“Cominciamo con il principio più elementare, che è questo: questo brano degli Atti non è socialismo. Il socialismo/comunismo non testimonia la risurrezione del Signore Gesù, né la fede in Dio. Allo stesso modo, non fatevi illudere dalla frase “distribuito a ciascuno secondo il bisogno”. Karl Marx, come ha fatto spesso nel suo scimmiottare e deridere la religione, si è appropriato di questa frase e l’ha riscritta come ‘Da ciascuno secondo le sue capacità, a ciascuno secondo i suoi bisogni’”.

Così Paul Kengor, professore di scienze politiche al Grove City College, in questo suo articolo pubblicato su Crisis Magazine, che vi presento nella mia traduzione. 

 

 

 

Così disse il Rev. Raphael Warnock nel 2016, quattro anni prima che i cittadini della Georgia lo eleggessero senatore degli Stati Uniti.

È un’affermazione strana, anche perché la descrizione “chiesa socialista” è un ossimoro. Non solo i padri della Chiesa ne sarebbero perplessi, ma anche i padri del socialismo. “Socialismo religioso, socialismo cristiano, sono termini contraddittori”, affermava Papa Pio XI nella Quadragesimo Anno, “nessuno può essere allo stesso tempo un buon cattolico e un vero socialista”.

“La religione e il comunismo sono incompatibili, sia teoricamente che praticamente”, ha notato Nikolai Bukharin, direttore fondatore della Pravda. “Il comunismo è incompatibile con la fede religiosa”. A nome dei bolscevichi, ha insistito: “Una lotta a morte deve essere dichiarata contro la religione. Dobbiamo affrontare la religione sulla punta della baionetta”.

E così fecero. Sapevano che religione e socialismo/comunismo erano incompatibili.

(Per la cronaca, il marxismo-leninismo definisce il socialismo come l’ultimo passo di transizione verso il comunismo. Come ha spiegato Lenin: “E questo ci porta alla questione della distinzione scientifica tra socialismo e comunismo. Quello che di solito si chiama socialismo fu definito da Marx la ‘prima’, o fase inferiore, della società comunista”. Il comunismo condivide esattamente lo stesso obiettivo del socialismo, cioè: la proprietà comune dei mezzi di produzione. “Noi ci chiamiamo comunisti”, affermava Lenin. “Cos’è un comunista? Comunismo è una parola latina. Communis è la traduzione in latino di ‘comune’. La società comunista è una società in cui tutte le cose – la terra, le fabbriche – sono di proprietà comune e il popolo lavora in comune. Questo è il comunismo”).

Ciononostante, dichiarazioni come quella di Warnock non sono insolite tra la confusa sinistra religiosa della “giustizia sociale”. Persino i cattolici, che appartengono a una Chiesa che ha rifiutato a gran voce il socialismo/comunismo almeno dal Qui Pluribus di Pio IX nel 1846 (due anni prima che fosse pubblicato il Manifesto Comunista), possono soccombere al sofisma sciatto di pensare che i cristiani possano trovare parentele nel marxismo. Il gesuita America Magazine, nel luglio 2019, ha pubblicato un pezzo sorprendente intitolato “The Catholic Case for Communism“, che molto probabilmente avrebbe portato alla scomunica della rivista secondo il decreto papale di Pio XII del 1949 contro il comunismo.

È un segno dei tempi che i seguaci di una Chiesa con un’insuperata tradizione intellettuale di opposizione al socialismo/comunismo possano pensare che si possa fare un caso cattolico per entrambi. Tuttavia, decenni di un fallito insegnamento ci hanno portato a questo punto imbarazzante.

Ho già scritto qui su questo argomento, e chiaramente avrò bisogno di continuare ad affrontarlo continuamente. Ma scrivo ora a causa della recente lettura del Nuovo Testamento dal Lezionario (portata in settimana), che ha spinto una persona a chiedermi di chiarire come quella lettura dalla “chiesa primitiva” (come la descriverebbe Warnock) supporti o meno il socialismo. Ecco il passaggio da Atti 4,32-35:

La comunità dei credenti era di un solo cuore e di una sola mente, e nessuno pretendeva che uno dei suoi beni fosse suo, ma avevano tutto in comune. Con grande potenza gli apostoli rendevano testimonianza della risurrezione del Signore Gesù, e grande favore era accordato a tutti loro. Non c’era nessun bisognoso tra loro, perché chi possedeva beni o case li vendeva, portava il ricavato della vendita e lo metteva ai piedi degli apostoli, e veniva distribuito a ciascuno secondo il bisogno.

È da questo passaggio che Warnock si è chiaramente ispirato. Ha detto alla chiesa battista Ebenezer di Atlanta, nel 2016:

La chiesa primitiva era una chiesa socialista. So che pensate che sia un ossimoro, ma la chiesa primitiva era molto più vicina al socialismo che al capitalismo. Tornate indietro e leggete la Bibbia. Mi piace ascoltare gli evangelici che stanno sulla Bibbia. Beh, avevano tutte le cose in comune. Prendevano tutto – sto solo predicando la Bibbia – prendevano tutte le loro cose e avevano tutte le cose in comune. Ma anche le persone che dicono di seguire ogni parola della Bibbia, non lo faranno. Ma se solo condividessimo ciò che abbiamo, tutti possono mangiare, tutti dovrebbero avere acqua, tutti dovrebbero avere assistenza sanitaria. È un principio fondamentale.

Beh, non è certo un principio “socialista”.

Cominciamo con il principio più elementare, che è questo: questo brano degli Atti non è socialismo. Il socialismo/comunismo non testimonia la risurrezione del Signore Gesù, né la fede in Dio. Allo stesso modo, non fatevi illudere dalla frase “distribuito a ciascuno secondo il bisogno”. Karl Marx, come ha fatto spesso nel suo scimmiottare e deridere la religione, si è appropriato di questa frase e l’ha riscritta come “Da ciascuno secondo le sue capacità, a ciascuno secondo i suoi bisogni”.

In che modo questo passaggio non ha alcuna somiglianza con il socialismo/comunismo? Per molte ragioni, ma soprattutto il credente religioso che legge questo brano deve capire che il brano tratta di un movimento religioso. Il socialismo/comunismo è un movimento antireligioso.

“Il comunismo comincia dove comincia l’ateismo”, spiegava Marx. Ha scritto: “La religione è il sospiro della creatura oppressa, il cuore di un mondo senza cuore, e l’anima delle condizioni senz’anima. È l’oppio dei popoli”. Lui ed Engels, nel Manifesto Comunista, hanno detto che il comunismo rappresenta “la rottura più radicale dei rapporti tradizionali”. Non cerca altro che “abolire lo stato attuale delle cose”. Lui ed Engels chiusero il Manifesto chiedendo “il rovesciamento forzato di tutte le condizioni sociali esistenti”.

Questo includeva soprattutto la religione. Il socialismo/comunismo è un’ideologia rivoluzionaria che rifiuta completamente la religione.

“Non c’è niente di più abominevole della religione”, dichiarò Vladimir Lenin. Egli disse che “ogni culto di una divinità è una necrofilia”. Faceva eco a Marx: “La religione è l’oppio del popolo. La religione è una specie di alcool spirituale”. Lenin sottolineò l’incompatibilità del socialismo con la religione: “Ognuno deve essere assolutamente libero di… essere ateo, cosa che ogni socialista è, di regola”.

Potrei elencare citazioni come questa una dopo l’altra. Ecco un altro esempio:

William Z. Foster fu il primo grande volto pubblico, nonché presidente, di quello che divenne noto come (e rimane) Communist Party USA, prima del quale era stato con il Socialist Party of America. Notate questa discussione del 1930 che ebbe con il deputato Hamilton Fish durante una testimonianza giurata al Congresso:

Fish: Il vostro partito sostiene l’abolizione e la distruzione delle credenze religiose?

Foster: Il nostro partito considera la religione come l’oppio del popolo, come ha dichiarato Karl Marx, e noi facciamo propaganda per la liquidazione di questi pregiudizi tra i lavoratori. 

Fish: Per essere membro del Partito Comunista, bisogna essere atei? 

Foster: Per esserlo – non c’è nessun requisito formale in questo senso. Molti operai entrano nel Partito Comunista che hanno ancora qualche scrupolo religioso, o idee religiose; ma un operaio che entra nel Partito Comunista, che capisce i principi elementari del Partito Comunista, deve necessariamente essere in procinto di liquidare le sue credenze religiose e, se ha ancora qualche indugio quando entra nel partito, se ne libererà presto.

Deve liberarsene perché non si può essere comunisti e cristiani. (Per la cronaca, in URSS, si doveva essere atei per essere membri del partito comunista, poiché il partito perseguiva militarmente quella che Mikhail Gorbaciov ha descritto come una “guerra all’ingrosso alla religione”).

Per quanto riguarda il passaggio degli Atti, ci sono state a lungo comunità religiose che si si sono impegnate nella proprietà comune. Queste comunità sono guidate da motivazioni religiose. Sono movimenti volontari di libera volontà. I membri accettano di vendere la proprietà e condividere le cose per loro scelta, non sotto la costrizione di uno stato socialista/ateo coercitivo che insiste che ogni cittadino, sotto minaccia di punizione, venda e condivida tutte le risorse.

Una lettura anche superficiale del Manifesto Comunista, o i brutali decreti di Lenin e Stalin e Mao e i Kim e Castro, non mostra alcuna somiglianza con il linguaggio del Vecchio e Nuovo Testamento. Il fatto che certi passi delle Scritture, o certe linee guida degli ordini religiosi, esprimano forme di comunismo non significa che stiano praticando l’ideologia perversa e distruttiva del XIX secolo nota come comunismo/socialismo. Questa è una semplificazione davvero sciocca. Dagli Atti degli Apostoli a, diciamo, i Francescani, questi gruppi sono stati forgiati su un modello cristiano; la religione serviva come loro ancora, il loro timone, la loro forza animatrice – la stessa forza spirituale che il comunismo ridicolizza, rifiuta e cerca di abolire. Leggete qualsiasi scritto di Marx o Engels o Lenin contro Gesù Cristo o Paolo o San Francesco; sono completamente diversi in ogni aspetto significativo. 

Inoltre, la Bibbia offre vigorose difese dei diritti di proprietà, rudimentali come la comprensione implicita nei Dieci Comandamenti del Creatore: non rubare. Rubare è prendere la proprietà di qualcuno, un diritto fondamentale secondo la legge biblica e naturale. L’affermazione di Marx ed Engels nel Manifesto che “l’intero programma comunista può essere riassunto in una sola frase: abolizione della proprietà privata” è completamente antitetica agli insegnamenti di Dio. 

Potrei continuare all’infinito con gli esempi. Nel Nuovo Testamento, individui come il Buon Samaritano o Zaccheo o il proprietario della vigna danno tutti volontariamente le proprie ricchezze o guadagni come atti di benevolenza di libera scelta, non come risposte forzate al fiat dello stato. (Continuate a leggere Atti 4, che nella riga successiva parla del primo dei due discepoli che volontariamente “vendette un pezzo di proprietà che possedeva”).

Chiudo con un consiglio al reverendo senatore Warnock. Viene da Papa Pio XI nella Quadragesimo Anno: “Coloro che vogliono essere apostoli tra i socialisti devono professare la verità cristiana tutta intera, apertamente e sinceramente, e non conniventi con l’errore in alcun modo. Se vogliono veramente essere araldi del Vangelo, si sforzino soprattutto di mostrare ai socialisti che le pretese socialiste, in quanto giuste, sono molto più fortemente sostenute dai principi della fede cristiana e molto più efficacemente promosse attraverso la forza della carità cristiana”. 

Come ha notato Pio XI, non c’è “nessuna ragione per diventare socialisti”. 

In altre parole, diventate semplicemente cristiani – e per favore smettetela con lo sproloquio sul “socialismo cristiano”.

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1