Rilancio un articolo di dicembre dell’anno scorso, quasi un anno fa, pubblicato su The Local che fa molto riflettere sulla politica del Ministero della Sanità italiano e sul comportamento degli ordini dei medici.

 

Vaccino-covid
(AP Photo/Matt Rourke, File)

 

Il professor Preben Aavitsland, consulente medico senior dell’autorità sanitaria, ha dichiarato all’emittente nazionale NRK, tramite un’e-mail, che “non è necessario” che le persone che sono state sottoposte a doppia vaccinazione, ma che successivamente sono state infettate da Covid-19, ricevano un richiamo in questo momento.

Questo consiglio vale indipendentemente dalla variante responsabile dell’infezione, secondo il rapporto della NRK.

“Lo scopo della terza dose è rinfrescare l’immunità contro il coronavirus. Se si viene infettati prima della terza dose, il virus stesso agisce come un rinfresco dell’immunità. In questi casi, la terza dose non è necessaria. Questo vale indipendentemente dalle varianti”, ha detto Aavitsland.

Il funzionario del NIPH non è stato il solo ad affermare che un richiamo non è attualmente necessario per coloro che sono stati infettati da Covid-19 dopo le prime due dosi.

“Se siete sani e avete meno di 65 anni, allora: no. Non ne avete bisogno”, ha dichiarato alla NRK il ricercatore senior Gunnveig Grødeland dell’Università di Oslo.

Una singola dose di vaccino seguita da un’infezione sarebbe “equivalente a due dosi (di vaccino). Tutto dipenderebbe dal momento (dell’infezione)”, ha aggiunto.

La NIPH raccomanda una seconda dose di vaccino indipendentemente dal fatto che sia avvenuta un’infezione tra la prima e la seconda dose.

Nei casi in cui una persona sia stata infettata dopo la prima dose, la seconda dose viene somministrata tre mesi dopo l’infezione.

Sia le tre dosi che le due dosi seguite da un’infezione creano una risposta immunitaria che offre “un’ottima protezione contro le malattie gravi (con Covid-19)”, ha aggiunto.

La Norvegia raccomanda un richiamo del vaccino Covid-19 per le persone di età superiore ai 45 anni a 20 settimane o quattro mesi e mezzo dopo la seconda dose del corso originale. Il Paese intende invitare tutte le persone idonee per il richiamo del vaccino entro la metà di gennaio.

I dati più recenti del NIPH mostrano che 1,2 milioni di persone in Norvegia hanno già ricevuto il richiamo.

 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email