Una testimonianza importante di un medico che ha salvato la vita a dei pazienti con l’Ivermectina e che per questo ha subito conseguenze sul piano personale e professionale in seguito ad una denuncia. 

La testimonianza è stata riportata su peckford42, e ve la propongo nella mia traduzione.

 

 

Venerdì sera, sui gradini della Vancouver Art Gallery, per celebrare il 75° anniversario del Codice di Norimberga, il Dr. Nagase ha pronunciato questo potente discorso.

 

Padrino della cerimonia: Joseph Roberts, editore e fondatore di Common Ground Magazine


Il dottor Daniel Nagase è medico da oltre 15 anni, si è laureato alla Dalhousie Medical School nel 2004.
È un medico di emergenza da 10 anni e lavora nelle comunità rurali meno servite di tutta l’Alberta dal 2015.
Ha una storia che gli piacerebbe condividere con voi su quello che è successo dopo aver somministrato ai pazienti Covid Ivermectina in un piccolo ospedale a ovest di Red Deer.


Grazie Joseph,

È meraviglioso vedere tutti voi qui a ricordare [Il processo di] Norimberga. 

E questo è il punto chiave qui, ricordare.
Non solo le infermiere e i dottori che stanno aiutando dicendo la verità, persone come il dottor Charles Hoffe a Lytton, ma anche per ricordare i dottori nell’amministrazione ospedaliera, i dottori del collegio dei medici e chirurghi, i dottori che vedete in TV che stanno ostacolando i farmaci salvavita,

Lasciate che vi racconti cosa è successo a Rimbey Alberta, una piccola città, un paio d’ore a ovest di Red Deer. Mi ha scioccato.
Ho iniziato sabato mattina al pronto soccorso e quando è arrivato il momento di fare il giro dei pazienti del reparto, l’infermiera responsabile mi ha informato che 3 dei pazienti nell’ala COVID si erano aggravati durante la notte. 

Tutti i pazienti erano sotto ossigeno ed estremamente a corto di fiato. L’unico farmaco che questi pazienti stavano assumendo erano gli steroidi. 

Un farmaco che riduce l’infiammazione ma aumenta le possibilità di un’infezione batterica sopprimendo il sistema immunitario.

Esatto, l’unico farmaco che assumevano i pazienti covid in questo ospedale erano gli immunosoppressori.

Una donna ha detto che sembrava che l’avessimo messa in un angolo a morire. Non stavamo facendo niente per lei.

Le ho detto, non posso parlare per i soliti dottori [che hanno operato] durante la settimana, ma è il fine settimana e farò di tutto per aiutare.

Ho offerto Ivermectin. Voleva provarla perché ne aveva sentito parlare solo bene. Tutti e 3 i pazienti volevano provare l’ivermectina.

L’ospedale non ne aveva, quindi abbiamo dovuto chiedere il farmaco alla Farmacia Centrale del Red Deer Hospital.

Si sono rifiutati di inviare Ivermectin. Il farmacista centrale di Red Deer ha affermato che l’ivermectina era inutile per il COVID.

Mi ha persino fatto contattare dal direttore della farmacia per tutta l’Alberta per dirmi che l’Ivermectina non funzionava.
Il direttore della farmacia per i servizi sanitari dell’Alberta è il dott. Gerald Lazarenko. Ricordate quel nome.
È sia un farmacista che un medico. E ha insistito sul fatto che l’Ivermectina non aveva posto nel trattamento del COVID.

Quindi abbiamo controllato le farmacie locali. E Dio benedica quell’infermiera incaricata, sebbene entrambe le farmacie in città non avessero l’ivermectina, c’era un farmacista che avrebbe fatto tutto il possibile per averne un po’ anche se ci fosse voluto tutto il giorno.

Non potevamo aspettare tutto il giorno, i miei pazienti erano malati. Così ho iniziato per tutti con la cosa migliore, l’idrossiclorochina, che aveva l’ospedale.

Ho anche iniziato con la vitamina C, la vitamina D e lo zinco.

E poiché i pazienti tossivano e avevano il fiato corto ho dato loro [dei prodotti per inalazione]… Salbutamolo e Flovent, gli stessi inalatori che sono stati usati per l’asma per oltre 50 anni.

Gli ho dato anche l’azitromicina.

Sorprendentemente, nel tardo pomeriggio, il farmacista della città ha trovato finalmente dell’ivermectina.

Non riusciva a prenderlo dalla sua solita scorta di prodotti chimici, perché era sabato. Doveva ottenerlo da una fornitura agricola.
Ha controllato che fosse esattamente la stessa Ivermectin che un farmacista darebbe a una persona, l’ha riportata in farmacia e lha controllata di nuovo.
Poi mi ha chiamato con la buona notizia.

Ho consegnato Ivermectin a ciascuno dei miei 3 pazienti con la loro dose esatta in base al loro peso.

E non indovinerete mai cosa è successo dopo.

Poche ore dopo che [i pazienti] hanno preso l’Ivermectina, ho ricevuto una chiamata dal direttore medico della Zona Centrale. La dottoressa Jennifer Bestard. 

Mi ha chiamato per dirmi che mi era proibito dare l’Ivermectina ai pazienti. 

Le ho detto che non aveva mai incontrato i pazienti, non era il loro medico e non aveva il diritto di cambiare le cure dei miei pazienti senza il permesso del paziente.

Ha detto che l’Ivermectina era vietato dall’ospedale. Anche se i pazienti avessero avuto la loro Ivermectina. (Che avrei volentieri dato a un parente in modo che potesse consegnarla a loro), I pazienti non sarebbero stati autorizzati a prendere la propria ivermectina.
Ha detto che era una violazione della politica dei servizi sanitari dell’Alberta dare Ivermectina per COVID.

Ma non era abbastanza. Il giorno dopo ha chiamato l’ospedale e mi ha dato un preavviso di 15 minuti perché sarei stata sollevata dai miei doveri.

Le ho detto che era irragionevole. Avevo un pronto soccorso pieno di pazienti che non potevano essere visitati in 15 minuti.

Un’ora dopo un altro medico locale è venuto a sostituirmi.

Non volevano nemmeno che controllassi i pazienti a cui avevo dato l’Ivermectina.

Nemmeno 24 ore dopo aver preso Ivermectina, 2 dei miei 3 pazienti erano quasi completamente migliorati. Erano fuori dal letto in giro e tutti i sibili che avevo sentito nei loro polmoni il giorno prima erano spariti.

Sono bastate circa 18 ore e 1 dose di Ivermectina.

Il terzo paziente che aveva 95 anni è rimasto lo stesso. Non era peggiorato come aveva fatto la sera prima.

Ho scoperto in seguito che non appena avevo lasciato l’ospedale di Rimbey, il medico successivo che era venuto a sostituirmi aveva interrotto gli antibiotici, aveva interrotto tutte le vitamine, aveva persino interrotto le inalazione dei pazienti.

A poche ore dalla mia dimissione dall’ospedale, questo dottore ha persino portato via gli inalatori della paziente, per aiutarla a respirare.

Ai pazienti non erano nemmeno permesse le vitamine.

Per fortuna, entrambi i miei pazienti di 70 anni che avevano avuto un recupero immediato dopo una singola dose di ivermectina hanno lasciato l’ospedale quella settimana.

(Vorrei parlare brevemente agli operatori sanitari in mezzo alla folla)
Nessun medico toglierebbe antibiotici e inalatori per QUALSIASI polmonite virale, per non parlare del COVID. Nessun medico lo farebbe a QUALSIASI paziente con una polmonite. A meno che non fossero… Beh, ti lascio pensare a questo. Dopotutto, stiamo ricordando Norimberga.
E per gli operatori sanitari, voglio che tutti noi pensiamo a questo molto approfonditamente.

Ma c’è di peggio, nel mio breve giorno e mezzo nella piccola città di Rimbey, ho visto 2 pazienti che erano stati da poco dimessi dal Red Deer Hospital dopo essere stati nel reparto COVID.
Sono stati mandati a casa con NIENTE. Nemmeno [un prodotto per] inalazione.

Questi pazienti sono finiti al pronto soccorso di un piccolo ospedale in cerca di aiuto. Pochi giorni dopo essere stati rimandati a casa senza niente da un ospedale per la terza età.

C’è qualcosa di maligno in corso. Spero che tutti voi possiate vedere il quadro più ampio.

Questo è [qualcosa di] più [del fatto] che avere tutti i miei incarichi di cura delle piccole comunità cancellati per il resto dell’anno.

Questo è [qualcosa di] più [del fatto] che il direttore medico, il dottor Fraincois Belanger, mi abbia bandito dalla pratica ospedaliera in tutta l’Alberta.

Solo una settimana dopo aver somministrato l’Ivermectina e poi presentato una denuncia contro il direttore della farmacia dell’Alberta,  una denuncia inviata al Collegio dei medici e dei chirurghi, riguardo al direttore della farmacia di un’intera provincia che negava 11 pagine di studi che mostravano lo 0% di mortalità per i pazienti a cui era stato somministrata l’Ivermectina.

Studio dopo studio dopo studio, 0% di mortalità, 0% di mortalità, 0% di mortalità… con l’Ivermectina.

E nel COVID “grave”? Una riduzione del 50% della mortalità con Ivermectina.

Questo è tutto nel rapporto sull’Ivermectina dell’Albertat Health Services.

Appena una settimana dopo che avevo presentato una denuncia secondo la quale il dottor Gerald Lazarenko stava trattenendo un farmaco salvavita da un’intera provincia, il collegio dei medici e chirurghi dell’Alberta ha vietato a medici e farmacisti di somministrare ivermectina ai pazienti.

Dobbiamo ricordare.
Siamo qui per ricordare.
Non solo le persone che sono morte per la sperimentazione medica.

Siamo qui per ricordare le persone di oggi.
Siamo qui per ricordare ogni singolo medico, avvocato ed esperto di etica medica che siede nel consiglio di amministrazione del collegio BC che sta indagando sul dottor Charles Hoffe per aver detto la verità.

Siamo qui per ricordare ogni medico che ha impedito ai pazienti di avere un farmaco salvavita.

E per cosa? Per aumentare la mortalità? Creare una “crisi” in terapia intensiva? Per creare uno stato di emergenza?

Tutto per spingere un vaccino?

Dobbiamo ricordare, le persone del passato. E le persone di oggi.

La storia si ripete.
Norimberga accadrà di nuovo.
Dobbiamo ricordare.

 

 

Facebook Comments