Una riflessione addolorata di Matthew Archbold a margine della crisi della Chiesa statunitense sugli abusi sessuali.

Eccola nella mia traduzione.

foto: (Pixabay/CC0) (ripreso da National Catholic Register)

foto: (Pixabay/CC0) (ripreso da National Catholic Register)

Il potere della storia è al centro dell’umanità. E’ come se i nostri cuori e le nostre menti fossero legati per imparare attraverso la storia. Ecco perché così tanti dei vecchi scherzi iniziano con “due ragazzi entrano in un bar …”. Oh, va bene. C’è tempo, luogo, carattere e siamo sintonizzati. Ci stiamo piegando e stiamo andando avanti per il giro. Allo stesso modo, ma con meno battute finali, Cristo in genere ha tentato di insegnare ai ragazzi sempliciotti intorno a lui qualche punto sulla natura di Dio o la verità, condividendo una parabola.

Come evangelizzatori raccontiamo agli altri la storia di Cristo. Raccontiamo le nostre storie di conversione. Ma le storie che condividiamo con gli altri non sono solo quelle che escono dalla nostra bocca. La storia più importante che dobbiamo raccontare è quella che viviamo. E in questo giorno e in questa epoca in cui una storia può viaggiare per il mondo in pochi secondi, se la vostra retorica si oppone alle vostre azioni (cioè se le nostre azioni non sono in sintonia con quello che diciamo, ndr), le vostre azioni esploderanno attraverso i social media, minando tutto ciò che avrete detto.

Ed è qui che siamo ora. La notizia di questa settimana riguarda un rapporto di 800 pagine del gran jury che dovrebbe citare 300 sacerdoti accusati di abusi sessuali in sei diocesi della Pennsylvania in un periodo di decenni. Sono 300 in solo sei diocesi! Ci sono anche le orribili accuse che esistevano da anni contro l’arcivescovo McCarrick e il silenzio dannoso di molti dei suoi fratelli vescovi.

Questa, purtroppo, è la storia che la gente sta ascoltando oggi dalla Chiesa. Ed è molto diverso da quello che stiamo cercando di raccontare. Per questo motivo menziono l’arcivescovo McCarrick. Nella sua forma attuale, tutto ciò che ha detto nella vita, tutto ciò che ha abbracciato è minato. Perché la storia che, a quanto si dice, ha raccontato con la sua vita è in contrasto con quello che diceva.

I fratelli vescovi di McCarrick tacevano e ancora oggi molti dicono di non averne idea, di non averne indizio. Ma aggiungono frettolosamente che se ci si fida di loro ancora una volta su questa cosa perché facciano ciò che hanno detto che avrebbero dovuto fare prima, questa volta lo faranno davvero. Dicono che una nuova commissione che spinga le vecchie idee (cioè quelle decise nella precedente crisi di abusi sessuali del 2002, ndr) risolverà gli stessi problemi. Ma ecco il punto, non ci fidiamo più di loro per risolvere questo problema. Almeno non conosco nessuno che lo faccia.

La storia della Chiesa in America in questo momento è quella della vergogna. Siamo macchiati con essa. Siamo tutti macchiati. Siamo tutti indeboliti.

Ogni volta che un sostenitore pro-life esorta le persone a proteggere i bambini, alcuni diranno che i cattolici non si preoccupano di proteggere i bambini perché la Chiesa protegge coloro che hanno perpetrato abusi. E queste non sono solo le parole offensive degli oppositori politici, anche se sicuramente brandiranno allegramente i titoli dei giornali contro di loro. Molte persone buone e morali vedono la fede cattolica come qualcosa di più simile a una banda che protegge se stessa, piuttosto che abbraccia la sacra verità. Ci sono ferite reali per le persone reali che le porteranno ad allontanarsi dalla Chiesa e dall’Eucaristia a causa di ciò che è accaduto e di ciò che è stato permesso che accadesse.

Ogni volta che un giovane cattolico si batte per la santità del matrimonio, altri indicheranno l’omosessualità dilagante nel sacerdozio su cui la Chiesa continua a tacere o il pubblico che blatera di alcuni sacerdoti su questo tema.

La storia della Chiesa è la nostra. Siamo noi a difendere la santità della vita e del matrimonio. E noi siamo indeboliti. Non possiamo parlare abbastanza ad alta voce per essere ascoltati riguardo le azioni di molti membri del clero, che si tratti di coloro che hanno commesso atrocità o di coloro che sono rimasti in silenzio.

Voglio scrivere storie sulla gioia della famiglia, sulla mia gratitudine per il perdono di Dio e sulle meravigliose storie dei cristiani che affrontano la persecuzione in tutto il mondo. Questa è la storia che desidero condividere.

Ma purtroppo, questa non è la nostra storia in questo momento.

La Chiesa ha un disperato bisogno di santi. Credo che sia stato sempre così, ma questo bisogno sembra particolarmente acuto all’interno della Chiesa in questo momento. Abbiamo bisogno di qualcuno che dica la verità del Vangelo, le conseguenze siano dannate. Abbiamo bisogno di qualcuno che non abbia paura di pagare il prezzo di dire verità impopolari. Noi chiediamo a gran voce appelli di un certo tipo, piuttosto che il sussurro di parole morbide e prive di significato da parte di pastori più interessati a elevare le proprie carriere piuttosto che le anime al cielo.

Ho sempre creduto che le porte dell’inferno non avrebbero mai prevalso contro la Chiesa. Continuo a crederlo. Ma la verità è che la Chiesa viene attaccata sia dall’esterno che dall’interno. E mentre la Chiesa combatte quelle battaglie, innumerevoli anime si perderanno nella confusione. Non riesco a immaginare una tragedia peggiore delle anime perdute. Le loro storie dovrebbero essere ascoltate e ricordate. E prego che Dio abbia misericordia di loro e di coloro che li hanno condotti sulla strada sbagliata.

 

Fonte: National Catholic Register

 

Facebook Comments