Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Robert B. Greving e pubblicato su Crisis magazine. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella traduzione da me curata. 

 

Victor-Manuel-Fernandez
Victor Manuel Fernandez

 

Il titolo è sufficiente per farvi leggere l’articolo.

Ora che il polverone si è sollevato su Fiducia Supplicans, dovremmo guardare alle buone notizie che ne derivano. Come speravano il cardinale Fernández e Papa Francesco, fa chiarezza; ma non è la chiarezza che volevano.

Non chiarisce ciò che il Vaticano aveva detto in precedenza sulla questione. (Ma ha chiarito ciò che molti cardinali, vescovi e sacerdoti credono su molte cose nella Chiesa e persino sulla Chiesa stessa.

Vedete, entrambi i lati della barricata sono d’accordo su ciò che dice. Che siate il cardinale Müller o padre Martin, che siate i vescovi in Germania o i vescovi in Africa, vedete che il documento concede una qualche forma di approvazione della Chiesa a coloro che vivono in “situazioni irregolari”, e per “situazioni irregolari” si intende ciò che è stato definito peccaminoso. È diventato l’ultimo e più significativo test di Rorschach della fede cattolica. Quindi, padre Joe, cosa farà quando Ted e Steve verranno da lei, mano nella mano, dopo la Messa per chiedere la sua benedizione? Ora sapremo qual è la posizione di ciascun sacerdote su questa e, per estensione, su molte altre questioni.

Per questo motivo, Fiducia Supplicans è problematica per coloro che cercano di mantenere questo papato in continuità con i due (o duecento) precedenti. Come nel caso di Amoris Laetitia (e di altri pronunciamenti papali), sembra esserci una chiara rottura in ciò che la Chiesa ha insegnato in precedenza. I successivi chiarimenti hanno solo chiarito la rottura.

Fiducia Supplicans ci costringe anche a chiarire – o, meglio, a realizzare – cosa intendiamo per “liturgico”. Si suppone che la nostra vita ruoti attorno alla liturgia e ne derivi. Se questo è vero, se siamo creati da Dio e soggetti a Lui, può esserci una separazione tra i nostri atti in Suo nome e la nostra vita privata? Ciò che facciamo liturgicamente è una manifestazione di ciò che noi, come Chiesa, crediamo, o può essere qualcosa di “personale” che ogni individuo può interpretare come vuole? Può esistere per un cattolico, tanto meno per un sacerdote cattolico, qualcosa come un atto liturgico “privato”? Può esistere un muro tra ciò che facciamo durante la Messa o i matrimoni o i funerali, o anche nell’indossare una medaglia o uno scapolare, e ciò che facciamo con gli amici, in ufficio o in camera da letto?

Vedo Fiducia Supplicans come una sorta di Obergefell v. Hodges (la sentenza che rese legale il matrimonio omosessuale negli USA, ndr) nella Chiesa. Non c’era davvero bisogno di permettere alle coppie omosessuali di avere lo stesso status giuridico di una coppia sposata. Qualsiasi discrepanza nella proprietà o nella distribuzione monetaria avrebbe potuto essere facilmente rimediata con lievi cambiamenti negli statuti e a nessuno sarebbe importato. Il vero scopo di Obergefell era quello di costringere gli altri a chiamare qualcosa che secondo loro non è (Unmatrimonio ciò che in realtà è una relazione, ndr). Fiducia Supplicans ora non è una questione di diritto civile, ma di fede. E nelle questioni di Fede non ci si può nascondere.

Fiducia Supplicans chiarirà anche questioni di ecclesiologia. Qual è il giusto rapporto tra il Papa, i vescovi e i sacerdoti? In Traditionis Custodes, il Papa ha tolto ai sacerdoti la possibilità di celebrare la Messa in un rito antico, una possibilità concessa (se era necessario concederla) e ampliata dai suoi due predecessori. Con Fiducia Supplicans, ha dato ai sacerdoti una possibilità senza precedenti e dubbia di benedire relazioni omosessuali. Nella Traditionis Custodes ha sostanzialmente detto ai vescovi di “ripulire il pasticcio”, mentre in Fiducia Supplicans ha detto loro: “Non fatevi coinvolgere”. Dov’è la collegialità? Qual è lo scopo di tutti questi sinodi? Qual è lo scopo di un vescovo? È una buona cosa per un vescovo essere costretto a considerare qual è lo scopo del suo ufficio.

Un’altra buona notizia è che molti vescovi hanno esaminato il loro scopo. Un gran numero di vescovi in tutto il mondo sta prendendo una posizione forte e pubblica su una questione morale. Lo fanno a rischio della loro “carriera” ecclesiastica. Stanno agendo come veri pastori per proteggere il loro gregge da idee false. È triste, molto triste, che ciò sia avvenuto in risposta a una dichiarazione del Papa, ma spesso le situazioni tristi ci costringono a impegnarci.

Spero e mi aspetto che questo faccia capire ai vescovi e agli ordini religiosi che devono stare molto attenti a come viene formato e insegnato il loro clero; che ci deve essere un “processo di estirpazione” non solo per quanto riguarda il modo in cui il futuro clero vive, ma anche per quanto riguarda ciò che pensa e ciò in cui crede. Nessuno di coloro che ora prendono le decisioni è arrivato lì per caso o furtivamente. Spesso ci sono arrivati perché i vertici della Chiesa li hanno promossi consapevolmente a causa delle loro convinzioni o perché hanno colpevolmente taciuto. In entrambi i casi, dovrebbe essere chiaro che la responsabilità non è un’opzione.

Questo dovrebbe anche chiarire ai laici dove deve andare la loro decima. Siamo tenuti a sostenere la Chiesa, ma questo può essere fatto in molti modi. Se non siamo d’accordo con ciò che un vescovo o un ordine sta facendo (e la loro risposta a Fiducia Supplicans sarebbe un buon indicatore), allora ci sono altri seminari o comunità che possiamo sostenere.

Quest’ultima disposizione chiarirà le cose per il prossimo conclave. Coloro che si riuniranno in quella sede giudicheranno il papabile sotto tutti i suddetti aspetti; non solo per ciò che questo Papa ha fatto, ma anche per come lo ha fatto. L’ultima domanda all’esame di molti, se non della maggior parte, degli elettori sul possibile successore potrebbe essere: “Qual è stata la sua risposta a Fiducia Supplicans?”. Dopo dieci anni, ora abbiamo una situazione in cui un uomo può lasciare la moglie ed entrare in una relazione omosessuale e non solo ricevere legittimamente la Comunione, ma anche far benedire la relazione omosessuale. Vogliono ancora di più?

C’è una tendenza fin troppo umana a pensare che i disaccordi siano solo il risultato di incomprensioni. “Se solo riuscissi a farti capire cosa intendo, saresti d’accordo”. Dimentichiamo che i disaccordi possono anche essere il risultato di, beh, disaccordi molto chiari. Ricordo di aver discusso con un’amica sull’aborto. “Se solo riuscissi a farle capire che si tratta di un bambino nell’utero”, pensavo. Alla fine mi ha messo a tacere dicendo: “Tu non capisci. Sono d’accordo che è un bambino, ma penso ancora di avere il diritto di ucciderlo”. Che cosa potevo dire?

Da tempo nella Chiesa ci sono disaccordi molto chiari. Questi disaccordi non hanno riguardato la politica, ma questioni di fede e di morale. Sono stati in agguato e hanno ribollito, ma sono stati trascurati o ignorati perché “si è sempre fatto così”. Riconosco a Papa Francesco il merito di aver dimostrato di non essere legato ai precedenti. Sa cosa vuole e lo fa. Ha detto chiaramente che dobbiamo chiederci se questo è ciò che vogliamo che sia fatto.

Dopo i bombardamenti di Londra nella Seconda Guerra Mondiale, è stato necessario ricostruire il Parlamento. Molti volevano che fossero fatte in modo semicircolare, a simboleggiare una gamma di opinioni. Churchill pose il veto, insistendo sulla disposizione precedente che prevedeva che ogni deputato si girasse a destra o a sinistra quando entrava. Voleva che gli uomini si schierassero. Fiducia Supplicans può essere vista come l’ultimo bombardamento della Chiesa. Dobbiamo ricostruire e dobbiamo schierarci. È una cosa buona.

Robert B. Greving

 

Robert B. Greving insegna latino e grammatica inglese in un liceo del Maryland. Dopo essersi laureato alla Dickinson School of Law, ha prestato servizio per cinque anni nel corpo dei J.A.G. dell’esercito degli Stati Uniti.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments