Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo pubblicato su Exposé. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

cellule cancerose cancro

 

Il cancro inizia quando le alterazioni genetiche interferiscono con la normale replicazione e sostituzione delle cellule dell’organismo. Le cellule iniziano a crescere in modo incontrollato e possono formare un tumore. È la seconda causa di morte negli Stati Uniti.

Purtroppo, sembra che la malattia possa essere in aumento grazie alle iniezioni sperimentali di Covid-19. Perché i dati ufficiali del governo statunitense confermano che il rischio di sviluppare un tumore in seguito alla vaccinazione con Covid-19 aumenta di uno scioccante 143.233%.

 

Il Centers for Disease Control (CDC) ospita un Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) che contiene dati storici sulle reazioni avverse segnalate per ogni vaccino somministrato negli Stati Uniti d’America.

Una rapida ricerca nel database VAERS del CDC sul numero di casi di cancro segnalati come reazioni avverse alle iniezioni di Covid-19 da quando sono state introdotte negli Stati Uniti, rivela che da dicembre 2020 al 5 agosto 2022, in un anno e 8 mesi sono stati segnalati in totale 2.579 eventi avversi legati al cancro.

 

 

Ma effettuando una ricerca simile nel database VAERS sul numero di casi di cancro segnalati come eventi avversi a tutti gli altri vaccini disponibili tra il 2008 e il 2020, un periodo di 13 anni, si scopre che ci sono stati solo 791 eventi avversi legati al cancro.

 

 

Molti sosterrebbero semplicemente, senza sostenere le loro affermazioni con alcuna prova, che ciò è dovuto al volume di iniezioni Covid-19 somministrate rispetto a tutti gli altri vaccini. Purtroppo, però, chiunque sostenga questa tesi si sbaglia.

Per rendersene conto basta osservare il numero di dosi somministrate.

Il grafico seguente mostra il numero totale di dosi di vaccino antinfluenzale somministrate in 13 stagioni influenzali complete, dalla stagione influenzale 2008/2009 alla stagione influenzale 2019-2020. I dati sono stati estratti dalle informazioni del CDC che si trovano qui.

 

Numero di dosi di vaccino antiinfluenzale iniettate

 

In all between the 08/09 flu season and the 19/20 flu season, there were a total of 1,720,400,000 (1.7204 billion) doses of the flu jab administered in the USA.

The CDC also confirms that between 2008 and 2020, a period of 13 years, there were just 64 events related to cancer reported as adverse reactions to the influenza vaccines.

 

 

Basandosi sul numero di eventi avversi relativi al solo cancro, possiamo notare che i casi di cancro correlati alla vaccinazione Covid-19 sono stati 40,3 volte superiori a quelli correlati alla vaccinazione antinfluenzale.

 

 

Tuttavia, pur essendo scioccante, questa statistica non rappresenta adeguatamente la gravità della situazione. Per farlo, dobbiamo conoscere il numero di casi di cancro per 100.000 dosi somministrate.

Sulla base dei numeri forniti dal CDC, il numero di eventi avversi correlati al cancro segnalati per 100.000 dosi di vaccino antinfluenzale somministrate equivale ad appena 0,0003 per 100.000 dosi.

Secondo “Our World in Data“, al 9 agosto 2022, negli Stati Uniti sono state somministrate 606 milioni di dosi di vaccino Covid-19. Ciò significa che sono state effettivamente somministrate quasi 3 volte il numero di eventi avversi per 100.000 dosi di vaccino antinfluenzale. Ciò significa che nel periodo 2008-2020 sono stati somministrati quasi 3 volte più vaccini antinfluenzali rispetto alle iniezioni di Covid-19 dalla fine del 2020, per non parlare di tutti gli altri vaccini somministrati.

 

 

Pertanto, il numero di eventi avversi correlati al cancro riportati per 100.000 dosi di vaccino Covid-19 somministrate equivale a 0,43 per 100.000 dosi.

 

 

Ciò significa che la vaccinazione Covid-19 ha 1433,33x / 143.233,33% in più di probabilità di causare il cancro rispetto alla vaccinazione antinfluenzale. Si può sostenere che, poiché i numeri sono così straordinariamente bassi per il vaccino antinfluenzale, la vaccinazione antinfluenzale non provoca il cancro. Pertanto, si può affermare che il rischio di sviluppare il cancro in seguito alla vaccinazione Covid-19 è 1433 volte superiore al rischio di base.

Ciò non dovrebbe tuttavia sorprendere più di tanto se si considera che è già scientificamente provato che le iniezioni di mRNA di Covid-19 possono causare il cancro alle ovaie, al pancreas e al seno.

La via di riparazione del DNA per ricombinazione omologa è uno dei meccanismi che l’organismo utilizza per impedire alle cellule di diventare cancerose in risposta allo stress ambientale.

Nell’ottobre del 2021, due scienziati famosi, chiamati Jiang e Mei, hanno pubblicato su MDPI, dopo una revisione paritaria, un documento che dimostra che la proteina spike della SARS-Cov-2 ha annullato il meccanismo di riparazione del DNA nei linfociti.

La proteina spike virale era così tossica per questo percorso da metterne fuori uso il 90%. Se l’intera proteina spike fosse entrata nel nucleo (nelle ovaie) e ne fosse stata prodotta una quantità sufficiente e fosse rimasta in giro abbastanza a lungo prima che l’organismo fosse in grado di eliminarla del tutto, avrebbe causato il cancro.

Fortunatamente, nel caso di un’infezione naturale, è improbabile che ciò accada. Ma i “vaccini” sperimentali a base di mRNA inducono la produzione della proteina spike all’interno e intorno al nucleo della cellula e questo avviene per almeno 60 giorni e quasi certamente per più tempo.

Questo è probabilmente il motivo per cui i casi di cancro alle ovaie sono ora ai massimi storici.

I dati ufficiali del Regno Unito pubblicati da Public Health Scotland, consultabili qui, rivelano il numero di donne colpite da cancro ovarico dall’introduzione dell’iniezione di Covid-19 nella popolazione generale. Purtroppo, il trend noto nel 2021 è stato significativamente più alto rispetto al 2020 e alla media 2017-2019.

 

 

Il grafico precedente mostra fino a giugno 2021, ma i grafici presenti sul dashboard di Public Health Scotland mostrano ora i dati fino a dicembre 2021 e purtroppo rivelano che il divario si è ulteriormente ampliato, con un aumento significativo del numero di donne affette da cancro ovarico.

 

 

Se volete comunque fare un vaccino che non vi impedisce di prendere il Covid-19, non vi impedisce di diffondere il Covid-19, aumenta il vostro rischio di mortalità in modo significativo (vedi qui) e aumenta il vostro rischio di ammalarvi di cancro del 143.233%, allora sta a voi decidere. Ma forse ora potrete essere un po’ più comprensivi sul perché molti altri si rifiutano di farlo.

 

*****************

 

Fin qui l’articolo di Exposé.

Ho effettuato anche io una rapida ricerca nel database VAERS per tutti i tipi di cancro e per tutte le date, ovvero dal 1990, anno in cui è partita la banca dati che raccoglie le segnalazioni spontanee dei vari eventi avversi sussessivi ad una iniezione di un qualsiasi vaccino. Quindi, parliamo di una sorveglianza passiva che sottostima notevolmente quello che realmente avviene nella realtà. Si ipotizza che quello che avviene sulla realtà sia da 10 a 100 volte quello che viene riportato nella banca dati VAERS. 

Dunque, ho cliccato qui per inserire la parola di ricerca “Cancer”. Nella sottosezione 1 ho scelto “vaccine type”, nella sezione 6 ho scritto la parola “cancer”. In tutte le altre sezioni ho lasciato “all”. Ho cliccato nella sezione 8 il tasto “send” ed ho ottenuto la scioccante tabella qui sotto riportata (ho diviso la tabella in due screenshot data la sua lunghezza) che riporta i dati al 15.09.2023 di tutte le segnalazioni di cancro negli STATI UNITI divisi per tipo di vaccino. Come potete vedere circa 10.000 segnalazioni di cancro su quasi 13.000 sono sono segnalati come legati ai vaccini covid, ovvero oltre 87% del di 11.227. (vedere tabella). Preciso che i vaccini COVID sono stati iniettati in meno di soli 3 anni su un totale di 33 anni di dati raccolti riferentei a tutti i vaccini. Per fare un esempio, i vaccini che hanno prodotto più segnalazioni di cancro dopo quelli COVID sono quelli contro l’Herpes Zoster (approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense nel 2017 e dall’Agenzia Europea del Farmaco (EMA) nel 2018) che hanno prodotto solo 730, seguiti dai vaccini contro il Papilloma virus (in Italia introdotto dal 28 febbraio 2007) che hanno prodotto 456.  Capite facilmente che l’incidenza di segnalazione di cancro per i vaccini COVID è notevolissima rispetto a qualsiasi altro vaccino. 

 

 



Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments