I media corrotti pensano che se continuano a dirci che gli uomini sono donne alla fine capitoleremo. Ma non possiamo.

Un articolo schietto, chiaro ed efficace di Libby Emmons, pubblicato su The Federalist, che vi propongo nella mia traduzione. 

 

Rachel Levine
Rachel Levine

 

La dottoressa Rachel Levine, un uomo che si identifica come donna, serve come assistente di Biden per la salute nel Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani. Levine è stata nominata da USA Today come “donna dell’anno”. USA Today dice che la sua serie “Donne dell’anno” è “un riconoscimento delle donne in tutto il paese che hanno avuto un impatto significativo”.

Levine, che ha iniziato a identificarsi come transgender ben in età adulta, è stata pubblicizzata dall’amministrazione Biden come la prima nomina apertamente transgender confermata dal Senato di qualsiasi amministrazione della Casa Bianca, dopo essere stata scelta per lavorare sotto il Segretario alla Salute e ai Servizi Umani degli Stati Uniti Xavier Becerra. Biden ha espresso il suo piano di riempire il governo federale con assunzioni e nomine basate principalmente sulle preoccupazioni di “equità”, che per la sinistra significa assumere persone in base al colore della pelle e alle preferenze sessuali.

 

L’unica qualifica di Levine è la finzione

Non c’è ragione di credere che Levine avrebbe ottenuto il lavoro di assistente del segretario alla salute senza indossare abiti da donna. In questo, questo posto, e l’ufficio della salute pubblica che ne è seguito, è una conquista costruita su bugie e offuscamenti.

Levine era in precedenza il massimo funzionario sanitario dello stato della Pennsylvania. Durante il Covid, il funzionario ha tolto la madre dello stesso Levine da una casa di cura mentre riempiva quelle strutture di pazienti positivi al Covid, portando alla morte di più di 10.000 anziani nelle case di cura dello stato.

Il funzionario sanitario è stato criticato a livello locale per questa evidente ipocrisia e insensibilità. Ma per l’amministrazione Biden, il fatto che Levine sia in un vestito, indossi una permanente grigia in una lunga coda di cavallo, e abbia la faccia tosta di andare in giro come se Levine abbia sempre vissuto in forma femminile, significa che tutto è perdonato.

La “transessualità” di Levine significa che l’incaricato di Biden sale pubblicamente di livello e gli vengono date opportunità basate su concetti di equità che risultano semplicemente in un altro maschio bianco che gestisce le cose. Solo che ora si tratta di un maschio bianco con evidenti manie, invece di uno che ha la testa a posto. Levine, che blatera di essere una donna, chiaramente non lo fa.

USA Today ha osservato che Levine è ” preoccupata per le sfide che le donne e le ragazze affrontano in relazione all’immagine del corpo,” e “ha condotto un programma sui disordini alimentari alla Penn State University ed è stata colpita dalle pressioni dei social media legate all’aspetto.” Levine apparentemente pensa che preoccuparsi delle donne conferisca lo status di donna.

 

Indossare abiti non fa una donna

Levine, un medico, deve sapere che il pene, i testicoli, la massa muscolare, la densità ossea, i livelli di testosterone, e altre caratteristiche maschili sono ovviamente maschili. Levine apparentemente crede che le donne siano riducibili ai loro accorgimenti – che le donne sorridono e sono pudiche, indossano abiti e gonne, siedono educatamente con le mani piegate, e che fare questo fa di Levine una donna. Ma Levine non lo è.

Innumerevoli articoli nel panorama dei media americani hanno detto apertamente che Levine è una donna. Queste testate, che senza dubbio affermano di credere nell’integrità giornalistica e nel dire la verità, sono veri e propri bugiardi e manipolatori quando ci dicono che Rachel Levine, un uomo completamente formato, è una donna.

Levine potrebbe tagliarsi il pene, impiantarsi plastica o silicone per imitare le mammelle delle mestruazioni, o andare in giro con le Louboutin, ma niente di tutto questo fa di Levine una donna.

Una donna non è definita da vestiti, trucco, capelli, unghie, scarpe o contegno. Una donna è il suo corpo, e tutti lo sanno. Le donne non sono un costrutto sociale, sono la metà della specie umana mammifera che è stata creata da Dio per portare i nostri figli. I loro corpi rivelano che è così.

Le donne sono biologicamente diverse dai maschi. Le donne hanno seni che, come tutti i mammiferi, produrranno latte per i loro piccoli. Le donne hanno organi specificamente progettati per la gestazione di quei piccoli. Le donne hanno fianchi che ospitano i bambini e la nascita. Le donne sono progettate per questo scopo.

Come medico, Levine lo sa perfettamente. Levine sa che il corpo di Levine non è stato fatto per portare i piccoli, ma che è stato fatto per ingravidare, in senso riproduttivo – che questa è la sua funzione riproduttiva.

 

Chiunque ripeta a pappagallo la bugia di Levine è anche un bugiardo

Che Levine sia stato approvato dal Senato degli Stati Uniti per l’attuale posto di Levine in una posizione di direzione della salute pubblica è assurdo. Ogni singolo senatore che ha votato per Levine perché prendesse questo posto sapeva perfettamente che il candidato di Biden era un bugiardo. Levine sta mentendo al Congresso, al popolo americano, all’amministrazione Biden, e sì, Levine sta mentendo a Levine.

Ora, USA Today sta mentendo per conto di Levine. I media corrotti pensano che se continuano a dirci che gli uomini sono donne alla fine capitoleremo – alla fine diremo: “Perché, sì, avete ragione, la parola ‘donne’ è semplicemente rappresentativa di sentimenti pruriginosi che qualcuno sa di essere davvero quella cosa”. Ma non possiamo.

Non possiamo sottometterci a queste bugie. Non possiamo rinunciare alla realtà solo per placare un uomo che vuole indossare abiti da donna. Levine è un transessuale esibizionista. E tutti, anche il ruffiano USA Today, lo sanno perfettamente. Basta con le bugie. Dite la verità.

 


 

Libby Emmons è un collaboratore senior di The Federalist e Senior Editor di The Post Millennial. È una scrittrice e madre a Brooklyn, NY.

Facebook Comments