L’articolo che segue è scritto dallo staff del Catholic News Agency. Ve lo propongo nella mia traduzione. 

 

Il vescovo Michael Burbidge di Arlington (
Il vescovo Michael Burbidge di Arlington

 

Il vescovo di Arlington Michael Burbidge ha denunciato l’intenzione dichiarata dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden di legiferare un diritto nazionale all’aborto nel caso in cui i democratici dovessero ottenere il controllo del Congresso.

“Il presidente Biden ha recentemente dichiarato che se il Partito Democratico avrà il controllo del Congresso dopo le elezioni del novembre 2022, la sua priorità assoluta sarà la legislazione a favore dell’aborto. Condanno l’aborto e qualsiasi tattica politica che codifichi l’aborto come politica nazionale”, ha dichiarato Burbidge.

“Fondamentalmente, l’aborto pone fine alla vita di un bambino prezioso e ferisce profondamente la madre del bambino. Il ruolo del Congresso è quello di approvare leggi che servano il bene comune – eppure questa priorità del presidente porta solo dolore e morte”.

Biden, cattolico, in un discorso del 18 ottobre a un evento del Comitato nazionale democratico tenutosi all’Howard Theatre di Washington, D.C., ha dichiarato: “Ecco la promessa che faccio a voi e al popolo americano: Il primo disegno di legge che invierò al Congresso sarà quello di rendere legge Roe contro Wade”.

Il presidente si è anche impegnato a porre il veto a una proposta sostenuta dai repubblicani che prevede di vietare l’aborto secondo la legge federale a 15 settimane di gravidanza, tranne nei casi di stupro, incesto o minaccia alla vita della madre.

Le elezioni americane del 2022, che si terranno l’8 novembre, decideranno il controllo del Senato e della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti.

Burbidge ha scritto in risposta al programma di Biden: “Siamo testimoni in prima persona delle ferite che donne e uomini subiscono dopo aver posto fine alla vita di un figlio. È chiaro che meritano di meglio dell’aborto. Attraverso vari ministeri, la diocesi di Arlington accompagna coloro che hanno sofferto il dolore dell’aborto”.

E ha aggiunto: “Qualsiasi tentativo di codificare l’aborto, piuttosto che di attuare politiche a sostegno dei bambini non nati e delle madri, dovrebbe essere accolto con un’opposizione pacifica, attiva e decisa da parte dei fedeli cattolici e di tutte le persone di buona volontà”.

Sebbene la decisione Dobbs della Corte Suprema degli Stati Uniti di giugno “sia stata forse la più significativa vittoria pro-vita dell’ultimo secolo, c’è ancora molto lavoro da fare per rendere l’aborto impensabile e sostenere le madri in difficoltà”, ha detto Burbidge.

“La Chiesa cattolica da tempo offre speranza, guarigione e sostegno materiale alle persone vulnerabili. Siamo pronti a continuare a servire tutte le famiglie in attesa che ne hanno bisogno”.

La dichiarazione di Burbidge fa riferimento a una dichiarazione del 25 ottobre dell’arcivescovo William Lori di Baltimora, presidente del Comitato per le attività a favore della vita della Conferenza episcopale statunitense, che ha risposto anche al piano legislativo di Biden sull’aborto.

“Il presidente ha gravemente sbagliato a continuare a cercare ogni strada possibile per facilitare l’aborto, invece di usare il suo potere per aumentare il sostegno e l’assistenza alle madri in situazioni difficili”, ha detto Lori.

“Questo estremismo unico deve finire, e imploriamo il presidente Biden di riconoscere l’umanità dei bambini nati e l’autentica cura della vita di cui hanno bisogno le donne in questo Paese”, ha aggiunto.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments