Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Kevin Wells e pubblicato su Crisis Magazine. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella nostra traduzione. 

 

Il vescovo Joseph Strickland di Tyler, Texas, USA
Il vescovo Joseph Strickland di Tyler, Texas, USA

 

Come Cristo, il vescovo Strickland capisce che il dovere di un pastore è quello di diventare, senza esitazione, un sacrificio per le sue pecore.

 

Quando ieri il vescovo più solitario d’America ha allungato le braccia e si è allontanato dal suo letto nell’oscurità dell’alba del Texas orientale, i pesci piccoli sonnecchiavano sul fondo del lago Bellwood e le praterie di bestiame rimanevano immobili prima che i raggi del sole iniziassero a incrostare le loro pelli.

I cassieri del Dollar Tree sulla Broadway Avenue e i camerieri dell’Happy’s Fish House e dello Stanley’s Famous Barbecue stavano dormendo quando il vescovo Strickland ha guardato nel suo cellulare.

Lì ha visto le “sue” parole. Stava lasciando la “setta bergogliana” e la Chiesa cattolica, portando con sé tutta Tyler. Un gruppo che sostiene di essere “I Vescovi del Patriarcato Cattolico Bizantino” ha digitato la notizia, l’ha attribuita al vescovo e ha pubblicato un tweet.

In canonica il caffè non aveva ancora iniziato a gocciolare.

Nel caldo torrido dell’estate texana, quando i pini smettono di crescere e i manovali dei ranch si rilassano nel loro lavoro, il vescovo di Tyler ha smesso di cercare il fresco dell’ombra. Che ci crediate o no, è arrivato ad abbracciare il deserto della sua vita, anche se questo lo porterà alla rovina. Mentre il caffè si preparava, ha inviato un tweet per spiegare che il “messaggio inventato e scurrile” non proveniva da lui.

Poi si è inginocchiato e ha iniziato a pregare Maria, alla quale ha consegnato il suo sacerdozio. È attraverso il suo rapporto con la Madre di Dio, che si è intensificato nel corso degli ultimi otto anni, che lei gli indica il Golgota e lo guida: Joe, lì c’è la tua casa”.

Stranamente, il luogo senz’acqua ai piedi dell’Agnello macellato è diventato il pavimento di un palazzo per il vescovo dalla voce dolce. Sa che il suo lavoro sul Golgota potrebbe ucciderlo – o almeno uccidere la sua carica di vescovo – ma questo luogo solitario della crocifissione gli ha permesso di appoggiare il capo contro il cuore di Cristo e di nascondersi nelle sue ferite.

In questa landa solitario, è diventato uno con San Carlo di Foucault, Sant’Antonio del Deserto, San Paolo l’Eremita e altri asceti che hanno barattato le comodità nel tentativo di vivere come Gesù, il Poverello di Nazareth, che non aveva un posto dove posare il capo. Anche il vescovo Strickland è a corto di posti dove posare il capo. È la sua testa, infatti, che è la storia della Chiesa di oggi.

Negli ultimi tempi, il vescovo Strickland ha sentito una parentela con Giovanni Battista. Erode tagliò la testa del Battista perché aveva gridato al peccato, annunciato il pentimento e proclamato con coraggio la Buona Novella del Salvatore del mondo. Alla radice, però, Giovanni fu decapitato per un unico motivo: i suoi seguaci stavano crescendo. La voce solitaria nel deserto doveva essere uccisa.

Più le cose cambiano, più rimangono uguali.

Il mese scorso, Papa Francesco ha ordinato un’indagine formale sul vescovo Strickland, guidata dal vescovo emerito Gerald Kicanas di Tucson e dal vescovo Dennis Sullivan di Camden, New Jersey. Secondo The Pillar, un sacerdote della diocesi di Tyler, interrogato durante la visita, ha detto che gli intervistatori “stavano già facendo domande su chi potesse essere adatto a sostituire [Strickland]”.

Perché il Papa ha ordinato la visita apostolica? Le opinioni sono innumerevoli come le galassie, ma per motivi di spazio della rubrica, quella che segue è una cristallizzazione a campione. La destra cattolica sosterrà che Francesco voleva la testa di Strickland a causa della sua franchezza e dei suoi gomiti taglienti quando affronta il peccato moderno e le questioni oscure della Chiesa. (L’indagine non era dovuta alla sua visita al Dodger Stadium).

La sinistra cattolica sottolineerà l’avventatezza e l’imprudenza di Strickland e sosterrà che la sua messa in discussione della leadership del Santo Padre ha portato alla sua scomparsa, quando lo scorso maggio ha twittato: “È tempo per me di dire che rifiuto il programma [di Papa Francesco] di minare il Deposito della Fede”. Useranno questa dichiarazione come prova per la visita, nonostante molte dozzine di vescovi americani, a denti stretti, tiepidi e con i piedi per terra, la pensino come il vescovo Strickland. So che questo è vero; più di qualcuno ha condiviso con me i propri pensieri in via ufficiosa.

Più precisamente: perché la testa del vescovo Strickland è sul ceppo di Erode?

Provo a fare un’ipotesi sul giorno esatto in cui il capomastro iniziò ad affilare. Il 12 novembre 2018, in una giornata fredda e grigia, a Baltimora. Fu allora, al di fuori della riunione annuale dei vescovi, che il vescovo Strickland si inginocchiò su una strada acciottolata per pregare il Rosario. Alcuni membri del suo gregge del Texas orientale lo hanno esortato a pregare, così il pastore è andato. Non sapeva o non gli importava che i cattolici americani si trovavano fuori dall’elegante hotel del centro, in collera per lo scandalo McCarrick e per il virtuale silenzio dei vescovi in seguito a esso (McCarrick, un cardinale pedofilo. a cui fu ordinato una vita appartata e di preghiera da Benedetto XVI. McCarrick fu “liberato” dall’isolamento da Papa Francesco è inviato in giro per il mondo, in particolare a tessere rapporti con la Cina. Quando lo scandalo della pedofilia divenne pubblico nelle aule del tribunale, Papa Francesco lo spretò, ndr).

Monsignor Strickland è stato l’unico vescovo a pregare con i laici cattolici quel giorno. Qualche ora prima, in una grande sala, si era trovato in mezzo ai suoi confratelli e aveva parlato candidamente dell’insegnamento della Chiesa riguardo all’attività omosessuale. Con umiltà si è chiesto se i vescovi credessero davvero alla dottrina della Chiesa riguardo a ciò che il catechismo definisce un atto e un modo di vivere “intrinsecamente disordinato”.

Prima di quel giorno, il vescovo Strickland era solo un vescovo mariano di una diocesi di provincia, un santo bifolco destinato a essere ignorato. Dopo quel giorno d’autunno, però, i capi cominciarono a riunirsi.

Nel 2019 ho incontrato il vescovo Strickland dopo che aveva letto il mio libro, I sacerdoti di cui abbiamo bisogno per salvare la Chiesa. Abbiamo condiviso il pranzo in una remota parrocchia del Texas orientale e abbiamo mangiato panini sotto un cielo azzurro che si stava inghiottendo. Dopo aver finito, mi chiese se non mi sarebbe dispiaciuto che entrasse in chiesa a pregare. Si inginocchiò sul pavimento piastrellato davanti al tabernacolo per una trentina di minuti.

Poi ha raccontato una piccola storia.

Quando sono diventato vescovo per la prima volta, un signore è venuto da me e mi ha detto: “Vescovo Strickland, ci piace molto il suo carattere. Lei è come un bicchiere d’acqua alto e fresco”. Quando l’ha detto, mi sono sentito abbastanza bene per questo e per me stesso.

“Poi sono passati alcuni anni e ho iniziato a leggere un libro sulla necessità che i sacerdoti facciano un’Ora Santa quotidiana. Da allora faccio almeno un’Ora Santa al giorno. Oggi ho bisogno di andare a Cristo in adorazione come ho bisogno di acqua e di aria. … È stato durante uno di quei giorni di adorazione che ho sentito Maria parlarmi interiormente. Ha detto che non aveva bisogno di un vescovo per essere un fresco bicchiere d’acqua; voleva che io fossi un calice versato del preziosissimo sangue di suo Figlio. … Mi stava chiamando a prendere la croce di suo Figlio e a seguirlo quotidianamente nell’annuncio e nell’insegnamento della pienezza del Vangelo e della dottrina della Chiesa, a prescindere da quanto le cose fossero difficili.

Ricordo di aver detto chiaramente quel giorno: “Non mi tirerò mai indietro nel proclamare la Verità”. … In un certo senso, Maria mi stava chiamando a morire quel giorno. In un certo senso, credo, mi stava chiedendo di accettare il martirio che deriva dalla sola predicazione della Verità”.

Avete sentito una dichiarazione simile dal vostro vescovo? Conoscete un solo vescovo americano che abbia espresso il desiderio di morire da martire?

Perché i vescovi sono rimasti in silenzio dopo le parole del nuovo prefetto del Dicastero per la Dottrina della Fede, l’arcivescovo argentino Víctor Manuel Fernández, che la settimana scorsa ha detto di non escludere la benedizione delle unioni omosessuali? Il vescovo portoghese Americo Aguiar, coordinatore principale della prossima Giornata Mondiale della Gioventù, ha dichiarato la scorsa settimana: “Non vogliamo convertire questi giovani a Gesù Cristo”. Questa affermazione non solo è sconcertante, ma sembra provenire dal settimo anello dell’inferno, eppure praticamente tutti i vescovi americani non ne hanno fatto menzione.

Tra i membri votanti del Sinodo sulla sinodalità scelti dal Papa ci sono i cardinali Blase Cupich, Wilton Gregory e Robert McElroy: progressisti confermati, con precedenti di guida delle diocesi più vicine alle loro ideologie. Ognuno di questi cardinali ha invitato padre James Martin (un altro membro votante del Sinodo invitato dal Papa) nel proprio territorio; ognuno di loro ha anche permesso la celebrazione di “Messe dell’Orgoglio” nella propria diocesi. Questi uomini sono gli elettori dello stesso Sinodo che il cardinale tedesco Gerhard Müller, ex prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, ha definito una “acquisizione ostile della Chiesa di Gesù Cristo”. Ha detto che se il Sinodo avesse successo, segnerebbe “la fine della Chiesa cattolica”.

Che le parole apocalittiche di Müller si avverino o meno, egli è un pastore come Strickland, che vede i lupi zannuti e li confligge. Numerosi fedeli cattolici credono in ciò che Müller pensa: il Sinodo sulla sinodalità è stato comandato per sovvertire e distorcere la dottrina morale della Chiesa. Le ragioni sono molteplici, ma per prima cosa un paio di cardinali favorevoli agli omosessuali sono stati nominati da Papa Francesco per ricoprire i ruoli di leadership sinodale più importanti.

Il peso dell’identità di un vescovo cattolico è quello di morire per proteggere il suo gregge. Negli anni passati, i vescovi sembravano sapere che il fulcro della loro vocazione era l’identificazione con Cristo crocifisso, che ha proclamato la verità e protetto la dottrina della Chiesa fino alla sua morte. Come Cristo, il vescovo Strickland capisce che il dovere di un pastore è quello di diventare, senza esitazione, una vittima per le sue pecore.

Guardatevi intorno. I pastori americani risiedono in quelle che sembrano ville o palazzi. Molti hanno chef, autisti e cache. Il loro copricapo non è una corona di spine, ma una mitria su misura. E le loro pecore? Rimangono in una Chiesa cattolica post-Covid? No. I cattolici fuggono dalla Chiesa nel 2023 come gli israeliti dal faraone. E molti di quelli che rimangono non sono formati nella loro fede, come milioni di antilopi che pascolano nei campi in mezzo a leoni accucciati.

Per fortuna, però, quei pochi vescovi santi che sono rimasti sono diventati come pastori che camminano sulle colline irlandesi, che rimangono in sintonia con le anime e le pecore in travaglio del loro gregge. Si arrampicano sulle rupi, scendono nei burroni, confliggono con le cause reali del pericolo e del male e riportano le pecorelle smarrite tra le braccia di Cristo. La paternità spirituale – la vera pastorizia – richiede uno sforzo spirituale, fisico e intellettuale. La pastorizia richiede audacia; una salvaguardia sacrificale delle anime e l’ancoraggio del gregge al dogma, alla dottrina e al Sacro Cuore di Cristo. Questa è l’unica azione richiesta ai vescovi in una società che si sta rapidamente paganizzando.

Fatto curioso: il vescovo Kicanas e Sullivan hanno visitato Tyler, in Texas, per intervistare il vescovo Strickland durante la veglia della Natività di Giovanni Battista. Con la corruzione che pesa nella Chiesa di oggi, non sorprendetevi se sentirete la notizia che il vescovo ha perso la testa; che è stato rimosso dalla sua posizione di vescovo di Tyler. Tuttavia, ha giurato a Maria che avrebbe accettato il dolore, persino la propria morte, pur di proclamare la Buona Novella di Gesù Cristo e il Vangelo – anche quando molti nella Chiesa di oggi sembrano intenzionati a cambiarlo.

Se il vescovo Strickland perderà effettivamente la testa, mi batterò. Non sono un utente di Twitter o di hashtag, ma inizierò in due modi:

Numero 1. #DefundTheUSCCB.

No. 2. Chiamerò i vescovi fedeli che sono rimasti in silenzio mentre la nostra Chiesa cattolica implodeva, e hanno taciuto mentre il loro fratello perdeva la testa.

Dal venerabile Fulton Sheen: “Chi salverà la nostra Chiesa? Non i nostri vescovi, non i nostri sacerdoti e religiosi. Dipende da voi, dalla gente. Voi avete le menti, gli occhi e le orecchie per salvare la Chiesa. La vostra missione è fare in modo che i vostri sacerdoti si comportino da sacerdoti, i vostri vescovi da vescovi e i vostri religiosi da religiosi”.

Kevin Wells

 

Kevin Wells è un ex scrittore della Major League Baseball, oratore cattolico e autore di Priest and Beggar: The Heroic Life of Venerable Aloysius Schwartz (Ignatius Press). Il suo best-seller The Priests We Need to Save the Church è stato pubblicato da Sophia Institute Press nel 2019.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments