Ottima sintesi di quanto è avvenuto durante i lavori del World Economic Forum che si è tenuto come di consueto a Davos, in Svizzera. L’articolo è stato scritto da Michael Nevradakis, Ph.D. e pubblicato su The Defender. Eccolo nella mia traduzione. 

 

Schwab WEF 2023
Klaus Schwab WEF 2023

 

Mentre il World Economic Forum (WEF) oggi ha concluso il suo incontro annuale di una settimana di quasi 3.000 élite politiche, economiche, dei media e accademiche, i media mainstream hanno continuato in gran parte a cantare le lodi dell’incontro, mentre i media indipendenti hanno preso di mira l’agenda del WEF e i suoi promotori.

L’Associated Press (AP) ha descritto gli incontri a Davos, in Svizzera, come l’assunzione di “questioni globali urgenti” e allo stesso tempo “l’obiettivo di affermazioni bizzarre da parte di un coro crescente che crede che coinvolga un gruppo di élite che manipola gli eventi a proprio vantaggio.”

Tra questi critici c’era il proprietario e CEO di Twitter Elon Musk, che ha risposto a un tweet: “Il WEF sta diventando sempre più un governo mondiale non eletto che le persone non hanno mai chiesto e non vogliono”.

Musk ha pubblicato un sondaggio online – che ha generato 2,42 milioni di voti – in cui ha chiesto se “il World Economic Forum dovrebbe controllare il mondo”. L’86% degli intervistati ha detto “no”.

Mercoledì The Defender ha riferito sui primi giorni di incontri. Questo articolo elenca otto aspetti chiave di Davos e il motivo per cui sono importanti.

 

 

Le élite globali vogliono davvero i passaporti per i vaccini

Una delle proposte che ha suscitato maggiore attenzione durante la riunione del WEF di quest’anno è arrivata dall’ex primo ministro britannico Tony Blair, ora presidente esecutivo del Tony Blair Institute for Global Change.

Blair ha proposto lo sviluppo di una “infrastruttura digitale nazionale“, affermando: “Dovremmo aiutare i paesi a sviluppare un’infrastruttura digitale nazionale di cui avranno bisogno con questi nuovi vaccini” – una dichiarazione che suggerisce fortemente che stanno arrivando “nuovi vaccini” e che avremo “bisogno di loro”.

Blair ha anche detto:

“Bisogna sapere chi è stato vaccinato e chi no. Per alcuni dei vaccini che arriveranno su tutta la linea, ci saranno più iniezioni”.

“Quindi [per i vaccini] devi avere – per motivi che hanno a che fare con l’assistenza sanitaria più in generale ma certamente per le pandemie – un’infrastruttura digitale adeguata e la maggior parte dei paesi non ce l’ha”.

Come riportato in precedenza da The Defender, Blair ha approvato il “Good Health Pass“, un passaporto digitale per vaccini lanciato da ID2020, uno sforzo di collaborazione tra Mastercard, la Camera di commercio internazionale e il WEF.

I membri del Good Health Pass Collaborative includono Accenture, Deloitte e IBM, mentre i partner generali di ID2020 includono Facebook e Mastercard.

I partner fondatori di ID2020 includono Microsoft, la Fondazione Rockefeller, Accenture, GAVI, The Vaccine Alliance (un partner principale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, o OMS), UNICEF, la Bill & Melinda Gates Foundation e la Banca Mondiale.

 

I “leader” globali sembrano essere chiaroveggenti

Sul fronte della malattia, il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ha avvertito che “una recrudescenza della tubercolosi potrebbe arrivare… prima o poi”.

Dichiarazioni come quella di Tedros sembrano nascondere una conoscenza degli sviluppi futuri. Questa è stata la norma nelle precedenti riunioni del WEF, ed è stato così anche quest’anno.

Il giornalista investigativo Jordan Schachtel ha sottolineato che “l’evento 201, la simulazione pre-pandemica del coronavirus, è stato annunciato a una conferenza del WEF di Davos nel 2019″.

Allo stesso modo, quest’anno, Lawrence “Larry” Summers, che è stato segretario al Tesoro degli Stati Uniti tra il 1999 e il 2001 e direttore del Consiglio economico nazionale dal 2009 al 2010, ha affermato che “le probabilità a mio avviso sono migliori del 50-50” che “nei prossimi 15 anni ci sarà un problema delle dimensioni del COVID“.

Summers ha fatto queste osservazioni come parte di un comitato, “Global Economic Outlook: Is this the End of an Era?” i cui relatori includevano il direttore del Fondo monetario internazionale (FMI) Kristalina Georgieva e l’ex direttore generale del FMI e attuale presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde.

