Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da R. Jared Staudt e pubblicato su Catholic World Report. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella traduzione da me curata. 

 

Giudizio Universale, dettaglio (Stefan Lochner, Pubblico dominio, via Wikimedia Commons)
Giudizio Universale, dettaglio (Stefan Lochner, Pubblico dominio, via Wikimedia Commons)

 

Per decenni abbiamo cercato di cancellare il diavolo, evitando di parlarne o di occuparci di lui. I cattolici pensavano di poter fare a meno degli esorcismi, relegandoli in un passato superstizioso. Gli attacchi demoniaci sembravano appartenere ai film di Hollywood, non alla parrocchia media.

Tuttavia, questa decisione si è ritorta contro di noi, e la necessità di esorcismi sta aumentando in tutto il mondo. I cattolici stanno riscoprendo la natura della guerra spirituale, non solo negli esorcismi formali ma anche nelle preghiere di liberazione recitate dai laici.

La necessità di un esorcismo formale e importante è rara. Tutti, però, hanno bisogno di essere liberati e protetti dall’influenza del nemico. Durante la nostra osservanza della Quaresima di San Michele, i 40 giorni che precedono il giorno di San Michele, il 29 settembre, Exodus, dove lavoro, ha offerto una serie di conferenze intitolate Guerra spirituale 101. Ogni giorno siamo stati immersi in una serie di preghiere di liberazione e di protezione dal nemico. Ogni giorno siamo immersi in una battaglia spirituale, per lo più inconsapevoli delle tattiche del nemico per tentarci. Il suo obiettivo è premere su tutti i nostri tasti, dando suggerimenti, sfruttando le nostre tendenze e mettendo a dura prova le relazioni. Possiamo e dobbiamo reagire, rinunciando a qualsiasi influenza malvagia che abbiamo permesso nella nostra vita e ordinando agli spiriti maligni di allontanarsi da noi.

Le basi della guerra spirituale sono in realtà molto semplici: smettere di commettere peccati mortali ed evitare l’occulto, entrambi elementi che aprono la nostra vita all’influenza del nemico. Bisogna invece confessarsi, pregare ogni giorno e vivere una vita sacramentale. Inoltre, possiamo offrire preghiere di liberazione per ordinare ai demoni di allontanarsi da noi, inviandoli a Gesù per essere giudicati da lui. Ho trovato particolarmente utile il libro Deliverance Prayers for Use by the Laity (Sensus Traditionis Press, 2016). Lo raccomando di cuore, ma è importante dedicare del tempo a conoscere i diversi tipi di preghiere che offre. Per esempio, le preghiere di liberazione generali chiedono a Dio di “rendere impotente, bandire e scacciare ogni potere, presenza e macchinazione diabolica” (38). Esistono preghiere vincolanti più specifiche contro particolari spiriti, quando possono essere identificati, come la preghiera contro uno spirito d’ira o un’altra fonte di afflizione (18). Una volta che è stato ordinato agli spiriti di andarsene, è anche importante pregare per stabilire un perimetro di protezione intorno alla casa e alla famiglia, invocando la Madonna, San Michele e gli altri angeli e santi (39) e pregare contro le ritorsioni (40).

Inoltre, TAN Books ha pubblicato un’utile guida che aiuta a comprendere la natura della guerra spirituale e può guidarci verso la liberazione dall’influenza demoniaca: Il metodo Liber Christo di Dan Schneider: A Field Manual for Spiritual Combat (2023) di Dan Schneider. Il metodo Liber Christo è nato grazie al lavoro di padre Chad Ripperger e dei suoi collaboratori, che hanno guidato coloro che chiedevano assistenza a seguire un protocollo di base per la preghiera e per mettere ordine nella propria vita, offrendo un approccio più completo alla ricerca della libertà spirituale. Si inizia con la rinuncia al male spirituale, interrompendo la fonte dell’influenza demoniaca.

Il secondo capitolo presenta poi l’importanza fondamentale del perdono e la necessità della conversione. Poi spiega come dobbiamo essere edificati con ciò che ci nutre: la pratica regolare dei sacramenti, specialmente la confessione, e una vita di virtù. Il quarto capitolo si addentra più direttamente nella guerra spirituale, stabilendo le regole di ingaggio, che derivano dall’autorità. In Cristo abbiamo autorità sulla nostra vita e sui nostri dipendenti, ma dobbiamo assicurarci di offrire preghiere di comando solo per coloro sui quali abbiamo autorità. Nel capitolo finale, il libro illustra le tattiche del nemico e come rispondere ad esse in preghiera. Ho trovato questo libro la migliore panoramica accessibile sulla natura della guerra spirituale e su come entrarvi in modo completo.

Il diavolo cerca di tenerci nelle tenebre e nella paura. Comprendere la guerra spirituale ci mostra che il Signore ha il controllo e che è pronto ad aiutarci. Egli vuole che siamo liberi e, come suoi discepoli, ci ha dato i mezzi per lottare contro il nemico e persino per ottenere la vittoria su di lui. Per farlo, dobbiamo staccarci da tutto ciò che ci porta in territorio nemico e rimanere radicati in uno stile di vita cristiano. Quanto più profonda sarà la nostra conversione dal peccato a una vita di grazia, tanto più inizieremo a capire le nostre debolezze e come il nemico le sfrutta. Questo ci permetterà di rafforzare le nostre difese e di reagire in preghiera quando riconosciamo un attacco in arrivo.

I cattolici si sono svegliati alla realtà della guerra spirituale che infuria intorno a noi. Abbiamo a disposizione strumenti per addestrarci alla battaglia, in modo da poter entrare nel combattimento con una maggiore comprensione delle tattiche del nemico e di come reagire in preghiera, confidando nella vittoria del vero Re che ha sconfitto ogni male con la sua morte e risurrezione.

R. Jared Staudt

 

R. Jared Staudt PhD, è direttore dei contenuti di Exodus 90 e istruttore della divisione laica del Seminario St. John Vianney. È autore di How the Eucharist Can Save Civilization (TAN), Restoring Humanity: Essays on the Evangelization of Culture (Divine Providence Press) e The Beer Option (Angelico Press), nonché curatore di Renewing Catholic Schools: How to Regain a Catholic Vision in a Secular Age (Catholic Education Press). Con la moglie Anne ha sei figli ed è un oblato benedettino.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments