Il ministro della Sanità Lauterbach si è confrontato con storie di tedeschi gravemente danneggiati ed ha dovuto riconoscere la realtà, ammettendo di essersi sbagliato l’anno scorso quando ha affermato con sicurezza che il vaccino COVID era “sicuro ed efficace”. 

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da John Leake e pubblicato sul Substack del dott. Peter McCulloygh. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

Ragazza danneggiata da vaccino COVID
Ragazza danneggiata da vaccino COVID

 

Il 4 dicembre 2022, l’Istituto Paul Ehrlich del Ministero Federale della Salute tedesco ha pubblicato un rapporto intitolato “Casi sospetti di effetti collaterali o complicazioni da vaccino a seguito di vaccinazione con i vaccini COVID-19 bivalenti adattati all’omicron, Comirnaty Original/Omicron BA.1, Comirnaty Original/Omicron BA.4-5, Spikevax bivalente/Omicron BA.1 (registrati in Germania fino al 31 ottobre 2022)“.

Di particolare rilievo è la seguente riga superiore della tabella del documento:

 

 

Come la maggior parte dei lettori di questo Substack sa, Comirnaty è il nome pubblicitario della dose di trasferimento genico di mRNA prodotta da BioNTech Manufacturing GmbH, il creatore tedesco del prodotto commercializzato da Pfizer.

Come si legge nella tabella sopra riportata, il “Numero totale di segnalazioni di casi sospetti” di effetti collaterali e complicazioni in Germania (allo scorso ottobre) era di 202.963 unità.

Il “Numero di segnalazioni di casi sospetti di effetti collaterali gravi” era di 34.315. Il vaccino Comirnaty è stato autorizzato all’uso in Germania il 21 dicembre 2020, meno di due anni prima del periodo di riferimento concluso il 31 ottobre 2022.

I lettori dovrebbero notare che il documento dell’Istituto Paul Ehrlich riportava solo i casi “segnalati”. Come sa chiunque abbia studiato seriamente questo disastro, i casi “segnalati” pubblicati ufficialmente sono probabilmente la punta dell’iceberg, perché i nostri sistemi ospedalieri hanno sistematicamente negato che i pazienti soffrano di gravi effetti collaterali del vaccino.

Il 12 marzo, il ministro della Sanità tedesco Karl Lauterbach è stato intervistato (qui l’articolo in italiano, ndr) dall’emittente televisiva tedesca no-profit ZDF. Il conduttore Christian Sievers l’ha confrontato con gravi lesioni da vaccino, tra cui casi di giovani atleti rimasti invalidi. Come ha dichiarato Sievers a proposito delle persone danneggiate che aveva intervistato:

Quando si parla con queste persone, si sente l’opposto [del vostro attuale riconoscimento delle loro lesioni]: un anno di lotta [per essere ascoltati], sempre di nuovo respinti, nessuno concede loro credibilità. Molti non hanno nemmeno ricevuto una risposta.

Il Ministro Lauterbach riconosce questi danni, si dice molto dispiaciuto e sottolinea che le autorità sanitarie devono riconoscerli rapidamente “mentre si fa lentamente un quadro più chiaro”.

Mentre lentamente si fa un quadro più chiaro. I lettori di questo Substack ricorderanno che il mio coautore, il dottor McCullough, ha iniziato a mettere in guardia su questo tipo di lesioni nella primavera del 2021, un servizio pubblico per il quale è stato perseguitato da allora.

Subito dopo il riconoscimento di tali danni, il Ministro Lauterbach dice una bugia.

I danni gravi sono, secondo i dati dell’Istituto Paul Ehrlich o dell’Autorità europea per le licenze, meno di uno su diecimila vaccinazioni.

Come afferma la tabella sopra riportata, pubblicata dall’Istituto Paul Ehrlich: gli “effetti collaterali gravi” in Germania hanno un tasso riportato di 0,25 su 1.000, o 1 su 4.000.

Inoltre, come ha riferito il dottor McCullough nel suo post su Substack del 4 dicembre 2022 (Trovato morto in casa dopo la vaccinazione COVID-19), un recente studio autoptico tedesco suggerisce con forza che i tassi reali di lesioni gravi da vaccino e di morte sono molto più alti di quanto Lauterbach stia ora riconoscendo.

Tuttavia, l’ammissione del Ministro Lauterbach è un passo importante nella giusta direzione. Sospetto che l’intervista di Christian Sievers sia la più dura a cui sia stato sottoposto un ministro della Sanità (su questo argomento) in un qualsiasi grande Paese sviluppato.

Incoraggio chiunque sia in grado di capire il tedesco a guardare la storia e l’intervista per intero, perché è un raro esempio di come i giornalisti professionisti DOVREBBERO confrontarsi con i funzionari pubblici. I cagnolini castrati che lavorano nell’ufficio stampa della Casa Bianca di Biden potrebbero imparare qualcosa da questa storia.

Il servizio sulle gravi lesioni da vaccino, seguito dall’intervista di Sievers al ministro Lauterbach, inizia a 3:55 del timer (già impostato, ndr).

John Leake

 

 

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments