Pubblichiamo la traduzione di un articolo del The Indian Express che riporta un interessante intervento in Slovacchia del Ministro degli Esteri del governo indiano, dr. S. Jaishankar.

 

Subrahmanyam Jaishankar, Ministro degli Esteri dell’India

 

Intervenuto al forum Globsec 2022 in Slovacchia Jaishankar, rispondendo a una domanda sulla posizione ufficiale dell’India sul conflitto in Ucraina, ha dichiarato: “L’Europa deve uscire dalla mentalità che i problemi dell’Europa siano i problemi del mondo, mentre i problemi del mondo non riguardano l’Europa”.

Sottolineando che i problemi dell’India con la Cina “precedono” il conflitto in corso in Europa, venerdì il ministro degli Esteri S. Jaishankar ha detto che i tentativi di stabilire collegamenti tra le due situazioni sono fuori luogo. Ha difeso la posizione di Nuova Delhi sull’aggressione della Russia contro l’Ucraina, dicendo che “la versione caricaturale di una situazione” non dovrebbe essere usata come metro di giudizio per esprimere giudizi radicali.

Intervenuto al forum Globsec 2022 in Slovacchia, Jaishankar, rispondendo a una domanda sulla posizione ufficiale dell’India sul conflitto in Ucraina, ha dichiarato: “L’Europa deve uscire dalla mentalità che i problemi dell’Europa siano i problemi del mondo, mentre i problemi del mondo non sono i problemi dell’Europa”.

“C’è un collegamento che viene oggi stabilito. Un legame tra Cina e India e ciò che sta accadendo in Ucraina. Quindi, andiamo ragazzi, voglio dire che le cose fra Cina e India sono successe molto prima che accadesse qualcosa in Ucraina. I cinesi non hanno bisogno di un precedente da qualche altra parte nel mondo su come coinvolgerci o non coinvolgerci, fare i difficili con noi o non fare i difficili con noi. Sinceramente non lo vedo come un argomento molto intelligente, è molto egoistico “, ha detto.

Stava rispondendo a una domanda sul fatto se l’India sarà in grado di cercare sostegno se ci saranno ulteriori schermaglie lungo il suo confine con la Cina. Martedì scorso, nell’ambito dei colloqui sullo stallo al confine dopo una tregua di sei mesi, India e Cina hanno ripreso i negoziati attraverso canali diplomatici e militari.

“Abbiamo un rapporto difficile con la Cina. Siamo perfettamente in grado di gestirlo. Se ottengo comprensione e supporto globali, ovviamente è un aiuto per me. Ma questa idea che io transiti, cioè che mi butti nel conflitto uno perché ciò mi aiuterà nel conflitto due, non è così che funziona il mondo. Molti dei nostri problemi con la Cina non hanno nulla a che fare con l’Ucraina, non hanno nulla a che fare con la Russia, sono precedenti. E se entriamo nel merito di chi tace su quale questione e in quale momento, potrei indicare un sacco di situazioni in cui, come ho detto, l’Europa ha mantenuto la propria pace”, ha aggiunto.

Sostenendo che la posizione dell’India sull’Ucraina è stata “mal rappresentata”, Jaishankar a supporto ha presentato la dichiarazione di Nuova Delhi che condanna i massacri nella città ucraina di Bucha. L’India aveva “condannato inequivocabilmente” le uccisioni, e sostenuto al tempo stesso le richieste di una “indagine indipendente” sull’incidente, a seguito dell’indignazione globale.

Sottolineando che “il mondo non può essere così eurocentrico come lo era in passato”, Jaishankar ha detto: “Se dovessi prendere l’Europa collettivamente, è stata stranamente silenziosa su molte cose accadute ad esempio in Asia, allora ci si potrebbe chiedere perché qualcuno in Asia dovrebbe fidarsi dell’Europa su qualunque cosa”.

Le ultime dichiarazioni di Jaishankar sono coerenti con i suoi recenti interventi, dal momento che è stato molto incisivo sull’Europa negli ultimi mesi.

Nell’aprile di quest’anno, rispondendo candidamente alle domande dei ministri e dei leader europei al dialogo Raisina sulla crisi derivante dal conflitto Russia-Ucraina, Jaishankar aveva indicato le sfide in Asia e nel vicinato dell’India – in Afghanistan e sul versante Cina – affermando che si trattava di un “campanello d’allarme” per l’Europa osseervare questi casi in cui le crisi si stanno verificando.

A Washington DC all’inizio di aprile, sulla questione degli acquisti di petrolio, Jaishankar aveva detto che gli acquisti totali dell’India per il mese sarebbero stati “inferiori a quelli che l’Europa fa in un pomeriggio”.

A marzo, con l’ascolto del ministro degli Esteri britannico Liz Truss, Jaishankar aveva affrontato la questione delle sanzioni dicendo che “sembra uno spot elettorale”, e che l’Europa sta acquistando più petrolio dalla Russia di prima, nonché la maggior parte degli acquirenti di petrolio e gas russi proviene da paesi europei.

Respingendo i suggerimenti secondo cui l’India è un “guardiano del recinto” sulle questioni globali, Jaishankar ha detto venerdì che non crede necessariamente che l’India debba scegliere tra i due assi rappresentati da Stati Uniti-Europa e Cina-Russia. “Guardate, non sono mutualmente esclusivi, e noi siamo una democrazia. Siamo un’economia di mercato. Siamo una società pluralista. Abbiamo leggi e contratti, abbiamo posizioni sul diritto internazionale e penso che questo dovrebbe fornire gran parte della risposta”.

“Il fatto che oggi ci sia un raggruppamento come il Quad dove sono state prese decisioni molto importanti sulla connettività, sulle telecomunicazioni, sulle catene di approvvigionamento, sulla sicurezza informatica e sulla consapevolezza del dominio marittimo, dovrebbe dire in quale direzione stiamo andando. Non bisogna usare una versione caricaturale di una situazione come unità di misura per esprimere un giudizio radicale”, ha detto Jaishankar.

Sull’India che funge da possibile canale per la vendita di petrolio russo ad altri paesi, ha detto: “C’è un’enorme carenza di petrolio, c’è una carenza fisica di petrolio, ottenere l’accesso al petrolio è difficile. Un paese come l’India sarebbe pazzo a prendere il petrolio da qualcuno e venderlo a qualcun altro. Questa è una sciocchezza”. Ha anche respinto le notizie secondo cui l’India stava permettendo “il transito di petrolio”.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments