E’ quello che riporta in un articolo Reuters.  Facebook, a suo piacimento, decide quando è possibile che i suoi utenti incitino apertamente alla violenza e quando no. Questo è per lo meno scabroso. Decide Facebook la moralità dei post, decide lei quando la violenza è buona e quando no. Decide lei quale odio è ammissibile. Ma questo lo abbiamo sempre saputo. Ora è semplicente alla luce del sole.

 

facebook-censura

 

Meta Platforms (Facebook, ndr) permetterà agli utenti di Facebook e Instagram in alcuni paesi di invocare la violenza contro i russi e i soldati russi nel contesto dell’invasione dell’Ucraina, secondo le e-mail interne viste da Reuters giovedì, in un cambiamento temporaneo alla sua politica di odio.

La società di social media sta anche permettendo temporaneamente alcuni post che invocano la morte del presidente russo Vladimir Putin o del presidente bielorusso Alexander Lukashenko, secondo le email interne ai suoi moderatori di contenuti.

Come risultato dell’invasione russa dell’Ucraina, abbiamo temporaneamente permesso forme di espressione politica che normalmente violerebbero le nostre regole, come discorsi violenti come “morte agli invasori russi”. Ancora non permetteremo appelli credibili alla violenza contro i civili russi”, ha detto un portavoce di Meta in un comunicato.

Gli appelli alla morte dei leader saranno consentiti a meno che non contengano altri obiettivi o abbiano due indicatori di credibilità, come il luogo o il metodo, ha detto una e-mail, in un recente cambiamento alle regole della società sulla violenza e l’incitamento.

Citando la notizia della Reuters, l’ambasciata della Russia negli Stati Uniti ha chiesto a Washington di fermare le “attività estremiste” di Meta. leggi qui

“Gli utenti di Facebook e Instagram non hanno dato ai proprietari di queste piattaforme il diritto di determinare i criteri di verità e mettere le nazioni una contro l’altra”, ha detto l’ambasciata su Twitter in un messaggio che è stato condiviso anche dal loro ufficio in India.

I cambiamenti temporanei della politica sugli appelli alla violenza verso i soldati russi si applicano ad Armenia, Azerbaijan, Estonia, Georgia, Ungheria, Lettonia, Lituania, Polonia, Romania, Russia, Slovacchia e Ucraina, secondo una e-mail.

Nell’e-mail inviata di recente ai moderatori, Meta ha evidenziato un cambiamento nella sua politica di incitamento all’odio riguardante sia i soldati russi che i russi nel contesto dell’invasione.

“Stiamo rilasciando un permesso per lo spirito della politica (il regolamento dei moderatori dei post e commenti postati dagli utenti di Facebook, ndr) per consentire il discorso violento T1 che altrimenti verrebbe rimosso sotto la politica Hate Speech quando: (a) prendendo di mira i soldati russi, TRANNE i prigionieri di guerra, o (b) prendendo di mira i russi dove è chiaro che il contesto è l’invasione russa dell’Ucraina (ad esempio, il contenuto menziona l’invasione, l’autodifesa, ecc)”, ha detto nella e-mail.

“Stiamo facendo questo perché abbiamo osservato che in questo contesto specifico, ‘soldati russi’ viene utilizzato come un proxy per l’esercito russo. La politica Hate Speech continua a vietare gli attacchi ai russi”, ha dichiarato l’e-mail.

La scorsa settimana, la Russia ha detto che stava vietando Facebook nel paese in risposta a ciò che ha detto che erano restrizioni di accesso ai media russi sulla piattaforma. Mosca ha dato un giro di vite alle aziende tecnologiche, tra cui Twitter, che ha detto che è limitato nel paese, durante la sua invasione dell’Ucraina, che chiama una “operazione speciale”.

Molte delle principali piattaforme di social media hanno annunciato nuove restrizioni sui contenuti intorno al conflitto, tra cui il blocco dei media statali russi RT e Sputnik nell’Unione europea, e hanno dimostrato di avere dei carve-out in alcune delle loro politiche durante la guerra.

Le e-mail hanno anche mostrato che Meta avrebbe permesso l’elogio del battaglione di destra Azov, che è normalmente vietato, in un cambiamento riportato per la prima volta da The Intercept.

Il portavoce di Meta ha detto in precedenza che la società stava “per il momento, facendo una stretta eccezione per la lode del Reggimento Azov strettamente nel contesto della difesa dell’Ucraina, o nel loro ruolo come parte della Guardia Nazionale Ucraina”.

 

***************

 

Dopo aver letto l’articolo di Reuters, e per capire che la situazione non è bianca e nera, ma grigia, e che le ragioni non sono solo da una parte, come le élite ci vogliono far credere, guardate cosa ha da dire il prof. Orsini in questi due brevissimi video:

 

 

 

 

Facebook Comments