Un articolo di Daniel Horovitz sull’aumento delle infezioni e sui decessi proprio in coloro che sono più vaccinati. L’articolo è stato pubblicato su The Blaze e ve lo propongo nella mia traduzione. 

 

Vaccini-covid

 

Solo perché Volodymyr Zelenskyy è il nuovo Fauci (cioè ha preso il posto dell’attenzione mondiale, ndr), non significa che la COVID sia finita. Infatti, i casi stanno aumentando in molti paesi europei, e gli anziani del Regno Unito stanno sperimentando numeri record. “Le infezioni di Covid salgono a livelli record per gli over 70 nel Regno Unito” era il titolo di un articolo del Financial Times di venerdì. Ma come possono esserci infezioni record proprio dopo che quasi tutti gli anziani sono stati vaccinati e il 90% ha ricevuto il booster, anche se molti hanno già avuto un’infezione precedente? O le infezioni record sono a causa delle vaccinazioni, non nonostante esse, e questo significa che stanno impedendo alle persone di raggiungere l’immunità?

L’Irlanda è uno dei paesi più vaccinati dell’Unione Europea, eppure i ricoveri sono in aumento.

 

 

Ci sono ora più persone negli ospedali irlandesi che in qualsiasi momento in 12 mesi. Quasi il 95% di tutti gli adulti sono completamente vaccinati, e quasi il 100% degli anziani sono vaccinati e hanno ricevuto il booster.

Il numero di casi di COVID è quasi triplicato nel Regno Unito dal punto più basso del calo post-invernale, quattro settimane fa. Inoltre, i decessi si aggirano ancora intorno ai 125 al giorno, mentre dopo l’ondata invernale del 2021 (con un tasso di infezione precedente molto più basso), i decessi erano quasi ridotti a zero. Inoltre, la Scozia, che ha il più alto tasso di vaccinazione di tutto il Regno Unito ed è l’unica regione con obbligo di maschera, sembra stare peggio che mai. “La Scozia ha registrato il suo più alto tasso di infezione della pandemia finora, con una persona su 14 infettata dal virus nella settimana fino a metà marzo, rispetto a una su 18 una settimana prima”, riporta il Financial Times.

Circa il 90% di tutte le persone sopra i 12 anni in Scozia ha due vaccini, e il 73% ha i richiami. Tra gli anziani, i richiami sono quasi universali. Così, non c’è nessun posto dove scappare o nascondersi dai fallimenti dei vaccini. L’efficacia negativa (cioè, i vaccinati si ammalano in media di più dei non vaccinati, ndr) è fuori controllo. E la protezione contro la morte? Beh, non possiamo vedere esattamente da dove vengono i decessi perché la Scozia ha convenientemente smesso di fornire quei dati, ma il governo britannico offrirà ancora i rapporti settimanali per qualche settimana.

Secondo l’ultimo rapporto di sorveglianza sanitaria del Regno Unito, circa il 95% di coloro che hanno più di 70 anni sono doppiamente vaccinati e circa il 90%-93% delle coorti di età oltre i 70 anni ha ricevuto il booster. Solo l’1,6% dei casi di anziani tra le settimane 7 e 10 di quest’anno erano tra i non vaccinati, che è al di sotto della quota del 5% della torta della popolazione che compongono. I triplo-vaccinati sono il 90% dei casi.

 

tabella 1

 

Anche se le iniezioni offrono una certa protezione per alcune persone contro le malattie critiche per un certo periodo di tempo, numerosi dati hanno dimostrato che la protezione non solo diminuisce ma diventa negativa. I dati del Regno Unito ora mostrano che i doppi vaccinati hanno una protezione negativa e i tripli vaccinati sono diretti in quella direzione.

La tabella 12b mostra i decessi COVID entro 60 giorni da un test positivo per la SARS-CoV-2 dalla settimana 7 alla settimana 10 di quest’anno.

 

 

Come potete vedere, il 15% di tutti i morti erano tra i doppi (ma non tripli) sottoposti a iniezione, mentre solo il 4% circa di questa popolazione rientra in questa categoria. Questa è un’efficacia negativa anche contro la morte. Così, hanno messo le persone in una posizione che le obbliga a prendere i richiami; altrimenti starebbero peggio che con niente! Ma che cosa significa questo per i vaccinati con tripla dose? Ricordate che all’inizio sembrava che i richiami garantissero un’ampia protezione contro la morte, anche se i casi erano saliti alle stelle tra di loro? Bene, ora, il 77% di tutti i decessi tra coloro che hanno più di 70 anni sono coloro con tripla dose! Questo è ancora un po’ al di sotto della loro quota di popolazione, ma non di molto, e il divario si sta chiudendo con ogni successivo rapporto settimanale.

Quando si tratta di tassi di casi, il Regno Unito sta segnalando che in alcune coorti di età, i vaccinati con la tripla dose hanno più di quattro volte più probabilità di risultare positivi, il che porterebbe a un tasso di efficacia del -300%! (efficacia negativa!!!, ndr)

 

 

Quindi, avevano bisogno dell’Ucraina per distrarre dalla narrazione, perché chiaramente c’è qualcosa di inquietante in questi vaccini. Si potrebbe pensare che ormai ci sarebbe stata abbastanza immunità accumulata da precedenti infezioni da precludere ondate come questa. Eppure i dati sollevano la domanda: i vaccini stanno facendo scivolare indietro l’immunità naturale delle persone e creando una qualche forma di peccato antigenico originale e di potenziamento della malattia dipendente dagli anticorpi (ADE, ndr), in cui le iniezioni spazzano via le loro cellule T e l’immunità innata, impedendo così loro di godere di un’immunità duratura dall’infezione precedente? In altre parole, questo può continuare all’infinito in un circolo vizioso di più casi (di infezione, ndr) che inducono più campagne vaccinali, che a loro volta creano più infezioni?

Un recente studio di Stanford pubblicato su Cell potrebbe far luce su questo fenomeno. I ricercatori hanno osservato una diminuzione della risposta immunitaria alle nuove varianti tra coloro che sono stati vaccinati per il ceppo originale, perché i vaccini stanno insegnando al corpo a rispondere in modo improprio. “Troviamo che la precedente vaccinazione con antigeni simili al Wuhan-Hu-1 seguita da un’infezione con le varianti Alpha o Delta dà origine a risposte anticorpali plasmatiche con apparente imprinting Wuhan-Hu-1-specifico che si manifesta come risposte relativamente diminuite agli epitopi del virus variante, rispetto ai pazienti non vaccinati infettati con quei virus varianti”, osservano i patologi di Stanford. Essi notano che la misura in cui questo causa il peccato antigenico originale “sarà un argomento importante di studio in corso”.

Confrontate il rapporto della settimana 11 con quello della settimana 5 di appena sei settimane fa. Vedrete che nella maggior parte dei gruppi di età, i tassi di casi tra i triplo-vaccinati erano tra 1,5 e 2 volte maggiore, non tra 3 e 4 volte maggiore come sono oggi.

 

 

Si potrebbe pensare che con così tanta infezione per così tanti mesi tra questo gruppo, ad un certo punto si esaurirebbe il pool di persone idonee e forse si tornerebbe indietro ai non vaccinati che hanno un tasso di casi più alto. Ma in realtà, è vero il contrario; sta peggiorando ogni settimana per i tripli vaccinati, specialmente tra gli anziani.

E sappiamo già da uno studio israeliano pubblicato sul New England Journal of Medicine che la quarta iniezione non migliorerà le cose. “Abbiamo osservato una bassa efficacia del vaccino contro le infezioni negli operatori sanitari, così come carichi virali relativamente alti che suggeriscono che coloro che sono stati infettati erano infettivi”, hanno concluso gli autori dello studio che ha confrontato gli operatori sanitari israeliani con quadrupla dose e quelli con meno dosi.

E’ anche importante ricordare che qualsiasi grado di efficacia del vaccino ricavato da qualsiasi dato o studio, tiene conto dei primi 14 giorni post-vaccinati come “non vaccinati” e i primi 14 giorni del richiamo come doppi vaccinati. È già provato che questo è un periodo di immunosoppressione nella parte anteriore della curva di efficacia. Alcuni hanno stimato che se si tiene conto di quei 14 giorni di rischio elevato, c’è un’efficacia negativa per queste iniezioni fin dall’inizio.

In definitiva, siamo a 11 miliardi di dosi in questo regime di iniezione di massa globale senza precedenti, eppure più del 72% dei 6,1 milioni di morti confermate di COVID-19 si sono verificate dal lancio del vaccino. La metà dei decessi si sono verificati dalla metà di aprile, dopo che tutta la popolazione vulnerabile ha avuto tutto il tempo per diventare completamente vaccinata.

Forse questo è il motivo per cui l’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito ha annunciato nel rapporto di questa settimana (p. 37) che “dall’inizio di aprile in poi questa sezione del rapporto non sarà aggiornata”. Questa è la sezione con i tassi di casi e decessi per stato di vaccinazione.

 

 

 

Facebook Comments