“Ci vorrà tempo perché la Chiesa si pronunci sulla santità di suor Wilhelmina. Ma non c’è bisogno di aspettare per capire il messaggio più ovvio offerto da ogni santo incorrotto.”

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Dawn Beutner e pubblicato su Catholic World Report. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

 

Quattro anni dopo la sua morte, suor Wilhelmina Lancaster ha lasciato il mondo intero senza parole. Come è possibile che il corpo di una suora benedettina deceduta sia rimasto intatto dopo anni in una bara che perdeva?

Dopo tutto, il medico legale che ha organizzato la sepoltura della suora ha verificato che il suo corpo non è stato imbalsamato. Ha anche dichiarato che è stato semplicemente messo in una bara di legno, senza un ulteriore contenitore per la sepoltura. Sorprendentemente, il corpo di Suor Wilhelmina non mostra segni di decomposizione e non emana alcun odore di decomposizione. Migliaia di visitatori si sono già recati in un’abbazia del Missouri per vedere questo spettacolo sorprendente.

Discutere di resti umani di persone decedute fa venire a molti più di un brivido. Tuttavia, in questo saggio, questo argomento insolito sarà descritto nel modo più clinico possibile.

Ma cos’è l'”incorruttibilità” e perché noi, come cattolici, dovremmo preoccuparcene?

Come sottolinea l’autrice Joan Carroll Cruz nel suo libro The Incorruptibles, i corpi umani che si conservano dopo la morte possono essere raggruppati in tre categorie: 1) corpi conservati deliberatamente; 2) corpi conservati accidentalmente; 3) corpi che alcuni cristiani chiamano incorruttibili.

Le mummie egizie, ad esempio, rientrano nella prima categoria, sebbene anche altre culture abbiano tentato di conservare i corpi dei loro defunti. I resti conservati deliberatamente sono in genere facili da identificare: assomigliano alle mummie.

Anche alcune condizioni naturali possono talvolta produrre corpi conservati. Per esempio, alcuni resti umani intatti ma antichi sono stati ritrovati in climi caldi e secchi come l’Egitto e il Messico. Si potrebbe dire che questi resti sono in uno stato di mummificazione accidentale.

Ma c’è anche il misterioso gruppo di corpi conservati, descritto da Cruz. Dalla risurrezione di nostro Signore, sono stati documentati molti casi di corpi di santi uomini e donne cristiani rimasti incorrotti dopo la morte. In queste situazioni, i loro corpi non si decompongono secondo il normale schema di decomposizione, ma non assomigliano nemmeno a mummie.

Questi corpi incorrotti di santi possono non essere comuni, ma non sono certo rari. Per millenni, la Chiesa ha indagato sui casi di incorruttibilità per determinare se si trattasse di una conservazione intenzionale o accidentale. Sebbene gli uomini del mondo antico non avessero la comprensione scientifica della decomposizione degli organismi viventi che abbiamo oggi, avevano molta esperienza personale con la morte. Sapevano esattamente come apparivano e odoravano i corpi in decomposizione.

Ecco perché Santa Cecilia di Roma è una tale meraviglia. Le prime testimonianze descrivono l’eroica fedeltà della vergine martire Cecilia al momento del suo martirio, intorno all’anno 177. Nessuno si aspettava di trovare il suo corpo incorrotto nella sua tomba quando l’hanno aperta nell’anno 822 o nel 1599. Ma è successo.

Allo stesso modo, nessuno si aspettava che il corpo di Santa Rita da Cascia sarebbe rimasto intatto dal momento della sua morte, avvenuta nel 1457, fino ai giorni nostri. E nessuno si aspettava che il suo corpo sembrasse muoversi di tanto in tanto nella teca di vetro in cui si trova attualmente.

Il Compendio dei miracoli del diacono Albert E. Graham descrive diversi casi di incorruttibilità, oltre a un evento correlato che coinvolge Santa Lydwina di Schiedam. Santa Lydwina soffrì di numerose malattie debilitanti e sfiguranti prima di morire nel 1433 nei Paesi Bassi. Dopo la sua morte, molte persone osservarono che il corpo di Lydwina appariva sereno e bello. Sebbene il corpo di Santa Lydwina non sia rimasto incorrotto, non c’è alcuna ragione scientifica che spieghi come un’adolescente con ulcere e ferite sul viso abbia un aspetto migliore al suo funerale rispetto a quello che aveva in vita.

Ci sono quattro incorruttibili descritti nel mio libro Il lievito dei santi, e uno dei casi più inspiegabili riguarda Sant’Andrea Bobola. Questo sacerdote gesuita del XVII secolo morì come martire nell’odierna Bielorussia dopo che i soldati cosacchi lo avevano torturato a morte. Il corpo maciullato e mutilato di Sant’Andrea è rimasto intatto per quasi quattro secoli.

I cattolici non sono gli unici cristiani ad aver studiato il fenomeno dell’incorruttibilità. Anche le Chiese ortodosse lo riconoscono da secoli. Nella Chiesa ortodossa russa, ad esempio, l’incorruzione parziale o totale del corpo di una persona dopo la morte è generalmente diventata un requisito1 per riconoscerla come santa, tranne nel caso del martirio.

Al contrario, anche se la Chiesa cattolica può notare che il corpo di una persona è rimasto incorrotto dopo la morte, questo fatto da solo non è considerato essenziale per la beatificazione o la canonizzazione. Questo perché la Chiesa ha riconosciuto che mentre i corpi di alcuni santi sono rimasti incorrotti dopo la morte, quelli di altri grandi santi non lo sono stati. Il corpo di Santa Teresa di Lisieux, per esempio, non è rimasto intatto, eppure questo fatto non ci impedisce di riconoscere che ha vissuto una vita straordinariamente santa.

Se ammettiamo il fatto che i corpi di alcuni cristiani sono rimasti misteriosamente incorrotti dopo la loro morte, quali conclusioni dobbiamo trarre da questo fatto? O, piuttosto, quale lezione Dio sta cercando di insegnarci attraverso questo fenomeno?

La più perfetta seguace di Gesù Cristo era sua Madre, la Beata Vergine Maria. Quando Papa Pio XII dichiarò che Maria era stata assunta, anima e corpo, in cielo, spiegò perché Maria meritava questo onore: fu assunta “per essere più pienamente conforme a suo Figlio, il Signore dei signori e il vincitore del peccato e della morte”.2 L’Assunzione di Maria ci ricorda che non dobbiamo temere la morte, perché Cristo l’ha vinta e ci ha aperto le porte del cielo. Ci ricorda anche che i corpi di alcuni cristiani non sono necessariamente soggetti al processo naturale di decomposizione.

I santi incorrotti ci indicano anche altre verità evangeliche. Il fatto che il corpo di Santa Cecilia sia rimasto incorrotto per quasi duemila anni dimostra “che presso il Signore un giorno è come mille anni, e mille anni come un giorno”.3 Il corpo intatto di Santa Rita ci ricorda che le mogli maltrattate, non solo le vergini martiri, possono diventare donne di grande santità. L’aspetto di Santa Lydwina sul letto di morte ci incoraggia a confidare che saremo resi belli in cielo, indipendentemente dal nostro aspetto sulla terra. Le ferite ancora visibili di Sant’Andrea sottolineano il fatto che ogni prova e sofferenza che subiamo è nota a Dio e alla fine sarà resa visibile a tutti.

Anche la mancanza di incorruttibilità del corpo di Santa Teresa è avvenuta per un motivo. Dalla sua morte, questa giovane donna, che durante la sua vita ha lasciato a malapena la Francia, ha viaggiato in tutto il mondo, o meglio, le sue reliquie hanno viaggiato. Come avrebbe potuto diventare una così grande santa missionaria se il suo corpo fosse rimasto intatto a Lisieux?

È troppo presto per dire quale lezione Dio stia cercando di insegnarci attraverso il corpo apparentemente incorrotto di suor Wilhelmina. Forse Dio vuole che riconosciamo la sua santità personale e la sua virtù come fondatrice di un ordine religioso. Forse vuole che ci ispiriamo al suo amore per la musica, in particolare per il canto gregoriano, al suo retaggio afroamericano o all’esempio delle sue consorelle. Forse ha permesso che il suo corpo rimanesse intatto semplicemente perché altrimenti avremmo dimenticato il suo santo esempio.

Ci vorrà tempo perché la Chiesa si pronunci sulla santità di suor Wilhelmina. Ma non c’è bisogno di aspettare per comprendere il messaggio più ovvio offerto da ogni santo incorrotto.

Dopo tutto, quando guardiamo i corpi incorrotti di sante come Catherine Laboure e Bernadette Soubirous, ci sembra che stiano semplicemente dormendo, aspettando pazientemente che il Signore torni, proprio come ha promesso. Quando arriverà quel grande e terribile giorno, tutti i santi si alzeranno dalle loro tombe per incontrarlo.

Essi sono pronti. Lo siamo anche noi?

Dawn Beutner

 

suor Wilhelmina Lancaster, di radici afroamericane

suor Wilhelmina Lancaster, di radici afroamericane

Note finali:

1 Per un’analisi dettagliata della storia della canonizzazione nelle Chiese cattolica e ortodossa, si veda Making Martyrs East and West di Cathy Caridi: Canonization in the Catholic and Orthodox Churches, DeKalb, Il: Northern Illinois University Press, 2016.

2 Catechismo della Chiesa Cattolica, Seconda edizione (Libreria Editrice Vaticana, 2019), n. 966.

3 2 Pt 3,8

 

Dawn Beutner è autrice di The Leaven of the Saints: Bringing Christ into a Fallen World (Ignatius Press, 2023) e Saints: Becoming an Image of Christ Every Day of the Year, sempre di Ignatius Press. Tiene un blog su dawnbeutner.com.

 

 

Facebook Comments