Rilancio un editoriale apparso sul New York Times a firma di Christopher Caldwell, opinionista e autore di “Reflections on the Revolution in Europe: Immigration, Islam and the West”. La traduzione è a mia cura. 

 

Mario Draghi
Mario Draghi

 

Mario Draghi, che la scorsa settimana ha presentato le sue dimissioni da primo ministro italiano, ha un curriculum straordinario per uno statista contemporaneo: direttore esecutivo della Banca Mondiale negli anni ’80, direttore generale del Tesoro italiano negli anni ’90, governatore della Banca d’Italia negli anni 2000 e presidente della Banca Centrale Europea durante la crisi finanziaria del 2010, durante la quale gli viene riconosciuto il merito di aver salvato l’euro.

Per i partigiani del suo governo, dell’Unione Europea e dell’economia globale, Draghi è diventato un simbolo di continuità democratica di fronte agli sconvolgimenti economici e agli estremismi di parte. In quest’ottica, l’uscita di Draghi, indotta dal boicottaggio del voto di fiducia da parte di tre partiti del suo governo, rappresenta una catastrofe. Il ministro degli Esteri italiano, Luigi Di Maio, lo ha definito un “capitolo buio per l’Italia”.

Per ora Draghi continua a fare il primo ministro ad interim. La candidata a sostituirlo dopo le elezioni di settembre è la politica nazionalista-populista Giorgia Meloni. In una delle sue newsletter, JPMorgan ha descritto le manovre parlamentari che hanno portato all’estromissione di Draghi come un “colpo di stato populista”. Poiché Draghi ha appoggiato le sanzioni alla Russia per l’invasione dell’Ucraina, gli editorialisti italiani condannano i suoi oppositori come “filoputiniani” o “amanti di Putin”.

Ma c’è una stranezza nel ruolo di Draghi come simbolo della democrazia: Nessun elettore ha mai votato per lui. È stato insediato per sbloccare un’impasse politica all’inizio del 2021 su richiesta del Presidente Sergio Mattarella, anch’egli non eletto direttamente. Per quanto Draghi possa essere onorevole e capace, le sue dimissioni sono un trionfo della democrazia, almeno per come la parola democrazia è tradizionalmente intesa.

Il problema dell’Italia è che i suoi governi ora servono due padroni: l’elettorato e i mercati finanziari globali. Forse questo è vero per tutti i Paesi dell’economia globale. Ma non è così che dovrebbe funzionare la democrazia, e l’Italia si trova in una situazione particolare. Con un debito pubblico superiore al 150% del prodotto interno lordo, una popolazione in calo e tassi di interesse in aumento, l’Italia è intrappolata in una moneta comune europea che non può svalutare.

Più volte negli ultimi decenni, la politica ordinaria in Italia è stata sospesa e governi “tecnici” come quello di Draghi sono stati chiamati ad adottare misure di emergenza. Questo significa che il governo italiano sta ascoltando meno i cittadini, anche se li chiama a fare grandi sacrifici e aggiustamenti.

L’elettorato italiano sembra diventare durevolmente populista. Le elezioni italiane del 2018 sono state il terzo grande sconvolgimento antisistemico della metà dell’ultimo decennio, dopo la Brexit e l’elezione di Donald Trump nel 2016. Il Movimento Cinque Stelle, fondato dal comico Beppe Grillo, ha ottenuto un terzo dei voti. Questo partito si è opposto alla corruzione e all’inquinamento e ha chiesto programmi sociali ridistributivi, approvando persino una versione di reddito di base. Ha governato in coalizione con la Lega, un partito populista di destra guidato da Matteo Salvini, che ha puntato a chiudere le coste italiane del Mediterraneo all’immigrazione africana. Il governo, guidato da Giuseppe Conte, era molto popolare.

Quando la Covid ha colpito nel 2020, la Banca Centrale Europea ha promesso all’Italia 200 miliardi di euro in aiuti per la pandemia. Il primo ministro Conte, ormai alla guida di un governo progressista più tradizionale in coalizione con i socialdemocratici, era ancora molto popolare. Ma né l’Unione Europea né l’establishment romano si fidavano di lui per spendere tutti quei soldi. Quando l’ex primo ministro Matteo Renzi ha fatto uscire i suoi alleati dalla coalizione, si è formato un governo di unità nazionale (che comprendeva tutti i partiti tranne quello della Meloni, all’estrema destra) attorno a Draghi, che, si diceva, aveva la “credibilità” per calmare i mercati.

Ma in cosa consiste la credibilità di Draghi? In una democrazia, la credibilità deriva da un mandato popolare. In un “governo tecnico”, la credibilità deriva dai legami con banchieri, regolatori e altri addetti ai lavori. Quando una persona nella posizione di Draghi prende il potere, può non essere chiaro se la democrazia stia chiedendo aiuto alle istituzioni finanziarie o se queste ultime abbiano messo la democrazia in un angolo.

La scorsa settimana, sulla scia delle dimissioni di Draghi, un consulente della banca italiana UniCredit ha posto una domanda ipotetica sulla Banca Centrale Europea: “E se i candidati di destra avessero successo e il mercato obbligazionario cedesse – la BCE dovrebbe intervenire?”. Il “rischio” che i gestori tecnocratici del rischio stanno gestendo potrebbe essere la democrazia stessa.

Il piano di aiuti Covid dell’Unione Europea aveva lo scopo di spingere l’Italia verso le riforme del libero mercato. In cambio degli aiuti, Bruxelles ha ottenuto una maggiore voce in capitolo nel modo in cui l’Italia viene governata. L’Italia ha ricevuto solo 46 miliardi di euro delle somme promesse; saranno necessarie decine di riforme prima che l’Unione Europea distribuisca il resto.

Queste riforme sono diventate antipatiche per molti elettori. Ad esempio, l’Unione Europea voleva che le spiagge italiane fossero aperte alla concorrenza del mercato. Il litorale italiano è di proprietà pubblica. Lo Stato dà concessioni a piccole imprese che gestiscono le spiagge. Queste imprese, spesso gestite dalla stessa famiglia per generazioni, danno lavoro a circa 100.000 italiani.

I partigiani delle riforme, sostenute da Draghi, definiscono le famiglie che gestiscono queste antiche concessioni balneari “monopolisti” che traggono profitto dalla proprietà pubblica. Gli oppositori della riforma, il più volubile dei quali è stato il signor Salvini, direbbero che l’appellativo di “monopolista” è più adatto alle catene alberghiere internazionali che potrebbero spazzare via queste piccole imprese.

L’Unione Europea vuole anche che l’Italia cambi le sue leggi sul trasporto delle auto. In Italia esiste un regime speciale di licenze per gli operatori di auto e autisti, diverso da quello dei taxi. Le licenze sono costose. È difficile formare consorzi in cui un imprenditore possa gestire una scuderia di lavoratori autonomi che si occupano della guida. Finora Uber ha operato in Italia solo in modo limitato.

I sostenitori della riforma del mercato probabilmente considerano un grande furto il fatto che un taxi dal centro di Milano al lontano aeroporto di Malpensa debba costare 100 euro, e probabilmente vedono nella concorrenza di Uber il modo per risolvere il problema. Per gli oppositori, Uber è un problema, non una soluzione.

Molte di queste riforme dovevano essere messe a punto entro la fine dell’anno. La tempistica dell’uscita di Draghi non è quindi casuale. Quando la scorsa settimana si è presentato al Senato per chiedere [la fiducia] e continuare [con il suo governo], molti italiani erano già in collera per l’affronto alla loro democrazia, affronto non giustificato dall’interesse dell’Unione Europea per la stabilità macroeconomica.

Un interesse legittimo. Il debito dell’Italia può ancora avere ripercussioni per i suoi cittadini e per l’Europa. Ma nessuno ha ancora trovato un modo soddisfacente per affrontare il problema del debito in qualsiasi Paese fortemente indebitato. Per risolvere questi problemi può essere necessario iniettare denaro esterno in un sistema politico, e questo si rivela difficile da fare in modo non partigiano.

Se Draghi è il vostro primo ministro, potete avere i soldi per salvare il vostro Paese, è stato detto agli italiani, ma altrimenti no. Date le circostanze, non c’è nulla di “populista” o di amante di Putin o di irragionevole nel preoccuparsi delle conseguenze per la democrazia.

di Christopher Caldwell

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email