• domenica , 18 novembre 2018

Io ti do il mio embrione femmina di grande qualità e tu mi dai quello maschio. Devo accontentare mio figlio

Una storia che sarebbe incredibile se non fosse vera. Ma è proprio vera. Lei ha un figlio che vuole un fratellino. Si è già dissanguata per altre infruttuose fecondazioni in vitro. La vendita di embrioni umani è vietata. Le rimane un embrione femmina. Idea!!! Faccio uno scambio. “Ho preso la mia decisione come reazione alla perdita dei 12.000 dollari. Ora ho un prodotto (l’embrione, ndr) – qualcosa che posso sfruttare”.

Vi riporto l’intera storia come raccontata dal New York Post. È da leggere perché ne vale veramente, veramente la pena. Si capiscono un sacco di cose. Ve la propongo nella mia traduzione.

 

Foto: bimbo

Foto: bimbo

Proprio questa settimana, il figlio di Lisa ha avvistato una coppia di giovani fratelli per strada vicino alla loro casa a Bushwick. Si è rivolto a sua madre con gli occhi supplichevoli.

“Quando avrò un fratello?” Ha chiesto Daniel.

Il piccolo di 5 anni non vuole altro che un fratellino con cui condividere la sua camera da letto, andare alle partite di calcio e sostenere la sua amata Boston Red Sox.

Normalmente Lisa, che ha lottato con problemi di infertilità per nove anni, si sarebbe data una scrollata. (I nomi sono stati cambiati per motivi di privacy.) Ma questa volta, potrebbe osare di sperare.

L’attrice 37enne è così disperata di avere un altro figlio, che è pronta a scambiare il suo unico embrione femmina – l’ultimo embrione che le rimane dopo molteplici cicli di FIVET – per l’embrione maschio di uno sconosciuto.

“Lo sto facendo per mio figlio”, ha detto al New York Post. “Mio marito è cresciuto con le sorelle e vuole anche un figlio. Questo è il modo in cui vogliamo completare la nostra famiglia”.

Mercoledì scorso, Lisa ha intrapreso un’azione drastica, si è seduta al suo computer e ha scritto un messaggio: “Ciao, abbiamo cercato di dare a mio figlio un fratello per tre anni…… vogliamo completare la nostra famiglia con un figlio. Abbiamo un embrione femmina di grande qualità. Ti piacerebbe prendere in considerazione uno scambio?”

Ha inviato l’appello ad un certo numero di gruppi di supporto su Facebook per le coppie di FIVET – e lo sdegno è stato immediato. Anche se nessun commento odioso era visibile a Lisa, parecchie persone si sono lamentate con i moderatori del forum affinché il suo post fosse rimosso dalla pagina del gruppo.

Tuttavia, Lisa è stata contattata da una quarantenne californiana interessata ad un potenziale scambio.

“Lei aveva già una bambina e le rimanevano due embrioni maschili”, ha detto Lisa. “Suo marito…..ha sei figli di un altro matrimonio e poi hanno avuto un figlio insieme”.

Suo marito aveva detto: “Se dobbiamo fare tutto questo, dovrà essere una bambina!”

Lisa ha scambiato e-mails con la donna che, come lei, aveva conservato un embrione congelato in un centro di fertilità, e avrebbero tranquillamente proceduto se il marito della donna le avesse dato il via libera.

“Dipende se è convinto ad usare il proprio DNA”, ha detto Lisa.

Tuttavia, preferirebbe un gruppo locale di genitori perché crede che il lato legale delle cose sarebbe gestito “più facilmente” sul posto. Lisa ha detto che sarebbe stata “aperta a” tenersi in contatto con l’altra famiglia, specialmente “su base medica nel caso in cui il bambino avesse avuto bisogno di cellule staminali o informazioni o anche solo sostegno”.

Verso chiunque avesse avuto dubbi sul suo giudizio, ha detto:  “Non sono affari loro”.

I problemi di infertilità di Lisa e Ray risalgono a poco dopo il loro matrimonio nel 2009. A Ray, ora di 48 anni, gli era stato diagnosticato un cancro ai testicoli a vent’anni, poi ha subito chemioterapia e radiazioni, e il suo sperma non si comportava come avrebbe dovuto.

Nel 2012, la coppia spese 15.000 dollari per la FIVET presso la clinica di fertilità New Hope a Manhattan e dove le impiantarono uno dei quattro embrioni. Quello che le impiantarono è diventato il loro figlio, Daniel.

“È il nostro mondo e un bel bambino”, ha detto Lisa.  “Ma, non appena ha potuto parlare, ha chiesto di avere un fratello. Ogni volta che vede altri bambini – ce ne sono molti nella nostra famiglia e nel nostro quartiere – dice: ‘ha un fratello. Perché non ho un fratello?’”

“E io dico qualcosa del genere:’ Non rendermi le cose più difficili di quanto lo siano già. Non ne ha idea’”.

Circa tre anni fa, Lisa ha fatto una serie di tentativi di trasferimento in cui gli altri tre embrioni congelati non hanno attecchito. La famiglia ha dato fondo ai loro risparmi e alla liquidazione della pensione di Lisa per finanziare due cicli successivi di FIVET a New Hope. La maggior parte degli embrioni non si è sviluppata, mentre altri risultarono geneticamente compromessi o non riuscirono a impiantarsi nel suo utero.

Uno di questi cicli, tuttavia, ha portato al successo dell’impianto di un embrione maschile. Purtroppo, Lisa ha abortito nel luglio 2017.

“Non l’ho davvero superato”, ha ammesso. “Dal momento dell’aborto, sono rimasta bloccata su un ragazzo.

“Abbiamo salvato tutto quel che riguarda il ragazzo”, ha aggiunto. “Alcune di queste cose hanno un significato emotivo, come la prima tuta da neve di Daniel, che sembra un orsacchiotto. Poi c’è il primo vestito in cui è tornato a casa dall’ospedale”.

C’è anche la questione dell’alto costo della vita di New York: “Dal punto di vista economico, ha senso per noi avere un ragazzo”, ha detto Lisa. “Abbiamo una casa con due camere da letto senza spazio per una terza camera da letto. L’abbiamo comprata quando Daniel era un bambino, e ora i prezzi sono aumentati così tanto in questo quartiere. Non c’è modo di poterci permettere [una camera da letto separata per una ragazza].  Dovremmo trasferirci in Nebraska”.

Nel maggio di quest’anno, la coppia ha fatto un altro giro di FIVET a New Hope e ha congelato un embrione femmina..

“Sono rimasta sorpresa e triste [era una femmina]”, ricorda Lisa.

Facendo un ultimo tentativo – per 12.000 dollari – sono passati a una clinica a nord dello Stato di New York, riprovando a settembre, ma il risultato degli ovuli non ha prodotto candidati praticabili. A quel punto, avevano pagato più di 45.000 dollari per i servizi di fertilità.

Fu allora che Lisa e Ray decisero di offrire il loro embrione femmina congelato, attualmente in un deposito per il quale pagano 1.000 dollari all’anno, a qualcuno con un embrione maschio.

“Ho preso la mia decisione come reazione alla perdita dei 12.000 dollari. Ora ho un prodotto – qualcosa che posso sfruttare“, ha detto Lisa.

Lei rimane imperturbata alle critiche di persone sbalordite per il fatto che rinuncerebbe al suo figlio potenziale biologico per crescere quello di qualcun altro, semplicemente a causa di una preferenza del sesso.

“Non ha molta importanza”, ha detto. “Penso che se crescessi il bambino, avrei un legame. Conosco tante donne che hanno fatto la fecondazione in vitro con uova da donatrice e quello è il loro bambino. Un amico, bianco ed ebreo, ha adottato un bambino nero. Questo è suo figlio. Quel legame è indissolubile”.

Ray e Lisa hanno preso in considerazione l’adozione, ma sono stati scoraggiati dalle spese e dalla quantità di tempo che la prassi richiede per l’elaborazione. Non pensavano che non valesse la pena cercare la donazione di un embrione piuttosto che uno scambio perché tante coppie disperate lo fanno già senza successo. (E’ illegale comprare o vendere embrioni negli Stati Uniti.) Una richiesta al National Embryo Donation Center costa 400 dollari, le spese totali per una donazione sono di circa 7.500 dollari e la gente aspetta sulla lista per “anni”, secondo Lisa. Un portavoce della NEDC ha detto al The Post che “se [i candidati] soddisfano i criteri, di solito saranno abbinati con gli embrioni abbastanza rapidamente e avranno il loro trasferimento di embrioni congelati entro 8-10 mesi dall’iscrizione al nostro programma”.

Quando ha chiesto alle infermiere della clinica se conoscessero qualcuno che volesse scambiare embrioni, le infermiere non hanno potuto rivelare alcuna informazione sui pazienti a causa del regolamento della privacy, ma l’hanno indirizzata verso i gruppi di Facebook come un luogo da guardare.

In un mondo ideale, Lisa otterrebbe un embrione maschio e sarebbe incinta a Natale, perché non vuole che il divario di età tra Daniel e il nuovo bambino sia troppo ampio.

Suo figlio ha i capelli rossi, e lei spera in un embrione che possa crescere fino ad avere un aspetto simile. Per quanto riguarda l’embrione femmina che ha da offrire, è probabile che la ragazza sia bionda o dai capelli rossi.

“Mio marito è irlandese/britannico e io sono italiana”, ha detto. “Anche lui è andato a Yale. Quando le persone sono alla ricerca di donatori, una delle prime cose di cui chiedono è se hanno una laurea”.

Ha ricevuto richieste di informazioni da aspiranti genitori che sono desiderosi di prendere l’embrione femmina, ma non hanno un maschio da scambiare.

“non andrà a buon fine”, ha detto Lisa. “Noi vogliamo un maschio”.

 

Fonte: New York Post

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email

Related Posts