Ieri, 20 settembre 2022, il noto youtuber e giornalista Matt Walsh ha pubblicato una serie di tweet di denuncia nei confronti di una clinica universitaria in cui vengono “trattati” minori con problematiche di identità sessuale. Oggi un articolo del Daily Wire riporta la decisione del Governatore dello Stato del Tennessee di avviare un’indagine sul centro medico. Noi vi forniamo una ricostruzione della vicenda.

 

bambini ormoni affermazione di gender transgender

 

 

di Annarosa Rossetto

 

Il governatore repubblicano del Tennessee Bill Lee  ha ordinato un’indagine sulla Pediatric Transgender Clinic presso il Vanderbilt University Medical Center (VUMC) dopo che i video scioccanti pubblicati da Matt Walsh hanno mostrato la promozione  da parte di un medico di interventi chirurgici di transizione di genere “redditizi per l’ospedale”.

I video ottenuti da Walsh mostrano anche quelle che appaiono essere minacce rivolte ai professionisti medici del VUMC che si volessero opporre, anche per motivi religiosi, alle procedure.

Alcuni video e pagine web archiviate dal centro medico descrivono in dettaglio la promozione da parte di medici delle terapie e degli interventi chirurgici transgender, “grande fonte di denaro”.

“La ‘clinica pediatrica per transgender’ presso il Vanderbilt University Medical Center solleva serie preoccupazioni morali, etiche e legali”, ha affermato il governatore Lee in una dichiarazione al Daily Wire. “Non dovremmo permettere decisioni con esiti permanenti che danneggiano i minori e ne alterano la vita, o politiche che sopprimono le libertà religiose, il tutto a scopo di lucro. Dobbiamo proteggere i bambini del Tennessee e questo richiede un’indagine approfondita”.

I commenti di Lee arrivano dopo una serie di tweet molto dettagliati dell’youtuber e autore del Daily Wire Matt Walsh sul Centro Medico. In uno dei video condivisi da Walsh, la dottoressa Shayne Sebold Taylor della VUMC Clinic for Transgender Health ha ammesso: “Questi interventi chirurgici richiedono molto lavoro, molti follow-up e molto del nostro tempo e rendono molti soldi”, ha sottolineato. “Rendono soldi per l’ospedale”.

Ecco la serie di tweet che hanno dato il via a questa vicenda.

 

          BREAKING NEWS: Io e il mio team abbiamo indagato sulla clinica transgender di Vanderbilt qui a Nashville. Vanderbilt somministra farmaci, castra chimicamente ed     esegue doppie mastectomie sui minori. Ma è anche peggio. Ecco cosa abbiamo trovato.      Cominciamo dall’inizio. 

 

“Sono un sacco di soldi”, ha detto la dottoressa Shayne Sebold Taylor  della VUMC Clinic for Transgender Health  in una conferenza del Medicine Grand Rounds, rivela il video. “Questi interventi chirurgici rendono un sacco di soldi.”

 

Vanderbilt ha aperto la sua clinica trans nel 2018. Durante una conferenza dello stesso anno, la dottoressa Shayne Taylor ha spiegato come ha convinto Nashville a entrare nei giochi della transizione di genere. Ha sottolineato che è una “grande fonte di denaro”, soprattutto perché gli interventi chirurgici richiedono molti “follow up”

 

La d.ssa Taylor ha osservato che una “ricostruzione del torace” può rendere fino a $ 40.000 per ogni paziente, e che qualcun altro “solo con un trattamento ormonale di routine, che vedo solo poche volte all’anno, può portare diverse migliaia di dollari … e rende davvero molti soldi per l’ospedale.”

Citando il Philadelphia Center for Transgender Surgery, la Taylor ha affermato che gli interventi di vaginoplastica possono generare anche $ 20.000, affermando che “si tratta di una sottostima”, poiché la degenza ospedaliera, l’anestesia, le visite post-operatorie e altri componenti aggiuntivi non sono inclusi nel totale.

“E gli interventi chirurgici da donna a uomo….questi sono enormi fonte di guadagni”, ha continuato la dottoressa, aggiungendo che tali interventi potrebbero portare “fino a $ 100.000” per l’ospedale.

Alcune cliniche sono “interamente” “supportate” finanziariamente da tali interventi di falloplastica, si è vantata la Taylor.

In un’altra conferenza del Medicine Grand Rounds, i membri dello staff vengono avvertiti dall’esperta di diritto sanitario della Vanderbilt Ellen Wright Clayton che qualsiasi “obiezione di coscienza” sarà accolta con “conseguenze” e viene loro detto che probabilmente non dovrebbero lavorare al VUMC se non vogliono a partecipare agli interventi chirurgici trans, che includono pazienti minori:

          Apparentemente il Centro Vanderbilt era preoccupato che non tutto il suo personale avrebbe collaborato. La dottoressa Ellen Clayton ha avvertito che le “obiezioni di  coscienza” sono “problematiche”. Chiunque decida di non essere coinvolto in interventi chirurgici di transizione per “credenze religiose” dovrà affrontare “delle conseguenze”

 

“Se avete intenzione di fare obiezione di coscienza, dovete rendervi conto che questo è una cosa problematica”, ha detto la Clayton. “State facendo qualcosa a un’altra persona e non state pagando un prezzo per la vostra fede. Penso che sia un… vero problema”.

E a questo punto gli avvertimenti si fanno pressanti: il centro medico ha un programma chiamato “Trans Buddy“, disponibile anche per i minori e descritto come una sorta di sistema di monitoraggio dei medici del centro, compreso il controllo del loro uso del “pronome”.

 

          Nel caso in cui gli obiettori non avessero capito l’antifona, Vanderbilt ha presentato un programma chiamato “Trans Buddies”. Gli “amici (buddies)” sono attivisti della comunità trans che partecipano agli appuntamenti con pazienti trans, monitorando i medici per proteggerli da comportamenti “non sicuri” come il misgendering (usare il pronome di genere sbagliato)

 

Tra le “offerte” del Centro ci sono anche trattamenti non approvati legalmente ma le informazioni relative sono state eliminate dal sito:

          Vanderbilt mette a disposizione anche dei bambini i loro Trans Buddies. Mettono a   disposizione dei bambini molti “servizi”, inclusa la castrazione chimica. Anche se ad un   certo punto nell’ultimo mese hanno rimosso l’ammissione esplicita di questo fatto dal loro sito. Ecco lo screenshot archiviato

 

Salta fuori anche un video:

          Ma nel 2020 devono essersi dimenticati di eliminare un video dal canale Youtube di   Vanderbilt Psychiatry che ammette esplicitamente che somministreranno e hanno somministrato in passato farmaci ormonali irreversibili a bambini di appena 13 anni.

 

Dopo aver imbottito di farmaci e sterilizzato i bambini, la clinica Vanderbilt – come spiegato in questa presentazione video dal chirurgo plastico Julian Winocour e dall’assistente del medico Shalyn Vanderbloemen – eseguirà felicemente doppie mastectomie su ragazze adolescenti.

 

La Clayton ha detto poi che gli obiettori di coscienza sarebbero stati “ricollocati” ma anche che queste persone devono trovare qualcun altro che esegua tali interventi per loro.

“Voglio solo che sappiate che dire che non hai intenzione di fare qualcosa a causa della tua coscienza, a causa delle tue convinzioni religiose, non è senza conseguenze e non dovrebbe essere senza conseguenze”, ha sottolineato. “Volevo solo farvelo presente.”

“Ci viene semplicemente detto un enorme: ‘se non vuoi fare questo tipo di lavoro, non lavorare alla Vanderbilt’”, ha sottolineato.

Sembra che la Vanderbilt sia preoccupata che non tutto il suo personale sia d’accordo con lei. La dottoressa Ellen Clayton ha avvertito che le “obiezioni di coscienza” sono “problematiche”. Chiunque decida di non essere coinvolto in interventi chirurgici di transizione a causa di “credenze religiose” dovrà affrontare delle “conseguenze”

 

“Quindi, riassumiamo. Il Centro Vanderbilt è entrato nei giochi della transizione di genere in gran parte perché è molto redditizio dal punto di vista finanziario. Hanno quindi minacciato tutti i membri del personale che si volessero opporre e hanno arruolato una banda di attivisti trans per agire come sorveglianza al fine di obbligarli a seguire le regole”.

 

“Questi ora castrano, sterilizzano e mutilano minori e adulti, mentre a quanto pare stanno adottando misure per nascondere questa attività alla vista del pubblico. Questo è  ciò che l’”assistenza sanitaria” è diventata nell’America moderna”.

 

Il Daily Wire ha contattato il centro universitario Vanderbilt che però non ha fornito commenti.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments