Incredibile somiglianza di comportamento tra diocesi anglicana e social quando si denuncia un membro per aver violato la “policy della comunità” mediante un “discorso di odio” nei confronti della sensibilità LGBT. La Chiesa cattolica dovrebbe riflettere. 

Di seguito un articolo scritto da Tyler Arnold, pubblicato su Catholic News Agency. Eccolo nella mia traduzione. 

 

sacerdoti-LGBT-in-Germania

 

Mentre i leader della Chiesa d’Inghilterra si riuniscono in un sinodo controverso sulla possibilità di benedire le unioni tra persone dello stesso sesso, le tensioni sono aumentate quando una diocesi ha denunciato alla polizia un membro laico del sinodo per “incitamento all’odio”.

La diocesi di Coventry ha annunciato di aver denunciato alla polizia il membro del sinodo Sam Margrave, dopo che questi avrebbe postato le sue convinzioni sulla peccaminosità delle relazioni omosessuali. La diocesi fa parte della comunione anglicana e non è in comunione con la Chiesa cattolica.

Margarve ha criticato apertamente i leader della Chiesa anglicana che vogliono benedire le unioni omosessuali e quelli che vogliono andare oltre e celebrare matrimoni per coppie omosessuali.

Il vescovo Christopher Cocksworth della diocesi di Coventry ha informato Margrave di averlo denunciato alla polizia, secondo un comunicato stampa del gruppo di difesa cristiana con sede nel Regno Unito Christian Concern.

“Il segretario diocesano non ha avuto altra scelta, viste le numerose lamentele ricevute, [se non] quella di segnalare i suoi tweet offensivi alla polizia delle Midlands Occidentali, con la quale sta continuando a parlare”, si legge nella corrispondenza.

“La polizia le ha comunicato di essere riuscita a parlare con lei, ma che lei continua a negare di aver fatto qualcosa di sbagliato”.

Contattata dalla CNA, la diocesi ha trasmesso la sua dichiarazione di condanna di Margrave, ma ha rifiutato di commentare ulteriormente la sua decisione di denunciarlo alla polizia.

Nella sua dichiarazione, la diocesi ha scritto che “tutti hanno il diritto di sentirsi al sicuro quando interagiscono online” e ha incoraggiato le persone a leggere un foglio informativo che include informazioni su come ricevere supporto per la salute mentale e segnalare presunti discorsi di odio alle società di social media e alla polizia locale.

“Siamo estremamente dispiaciuti quando un individuo fa commenti che non rispettano le linee guida sui social media pubblicate dalla Chiesa d’Inghilterra e non si comporta in modo consono alla sua carica di membro del Sinodo”, si legge nella dichiarazione.

“Continuiamo a intraprendere tutte le azioni appropriate a nostra disposizione, compresa la segnalazione della questione ad agenzie esterne, e stiamo lavorando per introdurre un Codice di condotta con sanzioni per il mancato rispetto nel nostro Sinodo. Non abbiamo intrapreso queste azioni con leggerezza e lo abbiamo fatto solo in considerazione dell’elevato numero di denunce ricevute da terzi, e solo dopo aver esaurito altre vie, comprese ripetute offerte di sostegno all’individuo interessato”.

Tyler Arnold

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments