Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da José Lorenzo e pubblicato su Religion Digital. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella traduzione automatica da me curata. 

 

Tawadros II, Papa d’Alessandria e Patriarca della Sede di San Marco, capo della Chiesa ortodossa copta (foto ANSA-Vatican Media)
Tawadros II, Papa d’Alessandria e Patriarca della Sede di San Marco, capo della Chiesa ortodossa copta (foto ANSA-Vatican Media

 

“Dopo una consultazione con le chiese sorelle della famiglia ortodossa orientale, è stato deciso di sospendere il dialogo teologico con la Chiesa cattolica, di rivalutare i risultati che il dialogo ha raggiunto dal suo inizio vent’anni fa e di stabilire nuove regole e meccanismi per il proseguimento del dialogo”. Così la Chiesa copto-ortodossa ha interrotto giovedì lo scambio teologico dei suoi specialisti con Roma, in quella che sembra essere una nuova reazione alla dichiarazione della Fiducia Supplicans sulle benedizioni per le coppie irregolari, compresi gli omosessuali.

Una settimana fa, il metropolita Hilarion, presidente della Commissione Biblico-Teologica del Patriarcato di Mosca, aveva definito il documento della Dottrina della Fede – già respinto con forza dagli episcopati cattolici africani – una “gravissima deviazione dalle norme morali cristiane”.

Ora, questo nuovo colpo al dialogo ecumenico arriva nientemeno che dalla sessione plenaria del Santo Sinodo della Chiesa copto-ortodossa, guidata da Papa Tawadros II, che si è tenuta il 7 marzo presso il Centro Logos della Residenza Papale nel Monastero di Sant’Anba Bishoy a Wadi Natroun, in Egitto, e a cui hanno partecipato 110 dei suoi 133 membri.

“È una benedizione del peccato”

Insieme a questa clamorosa decisione, il sinodo copto ha manifestato la sua “ferma posizione di rifiuto di tutte le forme di relazioni omosessuali, perché violano la Sacra Bibbia e la legge con cui Dio ha creato l’uomo e la donna, e considera qualsiasi benedizione, di qualsiasi tipo, per tali relazioni come una benedizione del peccato, e questo è inaccettabile”.

Allo stesso modo, la Chiesa copta ha rilasciato una dichiarazione che delinea la sua posizione sull’omosessualità, emessa dopo il dibattito sinodale sulla questione, affermando che “Dio ha dato all’umanità il libero arbitrio di vivere secondo la sua volontà divina e il disegno divino del matrimonio tra un uomo e una donna”.

“Coloro che soffrono di attrazione per lo stesso sesso ma controllano questo desiderio sono lodati per i loro sforzi e sono soggetti alle stesse tentazioni degli individui eterosessuali, come pensieri, vista e attrazioni”, si legge nella dichiarazione.

“Che si astengano dalla comunione”.

“Tuttavia”, continua la dichiarazione, “se qualcuno sceglie di abbracciare la propria tendenza omosessuale e rifiuta di cercare aiuto spirituale ed emotivo, ma continua a infrangere i comandamenti di Dio, in questo caso la sua situazione diventa uguale a quella di chi vive in adulterio. In questi casi, si dovrebbe avvertire e consigliare loro di astenersi dalla comunione e di cercare il pentimento.

“Di conseguenza, la Chiesa copta ortodossa si oppone fermamente a tutte le forme di attività sessuale al di fuori dei confini del matrimonio, che considera una distorsione sessuale. Rifiuta fermamente l’idea che contesti culturali diversi possano essere utilizzati per giustificare relazioni omosessuali con il pretesto della libertà umana, poiché ritiene che ciò sia dannoso per l’umanità. Se da un lato la Chiesa crede nei diritti e nelle libertà umane, dall’altro sottolinea che queste libertà non sono assolute e non devono essere usate per violare le leggi del Creatore.

Infine, la dichiarazione mostra il suo impegno ad “aiutare le persone che hanno tendenze omosessuali” e sottolinea “che non le respinge, ma dà loro sostegno e assistenza per aiutarle a raggiungere una soluzione emotiva e spirituale”.

José Lorenzo

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments