Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog stralci dall’articolo scritto da Megan Redshaw e pubblicato su The Epoch Times. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

DNA

 

I gamberi sono diventati l’ultima aggiunta a un elenco crescente di fonti di cibo mirate alla tecnologia di terapia genica con mRNA. Un’azienda israeliana che vuole portare i vaccini a base di mRNA nell’allevamento dei gamberi ha raccolto 8,25 milioni di dollari da un gruppo di venture capitalist per promuovere e migliorare la salute degli animali nelle specie marine attraverso la sua piattaforma di particelle di RNA somministrate per via orale.

ViAqua, una società di biotecnologie, ha creato un prodotto vaccinale a base di RNA che utilizza l’interferenza dell’acido ribonucleico (RNAi) per manipolare l’espressione genica nei gamberi. L’RNAi è un processo biologico in cui le molecole di RNA vengono utilizzate per inibire l’espressione o la traduzione dei geni neutralizzando le molecole di mRNA mirate.

Il vaccino si presenta sotto forma di integratore alimentare rivestito, progettato per aumentare la resistenza al virus della sindrome della macchia bianca (WSSV), un’infezione virale che causa una perdita annuale di circa 3 miliardi di dollari e una riduzione del 15% della produzione globale di gamberi. ViAqua suggerisce che le molecole di RNA possono inibire l’espressione dei geni che causano la malattia con ogni pasto contenente il suo prodotto rivestito.

ViAqua prevede di iniziare la produzione in India nel 2024 e ritiene che la sua tecnologia abbia numerose applicazioni in acquacoltura e non solo, secondo il comunicato stampa.

 

I vaccini a mRNA sono già utilizzati nei suini

L’industria dell’acquacoltura non è l’unico mercato a cui si rivolgono i vaccini a mRNA. Genvax Technologies, una startup che crea vaccini a base di mRNA per gli animali, nel 2022 ha ottenuto un finanziamento di 6,5 milioni di dollari per sviluppare una piattaforma di mRNA auto-amplificante (saRNA) che consente di sviluppare rapidamente un vaccino specifico per la mandria o il gregge, che corrisponde al 100% alla variante circolante alla base di un’epidemia.

La tecnologia di Genvax prevede l’inserimento nella piattaforma di un transgene specifico o di un “gene di interesse” corrispondente alla variante del ceppo. Il saRNA genera quindi una risposta anticorpale senza richiedere l’abbinamento dell’intero agente patogeno al ceppo circolante.

Genvax non è la prima azienda a sfruttare la tecnologia mRNA nei suini. Nel 2018 Merck ha presentato SEQUIVITY, una “piattaforma rivoluzionaria per i vaccini suini” che utilizza la tecnologia delle particelle di RNA per creare “vaccini su prescrizione personalizzati contro i ceppi del virus dell’influenza A nei suini, del circovirus suino (PCV), del rotavirus e oltre”.

SEQUIVITY utilizza il sequenziamento elettronico dei geni per generare particelle di RNA che, una volta iniettate in un animale, forniscono istruzioni alle cellule immunitarie affinché traducano la sequenza in proteine che agiscono come antigeni, in modo simile a come il vaccino COVID-19 induce l’organismo a generare proteine spike. L’idea è che il sistema immunitario dell’animale, quando viene messo alla prova con l’agente patogeno vivo, riconosca l’antigene e susciti una risposta immunitaria.

Sebbene si sostenga che i vaccini che utilizzano la tecnologia a RNA siano sicuri ed efficaci, gli studi sembrano essere scarsi, con poche o nessuna ricerca per determinare gli effetti che il consumo di carne di maiale vaccinata può avere sull’organismo umano.

 

I vaccini a mRNA nei bovini sollevano preoccupazioni tra gli allevatori

Secondo la National Cattlemen’s Beef Association, i vaccini a mRNA non sono attualmente autorizzati per l’uso nei bovini da carne statunitensi. I vaccini sono stati sviluppati per trattare e prevenire le malattie nei bovini, la cui carne potrebbe arrivare sulla tavola.

Ranchers-Cattlemen Action Legal Fund United Stockgrowers of America (R-CALF USA), un’organizzazione nazionale senza scopo di lucro con più di 5.000 membri che si dedica a garantire la redditività e la vitalità dell’industria bovina statunitense, ha sollevato dubbi sull’uso dei vaccini mRNA nei bovini.

Nell’aprile 2023, R-CALF USA ha incontrato medici e un biologo molecolare in merito allo stato delle iniezioni di mRNA nella catena globale di approvvigionamento delle proteine. Il veterinario Max Thornsberry ha riferito che alcuni ricercatori hanno scoperto che l’mRNA e il suo virus codificato potrebbero passare agli esseri umani che hanno consumato latticini o prodotti a base di carne provenienti da un animale a cui è stato iniettato l’mRNA.

Thornsberry ha espresso preoccupazioni circa l’impatto completo e gli effetti a lungo termine sconosciuti del consumo di carne di animali iniettati con vaccini a base di mRNA e ha invitato a condurre ricerche più approfondite. Sebbene gli Stati Uniti non abbiano ancora approvato un vaccino a base di mRNA per l’uso nei bovini, il Paese sta aumentando le importazioni di carne da altri Paesi che vaccinano i bovini con vaccini a base di mRNA o che intendono farlo.

“Questo dimostra l’urgente necessità di un’etichettatura obbligatoria del Paese d’origine (MCOOL)”, ha dichiarato Thonsberry. “I consumatori hanno il diritto di scegliere se consumare o meno carne proveniente da un Paese in cui vengono somministrate iniezioni di mRNA ai bovini, e l’unico modo in cui possono avere questa scelta è che il Congresso approvi l’MCOOL per la carne bovina”.

 



Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments