Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da J.D. Flynn e Ed Condon, pubblicato su The Pillar. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

Vescovo Bode
mons. Franz-Josef Bode, vescovo di Osnabrück, in Germania.

 

Il vicepresidente della Conferenza episcopale tedesca ha invitato giovedì i cattolici della sua diocesi a contattare le parrocchie per la benedizione liturgica delle loro unioni omosessuali e di altre relazioni considerate moralmente illecite dalla Chiesa cattolica.

La mossa arriva dopo che la “via sinodale” – un’assemblea di laici e vescovi che mira a riformare la Chiesa in Germania – ha approvato la settimana scorsa una risoluzione che esorta i vescovi tedeschi a consentire ufficialmente le benedizioni dello stesso sesso nelle loro diocesi.

Poiché il Vaticano ha recentemente annunciato che tali benedizioni sono impossibili per la Chiesa, alcuni cattolici si sono chiesti se l’annuncio del vescovo Franz-Josef Bode sia formalmente un atto di scisma, un crimine canonico che comporta la pena della scomunica.

Ad oggi, il Vaticano non ha dichiarato Bode, o chiunque sia coinvolto nel cammino sinodale tedesco, colpevole di scisma – un’azione che avrebbe conseguenze significative nel diritto civile e canonico, e che potrebbe dare origine a complicati contenziosi civili.

Ma se il Vaticano vuole sanzionare Bode senza suscitare un dibattito sullo scisma e le sue conseguenze, ci sono altri crimini canonici per i quali il vescovo potrebbe essere chiamato a rispondere.

Tuttavia, finché il Vaticano non interverrà sull’azione di Bode, i vescovi tedeschi rivendicheranno una sorta di vittoria per omissione – sostenendo che le benedizioni liturgiche sono già diventate uno status quo e suggerendo che Roma dovrebbe revocare le sue precedenti proibizioni contro di esse.

I vescovi tedeschi e il Comitato centrale dei cattolici tedeschi, gestito da laici, hanno intrapreso nel 2019 un ” cammino sinodale” volto a chiedere l’ordinazione sacerdotale delle donne, una revisione della dottrina sessuale cattolica e della pratica liturgica, e a stabilire un ruolo deliberativo per i laici nelle decisioni sulla governance della Chiesa.

Papa Francesco e altri funzionari vaticani hanno respinto l’incontro mentre era ancora in fase di pianificazione, esortando i vescovi a tenere un sinodo sull’evangelizzazione e dichiarando che i piani per la “via sinodale” erano, in gergo vaticano, “non ecclesiologicamente validi”.

Ma i vescovi e i leader laici tedeschi hanno proceduto nonostante questi avvertimenti e nonostante le successive critiche da parte dei partecipanti e della Santa Sede, comprese le ripetute affermazioni del Vaticano secondo cui il cammino sinodale non aveva in realtà il potere di stabilire una politica per le Chiese particolari o per la Chiesa universale.

Questi avvertimenti hanno mitigato alcuni elementi del sinodo, ma non tutti. I partecipanti al Sinodo hanno abbassato la temperatura nei documenti ufficiali sulle richieste di ordinazione sacerdotale delle donne e di sradicamento del celibato clericale. Ma hanno continuato a chiedere cambiamenti nella dottrina e nella prassi cattolica sulla morale sessuale.

Tra le reazioni del Vaticano all’agenda sinodale c’è stato un responsorio del Dicastero per la Dottrina della Fede del 2021, in cui si affermava che la Chiesa non “ha il potere di impartire la benedizione alle unioni tra persone dello stesso sesso”.

È importante notare che la questione non è stata inquadrata come una questione di diritto disciplinare o una sorta di proibizione ecclesiastica – il DDF ha detto che la Chiesa semplicemente non ha la capacità di offrire tali benedizioni, che la sua proibizione è una questione di impossibilità, non di inammissibilità.

“Quando si invoca una benedizione su particolari relazioni umane, oltre alla retta intenzione di coloro che vi partecipano, è necessario che ciò che viene benedetto sia oggettivamente e positivamente ordinato a ricevere ed esprimere la grazia, secondo i disegni di Dio inscritti nella creazione e pienamente rivelati da Cristo Signore. Pertanto, solo quelle realtà che sono di per sé ordinate a servire questi fini sono congruenti con l’essenza della benedizione impartita dalla Chiesa”, ha spiegato il DDF.

“Per questo motivo, non è lecito impartire una benedizione su relazioni o unioni, anche stabili, che comportino un’attività sessuale al di fuori del matrimonio (cioè al di fuori dell’unione indissolubile di un uomo e una donna aperta di per sé alla trasmissione della vita), come nel caso delle unioni tra persone dello stesso sesso… Inoltre, poiché le benedizioni sulle persone sono in relazione con i sacramenti, la benedizione delle unioni omosessuali non può essere considerata lecita”, ha concluso il dicastero.

Certamente, l’invito di Bode alle coppie omosessuali a contattare le parrocchie o la diocesi di Osnabrück per ottenere le benedizioni liturgiche è in aperto contrasto con le indicazioni del Vaticano.

Ma è un atto di scisma – definito come “il rifiuto della sottomissione al Sommo Pontefice o della comunione con i membri della Chiesa a lui soggetti?”.

La saggezza convenzionale direbbe probabilmente di sì. Ma ci saranno alcuni canonisti disposti a sostenere che non lo è: che Bode ha chiamato le persone alle benedizioni dello stesso sesso, ma non le ha ancora fatte.

Potrebbe sembrare una distinzione senza differenza, ma c’è almeno l’argomento che Bode, in questo momento, è in prossimità dello scisma – molto vicino a impegnarsi in esso – ma finché non permette formalmente, istruisce o presiede una benedizione illecita, ha solo parlato di rifiutare di sottomettersi al pontefice, ma non l’ha effettivamente fatto.

Naturalmente, ad alcuni potrebbe sembrare improbabile che Francesco e altri funzionari vaticani non stiano rispondendo a Bode a causa di uno sfumato dibattito interno sui parametri precisi dello scisma come crimine canonico.

È forse più probabile che il Papa sia poco incline a intervenire penalmente per disposizione, come ha dimostrato in passato, preferendo invece puntare sulla persuasione piuttosto che sulla sanzione, anche in situazioni gravi.

Visti i precedenti dell’approccio del Papa alle questioni di governance, sarebbe un grande cambiamento se Francesco si muovesse per dichiarare una pena in Germania per il crimine canonico di scisma.

Ma se Francesco sta anche solo prendendo in considerazione una soluzione penale, almeno alcuni funzionari vaticani stanno probabilmente avvertendo il Papa che se dichiarasse Bode in scisma, o altri vescovi tedeschi, la Santa Sede potrebbe rimanere invischiata in un complicato contenzioso in Germania sulla questione, mentre Bode rimarrebbe funzionalmente alla guida della diocesi di Osnabrück.

Il rapporto tra Chiesa e Stato in Germania è regolato dal Reichskonkordat, un trattato del 1933 firmato tra la Santa Sede e il governo nazista tedesco, tuttora in vigore.

Esperti di diritto internazionale hanno già detto a The Pillar che se un vescovo diocesano in Germania dovesse essere dichiarato in scisma, il concordato tra la Germania e la Santa Sede richiederebbe che il governo tedesco riconosca legalmente che il vescovo non è più in grado di agire come amministratore dei beni diocesani. Ciò sembrerebbe impedire a un vescovo in scisma di spendere o distribuire denaro della Chiesa dopo che Roma ha dichiarato la pena di scomunica nei suoi confronti.

Ma sembra improbabile che un vescovo diocesano lasci passare inosservata la dichiarazione di scisma del Vaticano. E il ruolo dello Stato nella Chiesa in Germania significa che un vescovo come Bode sarebbe libero di fare ricorso civile, con una causa civile in un tribunale civile – anche se la via del ricorso canonico contro un atto papale gli sarebbe preclusa.

C’è un’argomentazione secondo cui se un vescovo facesse causa al Papa per un decreto, dimostrerebbe effettivamente lo scisma che il Papa sta affermando. E in effetti questo argomento potrebbe essere vero.

Ma anche se non vincesse una causa civile, un vescovo potrebbe legare la questione in tribunale per un bel po’ di tempo, se volesse continuare a rivendicare il diritto alla sua sede, e con esso le entrate statali che gli permetterebbero di continuare a guidare un gregge nonostante le sanzioni che il Vaticano potrebbe cercare di imporre.

Per il Vaticano, tuttavia, la “carta dello scisma” non è l’unica misura disciplinare da giocare.

Se la Santa Sede vuole sanzionare Bode senza essere coinvolta nel complicato affare dello scisma, sembra che il canone 1373 possa offrire una soluzione.

Tale canone stabilisce che una persona che “provoca disobbedienza” contro la Sede Apostolica deve essere punita con “interdetto o altre pene giuste”.

Sembra proprio che un vescovo che istruisce i suoi sacerdoti a offrire la benedizione liturgica alle coppie dello stesso sesso stia provocando la loro disobbedienza alla Santa Sede. Mentre un interdetto priverebbe il vescovo del suo ufficio, causando gli stessi problemi legali della dichiarazione di scisma, la Santa Sede potrebbe decidere che una sanzione come la sospensione, che rende un vescovo incapace di esercitare il suo ufficio ma non lo rimuove, sarebbe più appropriata.

Se un vescovo venisse sospeso, la Santa Sede sarebbe in grado di fornire una guida temporanea per la diocesi senza il coinvolgimento del governo tedesco, consentendo al contempo a un vescovo come Bode l’opportunità di pentirsi dei suoi comportamenti, o di rimanere soggetto a una sanzione.

__
Qualunque cosa faccia la Santa Sede, sembra chiaro che i vescovi in Germania non aspettano di far valere le loro ragioni.

Il vescovo Georg Bätzing, presidente della Conferenza episcopale tedesca, ha dichiarato questa settimana a un giornalista che: “La pratica delle benedizioni esiste e noi vogliamo portarla alla luce. È un bene che lo stiamo facendo. Tutto ciò che è buono in una relazione tra due persone può ricevere la benedizione di Dio. È logico”.

“Lo attueremo qui”, ha detto Bätzing.

Il punto di vista del vescovo era chiaro: o il Papa interverrà, o continueremo a sostenere che ciò che sta accadendo è la pratica pastorale ordinaria della Chiesa, e che tornare indietro sarebbe un’ingiustizia.

Sebbene Bätzing abbia evitato di rispondere a domande dirette su un’eventuale disciplina papale, ha indicato che tali benedizioni andranno avanti a prescindere da tutto – il che suggerisce che lui e i vescovi tedeschi sono convinti che non ci sarà alcuna mossa da parte di Roma, oppure che ritiene che i vescovi tedeschi siano ben posizionati per ignorarla se dovesse arrivare.

Qualunque sia la ragione per cui Francesco non ha agito, i vescovi tedeschi sembrano a loro agio nello sfidarlo a tentare qualcosa – scommettendo, forse, di essere grandi e troppo avanti per vedere una disciplina da parte del Papa.

Questi vescovi non sono gli unici ad aspettare di vedere se il Papa batterà ciglio.

Con Bode che fa notizia, i cattolici di tutto il mondo si stanno sintonizzando, e alcuni si chiedono se il Papa oserà difendere le istruzioni del Vaticano sulla dottrina della fede cattolica. I vescovi tedeschi scommettono che non lo farà.

J.D. Flynn e Ed Condon

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments