Ci sono più di 100 cliniche di genere pediatrico negli Stati Uniti, in una delle quali ho lavorato. Quello che sta accadendo ai bambini è moralmente e dal punto di vista medico spaventoso.

Di seguito, la testimonianza dal di dentro di Jamie Reed, pubblicata su The Free Press. Eccola nella mia traduzione. 

 

Jamie Reed
Jamie Reed

 

Sono una quarantaduenne originaria di St. Louis, una donna queer (una persona che a livello sessuale, etnico e sociologico non vuole rientrare in nessuna delle definizioni create dalla cultura egemone, ndr) e politicamente a sinistra di Bernie Sanders. La mia visione del mondo ha plasmato profondamente la mia carriera. Ho trascorso la mia vita professionale fornendo consulenza a popolazioni vulnerabili: bambini in affidamento, minoranze sessuali, poveri.

Per quasi quattro anni ho lavorato presso la Divisione di Malattie Infettive della Washington University School of Medicine con adolescenti e giovani adulti sieropositivi. Molti di loro erano trans o comunque non conformi al genere, e io potevo capirli: Durante l’infanzia e l’adolescenza, anch’io mi sono interrogata molto sul genere. Ora sono sposata con un transessuale maschio (una donna biologica che si è sottoposta a cura e/o intervento, chiamata transizione, per avere un aspetto maschile, ndr) e insieme stiamo crescendo i miei due figli biologici avuti da un precedente matrimonio e tre bambini in affidamento che speriamo di adottare.

Tutto questo mi ha portato a lavorare nel 2018 come case manager presso il Washington University Transgender Center del St. Louis Children’s Hospital, istituito un anno prima.

L’ipotesi di lavoro del centro era che quanto prima si trattano i bambini con disforia di genere, tanto maggiore è l’angoscia che si può prevenire in seguito. Questa premessa era condivisa dai medici e dai terapeuti del centro. Data la loro esperienza, ritenevo che le prove fossero abbondanti a sostegno di questo consenso.

Nei quattro anni in cui ho lavorato alla clinica come case manager – ero responsabile dell’accoglienza e della supervisione dei pazienti – circa mille giovani angosciati hanno varcato le nostre porte. La maggior parte di loro ha ricevuto prescrizioni di ormoni che possono avere conseguenze devastanti per la vita, tra cui la sterilità.

Ho lasciato la clinica nel novembre dello scorso anno perché non potevo più partecipare a ciò che stava accadendo. Quando me ne sono andata, ero certa che il modo in cui il sistema medico americano tratta queste pazienti è l’opposto della promessa che facciamo di “non nuocere”. Al contrario, stiamo danneggiando in modo permanente i pazienti vulnerabili che abbiamo in cura.

Oggi parlo apertamente. Lo faccio sapendo quanto sia difficile la conversazione pubblica su questo tema così controverso, e sapendo che la mia testimonianza potrebbe essere strumentalizzata. Lo faccio sapendo che sto correndo un grave rischio personale e professionale.

Quasi tutti nella mia vita mi hanno consigliato di tenere la testa bassa. Ma in coscienza non posso farlo. Perché ciò che sta accadendo a decine di bambini è molto più importante del mio benessere. E ciò che sta accadendo a loro è moralmente e medicalmente spaventoso.

Gli argini si aprono

Subito dopo il mio arrivo al Centro Transgender, fui colpita dalla mancanza di protocolli formali per il trattamento. I medici co-direttori del centro erano essenzialmente l’unica autorità.

All’inizio, la popolazione dei pazienti era orientata verso quello che era il caso “tradizionale” di un bambino con disforia di genere: un ragazzo, spesso molto giovane, che voleva presentarsi come – o essere – una ragazza.

Fino al 2015 circa, un numero molto ridotto di questi ragazzi costituiva la popolazione dei casi di disforia di genere in età pediatrica. Poi, in tutto il mondo occidentale, è iniziato un drammatico aumento di una nuova popolazione: Ragazze adolescenti, molte delle quali senza precedenti problemi di genere, che improvvisamente dichiaravano di essere transgender e chiedevano un trattamento immediato con testosterone.

Ho assistito a questa situazione al centro. Uno dei miei compiti era quello di accogliere i nuovi pazienti e le loro famiglie. Quando ho iniziato c’erano probabilmente 10 chiamate di questo tipo al mese. Quando me ne sono andata erano 50, e circa il 70% dei nuovi pazienti erano ragazze. A volte arrivavano gruppi di ragazze dalla stessa scuola superiore.

Questo mi preoccupava, ma all’epoca non mi sentivo nella posizione di lanciare un qualche tipo di allarme. Eravamo un’équipe di circa otto persone e solo un’altra persona aveva sollevato il tipo di domande che avevo io. Chiunque sollevasse dubbi correva il rischio di essere definito transfobico.

Le ragazze che venivano da noi avevano molte comorbilità: depressione, ansia, ADHD, disturbi alimentari, obesità. A molte era stato diagnosticato l’autismo o presentavano sintomi simili all’autismo. Un rapporto dell’anno scorso su un centro transgender pediatrico britannico ha rilevato che circa un terzo dei pazienti che vi si rivolgevano rientrava nello spettro autistico.

Spesso i nostri pazienti dichiaravano di avere disturbi che nessuno credeva avessero. Avevamo pazienti che dicevano di avere la sindrome di Tourette (ma non ce l’avevano); di avere disturbi da tic (ma non ce l’avevano); di avere personalità multiple (ma non ce l’avevano).

I medici riconoscevano privatamente queste false autodiagnosi come una manifestazione di contagio sociale. Hanno persino riconosciuto che il suicidio ha un elemento di contagio sociale. Ma quando ho detto che i gruppi di ragazze che affluivano al nostro servizio avevano l’impressione che i loro problemi di genere potessero essere una manifestazione di contagio sociale, i medici hanno detto che l’identità di genere rifletteva qualcosa di innato.

Per iniziare la transizione, le ragazze avevano bisogno di una lettera di sostegno da parte di un terapeuta – di solito uno raccomandato da noi – che dovevano vedere solo una o due volte per avere il via libera. Per rendere più efficiente il lavoro dei terapeuti, abbiamo offerto loro un modello per scrivere una lettera di sostegno alla transizione. La tappa successiva è stata una singola visita dall’endocrinologo per la prescrizione del testosterone.

È bastato questo.

Quando una donna assume testosterone, gli effetti profondi e permanenti dell’ormone si manifestano nel giro di pochi mesi. La voce si abbassa, la barba spunta, il grasso corporeo si ridistribuisce. L’interesse sessuale esplode, l’aggressività aumenta e l’umore può essere imprevedibile. Ai nostri pazienti sono stati illustrati alcuni effetti collaterali, tra cui la sterilità. Ma dopo aver lavorato al centro, mi sono convinta che gli adolescenti non sono in grado di comprendere appieno cosa significhi prendere la decisione di diventare sterili quando sono ancora minorenni.

 

Effetti collaterali

Molti incontri con i pazienti mi hanno fatto capire quanto poco questi giovani comprendessero il profondo impatto che il cambiamento di sesso avrebbe avuto sul loro corpo e sulla loro mente. Ma il centro minimizzava le conseguenze negative e sottolineava la necessità della transizione. Come si legge sul sito web del centro, “se non viene trattata, la disforia di genere ha una serie di conseguenze, dall’autolesionismo al suicidio. Ma quando si elimina la disforia di genere permettendo a un bambino di essere chi è, notiamo che questo scompare. Gli studi di cui disponiamo dimostrano che questi bambini finiscono spesso per funzionare psicosocialmente come o meglio dei loro coetanei”.

Non esistono studi affidabili che lo dimostrino. Anzi, le esperienze di molti pazienti del centro dimostrano quanto siano false queste affermazioni.

Ecco un esempio. Venerdì 1° maggio 2020, un collega mi ha inviato un’e-mail a proposito di un paziente maschio di 15 anni: “Oh, cielo. Sono preoccupato che [il paziente] non capisca cosa fa la bicalutamide”. Ho risposto: “Non credo che si possa iniziare qualcosa di onesto in questo momento”.

 

 

La bicalutamide è un farmaco utilizzato per il trattamento del cancro alla prostata metastatico e uno dei suoi effetti collaterali è la femminilizzazione del corpo degli uomini che lo assumono, compresa la comparsa di seni. Il centro ha prescritto questo farmaco antitumorale come bloccante della pubertà e agente femminilizzante per i ragazzi. Come la maggior parte dei farmaci antitumorali, la bicalutamide ha una lunga lista di effetti collaterali e questo paziente ne ha sperimentato uno: la tossicità epatica. È stato inviato in un’altra unità dell’ospedale per una valutazione e gli è stato immediatamente tolto il farmaco. In seguito, sua madre ha inviato un messaggio elettronico al Transgender Center dicendo che eravamo fortunati che la sua famiglia non fosse il tipo da fare causa.

Quanto poco i pazienti capissero a cosa andavano incontro è stato illustrato da una telefonata che abbiamo ricevuto al centro nel 2020 da una paziente biologica di 17 anni che stava assumendo testosterone. Diceva di avere un’emorragia vaginale. In meno di un’ora aveva bagnato un assorbente extra pesante, i suoi jeans e un asciugamano che aveva avvolto intorno alla vita. L’infermiera del centro le disse di andare subito al pronto soccorso.

Scoprimmo poi che la ragazza aveva avuto un rapporto sessuale e, poiché il testosterone assottiglia i tessuti vaginali, il suo canale vaginale si era aperto. È stato necessario sedarla e sottoporla a un intervento chirurgico per riparare il danno. Non è stato l’unico caso di lacerazione vaginale di cui abbiamo sentito parlare.

Altre ragazze erano disturbate dagli effetti del testosterone sul loro clitoride, che si ingrandisce e cresce fino a diventare un microfallo, o un piccolo pene. Ho consigliato una paziente il cui clitoride ingrossato ora si estendeva al di sotto della vulva e sfregava dolorosamente nei jeans. Le ho consigliato di procurarsi il tipo di indumenti intimi compressivi indossati dagli uomini biologici che si vestono per passare per donne. Alla fine della telefonata ho pensato: “Wow, abbiamo fatto del male a questa bambina”.

Ci sono condizioni rare in cui i bambini nascono con genitali atipici, casi che richiedono cure sofisticate e compassione. Ma cliniche come quella in cui ho lavorato stanno creando un’intera coorte di bambini con genitali atipici – e la maggior parte di questi adolescenti non ha ancora fatto sesso. Non avevano idea di chi sarebbero stati da adulti. Eppure, per trasformarsi in modo permanente sono bastati uno o due brevi colloqui con un terapeuta.

L’assunzione di dosi massicce di testosterone o di estrogeni – tanto da cercare di ingannare il corpo per imitare il sesso opposto – influisce sul resto dell’organismo. Dubito che un genitore che abbia mai acconsentito a somministrare al proprio figlio del testosterone (un trattamento che dura tutta la vita) sappia che forse sta anche sottoscrivendo l’assunzione di farmaci per la pressione sanguigna, per il colesterolo e forse per l’apnea notturna e il diabete.

Ma a volte la comprensione da parte dei genitori di ciò che avevano accettato di fare ai loro figli è arrivata con forza:

 

 

Pazienti trascurati e malati mentali

Oltre alle ragazze adolescenti, ci è stato segnalato un altro nuovo gruppo: i giovani provenienti dall’unità psichiatrica di degenza o dal reparto di emergenza dell’ospedale pediatrico di St. La salute mentale di questi ragazzi era molto preoccupante: c’erano diagnosi come schizofrenia, PTSD, disturbo bipolare e altro. Spesso stavano già assumendo una serie di farmaci.

Questo è tragico, ma non sorprende, dato il profondo trauma che alcuni hanno subito. Tuttavia, indipendentemente dalla sofferenza o dal dolore che un bambino aveva sopportato, o dalla scarsità di cure e di amore che aveva ricevuto, i nostri medici consideravano la transizione di genere – anche con tutte le spese e le difficoltà che comportava – come la soluzione.

Alcune settimane sembrava che quasi tutta la nostra casistica fosse costituita da giovani disturbati.

Per esempio, un adolescente è arrivato da noi nell’estate del 2022, quando aveva 17 anni e viveva in una struttura di isolamento perché aveva abusato sessualmente di cani. Aveva avuto un’infanzia terribile: sua madre era tossicodipendente, suo padre era stato incarcerato e lui era cresciuto in affidamento. Qualsiasi trattamento avesse ricevuto, non stava funzionando.

Durante l’accoglienza ho appreso da un altro assistente sociale che, una volta uscito, aveva intenzione di recidivare perché credeva che i cani si fossero sottomessi volontariamente.

In un certo senso, ha espresso il desiderio di diventare una femmina, così ha finito per essere visitato dal nostro centro. Da lì, si è rivolto a uno psicologo dell’ospedale che era noto per approvare praticamente tutti coloro che cercavano la transizione. Poi il nostro medico gli ha consigliato ormoni femminilizzanti. All’epoca mi chiesi se non si trattasse di una forma di castrazione chimica.

Lo stesso pensiero si è ripresentato con un altro caso. Questo caso risale alla primavera del 2022 e riguardava un giovane uomo con un intenso disturbo ossessivo-compulsivo che si manifestava con il desiderio di tagliarsi il pene dopo essersi masturbato. Il paziente non manifestava alcuna disforia di genere, ma si sottoponeva anche agli ormoni. Ho chiesto al medico quale protocollo stesse seguendo, ma non ho mai avuto una risposta chiara.

 

In Loco Parentis

Un altro aspetto inquietante del centro è la mancanza di considerazione per i diritti dei genitori e la misura in cui i medici si considerano i decisori più informati sul destino di questi bambini.

Nel Missouri è necessario il consenso di un solo genitore per il trattamento del figlio. Ma quando c’era una disputa tra i genitori, sembrava che il centro si schierasse sempre dalla parte del genitore che aveva dato il consenso.

Le mie preoccupazioni riguardo a questo approccio nei confronti dei genitori dissenzienti sono cresciute nel 2019, quando uno dei nostri medici ha testimoniato in un’udienza per l’affidamento di un padre che si opponeva al desiderio della madre di iniziare a somministrare alla figlia di 11 anni dei bloccanti della pubertà.

Avevo fatto la prima telefonata di accettazione e avevo trovato la madre piuttosto inquietante. Lei e il padre stavano divorziando e la madre aveva descritto la figlia come “una specie di maschiaccio”. Quindi ora la madre era convinta che la figlia fosse trans. Ma quando le chiesi se la figlia avesse adottato un nome da maschio, se fosse angosciata per il suo corpo, se dicesse di sentirsi un maschio, la madre rispose di no. Le spiegai che la ragazza non soddisfaceva i criteri per una valutazione.

Poi, un mese dopo, la madre ha richiamato dicendo che la figlia ora usava un nome da maschio, era angosciata per il suo corpo e voleva fare la transizione. Questa volta la madre e la figlia ricevettero un appuntamento. I nostri operatori decisero che la ragazza era trans e le prescrissero un bloccante della pubertà per impedirne il normale sviluppo.

Il padre non era assolutamente d’accordo, diceva che tutto ciò proveniva dalla madre, e ne seguì una battaglia per la custodia. Dopo l’udienza in cui il nostro medico ha testimoniato a favore della transizione, il giudice si è schierato con la madre.

 

 

Voglio riavere il mio seno

Essendo il principale addetto all’accettazione, avevo la prospettiva più ampia sui nostri pazienti attuali e potenziali. Nel 2019, un nuovo gruppo di persone è apparso sulla mia agenda: i disertori e i detrattori. I rinunciatari scelgono di non andare avanti con la transizione. I detransitioners sono persone transgender che decidono di tornare al loro sesso di nascita.

L’unico collega con cui ho potuto condividere le mie preoccupazioni era d’accordo con me sul fatto che avremmo dovuto tracciare la desistenza e la detransizione. Pensavamo che i medici avrebbero voluto raccogliere e comprendere questi dati per capire cosa si erano persi.

Ci sbagliavamo. Un medico si chiese ad alta voce perché avrebbe dovuto dedicare del tempo a qualcuno che non era più un suo paziente.

Ma creammo comunque un documento che chiamammo “Lista delle bandiere rosse”. Si trattava di un foglio di calcolo Excel in cui venivano registrati i tipi di pazienti che tenevano svegli il mio collega e me di notte.

Uno dei casi più tristi di detransizione a cui ho assistito è stato quello di una ragazza adolescente che, come molti dei nostri pazienti, proveniva da una famiglia instabile, si trovava in una situazione di vita incerta e aveva un passato di tossicodipendenza. La stragrande maggioranza dei nostri pazienti è bianca, ma questa ragazza era nera. Il centro le ha somministrato ormoni quando aveva circa 16 anni. A 18 anni si è sottoposta a una doppia mastectomia, la cosiddetta “chirurgia superiore”.

Tre mesi dopo ha chiamato l’ufficio del chirurgo per dire che sarebbe tornata al suo nome di nascita e che i suoi pronomi erano “lei” e “suo”. Con il cuore spezzato, ha detto all’infermiera: “Rivoglio il mio seno”. L’ufficio del chirurgo ha contattato il nostro ufficio perché non sapeva cosa dire a questa ragazza.

Io e la mia collega abbiamo detto che l’avremmo contattata. C’è voluto un po’ di tempo per rintracciarla e quando l’abbiamo rintracciata ci siamo assicurati che fosse in buona salute mentale, che non avesse tendenze suicide e che non facesse uso di sostanze. L’ultima volta che l’ho saputo, era incinta. Ovviamente non potrà mai allattare il suo bambino.

 

‘Sali a bordo o scendi’

Le mie preoccupazioni su ciò che stava accadendo al centro hanno iniziato a prendere il sopravvento sulla mia vita. Entro la primavera del 2020, ho sentito l’obbligo medico e morale di fare qualcosa. Così ho parlato in ufficio e ho inviato molte e-mail.

Ecco solo un esempio: il 6 gennaio 2022, ho ricevuto un’e-mail da un terapista del personale che mi chiedeva aiuto con un caso di un maschio transgender di 16 anni che viveva in un altro stato. “I genitori sono aperti al fatto che il paziente veda un terapista, ma non supportano il genere e il paziente non vuole che i genitori siano consapevoli dell’identità di genere. Sto attraversando un periodo difficile nel trovare un terapista che affermi il genere.”

Ho risposto:

“Non sono eticamente d’accordo con il collegamento di un paziente minorenne a un terapista che affermerebbe il genere con il genere come fulcro del proprio lavoro senza che ciò venga discusso con i genitori e il genitore acconsenta a quel tipo di cura”.

 

 

In tutti i miei anni alla Washington University School of Medicine, avevo ricevuto recensioni di prestazioni decisamente positive. Ma nel 2021 le cose sono cambiate. Ho ottenuto un punteggio inferiore alla media per il mio “Giudizio” e “Rapporti di lavoro/Spirito cooperativo”. Anche se sono stato descritto come “responsabile, coscienzioso, laborioso e produttivo”, la valutazione ha anche osservato: “A volte Jamie risponde male alle indicazioni del management con atteggiamento difensivo e ostilità”.

Le cose sono precipitate durante un ritiro di mezza giornata nell’estate del 2022. Di fronte al team, i medici hanno detto che io e il mio collega dovevamo smetterla di mettere in discussione la “medicina e la scienza” così come la loro autorità. Poi un amministratore ci ha detto che dovevamo “salire a bordo o scendere”. È diventato chiaro che lo scopo del ritiro era quello di consegnarci questi messaggi.

Il sistema della Washington University offre un generoso programma di pagamento delle tasse universitarie per i dipendenti di lunga data. Vivo del mio stipendio e non ho soldi da mettere da parte per cinque tasse universitarie per i miei figli. Ho dovuto mantenere il mio lavoro. Sento anche molta lealtà verso la Washington University.

Ma ho deciso lì per lì che dovevo uscire dal Transgender Center e, per farlo, dovevo tenere la testa bassa e migliorare la mia successiva valutazione delle prestazioni.

Sono riuscito a ottenere una valutazione decente e ho ottenuto un lavoro conducendo ricerche in un’altra parte della Washington University School of Medicine. Ho dato le mie dimissioni e ho lasciato il Transgender Center nel novembre del 2022.

 

Quello che voglio vedere accadere

Per un paio di settimane ho cercato di lasciarmi tutto alle spalle e mi sono sistemata nel mio nuovo lavoro come coordinatore della ricerca clinica, gestendo studi riguardanti bambini sottoposti a trapianto di midollo osseo.

Poi mi sono imbattuta nei commenti della dottoressa Rachel Levine, una donna transgender (uomo biologico che si è sottoposta a cure/intervento chirurgico per somigliare ad una donna, ndr) che è un alto funzionario presso il Dipartimento federale della salute e dei servizi umani. L’articolo diceva: “Levine, l’assistente segretario alla salute degli Stati Uniti, ha affermato che le cliniche stanno procedendo con cautela e che nessun bambino americano sta ricevendo farmaci o ormoni per la disforia di genere che non dovrebbe”.

Mi sentivo stordita e nauseata. Non era vero. E lo so per profonda esperienza diretta.

Così ho iniziato a scrivere tutto quello che potevo sulla mia esperienza al Transgender Center. Due settimane fa, ho portato le mie preoccupazioni e i miei documenti all’attenzione del procuratore generale del Missouri. È un repubblicano. Sono una progressista. Ma la sicurezza dei bambini non dovrebbe essere oggetto delle nostre guerre culturali.

Clicca qui per leggere la lettera di Jamie Reed alla Missouri AG.

Data la segretezza e la mancanza di standard rigorosi che caratterizzano la transizione di genere giovanile in tutto il paese, credo che per garantire la sicurezza dei bambini americani sia necessaria una moratoria sul trattamento ormonale e chirurgico dei giovani con disforia di genere.

Negli ultimi 15 anni, secondo Reuters, gli Stati Uniti sono passati dall’assenza di cliniche pediatriche di genere a più di 100. Dovrebbe essere intrapresa un’analisi approfondita per scoprire cosa è stato fatto ai loro pazienti e perché, e quali sono le conseguenze a lungo termine.

C’è un percorso chiaro per noi da seguire. Proprio l’anno scorso l’Inghilterra ha chiuso il Tavistock Centre, l’unica clinica di genere per giovani del paese, dopo che un’indagine ha rivelato pratiche scadenti e un trattamento inadeguato dei pazienti. Anche la Svezia e la Finlandia hanno indagato sulla transizione pediatrica e hanno notevolmente frenato la pratica, scoprendo che non vi sono prove sufficienti di aiuto e il pericolo di gravi danni.

Alcuni critici descrivono il tipo di trattamento offerto in luoghi come il Transgender Center dove ho lavorato come una sorta di esperimento nazionale. Ma è sbagliato.

Gli esperimenti dovrebbero essere progettati con cura. Le ipotesi dovrebbero essere testate eticamente. I medici con cui ho lavorato al Transgender Center hanno detto spesso riguardo al trattamento dei nostri pazienti: “Stiamo costruendo l’aereo mentre lo stiamo pilotando”. Nessuno dovrebbe essere un passeggero su quel tipo di aereo.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments