“Penso di aver affrontato tutto questo – la visita ispettiva da parte del Vaticano – perché sono stato abbastanza coraggioso e amo abbastanza il Signore e la sua Chiesa da continuare a predicare la verità”, ha detto il vescovo.

Joseph-Edward-Strickland
Joseph Edward Strickland, vescovo di Tyler, Texas, USA

 

Il “Vescovo d’America” Joseph Strickland ha parlato della sua visita apostolica (cioè una visita ispettiva, ndr) da parte del Vaticano, dichiarando di non avere “nulla da nascondere”.

Durante la puntata di giovedì di The Bishop Strickland Hour, condotta da Terry Barber di Virgin Most Powerful Radio, il vescovo Strickland ha affermato la sua volontà di sopportare “qualsiasi cosa” per continuare a proclamare il messaggio di Gesù Cristo.

“Non sono un grande teologo, non sono nulla di eccezionale. Ma sono un grande amante di Gesù Cristo e della Sua Chiesa, e sono disposto a sopportare qualsiasi cosa per continuare a proclamare questo messaggio”, ha detto il vescovo di Tyler, in Texas.”Perché l’amore per il popolo di Dio significa condividere la buona Novella di Gesù Cristo”, ha aggiunto, riferendosi alla visita del Dicastero vescovile del Vaticano, il cui motivo non è stato rivelato.

Paragonando la visita all'”essere chiamato nell’ufficio del capo”, Strickland ha confessato che essere posto sotto lo scrutinio del Vaticano “non è divertente”, ma crede che sia il risultato della sua testimonianza della verità.

“No, non è una cosa per la quale mi offrirei volontario, subire una visita apostolica. Perché mette un po’ in ombra la diocesi, [e] molte persone sono convinte che ci sia qualcosa di veramente brutto”, ha detto a Barber.

“Ma credo di aver affrontato tutto questo perché sono stato abbastanza coraggioso e amo abbastanza il Signore e la sua Chiesa da continuare a predicare la verità”.

“E la cosa triste è che troppi stanno portando un falso messaggio che è dannoso per il mondo e per il Corpo mistico di Cristo che è la Chiesa. Ma il falso messaggio non prevarrà mai. Non distruggerà mai la fede delle persone che conoscono la loro fede e sono forti nella fede”, ha proseguito.

Strickland ha lamentato il fatto che “troppe persone… non sono ben catechizzate e si lasciano facilmente illudere da falsi vangeli”.

Barber è intervenuto osservando che “molte persone nella Chiesa”, compresi “gli alti funzionari del Vaticano, non vogliono ascoltare il deposito della fede, non vogliono ascoltare gli insegnamenti perenni della Chiesa”.

Barber ha raccontato di essere stato sostanzialmente estromesso da una radio nazionale per cui lavorava, dopo che un cardinale aveva detto che non avrebbe sostenuto la stazione se non fossero stati rimossi alcuni commentatori, tra cui Barber e Jesse Romero, che conducevano il “Terry and Jesse Show”. Sebbene molte persone abbiano visto l’estromissione come “orribile”, col senno di poi Barber la vede come “una benedizione”, perché ha portato al lancio di Virgin Most Powerful Radio.

“E in questo modo stiamo raggiungendo più persone”, ha detto Barber.

In modo simile, Strickland si è dichiarato non scoraggiato da qualsiasi tentativo di censurare la sua proclamazione delle verità della fede cattolica, dicendo che è una “gioia” continuare a “condividere la Buona Novella di Gesù Cristo”.

“So che non vi fermeranno e non fermeranno me. E lo facciamo con amore, carità e chiarezza, e con umiltà, sempre pronti a essere corretti. Ma quando parliamo della verità di Gesù Cristo, non c’è correzione. Il mondo può provare a sgridarci, ma non funzionerà”.

La visita apostolica di Strickland è stata condotta dal vescovo Dennis Sullivan di Camden, New Jersey, e dall’ex vescovo Gerald Kicanas di Tucson, Arizona. Kicanas ha un passato di difesa dei finanziamenti dei Catholic Relief Services (CRS) ai principali gruppi pro-aborto quando era a capo dell’organizzazione nel 2012. È stato anche annoverato tra i vescovi e i cardinali che volevano cambiare la guida elettorale dei vescovi per sminuire l’aborto come preoccupazione principale alla Conferenza episcopale degli Stati Uniti nel 2018.

Kicanas è stato criticato per i suoi precedenti in materia di abusi sessuali. Mentre era rettore del Seminario Mundelein di Chicago, ha permesso che il futuro pedofilo padre Daniel McCormick fosse ordinato nonostante le accuse di cattiva condotta sessuale.

Sebbene non si conosca l’oggetto della visita di Strickland, si ipotizza che riguardi varie dichiarazioni pubbliche che alcuni funzionari vaticani considerano “imprudenti”.

Tra le posizioni del vescovo vi sono state quelle di esortare Papa Francesco a negare la Santa Comunione all’ex presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi per il suo sostegno all’aborto legale, di accusare il Papa di un “programma per minare il Deposito della Fede” e di condannare la “blasfemia” pro-omosessualità del gesuita padre James Martin.

Si è anche espresso con forza sulle controversie morali nella politica e nella cultura degli Stati Uniti, tra cui lo spionaggio dei cattolici da parte dell’amministrazione Biden, le manifestazioni pubbliche di gruppi autodefiniti “satanici” e, più di recente, la protesta contro la squadra di baseball dei Los Angeles Dodgers per aver ospitato una troupe di drag queen anti-cattoliche, le Sisters of Perpetual Indulgence, che si presentano come suore grottesche.

“Spesso dico che dobbiamo essere cristiani del primo secolo nel 21° secolo”, ha dichiarato Strickland in quell’occasione. “Probabilmente la maggior parte di noi non sarà chiamata a versare il proprio sangue, ma se dovesse accadere, dobbiamo essere pronti, come i martiri. Ma soprattutto dobbiamo vivere il nostro martirio. Dobbiamo vivere come coloro che sono pronti a morire e pronti a vivere per il sangue che è stato versato per tutti noi”.

Il vescovo Strickland “è corso a Los Angeles proprio dalla conferenza episcopale. È il vescovo di Tyler che è andato a Los Angeles; il vescovo di Los Angeles non avrebbe fatto una processione”, ha detto il cofondatore e caporedattore di LifeSiteNews John-Henry Westen durante la protesta. “Altri vescovi probabilmente non volevano che andasse. Potete immaginare cosa gli avrebbero detto alla conferenza episcopale, eppure lui è andato lo stesso. È andato a difendere la fede da un sacrilegio assoluto, dal più disgustoso gruppo d’odio anticattolico d’America”.

“Dobbiamo pregare stasera per il vescovo Strickland”, ha proseguito Westen. “E per la sanità mentale nella Chiesa, perché stanno attaccando il vescovo numero uno in America. In realtà, ci sono pochi vescovi in tutto il mondo che sono più coraggiosi, più fedeli e più innamorati di Gesù Cristo del vescovo Strickland”.

Emily Mangiaracina

 


Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da  e pubblicato su . Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella nostra traduzione. 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments