Foto: chiesa irlandese

Foto: chiesa irlandese

Questo momento, in cui il principio della vita è stato eliminato dalla legge irlandese, è inquietante. Gli irlandesi hanno una storia di eventi che colpiscono in modo sproporzionato in ciò che è conosciuto come civiltà occidentale.

Dobbiamo un enorme debito di gratitudine verso coloro che hanno lottato per mantenere l’Irlanda un paese favorevole alla vita, e la cui lotta proseguirà. Come uno dei loro leader ha dichiarato dopo la devastazione: “Ogni volta che la vita di un bambino non ancora nato finirà in Irlanda, ci opporremo e faremo sentire la nostra voce”.

L’ammissione formale dell’Irlanda tra i paesi ben pensanti  favorevoli all’aborto non sorprende. Nel 2015, l’Irlanda ha introdotto il matrimonio tra persone dello stesso sesso, anche con un referendum. Entrambi i cambiamenti hanno ricevuto un sostegno crescente molto prima della loro adozione formale.

La gerarchia cattolica irlandese non è stata in grado di influenzare nessuno dei due dibattiti. Nel 2010 Benedetto XVI ha censurato il loro maltrattamento collettivo nello scandalo degli abusi sui minori. Ha detto ai vescovi: “Voi ed i vostri predecessori avete fallito, a volte gravemente”, osservando che i loro “gravi errori di giudizio” e i “fallimenti di guida” avevano “minato la vostra credibilità ed efficacia”. La fede irlandese ha brillanti ed energici difensori laici e molti meravigliosi sacerdoti e religiosi, ma poca voce ecclesiale.

In una lettera pastorale agli irlandesi dello stesso anno, papa Benedetto XVI ha richiamato l’attenzione sul ruolo civilizzatore che i cattolici irlandesi hanno svolto in Occidente:

“Storicamente, i cattolici d’Irlanda hanno dimostrato una forza enorme per il bene in patria e all’estero. I monaci celtici come San Colombano diffusero il Vangelo nell’Europa occidentale e gettarono le basi della cultura monastica medievale. Gli ideali di santità, carità e sapienza trascendente nati dalla fede cristiana trovarono espressione nella costruzione di chiese e monasteri e nell’istituzione di scuole, biblioteche e ospedali, che contribuirono a consolidare l’identità spirituale dell’Europa”.

I monaci irlandesi, compresi quelli dei monasteri fondati dagli irlandesi nelle isole britanniche e nel continente, preservarono ciò che valeva la pena di preservare in Occidente dopo la caduta dell’Impero Romano – l’originale “opzione Benedetto“.

Il voto irlandese non introduce nulla di nuovo, ma suggella qualcosa che è in corso da decenni. L’affermazione del primo ministro irlandese che sostiene che il referendum segna “una rivoluzione tranquilla” è sbagliata; è un consolidamento rumoroso di decenni di progressivo cambiamento sociale e relativismo laico attentamente pianificati.

Se il momento sembra particolarmente inquietante, a cosa possiamo paragonarlo? Ci sono molti casi nella storia occidentale in cui qualcuno ha cercato di scacciare la repressione di un vecchio ordine: La Riforma di Lutero; Cartesio e Bacone che scacciano le cause finali nelle scienze fisiche; Machiavelli e Hobbes che fanno la stessa cosa in politica; l’assalto della Bastiglia in Francia e la sostituzione della ragione scardinata alla fede soprannaturale; l’abbandono della fede da parte del Québec cattolico; Roe v. Wade (sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti d’America del 1973 che introduce negli USA l’aborto, ndr) e il recente destino di Alfie Evans.

Il fatto che l’Irlanda, quasi sola in Occidente, legasse la sua legge rigorosamente al principio della illegalità dell’omicidio in tutte le fasi della vita è stato molto importante. La legge, dice san Tommaso d’Aquino, è “un’ordinazione della ragione al bene comune promulgata da colui che è incaricato di responsabile dalla comunità. L’Irlanda è stata l’ultimo grande campione di una legge fondamentale che ha comandato e insegnato il bene comune secondo la ragione, l’ultimo pezzo di contrattazione che i cittadini del lungo corrotto Occidente potrebbero usare per negoziare con il Signore, come Abramo quando ha pregato la misericordia per Sodoma nel caso alcuni giusti fossero trovati lì.

Anche questo momento è paragonabile alla caduta di Roma, un processo che si è protratto per secoli, ma che ha visto una pietra miliare nel sacco visigoto della città di Roma nel 410, che ha spinto sant’Agostino a scrivere la Città di Dio che avrebbe plasmato il paesaggio in cui, un secolo dopo, san Benedetto avrebbe introdotto il monachesimo che gli irlandesi avrebbero raccolto, coltivato ed esteso.

Roma aveva visto la corruzione e aveva subito battute d’arresto e assedi ben prima del sacco visigoto. Ma il sacco stesso fu la fine decisiva dell’ordine romano. Fu l'”inizio della fine” del disordine da cui i monaci d’Irlanda, con sforzo doloroso, preghiera e penitenza, aiutarono a disegnare un nuovo ordine, non per diretta intenzione, ma semplicemente cercando Dio.

San Girolamo, sentito il sacco, ruppe in lacrime e scrisse della caduta spirituale e morale, più che fisica, di Roma:

“La famosa città, la capitale dell’Impero Romano, è inghiottita da un fuoco tremendo; e non c’è nessuna parte della terra dove i Romani non siano in esilio. Le chiese un tempo considerate sacre ora non sono altro che cumuli di polvere e di cenere; eppure abbiamo la mente puntata sul desiderio di guadagno. Viviamo come se domani dovessimo morire, ma costruiamo come se dovessimo vivere sempre in questo mondo. Le nostre pareti brillano d’oro, anche i nostri soffitti e i capitelli delle nostre colonne; eppure Cristo muore davanti alle nostre porte nudo e affamato nelle persone dei suoi poveri”.

I “suoi poveri” ai nostri giorni includeranno ora alcuni bambini dell’Irlanda e i loro genitori che sono stati privati della comprensione ragionata di cosa siano quei bambini.

L’Occidente di oggi non è la Roma del 410. Questa volta – come scriveva Alasdair MacIntyre nel suo After Virtue del 1981 – “i barbari non aspettano oltre le frontiere, ci governano già da tempo“. Le nostre circostanze differiscono da quelle che hanno portato gli irlandesi a salvare la civiltà, secondo la frase di Thomas Cahill, e MacIntyre potrebbe essere orgoglioso di essere diventato la fonte di quella che è liberamente chiamata la nuova “opzione Benedetto“.

Ma in questo infausto momento, faremmo bene ad essere attenti alla possibilità di MacIntyre di “un altro – senza dubbio molto diverso – san Benedetto“. Non un uomo politicamente forte, non un messia carismatico, forse non una persona ma più persone, o una comunità che nelle rovine del momento indica la via trascendente attraverso le tenebre.

Forse anche qualcuno dall’Irlanda, il cui messaggio sarà quello antico, rinnovato per un’altra epoca, un tempo portato al mondo dagli irlandesi per secoli.

 

di Pangur Bàn

 

Fonte: The Catholic Thing

Facebook Comments
image_pdfimage_print
5