Durante una conferenza stampa, i funzionari hanno presentato il rapportoGlobal Cybersecurity Outlook 2023” del WEF, prevedendo un “evento informatico catastrofico” che si dice sia “probabile nei prossimi due anni”.

 

Queste sono persone che hanno un’alta stima di se stesse

Le dichiarazioni del fondatore e presidente esecutivo del WEF Klaus Schwab e dei partecipanti alla riunione del WEF hanno anche rivelato come i partecipanti alla riunione “d’élite” sembrino credere di essere gli autoconsacrati salvatori – o governanti – del mondo.

In un’intervista con India Today, che ha inviato due partecipanti alla riunione del WEF di quest’anno, Schwab ha affermato che presto il mondo non sarà più gestito da superpotenze come gli Stati Uniti, ma invece da “stakeholder” del WEF come BlackRock e Bill Gates.

Durante un’altra sessione, Bilawal Bhutto Zardari, ministro degli affari esteri del Pakistan la cui madre, Benazir Bhutto, è stata ex primo ministro del paese, ha parlato di un “nuovo ordine mondiale” intralciato da una “nave iper-partigiana”.

Sempre durante lo stesso panel, il ministro degli Esteri sloveno Tanja Falon ha affermato: “Abbiamo paesi che rispettano il loro interesse nazionale andando oltre le regole”, riferendosi a “regole globali”, aggiungendo che “dobbiamo prendere in considerazione l’ordine mondiale.”

E l’inviato presidenziale speciale per il clima John Kerry ha detto ai partecipanti alla riunione: “Siamo un gruppo selezionato di esseri umani” che “si siedono in una stanza e si riuniscono e parlano effettivamente di salvare il pianeta”.

 

I partecipanti al WEF prendono decisioni in “blocco” – nessun dibattito, per favore

Schachtel ha osservato che alle riunioni del WEF “è richiesta la conformità e il dibattito è un peccato degno di essere cancellato”.

Ha approfondito questo punto in un recente post sul blog, descrivendo gli incontri del WEF come “una camera di eco rinforzata in cui c’è un problema, un obiettivo e una sola soluzione”, invece di essere “un luogo per un dibattito sano e robusto. “

Schachtel ha scritto:

“Indipendentemente da chi popola questi dibattiti e discorsi, che si tratti di media aziendali invitati, funzionari governativi e/o dirigenti aziendali, non c’è mai alcun dissenso apparente o differenza di opinione espressa.

“La verità è che il WEF ei suoi leader preferiscono il conformismo al dibattito. In effetti, il dibattito è attivamente scoraggiato e uscire dalla linea – attraverso una violazione narrativa – è motivo di rimozione permanente dal Club Davos”.

Il giornalista e autore Walter Kirn ha twittato sentimenti simili:

 

 

Il giornalista Jack Pobosiec ha detto che “la mentalità del WEF/OMS e di Davos è essenziale per capire [perché] questa è la mentalità che governa il nostro mondo qui in Occidente. La maggior parte dei nostri leader, anche ai livelli più bassi, aderisce alla visione tecnocratica e omogeneizzata del mondo. Non trascurate questo aspetto”.

 

Vogliono che tu creda che esista una soluzione digitale per (quasi) ogni problema

Gli incontri annuali del WEF sono rinomati per la loro promozione della tecnocrazia e l’incontro di quest’anno ha continuato questa tendenza.

Un esempio di ciò è stata una sessione intitolata “Migliorare i mezzi di sussistenza con l’ID digitale”, che ha promosso “una politica internazionale di identificazione per realizzare l’equità finanziaria, sociale e sanitaria attraverso l’identificazione digitale”.

Secondo il giornalista Andrew Lawton, questo incontro “non è stato trasmesso in streaming e non è stato aperto alla stampa”. Il gruppo di discussione comprendeva partecipanti del Global Digital Policy Incubator, Hedera, della Dubai Future Foundation e di DataKind.

Durante un’altra sessione, i relatori hanno predetto che “gli esseri umani abbracceranno presto la tecnologia cerebrale impiantata in modo che possano ‘decodificare il pensiero complesso'”, aggiungendo che “i neurosegnali possono essere usati per la biometria” e che più la neurotecnologia è ampiamente adottata, più dati possono essere raccolti su umani.

Il ministro delle comunicazioni e della tecnologia dell’informazione dell’Arabia Saudita, Abdulla Al-Swaha, ha detto ai partecipanti a Davos che il suo paese sta “abbracciando la tecnologia del metaverso [che] ha già mostrato i suoi benefici ambientali con la pianificazione e lo sviluppo di alcuni dei più grandi progetti del Regno”.

Il WEF è un sostenitore del metaverso, come riportato in precedenza da The Defender.

 

Vogliono cambiare ciò che pensi e come vivi

Molte delle proposte presentate questa settimana comporteranno necessariamente cambiamenti su larga scala nei mezzi di sussistenza e nelle abitudini delle persone.

In un esempio del concetto di psicologia comportamentale di “nudging“, il CEO di Cepsa Maarten Wetselaar ha sostenuto a favore di “prezzi del carbone molto più alti“, al fine di “rendere costoso ciò che cerchi di evitare e sovvenzionare ciò che cerchi di costruire”. Lo ha definito un “intervento molto capitalista”.

Lawton ha osservato che mentre può sembrare strano per un dirigente del settore petrolifero e del gas “essere così entusiasta della transizione dal petrolio e dal gas”, Cepsa “è anche coinvolta nell’idrogeno verde e vede chiaramente la scritta sul muro e vuole alcuni di quei sussidi che Wetselaar sta richiedendo.

Il dirigente minerario australiano Andrew Forrest si è espresso a favore di “zero emissioni, non solo zero emissioni nette”, affermando che ciò può essere fatto utilizzando la tecnologia esistente: “solare, vento, batterie, idrogeno verde”.

È stato propagandato anche il concetto di “città di 15 minuti, in cui le persone saranno senza auto, mentre un membro del Partito dei Verdi svizzero ha chiesto di “punire le imprese che non aderiscono agli accordi sul clima”. È stata infatti avanzata anche una proposta di “città di cinque minuti”, che sarebbe “100% solare ed eolica”.

Anche la carne – ossia scoraggiarne il consumo – era all’ordine del giorno. Jim Hagemann Snabe, presidente di Siemens, ha dichiarato: “Se un miliardo di persone smette di mangiare carne, vi dico, ha un grande impatto. Non solo ha un grande impatto sull’attuale sistema alimentare, ma ispirerà anche l’innovazione dei sistemi alimentari”. Snabe ha anche promosso la carne sintetica.

 

 

L’élite globale non ama la libertà di parola o l’opinione pubblica

Anche i partecipanti all’incontro di quest’anno hanno espresso disprezzo per la libertà di parola.

Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres, ad esempio, ha dichiarato:

“I politici devono capire che a volte ci troviamo di fronte a questo tipo di sfide. È meglio prendere oggi decisioni che alla fine non saranno popolari [sic] ma essenziali, in grado di plasmare la stessa opinione pubblica».

In un altro comitato di discussione, il CEO di Moderna Stéphane Bancel ha affermato che “la pandemia è ancora in corso” ed è stato critico nei confronti del dibattito scientifico, politico e pubblico sui vaccini COVID-19.

Rispondendo a un suggerimento di Sasha Vakulina, una giornalista ucraina che lavora per la rete di notizie europea Euronews, che ha descritto “la portata di questa disinformazione quando si tratta di vaccinazione” come “opprimente”, Bancel ha detto:

“In alcuni paesi avete visto il dibattito scientifico in TV, in prima serata; quindi, potete immaginare come alcune persone fossero spaventate.

“Si sono viste le differenze nei Paesi in cui tutti i partiti dicevano: questi sono stati approvati dalle autorità di regolamentazione, gli studi clinici sono stati fatti, dovreste fare i vostri vaccini”.

“I social media sono stati semplicemente terribili, semplicemente terribili. Potevate vedere alcuni paesi in cui avete avuto dibattiti scientifici e dibattiti politici e social media … queste tre cose e il tasso di vaccini è stato molto, molto basso.

A questo, Vakulina ha semplicemente risposto “assolutamente”.

Nello stesso gruppo di discussione, Michelle Williams, preside della facoltà presso la Harvard TH Chan School of Public Health, ha dichiarato: “In una società diversificata, avrai bisogno di strati e strati di comunicatori e diversi stili e modi di comunicare”.

Williams ha affermato che i governi dovrebbero “lavorare in modo collaborativo e rispettoso per indirizzare il messaggio e il messaggero appropriato per promuovere davvero il cambiamento”.

Seth Berkley, CEO della GAVI, The Vaccine Alliance, affiliata a Gates, ha dichiarato:

“È stata incredibile la quantità di disinformazione che c’era e che poi è arrivata direttamente al resto del mondo… il modo in cui normalmente affrontiamo la disinformazione è quello di avere il capo locale, il leader religioso locale, gli operatori sanitari locali di cui ci si fida, ma all’improvviso si dice: ‘ma guardate cosa sta succedendo in Germania o negli Stati Uniti o in altri posti, ed ecco cosa ricevo nei miei social media’, e questo è stato un vero problema”.

“Quindi la fiducia è ancora più ampia. Non ci fidiamo delle istituzioni. C’è disinformazione e la situazione sta peggiorando, non migliorando”.

In un’altra sessione, il CEO di Pfizer Albert Bourla ha affermato che i vaccini COVID-19 sono stati “politicizzati” perché le persone si chiedevano se funzionassero e che questa domanda fosse “costantemente davanti a noi“.

Allo stesso modo, Erik Brynjolfsson, professore e senior fellow presso lo Stanford Institute for Human-Centered AI [intelligenza artificiale], ha espresso preoccupazione per il flusso delle cosiddette “informazioni polarizzanti“. Ha anche discusso dell’importanza di comunicare la “verità alle persone giuste”.

Il capo del regolatore britannico delle telecomunicazioni e delle trasmissioni Ofcom, Dame Melanie Dawes, ha difeso “conversazioni libere, franche e aperte su qualsiasi argomento”, ma poi ha qualificato tale dichiarazione dicendo “Beh, a volte ci sono casi in cui apriamo un’indagine ma… vediamo come va a finire”.

 

Queste sono persone che non praticano ciò che predicano

La crisi del “costo della vita” è stato un grande tema dell’incontro di quest’anno. Eppure, tavole rotonde come “Arginare la crisi del costo della vita” includevano partecipanti come Gita Gopinath, il primo vicedirettore generale del FMI, un’istituzione nota per imporre misure di austerità a livello globale.

Il giornalista James Melville, commentando questo tema, ha scritto:

“Milioni di persone stanno subendo le conseguenze della crisi del costo della vita. Ma quando vedono le nostre élite globali esibire il loro potere e il loro controllo al WEF/Davos, non è certo una sorpresa che le persone si sentano prive di diritti civili e dimenticate”.

E il giornalista Michael Shellenberger ha osservato che il WEF, anche se pretende di sostenere una maggiore trasparenza e divulgazione da parte delle società, è molto riservato con le proprie divulgazioni finanziarie.

Secondo il WEF, “la legge svizzera non richiede rendiconti finanziari per le fondazioni“, sebbene il rapporto annuale del WEF del 2022 affermi che parte del suo portafoglio è gestito dal Generation Investment Management di Al Gore.

Lawton ha osservato che le riunioni del WEF operano secondo il modello “cash-for-access“, con i leader aziendali che, secondo quanto riferito, pagano $ 250.000 per partecipare, sebbene i politici partecipino gratuitamente. Questo è in aggiunta all’iscrizione annuale al WEF e alle quote di partnership che arrivano fino a $ 650.000.

Secondo Lawton, l’incontro del WEF opera anche accanto a una sorta di sistema di caste, in cui “il tuo valore a Davos non è determinato dal tuo patrimonio netto ma dal colore della tua tessera identificativa“, poiché l’accesso a determinati spazi è vietato a chi ha il colore “sbagliato”.

E mentre i partecipanti proclamano di essere impegnati nell’attività di salvare il mondo, Greenpeace ha notato che i partecipanti sono arrivati ​​”a frotte con jet privati“. Il Guardian ha riferito che le emissioni dei jet privati ​​sono quadruplicate durante la riunione del WEF del 2022.

Un partecipante, intervistato dalla giornalista indipendente Savanah Hernandez, ha giustificato l’uso estensivo di jet privati ​​in questi termini: “Penso che sia più importante quali decisioni vengono prese qui piuttosto che come le persone vengono qui, in aereo o in treno”, mentre un autista per i vip di Davos ha rivelato che, per tali cifre, “non posso guidare un’auto elettrica”.

Nonostante l’agenda del WEF per ridurre il consumo di carne, Hernandez ha osservato: “Tutti i partecipanti nelle sale del cibo stanno mangiando CARNE. Inoltre, gli antipasti serviti ai partecipanti del WEF alle feste contengono CARNE [corsivo originale].”

E secondo Lawton, i partecipanti hanno apprezzato “vino e antipasti” mentre discutevano di “insicurezza alimentare in Africa”.

Michael Nevradakis, Ph.D.

 

Michael Nevradakis, Ph.D., residente ad Atene, Grecia, è reporter senior del Defender

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email