Si seguito un articolo di Eugyppius, autore sotto pseudonimo, sull’ultima intervista concessa da Seymour Hersh a proposito del suo famoso articolo (leggi qui) sull’attentato al gasdotto Nord Stream che lo ha messo fuori uso. L’articolo lo rilancio dal suo blog. Eccolo nella mia traduzione. 

 

GASDOTTO NORD STREAM TRASPORTO GAS
GASDOTTO NORD STREAM TRASPORTO GAS

 

È passata una settimana da quando Seymour Hersh ha pubblicato la sua esclusiva Substack su come l’America ha fatto fuori il gasdotto Nord Stream. La stampa tedesca tradizionale ha risposto con uno scetticismo uniforme. La maggior parte dei resoconti ha seguito l’esempio dei servizi giornalistici, riportando le smentite dei funzionari americani e sottolineando che la storia è stata ben accolta a Mosca. Alcuni interventi, come quello del media statale Tagesschau, hanno tentato un debunking più completo, in questo caso chiedendo a degli esperti di trovare delle falle nei dettagli della storia di Hersh – con risultati non proprio eclatanti. L’altra tattica principale è stata quella di attaccare la credibilità di Hersh, in modo simile alla stampa americana. L’ultima notizia è che Bob Woodward pensa che la storia di Hersh sia falsa, e poiché Woodward è anche un famoso giornalista americano, questo significa scacco matto per Hersh, o qualcosa del genere.

Lo sviluppo più importante è un’intervista che Hersh ha rilasciato alla Berliner Zeitung. È stata pubblicata ieri e contiene molti nuovi dettagli. Per esempio, Hersh dice al suo intervistatore che il piano era di far esplodere “otto bombe… vicino all’isola di Bornholm nel Mar Baltico”, di cui solo “sei… sono esplose”. Questa è la prima conferma che abbiamo avuto da qualche parte di un punto ovvio, cioè che l’operazione non è riuscita completamente e che questo è l’unico motivo per cui il tubo B di Nord Stream 2 è uscito intatto. È anche più esplicito sul coinvolgimento di Danimarca e Svezia, dicendo: “Mi è stato detto che hanno fatto quello che hanno fatto [per facilitare l’impianto di esplosivi] e che sapevano quello che stavano facendo e capivano cosa stava succedendo, ma forse nessuno ha mai detto ‘sì'”.

Hersh fornisce anche ulteriori dettagli operativi:

[C’era] una camera di decompressione e abbiamo usato un cacciatore di sottomarini norvegese. Per le quattro condutture sono stati utilizzati solo due sommozzatori. Un problema era come gestire la sorveglianza del Mar Baltico. Il Baltico è monitorato in modo molto approfondito, ci sono molti dati liberamente disponibili, quindi ce ne siamo occupati noi, con tre o quattro persone diverse. E quello che è stato fatto allora è molto semplice. Per 21 anni, la nostra Sesta Flotta … ha condotto [BALTOPS] … [Per la prima volta nella storia, l’esercitazione NATO nel Baltico aveva un nuovo programma. Si trattava di un’esercitazione di dodici giorni per lo sgancio e l’individuazione di mine. Diverse nazioni hanno inviato squadre di sminatori, un gruppo ha sganciato una mina e un’altra squadra di sminatori è andata a cercarla e a farla esplodere.

C’è stato quindi un periodo di tempo in cui le cose sono esplose, e durante questo periodo i sommozzatori di profondità hanno potuto operare e attaccare le mine alle condutture. Le due condutture corrono a circa un miglio di distanza l’una dall’altra, sono un po’ sepolte sotto il limo del fondo marino, ma non è difficile raggiungerle e i sommozzatori avevano fatto pratica. Ci sono volute solo un paio d’ore per piazzare le bombe…

[L’hanno] fatto verso la fine dell’esercitazione. Ma all’ultimo minuto la Casa Bianca si è innervosita. Il Presidente ha detto che aveva paura di procedere. Ha cambiato idea e ha dato nuovi ordini, in modo da avere la possibilità di far esplodere le bombe a distanza in qualsiasi momento. Lo si fa con un normale sonar, un prodotto della Raytheon, si sorvola il punto e si sgancia un cilindro. Si invia un segnale a bassa frequenza, si potrebbe dire che suona come un flauto, e si possono impostare diverse frequenze.

Il timore, tuttavia, era che le bombe non avrebbero funzionato se fossero rimaste in acqua troppo a lungo. Questo è ciò che è successo con due delle bombe. All’interno del gruppo c’era quindi la preoccupazione di trovare il modo giusto, e abbiamo dovuto rivolgerci ad altre agenzie di intelligence, di cui non ho volutamente scritto.

C’erano ancora esplosivi attivi sul fondo del mare, mentre i tubi perdevano il loro gas, il che spiega perché la Danimarca e la Svezia, parzialmente complici, hanno chiuso l’intera area e negato l’accesso, finché non hanno rimosso tutto.

Hersh chiarisce anche la cronologia dell’ordine di Biden e sembra suggerire che almeno alcune delle persone coinvolte credevano di aver piazzato gli esplosivi solo come parte di una tattica negoziale e che non sarebbero mai stati usati. (Non riesco a capire come questo si possa armonizzare con l’insistenza di Hersh sul fatto che l’innesco del sonar fosse un piano dell’ultimo minuto):

Joe Biden ha deciso di non farli saltare in aria già a giugno, a cinque mesi dall’inizio della guerra. Ma a settembre ha ordinato di farlo. Lo staff operativo, le persone che si occupano di cose “cinetiche” per gli Stati Uniti, fanno quello che dice il Presidente, e inizialmente pensavano che questa fosse un’arma utile da usare nei negoziati. Ma a un certo punto, dopo l’invasione dei russi e quando l’operazione è stata completata, l’intera faccenda è diventata sempre più ripugnante per le persone che la stavano facendo. Si trattava di persone che lavoravano in posizioni di vertice nei servizi segreti ed erano ben addestrate. Si sono rivoltati contro il progetto, hanno pensato che fosse una follia.

Poco dopo l’attacco, dopo che avevano fatto ciò che era stato loro ordinato, c’era molta rabbia per l’operazione e ripudio tra le persone coinvolte. Questo è uno dei motivi per cui ho imparato così tanto. E vi dirò un’altra cosa. Le persone che in America e in Europa costruiscono oleodotti sanno cosa è successo. Vi dirò una cosa importante. Le persone che possiedono aziende che costruiscono oleodotti conoscono tutti la storia. Non l’ho saputo da loro, ma ho imparato subito che lo sanno”.

Altrove, Hersh afferma che il malcontento per l’attacco di Biden è specificamente all’interno della CIA, dove i partecipanti all’operazione sono “inorriditi dal fatto che Biden abbia deciso di esporre l’Europa al freddo per promuovere una guerra che non vincerà”.

Come ho detto prima, sembra ovvio che ciò che è accaduto a Nord Stream sia un segreto aperto negli ambienti della sicurezza e del governo, e che la verità semplicemente non possa essere riconosciuta, perché nessuno nel governo tedesco vuole vivere con le conseguenze politiche. L’unico dettaglio davvero interessante che accomuna tutti i debunkings è il rifiuto di affrontare quello che considero il problema centrale della storia di Hersh. Come ho detto prima, egli afferma che i sommozzatori hanno piazzato degli esplosivi in un punto in cui i gasdotti Nord Stream 1 e 2 corrono ad appena un miglio di distanza l’uno dall’altro. Questo descrive solo la posizione del secondo gruppo di esplosioni del 26 settembre. La prima esplosione ha colpito il tubo A del Nord Stream 2 ben più a sud, in un punto in cui i due gasdotti distano circa 15 km l’uno dall’altro.

Questo dettaglio appare particolarmente importante, alla luce dei dati di volo che sembrano confermare il resoconto di Hersh secondo cui un P8 norvegese avrebbe sganciato una boa sonar nel Baltico a nord-est di Bornholm intorno alle 4 del mattino del 26 settembre. In particolare, questi dati indicano che il P8 è arrivato troppo tardi per innescare la prima esplosione di Nord Stream 2, avvenuta alle 2:03 ora locale. Sembra proprio che qualcuno abbia organizzato due operazioni completamente separate, con due attacchi al gasdotto innescati separatamente, e che la fonte di Hersh sia a conoscenza solo di una delle due.


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments