Riprendo questa testimonianza, nella mia traduzione, riportata da Courtney Crogan su CNA. 

Foto: Myroslav Marynovych

Foto: Myroslav Marynovych

Posso onestamente dire che il campo di lavoro è stato il posto migliore per capire che cosa significhi davvero ‘amare il tuo nemico’“, ha detto Myroslav Marynovych, un cattolico ucraino che ha trascorso sette anni in un gulag sovietico nella regione di Perm della Russia.

Dopo aver ricevuto il premio Charles J. Chaput 2018 alla conferenza dell’Istituto Napa di questo mese, Marynoych ha spiegato a Catholic News Agency come il Vangelo è diventato vivente per lui nel gulag, e come un periodo di isolamento lo ha portato a scrivere una lettera a San Giovanni Paolo II.

Marynovych è vice-rettore per la missione universitaria presso l’Università Cattolica Ucraina di Lviv.

Marynovych fu inviato al campo di lavoro nel 1977, un anno prima che Karol Wojtyła fosse eletto vescovo di Roma. Fu arrestato per aver guidato il Gruppo Ucraino di Helsinki, il primo gruppo non sotterraneo in Ucraina incaricato di documentare le violazioni dei diritti umani e di monitorare l’attuazione degli accordi di Helsinki.

Trascorse dal 1977 al 1984 in campi di lavoro forzato a Perm, e poi tre anni di esilio in Kazakistan.

Marynovych imparò presto nella sua esperienza del gulag che aveva bisogno di proteggersi da un disprezzo non cristiano per gli ufficiali e le guardie del KGB.

Dopo uno scoppio emotivo mentre interagiva con una guardia quando si trovava in isolamento, Marynovych riflettè sulle sue azioni nella sua cella.

“Questa incarnazione di rabbia – sono io? Che ne è del mio cristianesimo? Non volevo trasformarmi in un ‘uomo di odio’“”.

Ho iniziato a pregare. Ho cominciato a camminare nella cella avanti e indietro, e … ho deciso, ‘No, non voglio che l’odio superi il mio cuore’“.

Dopo quella comprensione, “Mi comportai in un modo che è accettabile come un cristiano. Non ho bisogno di odiare la gente per dire qualcosa che deve sentire”, ha detto Marynovych.

I cattolici nel suo campo di lavoro celebrarono due volte la Pasqua in segno di solidarietà con i fratelli ortodossi, che seguono un calendario liturgico diverso. “Era una sorta di ecumenismo carcerario“, ha spiegato Marynovych. Inoltre rese più difficile per gli ufficiali del KGB mettere i due gruppi l’uno contro l’altro.

Qualsiasi tipo di pratica religiosa era severamente proibita nei campi sovietici. Nel 1982, l’amministrazione del campo emise un avvertimento riguardo il Sabato Santo, chiunque si fosse riunito per celebrare la Pasqua sarebbe stato punito.

E, per noi cristiani, essere puniti per aver celebrato la Pasqua va bene. Così, naturalmente, abbiamo ignorato questi avvertimenti”, ha detto Marynovych.

“Ci siamo riuniti e abbiamo pregato. C’erano persone di confessioni diverse. Abbiamo iniziato a mangiare un po’ di cibo semplice che avevamo in quel momento, e le guardie sono arrivate e ci hanno portati tutti nella cella di isolamento penale per 15 giorni“, ha continuato.

Era il tempo in cui in Europa le marce cristiane per la pace erano molto popolari e l’Unione Sovietica le sosteneva perché erano sinonimo di disarmo, eccetera. Era utile per la propaganda sovietica”.

L’Unione Sovietica sosteneva i movimenti cristiani in Europa, da un lato, e puniva i cristiani per aver celebrato la Pasqua, dall’altro. Dovevamo informare il mondo di questa cosa”.

I prigionieri decisero di scrivere una lettera al papa.

Quando la notizia che Wojtyła era stato eletto raggiunto il gulag, c’era “entusiasmo totale nel campo di lavoro”, ha spiegato Marynovych.

Tutti noi abbiamo capito che, come cittadino polacco, conosceva la natura del comunismo dall’interno, non come alcuni vescovi-cardinale italiani dall’esterno. Conoscevano il comunismo come un’attività di base dei comunisti italiani, ma lui conosceva i crimini comunisti dall’interno“.

Marynovych fu l’uomo scelto dai prigionieri per scrivere la lettera.

Abbiamo descritto la situazione e abbiamo chiesto a Giovanni Paolo II di far conoscere questo momento ai cristiani del mondo – che eravamo stati puniti semplicemente per aver celebrato la Pasqua. Abbiamo condiviso il testo di questa lettera più tardi, quando siamo stati liberati da questa cella di punizione, e il testo è stato concordato dagli altri prigionieri“.

Abbiamo inviato segretamente questa lettera a Mosca, e poi da Mosca a Roma“.

Dopo alcuni mesi, abbiamo ricevuto dai nostri parenti l’informazione segreta che Giovanni Paolo II aveva ricevuto questa lettera e pregato una Messa per i firmatari di questa lettera, me compreso”.

C’è stata una tempesta di emozione positiva, e di gratitudine a Giovanni Paolo II per questo perché questo sostegno è stato molto importante per noi”.

Si è suggerito che l’elezione di Giovanni Paolo II a papa fosse la fine del comunismo. Ed effettivamente è accaduta durante il suo pontificato. L’Unione Sovietica crollò“.

Dopo la caduta del muro di Berlino, Marynovych ebbe l’opportunità di incontrare il papa e ringraziarlo personalmente, più di dieci anni dopo aver scritto la lettera.

Naturalmente, sono stato privato di molte gioie della vita – immaginate, sono stato arrestato a 28 anni e rilasciato a 38 anni. Eppure, io sono un esempio della verità molto importante: Dio non toglie mai nulla a un essere umano senza compensarlo ancora più abbondantemente. Ecco perché non ho mai considerato la mia prigionia come una maledizione”, ha detto Marynovych nella relazione tenuta alla conferenza del 14 luglio al Napa Institute.

Sì, il regime sovietico voleva rendere la mia vita un inferno. Ma fu Dio che trasformò l’esperienza del campo in una benedizione”.

 

Fonte: Catholic News Agency

Facebook Comments
image_pdfimage_print
14