Il vescovo Heinrich Timmerevers ha detto che è tempo che la Chiesa si “riposizioni” sull’omosessualità. Egli, dunque, vuole una Chiesa che oltre ai peccatori accolga anche il peccato. Fino all’estremo di benedire il male in nome di una malintesa misericordia che, estromettendo Dio, priva l’uomo di ogni possibilità di salvezza.

Articolo di Martin Bürger  pubblicato il 1 ottobre su LifeSiteNews nella traduzione di Wanda Massa

 

Heinrich Timmerevers, Vescovo (con il pastorale)

 

Il vescovo tedesco Heinrich Timmerevers invita la Chiesa a “sviluppare e rafforzare ulteriormente l’accettazione e la tolleranza per gli omosessuali nelle nostre comunità e in tutta la Chiesa“.

Ha anche detto di sostenere la benedizione delle coppie omosessuali. Alla domanda se avrebbe “accolto con favore” l’approvazione di una tale benedizione da parte della Chiesa cattolica, il vescovo di Dresda ha risposto con un inequivocabile ““.

Naturalmente bisogna pensare alla forma della benedizione“, ha detto in un’intervista del 28 settembre a Katholisch.de. “Ma fondamentalmente sarei lieto di una tale apertura“.

Timmerevers sosteneva: “La domanda è: cosa benedico? Benedico le persone. E se una persona si trova davanti a me e chiede una benedizione – come posso rifiutare questa benedizione? Una benedizione è la promessa di Dio“.

Nell’intervista, però, non gli è stato chiesto di benedire singole persone omosessuali, ma di benedire “coppie omosessuali che chiedono la benedizione della Chiesa per la loro relazione“.

Bisogna distinguere tra questo e il fatto che con una tale benedizione non approvo tutto ciò che queste persone fanno, e penso che sia giusto“, ha detto Timmerevers. “Bisogna guardare la cosa in modo molto differenziato“.

Contrariamente al ragionamento del vescovo di Dresda, l’ex prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, il cardinale Gerhard Müller, nel 2018 aveva spiegato: “Se un sacerdote benedice una coppia omosessuale, allora questa è un’atrocità in un luogo santo, cioè approvare qualcosa che Dio non approva”.

L’insegnamento tradizionale della Chiesa sull’omosessualità è stato oggetto di un nuovo e più intenso attacco da parte dei cattolici autoproclamati in Germania.

In agosto, la diocesi di Essen ha pubblicato quattro brevi video con dipendenti e volontari della diocesi che chiedono di cambiare ciò che la Chiesa ha insegnato fin dai tempi di Gesù Cristo, anche sull’omosessualità e sul matrimonio.

Sono gay, cattolico, sposato con mio marito dal 2004 e lavoro per la Chiesa cattolica dal 1996“, ha detto un uomo, Rainer Teuber. “Molti dei nostri amici si chiedono sempre: com’è possibile? E onestamente, a volte mi fa male lavorare per un’istituzione che rifiuta me e la mia sessualità, il nostro ‘matrimonio’“.

L’uomo, che guida le visite nella cattedrale di Essen, ha continuato a chiedere che la Chiesa cattolica “riconosca nuove intuizioni della teologia morale e delle scienze umane e comprenda la diversità sessuale, le identità sessuali, non come perdita di valori, ma come arricchimento“.

Nello stesso video c’erano anche una donna “sposata” omosessuale e un’operatrice pastorale.

Quest’ultima, Sabrina Kuhlmann, ha accusato la Chiesa di “ferire le persone“, cioè “tutti quelli che non sono eterosessuali, tutti quelli che non si sposano ma vogliono comunque vivere insieme, tutti quelli i cui matrimoni sono falliti e che osano un nuovo tentativo: non sono tutti conformi alle norme della Chiesa, non importa quanto siano fedeli“.

Spero che la morale sessuale della Chiesa si sviluppi ulteriormente in un’etica relazionale, che il genere, la sessualità o lo stato di relazione non siano determinanti per la convivenza di due persone, ma il loro amore sincero l’uno per l’altro, che ha sempre la sua origine in Dio“.

Un documento di lavoro preparato per il Cammino sinodale dei vescovi tedeschi e reso pubblico in vista degli incontri regionali di settembre ha cercato di ridefinire “il concetto di fertilità” per includere non solo “l’apertura alla vita nuova” ma anche “una dimensione sociale e personale“. Di conseguenza, “anche le coppie dello stesso sesso e le altre coppie che non possono dare vita a una nuova vita hanno il potenziale per una vita fertile“.

Il documento non chiarisce inoltre che secondo l’insegnamento cattolico, l’uomo può scegliere solo una donna, e viceversa, nel matrimonio, “per la formazione della sessualità umana“. Dice invece: “Noi vediamo il matrimonio come il modo preferito, ma non l’unico, di vivere l’amore e la sessualità in una relazione“.

Un precedente documento di lavoro aveva analogamente sostenuto che “gli atti omosessuali realizzano anche valori positivi e significativi, in quanto espressione di amicizia, affidabilità, lealtà e sostegno nella vita“. L’omosessualità, ha aggiunto, non dovrebbe più essere considerata come un male intrinseco. Non è stata esclusa una benedizione delle unioni omosessuali.

Il Catechismo della Chiesa cattolica è chiaro sull’omosessualità. Basandosi sulla Sacra Scrittura, che presenta gli atti omosessuali come atti di grave depravazione, la tradizione ha sempre dichiarato che “gli atti omosessuali sono intrinsecamente disordinati“, insegna la Chiesa. “Sono contrari alla legge naturale. Essi chiudono l’atto sessuale al dono della vita. Non procedono da una genuina complementarietà affettiva e sessuale. In nessun caso possono essere approvati“.

Allo stesso tempo, le singole persone omosessuali “devono essere accettate con rispetto, compassione e sensibilità“.

“Ogni segno di ingiusta discriminazione nei loro confronti deve essere evitato. Queste persone sono chiamate a compiere la volontà di Dio nella loro vita e, se sono cristiane, ad unirsi al sacrificio della Croce del Signore per le difficoltà che possono incontrare dalla loro condizione”.

Il vescovo Timmerevers ha ammesso nell’intervista: “Sono ben consapevole che l’integrazione degli omosessuali e i miei attuali sforzi per raggiungere questo obiettivo nella nostra Chiesa non sono sostenuti da tutti. Penso che molti vescovi e pastori lo trovino strano, perché forse anche loro non hanno punti di contatto“.

Il fatto che io lo stia iniziando ora può anche avviare un processo di riflessione“, ha continuato. “Dobbiamo farlo a tutti i livelli, nelle nostre comunità, ma anche nella Conferenza episcopale. E infine, ma non meno importante, credo che la Chiesa cattolica debba riposizionarsi: Come ci occupiamo delle persone dello stesso sesso nel nostro lavoro pastorale, e come lo valutiamo?

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1