“Sono profondamente pessimista sul futuro della civiltà occidentale, ma profondamente ottimista sull’umanità e la natura umana”, dice il filosofo e scrittore Peter Kreeft.

Riporto alcuni stralci dell’intervista al filosofo Peter Kreeft nella mia traduzione.

Fonte: Catholic World Report

 

Peter Kreeft, filosofo e scrittore.

Peter Kreeft, filosofo e scrittore.

 

CWR: E’ importante che i cattolici, in particolare, lo capiscano (che la storia della filosofia è importante, ndr)? Perché o perché no?

Kreeft: I cattolici dovrebbero essere particolarmente interessati alla storia della filosofia, in primo luogo, perché in essa hanno avuto un ruolo centrale. Sant’Agostino e (San Tommaso)  Aquino, chiaramente i due più grandi filosofi cristiani di tutti i tempi, sono vicini all’inizio e alla fine della più grande epoca della cultura cattolica, il matrimonio tra fede e ragione, cultura biblica e classica. Siamo stati in un crescente divorzio negli ultimi 500 anni. In secondo luogo, il cattolicesimo ha una grande considerazione per la ragione (nel senso ampio e antico che è più che [uno strumento di] calcolo) e per la filosofia come “amore della sapienza”, dal momento che è parte dell’immagine di Dio in noi, e infatti la sapienza è un attributo divino e la meta autogiustificante per l’umanità secondo le Scritture.

 

CWR: La filosofia è stata chiamata “l’ancella della teologia”. Questo vale anche per i filosofi non cristiani, come i precristiani, i filosofi ebrei e islamici e gli atei?

Kreeft: Certo, nessun agnostico direbbe che la filosofia è la serva della teologia, perché se non c’è Dio non c’è teologia. Ma la maggior parte dei filosofi moderni tratta la scienza moderna allo stesso modo in cui la teologia medievale trattava la teologia: come suo modello e maestra. Tutti devono avere un primo principio, un punto di partenza assoluto, come una causa non causata. Se non è Dio, è un sostituto.

I filosofi ebrei e musulmani sono di solito meno sanguigni sulla capacità della ragione umana di conoscere Dio attraverso la “teologia naturale”. Fin dal IX secolo i riti di Asha sono stati la linea principale della filosofia musulmana. Per loro Dio (Allah) è più che la ragione. Egli non dice: “Vieni, ragioniamo insieme”, ma “Arrenditi”. L’inclinazione dei musulmani all’azione militare sulla Terra deriva da un rapporto militare con Dio: “Non bisogna chiedersi il perché, ma agire o morire”. La propaganda anticattolica è stata usata per satirizzare il cattolicesimo americano [definito] come “prega, paga e obbedisci”. Questo atteggiamento esisteva, naturalmente, ma meno nel cattolicesimo che nel protestantesimo, e più nell’Islam. Ci sono notevoli eccezioni, naturalmente.

 

CWR: Come pensa che la società occidentale abbia sofferto a causa del fatto che la popolazione in generale è diventata sempre meno preparata nel campo della filosofia e della logica? Pensa che si possa rimediare a tutto questo?

Kreeft: Il tema principale della filosofia moderna occidentale fin dal tardo Medioevo è stata la crisi della ragione. Fede e ragione vanno insieme: quando uno si ammala, anche l’altro prende l’infezione. Non più tardi di un secolo fa, la persona media (a) si preoccupava e (b) poteva dire se qualcosa fosse stata logicamente dimostrata o meno. Questo atteggiamento è raro oggi. L’ideologia ha sostituito la razionalità. Sono profondamente pessimista riguardo al futuro della civiltà occidentale, ma profondamente ottimista riguardo all’umanità e alla natura umana, che non è stata progettata ad Harvard o a Hollywood, ma in cielo. Pertanto, può essere risolto, e naturalmente dovrebbe. Dipenderà dal numero di ribelli che ci saranno.

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email