Una acuta analisi della situazione in Ucraina e delle conseguenze geopolitiche quella fatta da Mike Whitney, pubblicata su The Unz Review. Ve la propongo nella mia traduzione. 

 

Vladimir Putin e Henry Kissinger
Vladimir Putin e Henry Kissinger

 

Sapete perché il discorso di Henry Kissinger al World Economic Forum ha suscitato tanto clamore?

Kissinger non ha criticato il modo in cui viene condotta la guerra in Ucraina o la mancanza di progressi sul terreno. No. Quello che Kissinger ha criticato è la politica in sé, è questo che ha scatenato la tempesta di fuoco. Stava gettando una secchiata d’acqua fredda sulle persone che hanno ideato questa politica folle, dicendo loro in faccia che “hanno sbagliato”.

E hanno sbagliato, perché la politica che stanno perseguendo attualmente sta danneggiando gli alleati e gli interessi degli Stati Uniti. Questo è il metro che usiamo per determinare se una particolare politica è stupida o meno e, purtroppo, questa passa il “test della stupidità” a pieni voti.

Mi spiego meglio: La nostra strategia di base è quella di “indebolire” e “isolare” la Russia, interrompendo i suoi legami economici con l’Europa e spingendola in un lungo e costoso pantano in Ucraina. Questo è il piano.

Ora, potreste pensare che sembra abbastanza ragionevole, ma – secondo Kissinger – è il piano sbagliato.

Perché?

Perché la strategia di sicurezza nazionale degli Stati Uniti identifica la Cina come il rivale numero uno dell’America (e certamente lo è) e quindi, naturalmente, qualsiasi politica che renda la Cina più forte va contro gli interessi strategici degli Stati Uniti.

Capito? Quindi, la domanda è: La nostra guerra per procura in Ucraina rende la Cina più forte?

E la risposta è: Certo che sì. Rende la Cina molto più forte perché costringe la Russia a rafforzare le relazioni con la Cina.

Cosa significa questo in termini pratici?

Significa che le relazioni tra la potenza manifatturiera mondiale (la Cina) e il secondo produttore mondiale di idrocarburi (la Russia) sono appena migliorate moltissimo a causa della controproducente guerra di Washington in Ucraina. Ecco cosa significa. Significa anche che, con il miglioramento delle relazioni tra i due Paesi, il ritmo del declino imperiale degli Stati Uniti è destinato ad accelerare, mentre la zona non legata al dollaro si espande e il commercio bilaterale sostituisce gradualmente l’attuale sistema commerciale globale dominato dagli Stati Uniti.

Lo si può già vedere. La guerra in Ucraina ha innescato un crollo sconvolgente del commercio globale, gravi interruzioni nelle linee di approvvigionamento critiche, carenze alimentari ed energetiche senza precedenti e la più grande suddivisione del mondo dalla disgregazione dell’Unione Sovietica. Washington ha deciso di puntare il proprio futuro e quello del popolo americano su un azzardo geopolitico insensato che potrebbe rivelarsi la più grande catastrofe strategica della storia degli Stati Uniti.

Kissinger ha compreso la gravità della situazione ed è per questo che ha deciso di dire la sua. Ma non si è limitato a criticare la politica, ha anche offerto un avvertimento minaccioso che è stato quasi del tutto ignorato dai media. Ecco cosa ha detto:

“I negoziati devono iniziare nei prossimi due mesi prima che si creino sconvolgimenti e tensioni che non saranno facilmente superati. Idealmente, la linea di demarcazione dovrebbe essere il ritorno allo status quo ante (…) Il proseguimento della guerra oltre quel punto non riguarderebbe la libertà dell’Ucraina, ma una nuova guerra contro la Russia stessa”.

È scritto nero su bianco, ma dividiamolo in due parti per capire meglio cosa sta dicendo:

1.  La politica è sbagliata
2. La politica deve essere cambiata immediatamente o il danno per gli Stati Uniti e i suoi alleati sarà grave e permanente. (“I negoziati devono iniziare nei prossimi due mesi”).

Per alcuni potrebbe sembrare un’affermazione troppo apocalittica, ma credo che Kissinger abbia colto nel segno. Dopotutto, guardate i massicci cambiamenti che il mondo ha già sperimentato dall’inizio del conflitto: le interruzioni delle linee di approvvigionamento, la scarsità di cibo e di energia e l’arretramento del progetto di globalizzazione. Cambiamenti piuttosto importanti, direi, ma probabilmente sono solo la punta dell’iceberg. Il vero dolore è ancora davanti a noi.

Come sarà questo inverno quando le bollette del riscaldamento domestico saliranno alle stelle, le industrie di tutta Europa soccomberanno ai costi energetici più elevati, la disoccupazione salirà ai livelli della Grande Depressione e i blackout diventeranno una caratteristica regolare della vita in Occidente? Ecco cosa riserva il futuro all’Europa e all’America se non si inverte la politica e non si raggiunge rapidamente un accordo negoziale.

Putin ha già dichiarato che la Russia non si metterà di nuovo in una posizione di dipendenza economica dall’Europa. Quei giorni sono finiti. Sta invece reindirizzando i flussi energetici critici verso la Cina, l’India e oltre. L’Europa non è più un cliente prioritario, anzi, è emersa come una minaccia per la sopravvivenza della Russia, che continuerà quindi a riorientare la propria produzione verso est.

Quale sarà l’impatto sull’Europa?

È facile. L’Europa pagherà per la sua energia più di qualsiasi altro Paese al mondo. Questa è la scelta che hanno fatto scrollando le legittime richieste di sicurezza della Russia, e questo è il risultato con cui dovranno convivere.

Ecco cosa c’è da sapere:

Nel 2021, la Russia fornirà il 40% di tutto il gas naturale consumato nell’UE.

Nel 2021, la Russia fornirà oltre il 25% del petrolio consumato nell’UE.

Se pensate che queste quantità di idrocarburi possano essere sostituite dai produttori della Nigeria, dell’Iran, dell’Arabia Saudita o di qualche altro luogo lontano, vi sbagliate di grosso. L’Europa si sta buttando a capofitto nella più grande crisi energetica della sua storia e può incolpare solo se stessa. Ecco altre informazioni tratte da un articolo di RT:

“L’attuale crisi energetica potrebbe essere una delle peggiori e più lunghe della storia e i Paesi europei potrebbero essere colpiti in modo particolarmente duro, ha dichiarato martedì il capo dell’Agenzia Internazionale dell’Energia, Fatih Birol. In un’intervista rilasciata alla rivista tedesca Der Spiegel, Birol ha dichiarato che le conseguenze degli eventi in Ucraina potrebbero rendere l’attuale crisi energetica peggiore di quella degli anni Settanta.

Allora si trattava solo di petrolio. Ora abbiamo una crisi del petrolio, una crisi del gas e una crisi dell’elettricità allo stesso tempo”, ha detto Birol alla pubblicazione, aggiungendo che prima degli eventi in corso in Ucraina, la Russia era “una pietra angolare del sistema energetico globale: il più grande esportatore di petrolio al mondo, il più grande esportatore di gas al mondo, un fornitore leader di carbone”.

Nell’ambito delle sanzioni contro l’Ucraina, l’UE ha introdotto restrizioni sui combustibili fossili russi e si è impegnata a eliminarli gradualmente. Birol ha avvertito che i Paesi europei che dipendono maggiormente dal gas russo stanno affrontando un “inverno difficile”, poiché “il gas potrebbe dover essere razionato”, anche in Germania. I suoi commenti sono arrivati mentre il fornitore statale di gas russo Gazprom ha tagliato le forniture ad alcune aziende energetiche in Germania, Danimarca, Paesi Bassi e altri Paesi, dopo che queste non hanno pagato il carburante in rubli come previsto dai nuovi requisiti.” (“Il razionamento del carburante potrebbe arrivare in Europa – AIE”, RT)

Quindi, immagino che morire di freddo al buio sia preferibile all’insistere che l’Ucraina rimanga neutrale e smetta di uccidere i russi dell’est? È questo il “principio” che l’Europa sta difendendo?

Se è così, è una scelta sbagliata.

Ecco qualcosa su cui riflettere: Sapevate che le “miscele di petrolio” non sono tutte uguali?

Perché dovrebbe essere importante?

Perché la Germania attualmente importa il 34% del suo petrolio dalla Russia. E il petrolio russo è una miscela degli Urali di alta qualità, pienamente collaudata, che viene consegnata in grandi quantità attraverso l’oleodotto Druzhba alle raffinerie tedesche, progettate per soddisfare particolari requisiti di lavorazione. Un petrolio diverso proveniente da fornitori diversi metterebbe a soqquadro l’intero processo di raffinazione. Sarebbe necessaria una significativa “modifica delle linee di alimentazione e delle infrastrutture, un impianto di distillazione atmosferica, un sistema di distillazione sottovuoto, un’unità di cat-crack, un impianto di visbreaking, un’unità di alchilazione, un reformer catalitico, un’unità di isomerizzazione e un impianto di etil-terziario-butil-etere (ETBE). Inoltre, nuove strutture di stoccaggio e attrezzature di movimentazione per l’alimentazione di Rostock in sostituzione dell’oleodotto di Druzhba, in funzione 24x7x365”. (“Il problema delle raffinerie in Germania”, The Saker)

Quindi, le miscele di petrolio non sono tutte uguali?

No, nemmeno lontanamente. Inoltre, gli esperti del settore stimano che le modifiche alla raffineria richiederanno circa 6 anni per essere completate. Nel frattempo, la crescita economica della Germania – che è strettamente legata al consumo di energia – subirà un drastico calo, le aziende chiuderanno, la disoccupazione aumenterà e il Paese più potente e produttivo dell’UE sarà messo in ginocchio.

Forse qualcuno nel governo tedesco avrebbe dovuto pensare a queste cose prima di decidere di boicottare il petrolio russo?

Il punto che stiamo cercando di fare è semplice: Kissinger ha ragione e i pagliacci neocon che hanno architettato la fallimentare strategia per l’Ucraina hanno torto, torto marcio. E, se non convochiamo “negoziati… nei prossimi due mesi”, come consiglia Kissinger, allora la rottura con la Russia sarà definitiva e irreversibile, e a quel punto le voluminose risorse energetiche, le ricchezze minerarie e i prodotti agricoli della Russia saranno per sempre indirizzati verso est, verso nazioni più amiche. E questo infliggerà terribili sofferenze sia agli Stati Uniti che ai loro alleati in Europa.

L’unica linea d’azione ragionevole è quella di chiedere un cessate il fuoco immediato, in modo che i colloqui di pace possano iniziare il prima possibile.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments