Scrive Nadya Swart, presentando su BizNews l’articolo di Marc Girardot: “Il Covid-19 ha portato a un’era di disinformazione come mai prima d’ora. Con ciò, la responsabilità dei giornalisti di fornire al pubblico notizie informate, ben studiate e obiettive non è mai stata così di primaria importanza. Questo articolo di Marc Girardot, un membro di PANDA, è pieno di collegamenti ipertestuali, ognuno dei quali fornisce la fonte di quei fatti affermati nell’articolo. I link e le immagini sono parte integrante di questo articolo, che approfondisce il tema dell’immunità naturale e della vaccinazione contro il Covid-19. Questo articolo non è e non deve essere interpretato come “anti-vax”. Piuttosto, fornisce la prova dell’immunità naturale. È stato studiato in modo impeccabile e vale la pena leggerlo. È stato spontaneamente approvato dal professor Michael Levitt, l’unico scienziato sudafricano viviente vincitore del premio Nobel (vedi tweet qui sotto). Successivamente a questo articolo, Girardot ha seguito un articolo altrettanto potente e informativo in cui approfondisce ancora di più l’estensione e la forza della nostra preesistente immunità al Covid-19″. 

Marc Girardot è un membro di PANDA e Senior Advisor in Biotech & Automotive/INSEAD MBA. Ecco il suo articolo nella mia traduzione.

 

 

 

coronavirus virus corpo salute immunità naturale WP image

 

Un amico britannico, guarito dal COVID, ha deciso di farsi vaccinare nonostante fosse naturalmente immune. Questa è l’e-mail che mi ha inviato di recente:

“ Marc Ho avuto un lieve ictus mercoledì 8 giorni dopo aver preso la 2a dose di Astrazeneca. Dato che sono un maratoneta sono un ‘caso raro’. Non fumo, non soffro di pressione alta, non ho colesterolo alto, non ho storia familiare o non rientro in nessuna delle categorie a rischio per i coaguli di sangue

Mi hai avvertito di non prendere la seconda dose e avrei voluto seguire il tuo consiglio. Ho corso un rischio totalmente inutile con la mia vita e mi pento amaramente di averlo fatto”.

Contrariamente alla maggior parte, Tony era informato; gli era stato detto del potere dell’immunità naturale, della lunga – se non per tutta la vita – durata dell’immunità, del rischio inerente a qualsiasi procedura medica (sì, la vaccinazione è una procedura medica!), nonché dei crescenti livelli di eventi avversi. Ha ammesso di non aver immaginato che potesse succedere a lui… Sebbene sia difficile valutare con precisione l’effettiva gravità e portata degli eventi avversi correlati al vaccino, è molto chiaro che la vaccinazione contro il COVID-19 non è così innocua come le case farmaceutiche, i principali media, il mondo accademico, le autorità sanitarie e la comunità medica hanno affermato. E, contrariamente agli individui ad alto rischio che sono ancora suscettibili, le persone guarite non hanno alcun beneficio reale che bilanci i rischi aggiuntivi della vaccinazione.

Per oltre un anno, i media mainstream, le autorità sanitarie e molti “esperti” hanno minimizzato il potere del sistema immunitario, respingendo l’immunità naturale e proclamando che l’immunità al COVID-19 era di breve durata. Allo stesso tempo, i vaccini sono stati descritti come il proiettile d’argento di questa crisi, una procedura incidentale senza alcun rischio. I dati mostrano un quadro diverso e molti si fanno avanti per sfidare la narrativa ufficiale. Dimostreremo che questo è un errore.

Il sistema immunitario umano è una delle conquiste più sofisticate dell’evoluzione. La sopravvivenza della nostra specie è dipesa da questo per millenni. E oggi ci contiamo ancora moltissimo. Per la cronaca, il 99% delle persone infette da SARS-CoV-2 guarisce senza cure. Solo l’1% dei pazienti SARS-CoV-2, che non ha ricevuto un trattamento domiciliare precoce, finisce in ospedale. In altre parole, il sistema immunitario protegge in modo schiacciante. Anche i vaccini dipendono interamente dal sistema immunitario: i vaccini essenzialmente insegnano al nostro sistema immunitario per quali marcatori virali essere preparati, non sono cure di per sé. Senza un sistema immunitario funzionante, non ci può essere un vaccino efficace

A proposito della falsità della immunità calante

Una volta recuperata, la risposta immunitaria si ritira, in particolare attraverso una diminuzione degli anticorpi. Non è solo naturale; è indispensabile per riportare l’organismo ad un normale stato di equilibrio. Proprio come uno stato febbrile permanente sarebbe dannoso, un numero elevato di anticorpi senza bersaglio o cellule T che circolano costantemente in tutto il corpo potrebbe creare gravi complicazioni come le malattie autoimmuni. Prendendo una prospettiva evolutiva, solo quelli il cui numero di anticorpi e cellule T è diminuito dopo l’infezione sono sopravvissuti. Quindi, un numero in calo di anticorpi e cellule T è rassicurante, persino salutare.

Ma questa diminuzione dei linfociti T e degli anticorpi non significa affatto che l’immunità sia scomparsa. Significa che il sistema immunitario si è adattato alla nuova situazione, ed è ora solo in modalità sentinella : le cellule B e T della memoria, circolanti nel sangue e residenti nei tessuti, agiscono come sentinelle vigili ed efficaci per decenni:

In effetti, tutti gli studi recenti mostrano che l’immunità specifica anti-SARS-CoV-2 rimane efficace,  forse per tutta la vita. Il nostro sistema immunitario è una piattaforma modulare, può combinarsi in un numero infinito di modi per affrontare una moltitudine di minacce in una varietà di contesti. In quanto tale, è neutrale rispetto alle minacce virali che deve affrontare. In altre parole, non c’è assolutamente motivo di credere che le persone guarite dal Covid-19 perderanno la loro immunità negli anni, o anche nei decenni a venire.

A proposito della falsità della reinfezione

Potresti anche aver sentito parlare di persone che sono state reinfettate da SARS-CoV-2. In effetti, l’immunità, naturale o indotta dal vaccino, non è lo scudo impenetrabile descritto da molti. Si verificano reinfezioni essenzialmente innocue e asintomatiche. Questo è, infatti, il meccanismo stesso con cui viene innescata l’immunità adattativa .

Tuttavia, le reinfezioni sintomatiche sono molto rare. Come un esercito che adatta la sua risposta alle dimensioni e alla progressione delle sue forze nemiche, l’immunità adattiva fornisce una risposta specifica, rapida e ottimizzata in termini di risorse. Pertanto, le reinfezioni sono per lo più asintomatiche e i pazienti guariti sono protetti da malattie gravi.

Infatti, le reinfezioni innocue possono svolgere un ruolo positivo per la salute pubblica come continui aggiornamenti immunitari della popolazione. Possono aiutare un adattamento continuo e progressivo alle nuove varianti e ceppi emergenti. E in effetti uno studio recente ha mostrato che le coppie con bambini erano più frequentemente asintomatiche rispetto alle coppie senza, molto probabilmente perché i bambini fungevano da veicoli di immunizzazione naturali e innocui. La probabile ragione per cui i paesi ad alta densità hanno tutti un numero di morti molto basso è che hanno reinfezioni asintomatiche che aggiornano regolarmente e ampiamente l’immunità della popolazione.

A proposito della falsità della variante

Come dimostrato dal basso numero di reinfezioni sopra menzionato, ma anche da molteplici studi, finora le varianti non sono sfuggite all’immunità acquisita. Proprio come gli americani possono parlare e interagire senza problemi in Inghilterra, non ostacolati da poche varianti di parole, l’immunità naturale o indotta dal vaccino non è ostacolata dalle varianti, forse più dell’immunità indotta dal vaccino. Ci sono ampie prove della raffinatezza e dell’ampiezza del sistema immunitario umano, ed è chiaro che il suo arsenale non può essere eluso da alcuni piccoli cambiamenti nei geni del virus.

In tutto il mondo ( paesi: Canada, Ecuador, Gabon, Germania, India, Singapore, Svezia, Regno Unito, USA, Tanzania, Zambia) , numerosi studi dimostrano alti livelli di cellule T cross-reattive preesistenti e anticorpi contro la SARS- CoV-2. In altre parole, molti erano già ampiamente immuni da altri coronavirus. Questa è la probabile spiegazione per il livello inaspettatamente alto di asintomatici durante la pandemia. Ancora più importante, ciò dimostra che anche con grandi differenze genetiche, l’immunità precedente ai coronavirus correlati è sufficiente per evitare un grave Covid. Pertanto, è abbastanza evidente [che] le varianti non sono una preoccupazione per la popolazione generale che ha già recuperato.

A proposito della falsità del vaccino migliore dell’immunità naturale

Potresti aver sentito persone affermare che i vaccini forniscono una protezione migliore dell’immunità naturale. È un modo interessante di piegare la realtà. Come può un vaccino essere più efficace nell’immunizzazione rispetto alla malattia che sta cercando di imitare?

In teoria, ci sono diverse ragioni che spiegano perché l’immunità naturale è migliore dell’immunità indotta dal vaccino:

  • Meno bersagli immunitari: i vaccini mRNA/DNA presentano solo una frazione del codice genetico del virus (5-10%). Ad esempio, non utilizzano epitopi altamente immunogenici ORF1 . Pertanto, il sistema immunitario recluterà un numero minore di cellule T attingendo a un repertorio più ristretto, di conseguenza con una risposta meno efficaceLa logica: immagina di perdere un certo numero di giocatori chiave per un torneo di calcio: potresti ancora vincere, ma sarà più difficile.
  • Tempo di attivazione immunitaria più lungo: il minor numero di bersagli epitopi significa anche che l’allarme al sistema immunitario sarà ritardato. Questo è un fattore chiave per il successo nella battaglia contro il COVID-19. Più ampio è il repertorio bersaglio, più veloce è l’incontro tra cellule dendritiche e antigeni identificabili. La logica: come una festa a cui vai, puoi iniziare a fare festa molto più velocemente quando hai dieci amici lì rispetto a quando ne hai uno solo. Sono solo più facili da trovare.
  • Luogo di consegna inappropriato : la somministrazione intramuscolare degli attuali vaccini sfortunatamente non imita affatto la penetrazione e la propagazione virale. I coronavirus non entrano nel corpo attraverso i muscoli. Lo fanno attraverso le vie respiratorie, spesso infettando da cellula a cellula. Contrariamente ai vaccini somministrati dai muscoli, l’immunità naturale pone una forte forza sentinella di cellule residenti nella memoria ai portali di ingresso e chiude preventivamente l’ingresso del corpo al virus. Da un punto di vista evolutivo, questo ha perfettamente senso. La logica: è molto più facile fermare un esercito che attraversa una stretta gola che sulle spiagge della Normandia.

Ricerche recenti confermano questa logica. Uno studio comparativo in Israele ha rilevato che la protezione da malattie gravi è del 96,4% per gli individui guariti da Covid-19, ma del 94,4% per quelli vaccinati, e ha concluso: “I nostri risultati mettono in dubbio la necessità di vaccinare gli individui precedentemente infetti. Un altro studio comparativo di riferimento condotto da un team della New York University ha evidenziato una reazione umorale e citotossica più rapida, più ampia e di maggiore impatto nell’immunità recuperata rispetto a quella indotta dal vaccino.

Ci sono ampie prove che vaccinare le persone guarite dal COVID non porti alcun beneficio. Molto probabilmente fa il contrario, a causa del rischio di sviluppare tolleranza agli elementi del virus che si traduce in una ridotta potenza immunitaria.

A proposito della falsità dell’innocuità del vaccino

Senza denigrare l’incredibile contributo dei vaccini alla medicina moderna e alla salute pubblica, bisogna riconoscere che i vaccini sono una procedura medica. Pertanto, i vaccini non dovrebbero mai essere considerati alla leggera. Non sono né neutri, né banali, tanto più quando vengono iniettati in miliardi di persone.  

Per loro stessa natura, i vaccini armeggiano con il sofisticato equilibrio del proprio sistema immunitario. Questo di per sé richiede il rispetto di rigidi protocolli di sicurezza. Sebbene abbiamo compiuto notevoli progressi nella nostra comprensione dell’immunologia, siamo ancora molto lontani dal comprenderne le complessità e le sottigliezze, specialmente quando si tratta di nuove tecnologie di mRNA e DNA.

A causa del rischio di shock anafilattico, malattie autoimmuni, interazioni impreviste, difetti di progettazione, protocolli di qualità carenti, sovradosaggio e così via, i vaccini sono stati tradizionalmente regolamentati rigorosamente.

La storia ci insegna a essere vigili con i vaccini, dalla fallita inattivazione dei vaccini antipolio che ha finito di infettare 40.000 bambini con la poliomielite nel 1955, al vaccino contro l’influenza suina del 1976 che ha causato lo sviluppo della sindrome di Guillain-Barré in 450, fino alla più recente epidemia indotta dal vaccino della poliomielite in Sudan. Il recente rifiuto da parte delle autorità sanitarie brasiliane del Covaxin di Barhat è un chiaro promemoria di quanto rigorose e indipendenti debbano essere le nostre autorità sanitarie se i vaccini devono promuovere, non ostacolare, la salute pubblica.

Dopo 6 mesi di vaccinazione e di un anno di ricerca, un certo numero di segnali rossi dovrebbe essere allertare le aspiranti autorità vaccinati e sanitarie:

  1. Nanoparticelle vaganti: le nanoparticelle lipidiche, i portatori dell’mRNA, avrebbero dovuto rimanere nel muscolo, ma sono finite per essere ampiamente distribuite in tutto il corpo, in particolare nelle ovaie, nel fegato e forse nel midollo osseo.
  2. Shock anafilattico da PEG (polietilenglicole): sono state sollevate numerose preoccupazioni riguardo al nuovo uso dell’adiuvante PEG. In particolare, la ricerca precedente aveva aumentato il rischio di anafilassi cardiaca alla seconda iniezione.
  3. Sedi sensibili: i recettori ACE-2 suscettibili di legarsi alla proteina spike sono altamente espressi nelle cellule endoteliali di aree altamente sensibili, come il cervello, il cuore, i polmoni, il fegato e i sistemi riproduttivi maschili e femminili.
  4. Spike tossiche circolanti: Le proteine spike indotte da mRNA / DNA vaccini hanno dimostrato di essere patogeni, e altamente infiammatoria , in particolare a causa della somiglianza di una sequenza picco a quella di enterotossina stafilococcica B. È stato anche scoperto che causa direttamente i coaguli di sangue attraverso l’attivazione delle piastrine. Un ricercatore ha affermato: “I nostri risultati mostrano che la proteina spike SARS-CoV-2 provoca lesioni polmonari anche senza la presenza di un virus intatto”.
  5. Interruzione della barriera emato-encefalica (BBB): un recente studio evidenzia il rischio di interruzione della barriera emato-encefalica, un meccanismo di filtro fondamentale per proteggere il cervello. È stato anche scoperto che la proteina spike attraversa la BBB e crea infiammazione nel cervello . 
  6. Eventi avversi elevati: anche se molto probabilmente sottostimato, il numero complessivo di eventi avversi gravi rispetto ad altri vaccini tradizionali rimane molto elevato. Gli oltre 6.000 decessi osservati [negli Stati Uniti] in sei mesi superano tutti i decessi correlati al vaccino in 30 anni. Questo è abbastanza inquietante e tende a confermare i suddetti allarmi.
  7. Bambini più a rischio: i vaccini Covid-19 sembrano essere più dannosi per bambini e adolescenti, in particolare con un numero crescente di eventi di miocardite. Il fatto che le dosi del vaccino non siano aggiustate per il peso corporeo è particolarmente motivo di preoccupazione data la scoperta di tossicità da nanoparticelle e spikes circolanti.

Questi sono essenzialmente solo gli effetti a breve termine di questi nuovi vaccini. Non ci sono dati clinici a lungo termine riguardo alle implicazioni di questi vaccini, in particolare per quanto riguarda gli anticorpi autoreattivi (anticorpi che colpiscono il proprio corpo creando malattie autoimmuni).

Per concludere, ci chiediamo perché chiunque sia sano e guarito dal COVID-19 dovrebbe volere o essere consigliato di correre qualsiasi rischio, anche il più remoto, nel farsi vaccinare, dato che:

  • coloro che si sono ripresi da COVID-19 godono di una robusta immunità;
  • la durata dell’immunità naturale è di decenni, probabilmente per tutta la vita;
  • l’efficacia dell’immunità naturale è migliore di quella indotta dal vaccino; 
  • le varianti non sono un problema immunologico, non presentano alcun rischio di fuga immunitaria;
  • i vaccini sono interventi medici che non vanno mai presi alla leggera, soprattutto quando sono ancora sperimentali;
  • non vi è alcun beneficio per il recupero del COVID-19; e
  • I vaccini COVID-19 non sono ovviamente così sicuri come affermato inizialmente dai produttori.

Marc Girardot 

 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email