeta.

Il presidente cinese Xi Jinping chiede da tempo un passaporto vaccinale gestito dalla Cina. Già nel novembre 2020, ha parlato a un vertice virtuale del G20, invitando i paesi lì rappresentati a seguire l’esempio della Cina nel produrre e utilizzare i passaporti dei vaccini. Xi ha dichiarato che COVID-19 aveva “esposto le carenze della governance globale”, esortando i leader mondiali a sottomettersi al piano della Cina per il monitoraggio e la sorveglianza globale.

Rispondendo a Xi a novembre, il direttore di Human Rights Watch, Kenneth Roth, ha twittato: “Attenzione alla proposta del governo cinese per un sistema globale di codici QR. Un focus iniziale sulla salute potrebbe facilmente diventare un cavallo di Troia per un più ampio monitoraggio politico e l’esclusione, simile ai pericoli associati al sistema di credito sociale della Cina”.

L’esperienza e la tecnologia matura, di cui la Cina si è recentemente vantata, si riferisce al suo sistema di punteggio di credito sociale. Per un certo numero di anni, lo stato totalitario ha implementato un sistema di credito sociale, che essenzialmente vieta ai cittadini alcuni aspetti della vita quotidiana, a seconda del loro record e punteggio di credito. Esistono numerose versioni locali, ma la versione generale del governo cerca di incorporare i record nazionali, in modo che chiunque passi col rosso o passi troppo tempo a giocare al computer (per esempio) riceva un punteggio basso.

Il punteggio di credito costruisce un nuovo sistema di caste, portando al fenomeno dei laolai, che sono coloro che sono stati dichiarati “inaffidabili” dal partito comunista cinese. Il fondatore del Population Research Institute e regolare editorialista di LifeSiteNews, Steven Mosher, ha descritto come i laolai siano esclusi da lavori decenti, dall’acquisto di una casa, o persino dal prendere i mezzi pubblici veloci. Sono disponibili anche dati geografici sui laolai, in modo che possano essere evitati da chi è ritenuto più affidabile nello stato cinese.

“Ciò che creerà effettivamente, naturalmente, è una cultura della paura e una nazione di informatori”, ha commentato Mosher. “Mentre lo stato progredisce sempre più verso il suo obiettivo di monitorare tutte le attività dei suoi cittadini 24 ore al giorno, sette giorni alla settimana, la società stessa diventa una prigione virtuale”.

La Cina si è vantata recentemente che il sistema di credito sociale ora copre 1,1 miliardi di persone. Già nel maggio 2019, Global Times ha pubblicato un vanto simile su come “13,49 milioni di individui sono stati classificati come inaffidabili e hanno rifiutato l’accesso a 20,47 milioni di biglietti aerei e 5,71 milioni di biglietti per treni ad alta velocità per essere disonesti.”

 

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1