Thomas J. Paprocki, vescovo di Springfield, Illinois, è un avvocato canonico e civile. A novembre, il vescovo è stato eletto presidente della commissione per gli affari canonici e la governance della Chiesa della Conferenza episcopale statunitense. Il vescovo ha scritto un articolo che è stato pubblicato sulla rivista First Things in cui parla di un cardinale, genericamente inteso, che facendo alcune affermazioni contrarie all’insegnamento bimillenario della Chiesa di fatto diventa un eretico.

Sebbene non faccia nomi di specifici cardinali, cita però direttamente un saggio scritto dal cardinale Robert McElroy (del quale abbiamo parlato varie volte in passato), promosso vescovo e cardinale (27 agosto 2022) da Papa Francesco, apparso il 24 gennaio sulla rivista America, la rivista dei gesuiti americani, nel quale egli sosteneva che la Chiesa dovrebbe “abbracciare una teologia eucaristica che inviti effettivamente tutti i battezzati alla tavola del Signore”.

McElroy ha poi chiarito che la sua menzione di “tutti i battezzati” si riferiva solo ai cattolici e non ad altri cristiani battezzati, come riferisce The Pillar

Ma il cardinale ha anche detto che la Chiesa dovrebbe scartare “una teologia della coerenza eucaristica che moltiplica le barriere alla grazia e al dono dell’eucaristia”.

“L’indegnità non può essere il prisma di accompagnamento dei discepoli del Dio della grazia e della misericordia”, ha scritto McElroy. Affermazioni che vengono riprese dal vescovo Paprocki che aggiunge: queste affermazioni sono “contrarie a una ‘verità che deve essere creduta per fede divina e cattolica’” e quindi costituiscono un’eresia materiale. Ed è su queste frasi che il vescovo Paprocki imbastisce il suo articolo. 

Ecco l’articolo del vescovo Paprocki nella mia traduzione. 

 

Robert McElroy, appena creato cardinale, 27 agosto 2022. (AP Photo/Andrew Medichin
Robert McElroy, appena creato cardinale, 27 agosto 2022. (AP Photo/Andrew Medichini)

 

Immaginate se un cardinale della Chiesa cattolica pubblicasse un articolo in cui condanna “una teologia della coerenza eucaristica che moltiplica le barriere alla grazia e al dono dell’eucaristia” e afferma che “l’indegnità non può essere il prisma di accompagnamento per i discepoli del Dio della grazia e della misericordia”. O cosa succederebbe se un cardinale della Chiesa cattolica dichiarasse pubblicamente che gli atti omosessuali non sono peccaminosi e che le unioni tra persone dello stesso sesso dovrebbero essere benedette dalla Chiesa? 

Fino a poco tempo fa, sarebbe stato difficile immaginare un successore degli apostoli fare dichiarazioni così eterodosse. Purtroppo, oggi non è raro sentire leader cattolici affermare opinioni eterodosse che, fino a non molto tempo fa, sarebbero state sostenute solo da eretici. “Eretico” ed “eresia” sono parole forti, che la cortesia ecclesiastica contemporanea ha addolcito con espressioni più gentili come “i nostri fratelli separati” o “i fedeli cristiani che non sono in piena comunione con la Chiesa cattolica”. Ma la realtà è che coloro che sono “separati” e “non in piena comunione” sono separati e non in piena comunione perché rifiutano verità essenziali della “fede che è stata una volta per sempre consegnata ai santi” (Giuda 1:3). Pertanto, è profondamente preoccupante considerare la possibilità che i prelati che ricoprono l’ufficio di vescovo diocesano nella Chiesa cattolica possano essere separati o non in piena comunione a causa dell’eresia. 

Eppure entrambi i casi sopra menzionati comporterebbero di fatto un’eresia, poiché l’eresia è definita come “l’ostinata negazione o l’ostinato dubbio, dopo la ricezione del battesimo, di qualche verità che deve essere creduta per fede divina e cattolica” (canone 751 del Codice di Diritto Canonico). Che cosa si intende per “verità che deve essere creduta per fede divina e cattolica”? 

Secondo il canone 750, 

Si deve credere con fede divina e cattolica a tutte le cose contenute nella parola di Dio, scritta o tramandata, cioè nell’unico deposito della fede affidato alla Chiesa, e allo stesso tempo proposte come divinamente rivelate o dal magistero solenne della Chiesa o dal suo magistero ordinario e universale che si manifesta con l’adesione comune dei fedeli cristiani sotto la guida del sacro magistero; perciò tutti sono tenuti a evitare qualsiasi dottrina contraria ad esse.

Nel 1998, Papa Giovanni Paolo II ha aggiunto un secondo paragrafo al canone 750, che recita, 

Inoltre, ogni cosa stabilita in modo definitivo dal Magistero della Chiesa riguardo all’insegnamento della fede e dei costumi deve essere fermamente accettata e mantenuta; cioè quelle cose che sono richieste per la santa custodia e la fedele esposizione del deposito della fede; pertanto, chiunque rifiuti le proposizioni che devono essere mantenute in modo definitivo si pone contro l’insegnamento della Chiesa cattolica”.

Il Santo Padre ha anche emendato il canone 1371 del Codice di Diritto Canonico, aggiungendo un appropriato riferimento al canone 750, così che ora recita: “È punito con una giusta pena chi … insegna una dottrina condannata dal Romano Pontefice o da un Concilio Ecumenico, oppure rifiuta ostinatamente gli insegnamenti di cui al canone 750 § 2 o al canone 752 e, ammonito dalla Sede Apostolica o dall’Ordinario, non ritratta”. 

Il canone 752 dice, 

Sebbene non si tratti di un assenso di fede, si deve dare una religiosa sottomissione dell’intelletto e della volontà alla dottrina che il Sommo Pontefice o il collegio episcopale dichiarano in materia di fede o di morale quando esercitano il magistero autentico, anche se non intendono proclamarla con un atto definitivo; pertanto i fedeli cristiani hanno cura di evitare le cose che non concordano con essa.

Nella sua lettera apostolica Ad Tuendam Fidem, Papa Giovanni Paolo II ha spiegato il motivo per cui ha apportato queste modifiche al diritto canonico: 

Per proteggere la fede della Chiesa cattolica dagli errori di alcuni fedeli cristiani … noi, il cui dovere principale è quello di confermare i fratelli nella fede (Lc 22,32), riteniamo assolutamente necessario aggiungere ai testi esistenti del Codice di Diritto Canonico e del Codice dei Canoni delle Chiese Orientali, nuove norme che impongano espressamente l’obbligo di sostenere le verità proposte in modo definitivo dal Magistero della Chiesa, e che stabiliscano anche le relative sanzioni canoniche.  

Normalmente le sanzioni canoniche richiedono che si segua un processo giudiziario o amministrativo prima di poter imporre una sanzione. Tuttavia, è importante notare che il canone 1364 dice che “un apostata dalla fede, un eretico o uno scismatico incorre in una scomunica latae sententiae”. Una scomunica latae sententiae è una sentenza che viene comminata automaticamente senza alcun processo canonico. Sebbene una pena automatica senza processo sia inaudita nella maggior parte dei sistemi giudiziari, il diritto canonico prevede tali pene, a causa del carattere distintivo di reati spirituali come l’apostasia, l’eresia e lo scisma, poiché una persona che sposa l’apostasia, l’eresia o lo scisma si è separata de facto ontologicamente, cioè nella realtà, dalla comunione della Chiesa. Così gli eretici, gli apostati e gli scismatici si infliggono la pena della scomunica. 

Tornando agli esempi citati in precedenza, è contrario a una “verità che deve essere creduta per fede divina e cattolica” rifiutare o condannare “una teologia della coerenza eucaristica che moltiplica le barriere alla grazia e al dono dell’eucaristia”, come se tali barriere non esistessero. Esistono, e sono materia di rivelazione divina. La verità sulla coerenza eucaristica che deve essere creduta dalla fede divina e cattolica è stata articolata da San Paolo nella sua Prima Lettera ai Corinzi: “Chiunque mangia il pane o beve il calice del Signore in modo indegno sarà colpevole di profanare il corpo e il sangue del Signore…”. Chi infatti mangia e beve senza discernere il corpo, mangia e beve giudicando se stesso” (1 Cor 11, 27-29). Questo è stato l’insegnamento costante della Chiesa negli ultimi duemila anni. Così, il Catechismo della Chiesa Cattolica afferma: “Chiunque sappia di aver peccato mortalmente non deve ricevere la comunione senza aver ricevuto l’assoluzione nel sacramento della penitenza”. Un peccato mortale è quello che “distrugge la carità nel cuore dell’uomo con una grave violazione della legge di Dio; allontana l’uomo da Dio”. 

Per quanto riguarda la peccaminosità degli atti omosessuali, la verità che deve essere creduta con fede divina e cattolica è affermata chiaramente anche nel Catechismo: 

Basandosi sulla Sacra Scrittura, che presenta gli atti omosessuali come atti di grave depravazione, la tradizione ha sempre dichiarato che “gli atti omosessuali sono intrinsecamente disordinati”. Sono contrari alla legge naturale. Chiudono l’atto sessuale al dono della vita. Non procedono da un’autentica complementarietà affettiva e sessuale. In nessun caso possono essere approvate.  

Così un cardinale della Chiesa cattolica, come qualsiasi altro cattolico che neghi l’insegnamento cattolico consolidato, abbraccia l’eresia, il cui risultato è la scomunica automatica dalla Chiesa cattolica. 

Inoltre, un chierico può essere punito con le pene menzionate nel canone 1336, come la proibizione di risiedere in un certo luogo o territorio e la rimozione di “un potere, un ufficio, una funzione, un diritto, un privilegio, una facoltà, un favore, un titolo o un’onorificenza, anche solo onoraria”. Il canone 1364 aggiunge: “Se la contumacia di lunga durata o la gravità dello scandalo lo richiede, si possono aggiungere altre pene, compresa la dimissione dallo stato clericale”. 

Il canone 194 prevede la rimozione da un ufficio ecclesiastico da parte della legge stessa nei seguenti casi:

1) chi ha perso lo stato clericale;

2) una persona che ha disertato pubblicamente dalla fede cattolica o dalla comunione della Chiesa; e

3) un chierico che abbia tentato il matrimonio anche se solo civilmente.

Tuttavia, il canone 194 aggiunge questa restrizione: “La rimozione . . può essere eseguita solo se è stabilita dalla dichiarazione di un’autorità competente”. Solo il Papa può rimuovere un cardinale dall’ufficio o dimetterlo dallo stato clericale in caso di eresia o altri gravi crimini. Se non lo fa, si presenta l’indecorosa prospettiva che un cardinale, scomunicato latae sententiae per eresia, voti in un conclave papale. 

Dobbiamo pregare che lo Spirito Santo non permetta che ciò accada e che ispiri chiunque abbia opinioni eretiche a rinunciarvi e a cercare la riconciliazione con nostro Signore e la sua Chiesa.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments