Pur di portare avanti una agenda ideologica, quella del transgenderismo, vengono negati o nascosti dati drammatici sulle ricadute fisiche e psicologiche dei trattamenti ormonali. Questo articolo di ragguaglia su questi aspetti.

Eccolo nella mia traduzione.

Foto: transgender

Foto: transgender

Abbiamo tutti sentito la bugia che indulgere nella confusione di genere di qualcuno è una risposta compassionevole. Ma secondo un nuovo studio, potrebbe anche essere letale.

In un progetto di ricerca sbalorditivo – così ampio e credibile che anche i media mainstream non possono ignorarlo – i medici stanno finalmente mettendo in luce i pericoli del transgenderismo. Una cultura che corre per ridefinire i sessi. Naturalmente, dalle testimonianze di persone che si sono pentite (di averlo fatto) sappiamo quanto il trattamento possa essere emotivamente distruttivo. Ma pompare il corpo pieno di ormoni è altrettanto devastante fisicamente, avverte Kaiser Health.

In uno studio di 5.000 persone che si identificano come transgender, gli uomini che cercano di diventare donne avevano l’80-90 per cento in più di probabilità di avere un ictus o un attacco di cuore. Hanno anche avuto un maggiore rischio di coaguli di sangue dagli estrogeni. Questo è un livello di rischio sorprendente per chiunque, per non parlare di questi pazienti, che stanno scegliendo di creare uno squilibrio nel loro sistema. “Questo è il più grande studio sulla salute degli individui transgender sulla terapia ormonale che sia mai stato fatto“, uno degli autori, il dottor Darios Getahun, ha detto alla NBC News. “Medici e pazienti devono essere consapevoli della possibilità di maggiori rischi per la salute delle donne transgender“.

Fino ad ora, FRC Cathy Ruse sottolinea, i ricercatori hanno ritenuto che l’effetto dei trattamenti con estrogeni sulle transwomen (uomini biologici) fosse lo stesso che sulle donne reali (in menopausa). Ma naturalmente questo richiede di sospendere la fede nella realtà e nella scienza – e fingere che gli uomini che vogliono essere donne abbiano corpi maschili che non sono diversi da quelli femminili. Quanto è ironico, dice Cathy, che “questo studio mostra quanto le differenze biologiche maschili e femminili abbiano davvero importanza – trattamenti medici che sono vantaggiosi per un sesso possono essere dannosi per un altro“. L’agenda transgender sta mettendo questi uomini a rischio, il quali meritano di conoscere la verità sui rischi nocivi per la salute che l’ormone per la “transizione” pone per loro.

Medici più liberali, come Richard Greene, sono grati di avere i dati, ma dicono che sono preoccupati che altri li possano usare per scoraggiare i loro pazienti. La terapia ormonale, ha insistito (nonostante questa chiara ricerca dica il contrario), “è un salvavita per molte persone transgender“. Portando avanti la tipica linea LGBT, egli ha continuato dicendo che le persone a cui viene negato (il trattamento ormonale, ndr) combattono con la depressione o contemplano il suicidio. Ciò che non ha menzionato è che i tassi di depressione e suicidio sono altrettanto cattivi – o peggiori – per coloro che utilizzano la terapia ormonale.

Uno studio svedese del 2011 ha dimostrato quanto sia sbagliato pensare che dare a questi pazienti tutto ciò che chiedono possa aiutare. Al contrario, le persone che si identificano come transgender hanno avuto un tasso di suicidi 19 volte superiore rispetto alla popolazione generale. Ora, nonostante questi nuovi dati, medici come Greene stanno ancora spingendo indietro, insistendo sul fatto che stiamo ponendo uomini e donne che soffrono sulla strada di una maggiore sofferenza.

E i bambini? I distretti scolastici come la contea di Fairfax, in Virginia, hanno ripetutamente votato contro la comunicazione agli studenti di eventuali effetti negativi sulla salute derivanti da questi trattamenti ormonali nelle lezioni pro-transgender! Come osano spingere i bambini lungo questa strada senza dire loro nulla dei pericoli che li attendono? Sono disposti a fare qualsiasi cosa – tra cui trattare i bambini come ratti di laboratoriosolo per far progredire la loro ideologia. (Un’ideologia, tra l’altro, che l’American College of Pediatrians chiama abuso di minori”).

L’esplosione del sesso radicale e centrato sul gender è così oltraggiosa che anche il Comitato Nazionale Repubblicano sta venendo coinvolto. Sul “Washington Watch” di lunedì, donna Cynthia Dunbar del Virginia Committee ha spiegato che i genitori in tutta l’America sono così sconvolti che stanno prendendo una posizione politica. Proprio lo scorso fine settimana, la RNC è arrivata al punto di approvare una risoluzione che chiedeva ai leader locali di dare ai genitori la possibilità di esprimersi nel programma di studi dei loro figli. La proposizione, sottolinea Cynthia, è stata adottata all’unanimità e affida ai distretti scolastici il compito di “contattare i genitori, fornire loro informazioni sui contenuti e poi decidere se vogliono o meno che i loro figli vi siano esposti“.

È facile essere spericolati con i figli altrui. Ma dopo questo nuovo studio, i genitori avranno un altro argomento per dire alle scuole di smettere di promuovere il transgenderismo.

 

Fonte: FAMILY RESEARCH COUNCIL

 

Facebook Comments